degas001.jpgdegas_petits_rats.jpgOPERE di DEGAS

Edgar Hilaire Germaine Degas (Parigi 1834/1917)
Pittore e scultore francese

La maggior parte delle opere di Degas possono essere ascritte al grande movimento dell’Impressionismo, nato in Francia verso la fine del diciannovesimo secolo in reazione alla pittura accademica dell’epoca. Gli artisti che ne facevano parte come Claude Monet, Paul Cézanne, Pierre-Auguste Renoir, stanchi di essere regolarmente rifiutati al Salone Ufficiale si erano riuniti in una società anonima per mostrare la loro arte al pubblico.

In genere le caratteristiche principali dell’arte impressionistica sono il nuovo uso della luce e i soggetti all’aria aperta. Ma queste caratteristiche non sono sempre applicabili a Degas: anche se lui fu uno dei principali animatori delle mostre impressionistiche, non trova un giusto posto nel movimento che asseriva la libertà di dipingere.

Nel 1862 realizzò il suo primo quadro che lo rese famoso. “La famiglia Bellelli”. In esso raffigura la famiglia della sorella sposata ad un fiorentino di nome Bellelli. Nel quadro compaiono il marito, la moglie e due figlie. L’inedito taglio compositivo, insieme ad una precisa introspezione psicologica dei personaggi, ne fanno un’opera di un realismo e di una modernità che addirittura anticipa alcune delle successive conquiste di Manet.

Negli anni successivi iniziò ad uscire dal suo ambiente borghese per frequentare il Cafè Guerbois dove strinse amicizia con Manet e gli altri pittori che avrebbero formato il gruppo degli impressionisti. Fu tra i fondatori del gruppo e fu proprio lui ad organizzare la mostra presso il fotografo Nadar. E partecipò a tutte le otto successive mostre impressioniste, tranne quella del 1882.

Tra i suoi soggetti preferiti ci sono le ballerine, (che costituiscono un tema del tutto personale), e le scene di teatro. Anche in questo, Degas coincide con l’impressionismo: la scelta poetica di dar immagine alla vita urbana, con i suoi riti e i suoi miti, a volte borghesi, a volte bohemiène.