Piedimonte Matese – Nell’ultima assemblea della Società Progetto Laocoonte, sono stati annunciati i tanto sospirati finanziamenti regionali alle iniziative promosse. Il Progetto Laocoonte intende promuovere qualunque iniziativa di sensibilizzazione dei cittadini, avvalendosi di agevolazioni, semplificazioni e contribuzioni che saranno offerte da leggi e bandi europei, regionali ovvero deliberazioni provinciali che consentano di realizzare il risanamento di realtà edilizie che rientrano in contesti storici e realtà territoriali di valore ambientale. Esso consentirà di avere uno strumento indispensabile per diffondere l’azione locale in favore della sostenibilità e dello sviluppo, attivando processi decisionali dal “basso”, favorendo il paternariato pubblico-privato e consentendo una reale partecipazione dei cittadini e delle forze economiche e sociali alle scelte pubbliche. Le opere da riqualificare, il Comune di Piedimonte Matese vedrà il recupero del Palazzo Ducale della Famiglia Gaetani (nella foto) in località S. Marcellino, il completamento del Museo in zona S. Domenico, il rifacimento dell’ intero centro storico (compreso del piano colore), ed il recupero dei lavati. Altri interventi saranno attuati a Sessa Aurunca, Teano, Carinola, Calvi Risorta, Alvignano, Francolise, Pietramelara, Roccamonfina, Rocca D’Evandro, Gioia Sannitica, San Potito Sannitico, Prata Sannita, Castello del Matese, Conca della Campania e San Gregorio Matese. Elemento principale, oltre al recupero degli edifici, è l’intero processo che va dalla fase di presa di coscienza dell’intervento dei proprietari degli edifici, alla valorizzazione e alla manutenzione, fino alla qualificazione del sistema delle imprese, che potranno migliorare la loro capacità d’intervento nel settore del recupero e del turismo. Il Progetto, acquisite le risorse economiche e strutturali, potrà erogare contributi per la riqualificazione di abitazioni cittadine e per sviluppo programmato del circuito turistico, creando investimenti notevoli.

Pietro Rossi