di Nunzio De Pinto

SAN NICOLA LA STRADA – Sono terminati i due corsi di ceramica, organizzati dall’assessore Domenico Palumbo presso il Laboratorio Comunale di Ceramica, nei locali dell’ex Convitto Borbonico “Santa Maria delle Grazie”, sono stati fermati. I due corsi hanno visto impegnati 60 partecipanti, “Ma il numero delle richieste di partecipazioni era di molto superiore” – ci ha detto l’assessore Domenico Palumbo – “e, con grande dispiacere abbiamo dovuto operare dei tagli al fine di non compromettere la didattica”. “Tale attività” – ha aggiunto – “rientra nel progetto, di più ampio respiro, di sicurezza urbana integrata denominato “Una Città sicura, consapevole e partecipata” che parte dalla consapevolezza dell’importanza, nell’ambito delle politiche sulla sicurezza urbana, di un sistema di buone pratiche, attraverso l’organizzazione di una serie di attività ed azioni integrate, assicurando ai cittadini” – ha proseguito – “condizioni di maggior serenità e sicurezza, dando loro certezza della vicinanza delle istituzioni e allo stesso tempo intervenendo sul tessuto giovanile in generale. Tra queste attività rientra, appunto, il “Laboratorio di ceramica”, un’azione che ha visto l’allestimento di un laboratorio per la lavorazione e la produzione di oggetti in ceramica e la realizzazione di un corso specifico, aperto principalmente ai giovani come attività alternativa alla strada ed ai pericoli che questa può rappresentare. Tutto ciò” – ha tenuto a sottolineare Palumbo – “grazie all’associazione culturale “Il Convitto”, di cui è Presidente la professoressa Giovanna Tavarello, con la coordinatrice l’architetto Michela Smeragliuolo e l’insegnate d’arte ceramista Anna Ricciardi”. Come si ricorderà l’Amministrazione Comunale ha istituzionalizzato il “Laboratorio Comunale di Ceramica”, intitolando lo stesso a “Suor Giulia Salzano”, nata a Santa Maria C.V. il 13 ottobre 1846 e morta a Napoli il 1929, che da orfanella è stata formata spiritualmente e moralmente, proprio all’interno dell’orfanatrofio  “Santa Maria delle Grazie”. I due corsi hanno come obiettivo la progettazione e la realizzazione di oggetti artistici in ceramica, sia in forma “biscotto” che come prodotto finito e prevede la partecipazione di 30 corsiti per una durata complessiva del corso di 60 ore, distribuite in 20 incontri settimanali di tre ciascuno.