Di Tommaso Crescenzo

Guida turistica Sant’Angelo D’Alife

Palazzo Windish Cre

Prodotti tipici

SANT’ANGELO D’ALIFE. Cultura e territorio sono stati il binomio vincente della settimana della cultura, promossa dal Ministero dei Beni Culturali, nel comune di S.Angelo D’Alife, luogo ideale per gli amanti della natura, dell’arte, dell’archeologia e della genuinità dei prodotti enogastronomici. Un folto gruppo di visitatori casertani giunti nel ridente paesino del Matese per l’occasione ha potuto visitare il Palazzo settecentesco dei Serra di Gerace, ora Windish-Graetz, la Chiesa di S.Maria della Valle che racchiude il capolavoro della Cappella di Sant’Antonio Abate che è stata inserita tr a le “1000 meraviglie italiane” in occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia e il Castello e Borgo fortificato di Rupe Canina posto al confine tra i comuni di S.Angelo d’Alife e Raviscanina. La Settimana della Cultura è stata anche l’occasione propizia per la promozione delle bellezze e dei prodotti del territorio ai tanti turisti arrivati infatti presso i saloni della Scuola Media,  si è tenuto un convegno per presentare la Guida Turistica di Sant’Angelo d’Alife, realizzata grazie ai fondi della Misura 313 del PSR Campania 2007/2013, contenente tutte le informazioni relative al patrimonio storico-artistico ed enogastronomico del paese. Sono Intervenuti alla manifestazione la Dott.ssa Amalia Gioia della Soprintendenza per i beni culturali delle province di Caserta e Benevento e il Dott. Luigi Di Cosmo, professore di Archeologia medievale presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, che da quarant’anni studia e tutela i siti archeologici del posto. Il Sindaco  Crescenzo Di Tommaso, nel suo intervento, si è dichiarato orgoglioso che l’iniziativa promossa dal Ministero dei Beni Culturali abbia coinvolto anche il paese di S.Angelo d’Alife ed ha ringraziato vivamente la Dott.ssa Amalia Gioia per la particolare attenzione rivolta al patrimonio artistico e naturale presente a Sant’Angelo d’Alife. Il Vicesindaco e Assessore all’Agricoltura Michele Caporaso ha evidenziato l’importanza dell’agricoltura e le opportunità offerte dalle misure PSR Campania per lo sviluppo economico del territorio.  La serata per tutti i partecipanti si è conclusa con un ricco buffet a base di prodotti tipici locali accompagnati dall’ottimo vino “pallagrello” e dalla degustazione del rinomato olio d’oliva, strettamente biologico, delle colline santangiolesi.

Pietro Rossi