Cancello ed Arnone News

Di Matilde Maisto

Archive for the ‘150 Anni Unità d’Italia’ Category

venerdì
Mar 2,2012

 

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE REGINA ELENA ONLUS

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario della proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861, l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus ha conferito alla sezione di Napoli dell’Opera nazionale per i Caduti senza Croce il quadro commemorativo creato per l’evento. La cerimonia si è svolta, dopo la preghiera del Caduto, ai piedi del monumento a Capodimonte.

Alla consegna del dono al Presidente della sezione partenopea dell’Opera, Cav. Uff. Nicola Scanni, il 2 marzo 2012, il Presidente Nazionale della delegazione italiana, Gen. Ennio Reggiani, era rappresentato dal Cav. Uff. Rodolfo Armenio.

Un gruppo di Ufficiali e Sottoufficiali italiani reduci dal fronte russo dove avevano operato per 25 mesi (maggio 1941 – luglio 1943) – con l’Ufficio Trasporti Italiano Collegamento per assicurare la regolarità del servizio ferroviario militare con propri Distaccamenti, Comandi militari di stazione, Commissariati di scarico, ubicati quest’ultimi ad immediato ridosso delle prime linee di combattimento, dette vita nel settembre 1952 alla “Unione Nazionale Reduci dell’U.T.IC.”. Per iniziativa del suo Presidente, l’allora capitano di fanteria Vincenzo Palmieri, si costituì nel suo seno un Comitato Onoranze ai Caduti italiani su tutti i fronti di combattimento le cui Spoglie mortali non era stato possibile recuperare sui campi di battaglia e dati per «dispersi», al fine di dar loro – tributo di riconoscente affetto – una sia pur simbolica sepoltura e trarli fuori, in tal degno modo, dall’oblio in cui la cecità di politici, sia pure involontariamente, li aveva tenuti.

Essendo nel frattempo entrati a far parte dell’Unione reduci dai fronti di guerra d’Africa, della Balcania, di Sicilia e congiunti di Caduti, la Unione Nazionale Reduci dell’U.T.I.C. si sciolse nel giugno 1955 per rifondersi in un Comitato Nazionale per il Tempio votivo ai Caduti senza Croce costituitosi poi in Associazione Nazionale per i Caduti senza Croce il 17 dicembre 1961, e successivamente, ad Opera Nazionale per i Caduti senza Croce, nei Congressi nazionali del 1967 e del 1981 mantenendo inalterata la propria caratteristica di Ente strettamente apolitico e apartitico.

Due fra le sue principali finalità sono: dare una simbolica ma reale sepoltura senza ceneri ma solo nei nomi ai 145.000 Soldati Marinai Aviatori d’Italia ovunque caduti per la Patria, e che per non essersi potute recuperare le loro Spoglie mortali, non sono ricordati ed onorati nei vari Sacrari, Ossari, Mausolei, riquadri cimiteriali; dare vita ad un Centro di sintesi e documentazione storica che curi, in seno all’Opera, la scelta, la pubblicazione, la divulgazione di opere letterarie, lavori teatrali, films, pitture, sculture di serena ed obiettiva propaganda patriottica ed incentivare l’attività ginnico-sportiva dei giovani.

Il Presidente Nazionale è il Cav. Guido Costa, il Vice Presidente Nazionale Vicario l’Avv. Benito Panariti.

Napoli 2 marzo 2012

il responsabile Cav. Uff. Armenio Rodolfo

giovedì
Mar 1,2012

 

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE REGINA ELENA ONLUS

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario della proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861, l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus ha conferito al Gruppo di Castellamare di Stabia dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia il quadro commemorativo creato per l’evento. Alla consegna del dono al Presidente Emerito della sezione, Gr. Uff. Francesco Palmieri, il 1 marzo 2012, il Presidente Nazionale della delegazione italiana, Gen. Ennio Reggiani, era rappresentato dal Cav. Uff. Rodolfo Armenio. La sezione, creata circa 40 anni fa, annovera circa 60 soci. Per meriti storici è stato consegnato nella stessa sede al M.llo Capo 1′ classe Antonio Cimmino. Dopo la foto ufficiale con il Commissario Straordinario Ciro Palmieri e Pasquale Di Martino, cè stato il brindisi augurale.

L’Associazione Nazionale Marinai d’Italia, apolitica e senza fini di lucro, è la libera unione di coloro che sono appartenuti o appartengono senza distinzione di grado, alla Marina Militare e che, consapevoli dei propri doveri verso la Patria, intendono mantenersi uniti per meglio servirla in ogni tempo. IL Gruppo di Castellammare è intestato alla Medaglia d’oro al Valor Militare alla memoria Luigi Longobardi, elettricista imbarcato su sommergibile attaccato con bombe di profondità da tre navi e un aereo avversari per dodici ore consecutive, si prodigava instancabilmente nello espletare con bravura e decisione i compiti affidatigli. Determinatasi la necessità di emergere ed autoaffondare il sommergibile ormai inutilizzato dalle esplosioni delle bombe, dava prova di eccezionale coraggio e profondo senso del dovere, restando al proprio posto fino alle estreme possibilità onde contribuire alla salvezza dell’unità.
Lanciatosi in mare negli ultimi istanti restava investito dallo scoppio di bombe lanciate da aereo ed immolava la giovane vita per un estremo ideale di Patria che lo aveva trattenuto sulla sua nave oltre il dovere. Mediterraneo Orientale, 30 settembre 1940. L’A.N.M.I sempre in stretto coordinamento con lo Stato Maggiore della Marina,  ed i suoi Gruppi concorrono alla attività dei Musei della Marina, favoriscono consulenze alle Agenzie che preparano gli esamiL’A.N.M.I. collabora anche con Sail Training Association Italia (S.T.A.I.), di cui sono Soci fondatori lo Yacht Club Italiano e la Marina Militare Italiana, che ha lo scopo di contribuire alla diffusione dell’amore per il mare e per la vela, consentendo tra l’altro ai giovani di età comresa tra 16 e 25 anni la partecipazione ad attività alturiere (crociere e regate, nazionali ed internazionali) su unità a vela idonee a navigazioni prolungate che potranno essere messe a disposizione della stessa S.T.A.I.

.

C.Mare di Stabia, 1 marzo 2012

Il delegato Cav. Uff. Armenio Rodolfo

domenica
Feb 26,2012

 

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE REGINA ELENA ONLUS

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario della proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861, l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus ha conferito al giornale “Cancello ed Arnone News” ed al gruppo culturale “Letteratitudini” il quadro commemorativo creato per l’evento.

Alla consegna del dono alla Direttrice del giornale e coordinatrice di “Letteratitudini”, Tilde Maisto, il 23 febbraio 2012 a Cancello ed Arnone (CE), nella sede del salotto letterario il Presidente Nazionale della delegazione italiana, Gen. Ennio Reggiani, era rappresentato dal Cav. Uff. Rodolfo Armenio.

La N.D. Tilde Maisto è Direttore del giornale online “Cancello ed Arnone News”, il cui tratto distintivo è l’elegante ed ampio respiro sociale, etico-civile e storico-artistico-culturale, Responsabile  del Gruppo “Letteratitudini”, impegnato, a cadenza mensile, nell’approccio ai grandi poeti e scrittori del panorama mondiale, Tilde Maisto sa andare ben oltre i semplici dati informativi, caricando le sue opzioni ed i suoi interventi di una tensione ideale che, su una zona difficile qual è il Basso Volturno, si propone come un brillante modello di riferimento, la sua casa è sempre aperta, e Lei è sempre pronta a dare un consiglio e spendere una parola buona e dolce per tutti.

Napoli 25 febbraio 2012

il delegato uff. armenio rodolfo

domenica
Feb 26,2012

 

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE REGINA ELENA ONLUS

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario della proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861, l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus ha conferito alla sezione di Pompei dell’Associazione Nazionale Carabinieri il quadro commemorativo creato per l’evento. Alla consegna del dono al Presidente della sezione, M.llo Capo Raffaele Celestino, il Presidente Nazionale della delegazione italiana, Gen. Ennio Reggiani, era rappresentato dal Cav. Uff. Rodolfo Armenio. La sezione di Pompei, creata circa 40 anni fa, annovera circa 70 soci della “Città della Pace”. L’Associazione Nazionale Carabinieri, che oggi aggrega Carabinieri in servizio, in congedo, i loro familiari e tutti i simpatizzanti in quella che è sentita la grande famiglia dell’Arma, venne costituita a Milano il 1° marzo 1886 con la denominazione di “Associazione di Mutuo Soccorso tra congedati e pensionati dei Carabinieri Reali”. L’Associazione, che è apolitica e non persegue fini di lucro, si propone i seguenti scopi: promuovere e cementare i vincoli di cameratismo e di solidarietà fra i militari in congedo e quelli in servizio dell’Arma, e fra essi e gli appartenenti alle Forze Armate ed alle rispettive associazioni; tenere vivo fra i soci il sentimento di devozione alla Patria, lo spirito di corpo, il culto delle gloriose tradizioni dell’Arma e la memoria dei suoi eroici caduti; realizzare, nei limiti delle possibilità, l’assistenza morale, culturale, ricreativa ed economica a favore degli iscritti e delle loro famiglie. Sulla base dell’esperienza maturata nel settore del volontariato e dell’analisi dei dati relativi al censimento dei Nuclei di protezione civile, il Consiglio nazionale del 19 novembre 2004 ha preso atto dell’opportunità di procedere ad una più precisa configurazione in ambito Associazione Nazionale Carabinieri  del volontariato di protezione civile rispetto al volontariato generico.

Pompei, 25 febbraio 2012

il delegato Armenio Rodolfo

venerdì
Feb 24,2012

 

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE REGINA ELENA ONLUS

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario della proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861, l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus ha conferito alla Biblioteca del Conservatorio di San Pietro a Majella il quadro commemorativo creato per l’evento.

Alla consegna odierna del dono al Direttore Dr. Francesco Melisi,

il Presidente Nazionale della delegazione italiana, Gen. Ennio Reggiani, era rappresentato dal Cav. Uff. Rodolfo Armenio accompagnato da Rosaria Franco.

La Biblioteca del Conservatorio di Napoli, che dipende dal Ministero per i beni e le attività culturali, conserva un patrimonio di inestimabile valore e può essere annoverata tra le biblioteche musicali più importanti al mondo. Essa trae origine dalla preziosa raccolta di volumi costituita nel 1791 da Saverio Mattei presso l’antico Conservatorio della Pietà dei Turchini.

Arricchitasi della prestigiosa collezione di partiture a stampa e manoscritte appartenute a Maria Carolina d’Asburgo-Lorena, consorte del Re di Napoli Ferdinando I, dei libri e delle musiche di Giuseppe Sigismondo, delle partiture manoscritte di tutte le opere andate in scena nei teatri napoletani – tenuti per Decreto Regio fin dal 1795 a depositare alla biblioteca copia di ogni opera rappresentata – essa ha sede nel complesso monumentale di San Pietro a Majella dal 1826.

L’apporto più consistente all’incremento del suo patrimonio fu dato dalla passione e dalla dedizione di Francesco Florimo, bibliotecario dal 1826 al 1888. A lui si deve l’acquisizione di molte e preziose collezioni di musiche a stampa e manoscritte, importanti autografi, libretti d’opera, periodici, figurini, quadri, cimeli e strumenti musicali; per suo interessamento sono anche stati realizzati gli imponenti decori e arredi dei bellissimi ambienti nei quali la biblioteca è ospitata.

Ancora nel corso del Novecento la biblioteca si è arricchita del fondo musicale della Casa Reale e di importanti donazioni da parte di enti e di privati. Anche l’Istituto ha effettuato, negli anni, significativi acquisti che hanno assicurato alla biblioteca i principali strumenti bibliografico-musicali nazionali e internazionali.

La biblioteca conserva complessivamente circa 27.000 manoscritti musicali, 300.000 stampe musicali, 20.000 libri, 10.000 libretti d’opera, 10.000 lettere e 1000 periodici.

Il Direttore Melisi, ha molto gradito il dono dell’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus e ha dichiarato: “sono molto felice di ricevere in dono il quadro creato per l’Unità d’Italia” e prima del congedo il Direttore ha mostrato la Mostra dei figurini teatrali dell’Ottocento.

Napoli, 24 febbraio 2012

Il Delegato Cav. Uff. Armenio Rodolfo

giovedì
Feb 23,2012

 

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE REGINA ELENA ONLUS

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario della proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861, l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus ha conferito all’Austria il quadro commemorativo creato per l’evento.
Alla consegna del dono al Console Onorario a Napoli, Dr Eugenio Maria Patroni Griffi,  il Presidente Nazionale della delegazione italiana, Gen. Ennio Reggiani, era rappresentato dal Cav. Uff. Rodolfo Armenio accompagnato da Salvatore Pellecchia.
La cerimonia odierna presso il Consolato ed il rappresentante del Sodalizio benefico intitolato alla “Regina della Carità” ha ricordato i legami storici tra le Case d’Austria e d’Italia, l’amicizia tra l’Arciduca Otto e Re Umberto II che l’aveva insignito dal Collare dell’Annunziata e che il Capo di Casa Savoia discende da una Asburgo. Infatti, Maria Adelaide d’Asburgo-Lorena sposò a Stupinigi (Torino) il 12 aprile 1842 il cugino Vittorio Emanuele di Savoia, Principe di Piemonte e futuro Re d’Italia. Dal matrimonio con Vittorio Emanuele II (1820-78) nacquero otto figli, tra i quali Umberto I (1844-1900), Principe del Piemonte (1849-78), che succedette al padre come Re d’Italia (1878-1900). La linea non si interruppe, i Re si succedettero da padre in figlio con Vittorio Emanuele III (1900-46) ed Umberto II (1946-83), al richiamo a Dio al quale succedette il figlio Vittorio Emanuele, Principe di Napoli, nato nella città partenopea il 12 febbraio 1937.
Maria Adelaide, Regina di Sardegna, non fu mai Regina d’Italia perché morì prima dell’unificazione.
Maria Adelaide era figlia dell’Arciduca Ranieri (figlio del Granduca di Toscana Pietro Leopoldo), Viceré del Lombardo-Veneto, e di Maria Elisabetta di Savoia-Carignano, sorella del Re di Sardegna Carlo Alberto e dunque zia di Re Vittorio Emanuele II.

Napoli, 23 febraio 2012

il Delegato Cav. Uff. Armenio Rodolfo

mercoledì
Feb 22,2012

 

Nel quadro delle iniziative per il 150° Anniversario della proclamazione del Regno d’Italia 

L’ambìto riconoscimento gratifica la costante ed incisiva attività giornalistica e culturale del Direttore di “Cancello ed Arnone News” che coordina anche il Gruppo “Letteratitudini”
CANCELLO ED ARNONE – “Servire” è il motto dell’Associazione Internazionale “Regina Elena” Onlus che si è intensamente dedicata alle celebrazioni per il 150° Anniversario della proclamazione del Regno d’Italia avvenuta il 17 marzo 1861. In tale contesto, l’Associazione ha scelto, fra le personalità e le istituzioni cui conferire il quadro commemorativo dell’Evento, la N.D. Tilde Maisto che del “servizio” giornalistico e culturale ha appunto fatto una tenace ed appassionata ragione di vita.

Direttore del giornale online “Cancello ed Arnone News” – il cui tratto distintivo è l’elegante ed ampio respiro sociale, etico-civile e storico-artistico-culturale – e promotore/coordinatore del Gruppo “Letteratitudini” – impegnato, a cadenza mensile, nell’approccio ai grandi poeti e scrittori del panorama italiano e mondiale –, Tilde Maisto sa andare ben oltre i semplici dati informativi, caricando le sue opzioni ed i suoi interventi di una tensione ideale che, su un territorio difficile qual è il Basso Volturno, si propone come un brillante modello di riferimento.

Di qui le motivazioni ben documentate che hanno indotto l’Associazione “Regina Elena” Onlus ad assegnarle l’ambìto premio che va ad aggiungersi alla “Croce Internazionale per la Pace” ricevuta nel 2009 da Agnese Ginocchio, infaticabile presidente del Movimento, e ad altri riconoscimenti che nel tempo le sono giunti.

La cerimonia di consegna del “quadro commemorativo” è programmata per le ore 19,30 di giovedì 23 febbraio 2012 e si svolgerà a Cancello ed Arnone, nella sede del “salotto letterario” di cui Tilde Maisto è sempre gentile ed amabile animatrice. Nella felice circostanza, il Presidente nazionale della Delegazione italiana, Gen. Ennio Reggiani, sarà rappresentato dal Cav. Uff. Rodolfo Armenio.
Cancello ed Arnone, 21 febbraio 2012                                                                          Raffaele Raimondo

domenica
Feb 19,2012

 

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONE REGINA ELENA ONLUS

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario della proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861, l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus ha conferito alla Chiesa valdese di Napoli il quadro commemorativo creato per l’evento. Alla consegna del dono ai Pastori Maria Adelaide Rinaldi e Leonardo Magrì, il Presidente Nazionale della delegazione italiana, Gen. Ennio Reggiani, era rappresentato dal Cav. Uff. Rodolfo Armenio, accompagnato da Rosaria Mari e Franco Mario.
La cerimonia si è svolta il 18 febbraio 2012 nel Tempio di Napoli. in occasione della commemorazione del 18 febbraio 1848 e delle Regie Lettere Patenti con cui il Re di Sardegna Carlo Alberto riconosceva ai suoi sudditi valdesi i diritti civili e politici.
Quella data, per decenni la festa dei valdesi, è diventata la giornata di tutti gli evangelici.
Quest’anno la Chiesa valdese di Napoli e la Chiesa cristiana del Vomero hanno ricordato il 17 Febbraio con una mostra fotografica ed una conferenza, tenuta dal Prof. Paolo Ricca, dedicate alla memoria della Shoah.

sabato
Feb 18,2012

 

 

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE  REGINA ELENA ONLUS

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario della proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861, l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus ha conferito all’Istituto di Istruzione Superiore Elena di Savoia di Napoli il quadro commemorativo creato per l’evento. Alla consegna del dono al Dirigente scolastico, Prof. Paola Guma, il Presidente Nazionale della delegazione italiana, Gen. Ennio Reggiani, era rappresentato dal Cav. Uff. Rodolfo Armenio, accompagnato da Franco e Rosaria Mario.
La cerimonia si è svolta questa mattina 18 febbraio 2012 nello storico palazzo Carafa D’Andria, fatto costruire dal Cardinale Oliviero Carafa, che si affaccia, con il suo prospetto principale, sul Largo dei Santi Marcellino e Festo il cui chiostro è oggi sede della facoltà di Geologia dell’Università Federico II. Esso sorge nel cuore del centro storico della Napoli antica. L’Istituto è dotato di attrezzati laboratori (linguistici, di informatica, di chimica strumentale e analitica, di fisica, biologia, microbiologia e biochimica), aule speciali (di disegno, biblioteca con sala di lettura, sala video) e di aule provviste di collegamento internet. E’ inoltre inserito in progetti extra curriculari come l’adozione di un monumento e l’adozione di un ambiente naturale. Nei corsi nei quali è previsto l’insegnamento di Disegno e storia dell’Arte ogni anno viene data una borsa di Studio alle alunne che si siano particolarmente distinte in questa materia. Il Centro di Informazione e Consulenza, istituito già da alcuni anni, offre, con l’apporto di esperti, informazioni e consulenza alle famiglie ed agli allievi. La partecipazione ad attività ed iniziative, affiancate a quelle curricolari, contribuiscono in modo adeguato all’arricchimento dell’offerta formativa. Visite guidate, viaggi e gite d’istruzione in Italia e all’estero costituiscono, infine, significativi momenti di crescita culturale e di aggregazione.

Napoli 18.2.2012

giovedì
Feb 16,2012

ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE REGINA  ELENA ONLUS

 

 Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario della proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861, l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus ha conferito al Prof. Luigi Avellino il quadro commemorativo creato per l’evento. Alla consegna del dono al Prof. Avellino  il Presidente Nazionale della delegazione italiana, Gen. Ennio Reggiani, era rappresentato dal Cav. Uff. Rodolfo Armenio.

Il Prof. Avellino eminente storico, intellettuale, scrittore, patriota e cattolico.

Ha pubblicato piu’ 15 libri sulla storia sul Santuario di Pompei, sul Tricolore, sui Cittadini onorari di Pompei, e ne sta ultimando un altro. Si è scelto questa data  in omaggio dell’apertura del primo Parlamento italiano il 16 febbraio 1861. 

 

Pompei, 16 febbraio 2012

Cav. Uff. Rodolfo Armenio

Categories