coisp web

DEL 5 settembre 2014

Nell’ultima settimana l’escalation di azioni a mano armata, perpetrate su tutto il territorio partenopeo, hanno aumentato in maniera esponenziale la percezione di insicurezza nei cittadini che, sempre più spesso, in alcune zone specifiche si trovano a doversi riparare, pur non essendo bersagli, da atti criminosi che incutono terrore. “E’ per questa ragione – asserisce Giulio Catuogno, Segretario Generale Provinciale del sindacato di Polizia indipendente Co.I.S.P. – che chiediamo un duro e netto intervento del Ministero sul territorio; intervento che riconduca lo Stato ad essere unico detentore della legge e che rechi sicurezza nella popolazione onesta e rispettosa delle norme, in un’area che è svilita nell’orgoglio e resta tra le mani della malavita organizzata, nonostante gli sforzi costanti dei colleghi tutti ed i cospicui colpi inferti ai clan”. “Sarebbe opportuno – continua Giulio Catuogno – non il solito spauracchio dell’invio di minitari, ma un’ingente invio di personale interno all’Amministrazione che abbia ad affrontare servizi mirati e non improvvisati all’indirizzo delle realtà criminali ben note agli operatori del settore delle varie giurisdizioni sezionali e distaccate”. “In una realtà complessa quale quella partenopea – prosegue ancora Catuogno – ove l’età media dei poliziotti è quella di 45 anni, ove i mezzi scarseggiano e non si fa a tempo a sventrare un clan che un altro è già all’apice della catena di comando, sarebbe egualmente opportuno che, attraverso nuovi e sempre più considerevoli arruolamenti di personale giovane, si rimpinguasse la forza territoriale stabile che, negli ultimi anni, si è clamorosamente inabissata recando innumerevoli disagi organizzativi e d’impiego”. “La richiesta non appare né insulsa – conclude Giulio Catuogno – né provocatoria e, laddove la base dell’istruzione viene rinforzata con nuove assunzioni per trasmettere la cultura della legalità nella popolazione del futuro,  appare pur giusto che, nel frattempo il tutto vada in porto, l’illegalità venga preventivamente sedata e portata al sicuro fra le maglie della giustizia, investendo nella materia sicurezza con netto vantaggio della popolazione tutta.”