Cancello ed Arnone News

Di Matilde Maisto

Archive for the ‘Attualità’ Category

Riapre Via San Gregorio Armeno

venerdì
Set 19,2014

1

 

 

Napoli, 18 settembre 2014

 

“Oggi alle ore 18.00 riapre Via San Gregorio Armeno a meno di una settimana dai gravi danni provocati da un fulmine che ha colpito il campanile”.

 

Gregorio Angelini, Direttore Regionale per i beni culturali e paesaggistici della Campania, esprime la propria soddisfazione per la tempestività e l’efficacia dell’intervento dei tecnici: arch. Claudio Procaccini, della Soprintendenza BAPSAE di Napoli,  e  dei geometra Antonio Minerba e Piero Napolitano della Direzione Regionale nonché dell’impresa Mario Izzo Costruzioni.

 

Il finanziamento è stato prontamente assicurato dal Ministero dell’Interno – Fondo Edilizia di Culto (FEC)-, proprietario del bene.

 

La Direzione Regionale conferma l’impegno del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo a ridurre al minimo il disagio, per i cittadini e i turisti, dovuto ai tanti cantieri aperti contemporaneamente a Napoli.

venerdì
Ago 8,2014

2 

Si terrà il 13 agosto a L’Aquila la Rimpatriata 2014 che la Famiglia Abruzzese e Molisana in Piemonte e Valle d’Aosta annualmente tiene nel canonico mese feriale in una località dell’Abruzzo o del Molise. Un’occasione per stare insieme tra corregionali già in vacanza nelle regioni d’origine e per chi scende appositamente per vivere una giornata particolare. Quest’anno il presidente del sodalizio, Carlo Di Giambattista, ha pensato di tornare nel capoluogo abruzzese, a cinque anni dal terremoto, per confermare la vicinanza alla città e ai centri del cratere, cui mai l’associazione ha fatto mancare segni di attenzione e solidarietà. E infatti saranno Navelli, Barisciano e Poggio Picenze, oltre la città capoluogo d’Abruzzo, le altre mete dove la solidarietà degli Abruzzesi e Molisani del Piemonte e Valle d’Aosta ha dato testimonianze.

La giornata si aprirà con la visita di una delegazione del Consiglio direttivo del sodalizio ai Sindaci di Navelli e Barisciano, ai quali nel 2010 furono consegnate due autovetture 4×4 acquistate con i fondi raccolti dalla Famiglia Abruzzese e Molisana. Alle ore 11 l’appuntamento generale è a L’Aquila, per una visita al Monastero di San Basilio, la casa di clausura delle suore celestine dove si respira la spiritualità e il magistero di papa Celestino V. In una delle sale del monastero Angelo De Nicola, giornalista e scrittore, e Francesca Pompa, presidente One Group Edizioni, presenteranno il volume “L’Italia dei sogni” di Goffredo Palmerini, presente l’autore. Seguirà la conversazione di Manlio Madrigale sul tema “La sussidiarietà orizzontale: …aiutami che io ti aiuto”.

L’Assessore regionale e Presidente del CRAM, Donato Di Matteo, e un rappresentante della Municipalità aquilana porteranno il loro saluto ai convenuti della Rimpatriata, che inoltre riceveranno la visita di Padre Quirino Salomone, del Centro Celestiniano, verso le cui opere di solidarietà la Famiglia ha mostrato attenzione e alle quali ha devoluto parte delle cifre raccolte, in particolare per la Mensa dei poveri.

La conviviale si terrà in un noto ristorante di Poggio Picenze. In quel paese la solidarietà piemontese ha lasciato segni tangibili, con le donazioni promosse dal quotidiano La Stampa, raccolte dalla Fondazione omonima ed impiegate solertemente a beneficio di alcuni comuni colpiti dal sisma, tra i quali appunto Poggio Picenze. Non mancherà il saluto del Sindaco alla Famiglia Abruzzese e Molisana. Nel pomeriggio i convenuti potranno visitare le splendide Grotte di Stiffe e fare un supplemento di visita ai monumenti più significativi dell’Aquila.

    Torino, 7 agosto 2014

Marco Pantani. Aspettando giustizia

giovedì
Ago 7,2014

4

Nel libro scritto da Antonio Giangrande “SPORTOPOLI”, un capitolo è dedicato alla vicenda giudiziaria sulla morte di Marco Pantani.

Su questo Antonio Giangrande, il noto saggista e sociologo storico che ha pubblicato la collana editoriale “L’Italia del Trucco, l’Italia che siamo” ha svolto una sua inchiesta indipendente. Giangrande sui vari aspetti dello sport in Italia ha pubblicato un volume “Sportopoli. L’Italia delle frodi sportive”.

MARCO PANTANI. ASPETTANDO GIUSTIZIA.

La solitudine, il residence e la coca. Quegli ultimi giorni del Pirata, scrive Alessandra Nanni su “Quotidiano Nazionale”. La  morte di Marco Pantani comincia il 9 febbraio del 2004, quando arriva a Rimini a bordo di un taxi. Sta scappando da Milano, dopo una lite furibonda con i genitori. Sarà l’ultima volta che vedranno quel figlio in fuga da se stesso, dal campione che era stato e di cui lui per primo non vede più che l’ombra. È l’inchiesta che ha portato al processo, a ricostruire i suoi ultimi giorni di vita. Il Pirata è sprofondato nella cocaina, e mentre il suo corpo tiene ancora il colpo di 15 grammi al giorno, il suo cuore batte di una rabbia smisurata. Come quando correva è di nuovo irraggiungibile, ma la sua ‘vetta’ ora è solo la coca, e in riviera c’è il suo fidato fornitore, Fabio Miradossa. Al processo riminese, testimoni, investigatori e imputati hanno messo insieme i pezzi di quei cinque giorni. Pantani si fa scaricare dall’autista lungo il viale, e va dritto a casa degli amici che ospitano lo spacciatore. Ma Miradossa non c’è, mamma Tonina ha minacciato di farlo arrestare se avesse continuato a vendere droga al figlio. Si è spaventato ed è tornato di corsa a Napoli. Per lui, per tutti, il campione è diventato un cliente che scotta. Ma Pantani non accetta un rifiuto, pianta una grana: devono trovare il napoletano. Capiscono che non mollerà, e fanno pressione su Miradossa: liberaci di Pantani. Lo spacciatore cede e incarica il suo galoppino di accontentare il campione. È Ciro Veneruso, quella stessa sera, a consegnare a Pantani i 30 grammi di cocaina che lo uccideranno il 14 febbraio.  Appartamento 5D, al quinto piano del residence Le Rose. Il Pirata ci arriva a mezzogiorno di quel lunedì, e da allora lo vedranno di rado. Racconteranno di un uomo rinchiuso in un mondo immaginario, frasi sconnesse, insofferenza. Scende solo a fare colazione, qualche incursione al bar per una pizzetta. Non mangia altro e tollera a malapena la donna delle pulizie. Come un animale braccato che si lecca le ferite dell’ingiustizia, sceglie il buio. Le tapparelle della stanza sono abbassate come in una grotta, sta macinando migliaia di chilometri solo con se stesso. «Si lamentava del rumore — racconteranno i clienti — bastava un passo per fargli spalancare la porta». «Chiamate i carabinieri» urla in un delirio che riempie di pena chi è testimone di tutto quel dolore. Alle 11,30 di sabato, Pantani chiama la portineria e chiede di non essere disturbato più, non gli interessa che la camera venga rifatta. Sono le 19, quando il portiere suona alla porta del 5D. Nessuna risposta, scende in cortile per cercare una luce al quinto piano, ma non riesce a vedere e il telefono della stanza dà sempre occupato. È preoccupato, decide di entrare con una pila di asciugamani. Usa il passepartout, ma la porta si apre solo di uno spiraglio, il mobile della tv e del telefono sono rovesciati. Dentro l’appartamento il caos, come un uragano. «Poi sono salito nel soppalco, era a terra adagiato su un fianco, non respirava più». Fine della corsa.

CHI HA UCCISO PANTANI ? A DIECI ANNI DALLA SUA MORTE, IL CASO RIAPRE E SI INDAGA………..

PANTANI, CASO RIAPERTO DOPO 10 ANNI: “FU UCCISO? DOBBIAMO APPROFONDIRE”, scrive Guglielmo Buccheri per “la Stampa”. Cinquemila pagine fotocopiate, decine di testimonianze e immagini. L’esposto voluto dalla famiglia di Marco Pantani è finito sul tavolo del procuratore di Rimini Paolo Giovagnoli ed ora l’indagine è aperta come riporta la Gazzetta dello Sport. «Non fu suicidio volontario, ma Pantani fu ucciso…», sostengono i familiari del campione romagnolo e, da ieri, è l’ipotesi a cui lavoreranno gli inquirenti. «Nessun commento, dobbiamo approfondire. Bisognerà fare delle valutazioni anche alla luce del risultato del processo che ci fu a suo tempo.  Quando – precisa il procuratore Giovagnoli – arriva un esposto-denuncia per omicidio volontario è sempre un atto dovuto aprire un’indagine…».  La svolta, clamorosa, è sul tavolo. E, in un attimo, i fatti della notte del 14 febbraio di dieci anni fa tornano sotto i riflettori. La procura di Rimini si metterà al lavoro, lo farà dopo l’estate e l’indagine appena aperta durerà almeno un anno prima di arrivare alle sue conclusioni.  La famiglia del Pirata, da sempre, ha sostenuto come non fossi possibile che il loro Marco avesse deciso di chiudersi nella stanza della pensione sul lungomare per dire basta. Ora, dopo un decennio di dubbi e perplessità, ecco il primo passo: l’esposto presentato in procura dall’avvocato Antonio De Rensis, e accompagnato da una perizia accurata, è stato giudicato fondato, ma dire oggi quale potrebbe essere il punto di arrivo è fin troppo prematuro. «Non fu suicidio, ma Pantani fu ucciso…», sostengono nella loro dettagliata ricostruzione i familiari del Pirata. «Ora esca la verità…», così gli ex colleghi, ma, soprattutto, amici del romagnolo, Claudio Chiappucci e Davide Cassani. «Non capisco perchè ci sia stato tutto questo ritardo, è giusto che si vada a fondo sulla tragica morte di Marco…», sottolinea Chiappucci. «Forse – così Cassani – si sono date per scontate troppe cose che non lo erano. Chi ha voluto bene a Marco vuole capire cosa realmente sia accaduto quella notte…». Il lavoro della procura di Rimini non sarà facile. Come detto dal procuratore Giovagnoli occorrerà ripartire nell’inchiesta tenendo conto degli sviluppi che hanno portato alle conclusioni del processo già celebrato. Da tempo la famiglia Pantani non perdeva occasione per chiedere la riapertura del caso che, adesso, riaccendere l’attenzione sugli attimi di vita del campione delle due ruote. Per presentare l’esposto c’è voluto un faticoso impegno, fra difficoltà nel reperire il materiale e riuscire nella visione di documenti e faldoni datati quasi dieci anni. Dopo l’estate, i pm si metteranno in azione.

AVEVA CHIESTO AIUTO E FORSE NON ERA SOLO NELLA STANZA MALEDETTA, scrive Giorgio Viberti per “la Stampa”.

Domande e risposte sui misteri di quella notte.

Perché Marco Pantani è uno dei campioni più amati e insieme discussi nella storia dello sport e non solo nel ciclismo?

«Perché si dimostrò pressoché imbattibile sulle montagne, dove fece entusiasmare i tifosi quasi come ai tempi di Bartali e Coppi, ma subì poi una sospensione dalle corse molto discussa e morì ancora giovane, a 34 anni, in circostanze quasi misteriose».

Per molti Pantani non fu soprattutto il simbolo di un ciclismo diventato ostaggio del doping?

«In quegli anni tanti corridori usarono farmaci vietati e alcuni in seguito lo confessarono, eppure Pantani in 12 anni di professionismo non risultò mai positivo all’antidoping».

Ma non morì per un eccesso di cocaina?

«È quanto asserì l’inchiesta dopo la sua morte, avvenuta il 14 febbraio 2004. E paradossalmente fu quella l’unica volta in cui Pantani risultò positivo a una sostanza dopante».

Pantani assumeva cocaina anche quando correva?

«Non venne mai rilevata nei tanti test ai quali si sottopose da corridore, ma è probabile che Pantani abbia cominciato ad assumere cocaina dopo lo choc per l’esclusione dal Giro d’Italia 1999, che aveva ormai quasi vinto, a due tappe dalla fine per ematocrito alto, cioè perché aveva il sangue troppo denso».

Perché si torna a indagare sulla morte del Pirata dopo dieci anni dalla sua morte?

«La mamma Tonina e il papà Paolo non hanno mai accettato la tesi del suicidio involontario per overdose di cocaina. Insieme con i loro legali hanno raccolto una serie di dati e testimonianze che hanno convinto i giudici a riaprire l’inchiesta».

Ma è lecito pensare che la prima inchiesta non sia riuscita a fare piena luce sulle cause della morte?

«Secondo molti ci sarebbero tante incongruenze e contraddizioni che quantomeno lascerebbero molti dubbi sulle conclusioni delle indagini di dieci anni fa. Di sicuro, se è stata riaperta l’inchiesta, devono essere emersi elementi nuovi e importanti di valutazione».

Per esempio?

«C’è l’ipotesi che Pantani non fosse solo nella stanza del residence in cui fu trovato senza vita. Lo farebbero pensare alcuni abiti che non dovevano essere lì, del cibo che il Pirata non amava e non avrebbe mai mangiato, il disordine troppo «ordinato» della stanza, una doppia ma vana richiesta di aiuto che il Pirata fece alla reception, l’enorme quantità di cocaina trovata nel suo organismo come se fosse stato costretto a ingerirla, le escoriazioni sul suo corpo, i segni sul pavimento come se il cadavere fosse stato trascinato… Incredibile poi che l’hotel nel quale morì Pantani sia stato ristrutturato pochissimo tempo dopo, come se fosse urgente cancellare ogni prova residua».

Chi è riuscito, dopo tanto tempo, a trovare tanti nuovi indizi?

«L’avvocato Antonio De Rensis, per conto dei signori Pantani, ha studiato i faldoni sia delle indagini di allora, sia quelli relativi al successivo processo. Ma non basta, perché sono stati sentiti di nuovo alcuni testimoni chiave di quella vicenda. È stata poi molto preziosa una perizia medico-legale eseguita dal professor Francesco Maria Avato, che ha aggiunto tantissimi elementi nuovi».

Ma perché queste cose non emersero subito?

«È quanto eventualmente stabilirà questa seconda inchiesta. Di sicuro la prima autopsia sul corpo di Pantani sbagliò a indicare l’ora presunta della morte e si rivelò molto superficiale anche nel valutare alcuni dati di medicina legale che avrebbero potuto aiutare a fare chiarezza sul caso».

Chi avrebbe avuto interesse a falsificare l’esito dell’inchiesta?

«Difficile dirlo, di sicuro Pantani era finito in un giro di droga che magari coinvolgeva anche persone molto importanti. Avrebbe potuto parlare e fare dei nomi».

Per questo potrebbe essere stato ucciso?

«È questa la tesi sostenuta dai legali dei genitori di Marco. Ed è quanto dovrà appurare questa seconda inchiesta. L’ipotesi di reato è addirittura di omicidio volontario a carico di ignoti e alterazione del cadavere e dei luoghi. Il procuratore capo di Rimini, Paolo Giovagnoli, ha affidato il fascicolo a Elisa Milocco, giovane sostituto procuratore. Toccherà a lei far luce su quanto avvenne quel giorno».

«LO SCRISSI GIÀ ALLORA: TROPPI PUNTI OSCURI», scrive ancora Giorgio Vibereti per “la Stampa”. Philippe Brunel, giornalista francese e inviato speciale del quotidiano parigino L’Équipe, l’aveva già scritto nel suo libro «Gli ultimi giorni di Marco Pantani»: la morte del Pirata ha molti lati oscuri.

Brunel, che ne pensa di questa nuova inchiesta?

«L’avevo già detto dieci anni fa. Nella morte di Pantani ci sono troppe incongruenze, troppi episodi inspiegabili per poter accreditare la tesi del suicidio involontario».

È quanto però emerse dalla prima inchiesta…

«Mi interesso da molti anni di ciclismo, soprattutto italiano, e fui incaricato da L’Équipe di indagare, cercare di capire, raccogliere testimonianze e prove sulla morte di Pantani. E le cose non quadravano».

Che cosa soprattutto la lasciò perplesso?

«Tante cose. Marco era una persona precisa, quadrata e amabile. Impossibile che si sia messo a urlare e spaccare tutto nella sua stanza d’albergo, come dissero invece gli inquirenti della prima inchiesta».

Tutto qui?

«No, certo. Nella camera del residence Le Rose era stato portato del cibo che Marco odiava e non avrebbe mai mangiato, e poi le escoriazioni sul suo corpo, la bottiglia d’acqua mai analizzata, certi indumenti che non avrebbero dovuto essere lì, quel disordine troppo ordinato, il mancato rilevamento delle impronte…».

Per lei Pantani non era solo in quella stanza, vero?

«Ne sono sicuro. In quel residence si poteva entrare anche dal parcheggio sul retro, di sicuro Marco è stato raggiunto dal suo pusher ma credo anche da altre persone. Incredibile poi che quell’albergo, cioè la scena della morte di Pantani, sia stato completamente ristrutturato dopo pochissimo tempo, cancellando di fatto anche le eventuali possibili prove rimaste».

Ma chi e perché avrebbe voluto la morte di Pantani?

«Temo ci fossero sotto interessi molto grossi, che magari coinvolgevano anche persone importanti. Una storia di droga e prostituzione. Pantani era diventato un tossicodipendente, che frequentava gente senza scrupoli. A un certo punto non ha più saputo controllare la situazione, e ci ha rimesso la vita. Una morte oscura e irrisolta, però, come quelle di Tenco o Pasolini».

Brunel, che cosa si augura ora dalla nuova inchiesta?

«Marco era una persona sensibile e generosa che spesso si spingeva fino agli estremi, come faceva in bici. Per lui il ciclismo era finito e si sentiva smarrito, perduto. Ma era un uomo sincero e molto intelligente, che diceva sempre ciò che pensava e che sarebbe potuto diventare scomodo. Non può essere morto come un disperato, per un’overdose, da solo in una stanza d’albergo. Non è andata così. Marco merita giustizia».

«Verità lontana dagli atti ufficiali».Da una parte gli atti di un processo che non ha mai convinto fino in fondo. Dall’altra le indagini fatte dall’avvocato Antonio De Rensis. Sono questi i tasselli utilizzati dal professor Francesco…, scrive “Il Tempo”. Da una parte gli atti di un processo che non ha mai convinto fino in fondo. Dall’altra le indagini fatte dall’avvocato Antonio De Rensis. Sono questi i tasselli utilizzati dal professor Francesco Maria Avato per la sua perizia, il cuore dell’esposto che ha fatto riaprire il caso Pantani con l’ipotesi di reato, per ora a carico di ignoti, di omicidio volontario. Il medico legale – perito, tra l’altro, del caso Bergamini – per definirsi usa lessico da ciclista: «Ho solo aggiunto un tassello da umile gregario al lavoro del legale», commenta. «La mia esperienza mi ha portato a conclusioni diverse sulla morte di Marco Pantani. Si è trattato di rivedere gli atti di causa e non solo, ma anche informazioni recuperate dalle indagini difensive mettendo insieme i frammenti come in un puzzle. È stato un lavoro di equipe con De Rensis». Il lavoro del professor Avato si è basato sull’autopsia del campione morto a Rimini il 14 febbraio 2004 e sull’analisi di foto e video delle indagini, giungendo a conclusioni differenti rispetto alla prima perizia e all’esame autoptico effettuato quasi 48 ore dopo il ritrovamento del cadavere di Marco Pantani. «Sono questioni di pertinenza dell’autorità giudiziaria – aggiunge il medico legale – non posso esprimermi al di là del fatto che il quantitativo di cocaina rinvenuta suggeriva modalità di assunzione diverse da quelle classiche. Sono indagini molto delicate e complesse. Non vogliamo creare confusione o disagio». La parola adesso è ai magistrati. «Il mio lavoro finito? – risponde Avato – Dipende dalle informazioni ulteriori che possono giungere, tutto è perfettibile nella vita».

«Pantani non è stato ucciso».Parla Fortuni, il medico della prima perizia sulla morte del campione. «Overdose al termine di un delirio da cocaina. Lo provano i suoi scritti», scrive Davide Di Santo su “Il Tempo”. «Non ci sono veri nuovi elementi oggettivi» che facciano pensare a «una overdose “omicidiaria”». A parlare è Giuseppe Fortuni, il medico legale nominato dalla Procura di Rimini per eseguire la perizia sul corpo di Marco Pantani ai tempi del processo ai suoi pusher. È l’uomo «famoso» per essersi portato il cuore del Pirata a casa, dopo l’autopsia terminata nella notte del 16 febbraio 2004. Pensava di essere seguito da auto sospette – più tardi si apprese che si trattava di giornalisti – mentre tornava al laboratorio per depositare i tessuti. Le sue conclusioni di allora sono messe oggi in discussione dall’esposto presentato dal nuovo legale della famiglia Pantani, Antonio De Rensis, secondo il quale il campione cesenate, quel giorno di San Valentino di dieci anni fa, nel residence Le Rose di Rimini nel quale si era barricato, in realtà sarebbe stato ucciso. La ricostruzione si basa sulle indagini del legale e sulla nuova perizia di parte del professor Francesco Maria Avato. Pantani avrebbe ricevuto la visita di uno o più uomini che dopo un diverbio lo avrebbero aggredito e immobilizzato, costringendolo a bere un cocktail letale di acqua e cocaina. Per Fortuni, però, il Pirata è morto da solo e in preda ad allucinazioni. «Nessuno parla degli scritti deliranti di Pantani che furono ritrovati nel residence – le sue parole – prova certa del suo delirio e in alcun modo causabili da un overdose “omicidiaria” ma solo da un uso continuo e crescente della cocaina». Il riferimento è a quanto scritto dal campione nelle sue ultime ore. Pensieri affidati a fogli e quaderni, ma anche scritti sul muri del bagno del bilocale riminese. Si va da accuse inquietanti, cariche di astio («Hanno voluto colpire solo me», forse un riferimento alla vicenda del doping) alle composizioni nonsense («Colori, uno su tutti rosa arancio come contenta, le rose sono rosa e la rosa rossa è la più contata». E ancora: «Con tutti Marte e Venere segnano per sentire»). Prove certe di un «delirio da cocaina», per il perito della Procura. Eppure molti amici di Marco sostengono che anche quando era lucido il campione scrivera poesiole e pensieri dello stesso tipo. La madre, la signora Tonina, conserva ancora fogli e quaderni con quelle strane poesie. L’altro elemento sottolineato nella prima perizia è la morte sopraggiunta dopo l’assunzione prolungata di droga, circostanza che si scontra con l’ingestione coatta, in un solo atto. Nell’organismo c’era una quantità sei volte superiore a quella considerata la dose letale minima, ma nel sangue «periferico» la concentrazione era addirittura tredici volte più alta, mentre l’esame del midollo ha mostrato una compatibilità con un uso cronico della sostanza. Il tutto in un quadro in cui omissioni e incongruenze sono superiori alle certezze.

Morte Pantani, professor Avato: “Provinciale l’approccio alle indagini”.“Ogni ricostruzione di un delitto dovrebbe partire dalla medicina legale” afferma il professor Francesco Maria Avato sul caso Pantani. La sua perizia ha contribuito all’indagine sulla morte del Pirata. “Un cold case è sempre il segno di una primitiva sconfitta”, scrive Alessandro Mastroluca su “Fan Page”. Pantani è stato costretto ad assumere un enorme quantitativo di droga. È questa la conclusione principale della nuova perizia medica completata dal professor Francesco Maria Avato, incaricato dalla famiglia del Pirata e dall’avvocato De Rensis. Il suo esame, insieme ai risultati delle prime indagini di De Rensis, ha convinto Paolo Giovagnoli a riaprire il caso per omicidio. Avato, coordinatore della sezione di Medicina Legale e delle Assicurazioni dell’Università di Ferrara, ha eseguito la prima autopsia sul corpo di Denis Bergamini, il “calciatore suicidato”. È il perito incaricato dalla difesa di Alberto Stasi, accusato di aver ucciso la fidanzata, Chiara Poggi, a Garlasco. Nel febbraio 2011, poi, insieme a Giuseppe Micieli della Neurologia dell’Università di Pavia e a Francesco Montorsi dell’Urologia del San Raffaele di Milano, incontra Bernardo Provenzano, per valutarne i problemi di salute che lo avevano indotto a chiedere il permesso di poter uscire dal supercarcere di Novara. Il suo esame sul corpo di Pantani si è basato sull’autopsia del professor Fortuni e sull’analisi di quasi 200 foto a colori e del video della Scientifica, ed è giunto a conclusioni diverse dal primo esame autoptico effettuato quasi 2 giorni dopo il ritrovamento del cadavere. Avato accerta la presenza nel corpo di un quantitativo di cocaina sei volte superiore alla dose letale. La droga, ci spiega il professor Avato che abbiamo raggiunto telefonicamente, “era in quantità tale da lasciar intuire un’assunzione in forme diverse da quella classica. Il conteggio però è complicato, eviterei le semplificazioni”, aggiunge. “Se poi l’abbia bevuta disciolta nell’acqua o l’abbia mangiata, attiene alla ricostruzione di competenza dell’autorità giudiziaria”. Fatto sta che nella stanza D5 del residence Le Rose c’erano molliche di pane rigurgitate, con presenza di polvere bianca, e una bottiglietta d’acqua mai esaminata dalla scientifica. Avato sposta l’ora della morte tra le 10.45 e le 11.45 della mattina di San Valentino del 2004 e conclude che il cadavere sia stato spostato, probabilmente nel pomeriggio, perché anche nel video della polizia si notano segni di trascinamento spiegabili solo se il sangue fuoruscito non si era ancora rappreso. “Il corpo era poggiato sul fianco sinistro” sottolinea Avato, “con la parte destra più alta. Rimanendo così per molte ore, a causa dell’emorragia il sangue sarebbe defluito maggiormente nel polmone sinistro”. Invece è il destro a pesare di più, circa 200 grammi. Come nel caso della morte di Denis Bergamini, anche la gestione delle prime ore dopo il ritrovamento del cadavere “aprirebbe un discorso davvero molto ampio sulle indagini investigative, sulle modalità di approccio al delitto che definirei un po’ ‘provinciale‘” spiega Avato. “La medicina legale dovrebbe essere la genitrice prima di ogni ricostruzione. Noi avevamo un sistema di indagine che è stato un modello per tutto il mondo, ma l’abbiamo trascurato e abbiamo sviluppato un approccio inglese, alla Scotland Yard, che è antico”. Ogni vicenda delittuosa, prosegue Avato, “ogni episodio che richieda competenze medico-legali è sempre diverso”. Nelle inchieste sulla morte di Bergamini e di Pantani, tuttavia, c’è uno schema ricorrente: un’indagine frettolosa, una tesi accettata dal primo momento come vera, sopralluoghi tutt’altro che da manuale sulla scena. “Qui si tratterebbe di considerare dall’inizio tutti i passaggi, le decisioni che hanno portato alla formulazione iniziale. Il punto sostanziale è che le competenze richieste in situazioni del genere devono sempre essere intese come competenze di altissimo livello”. Ma così non è stato, come dimostra lo stesso video della Scientifica in cui si vedono addetti che perlustrano la stanza senza protezioni, senza guanti e non prendono le impronte digitali. Per questo, conclude Avato, “il cold case non va inteso come un’occasione per mettere in rilievo le capacità tecniche. Possiamo discutere se l’insufficienza originaria dipenda da un’impostazione organizzativa o da altre cause. Ma la riapertura di un cold case è sempre il marchio di una primitiva sconfitta”.

Marco Pantani non aveva più controllo sul proprio patrimonio economico e immobiliare, scrive “Il Tempo”. È quanto filtra da ambienti investigativi di polizia, secondo cui il Pirata di fatto aveva un vitalizio che gestiva con la carta di credito trovatagli nel portafoglio messo sotto sequestro l’altro ieri, come tutta la stanza del residence Le Rose dove ha trovato la morte nel giorno di San Valentino. Questo spiegherebbe anche i rapporti tesi con la famiglia, di cui si è parlato nelle ultime ore, e l’ allontanamento del campione da Cesenatico, dove non si faceva vedere da parecchio tempo. Non ci sarebbero però accuse ai parenti fra i biglietti trovati nella stanza del residence, affermano fonti investigative. Le stesse fonti smentiscono categoricamente le indiscrezioni sul contenuto dei foglietti riportate da alcuni giornali, in realtà una sorta di testamento di una persona molto provata psicologicamente che si è sfogata devastando la camera dell’albergo dove aveva preso alloggio e affidando i propri pensieri a parole e frasi sconnesse, non riconducibili una all’altra, di interpretazione impossibile. L’unico riferimento al mondo del ciclismo che Pantani avrebbe fatto su un pezzo di carta dell’albergo è quello alla sua bicicletta, una sconclusionata dichiarazione d’amore. Il ciclista nella sua carriera aveva accumulato una fortuna: si parla di sei milioni di euro che erano stati investiti in varie società, soprattutto immobiliari a Cesenatico e in Romagna. Di queste società il campionissimo risultava essere l’amministratore unico. Amministratore unico insieme al padre Ferdinando. Questo già nel 2003, e forse da prima. Dopo il ciclone Marco continuava a seguire le vicende delle sue aziende partecipando alle assemblee ordinarie. Lo testimonierebbe, ad esempio, il verbale dell’assemblea della società immobiliare «Sotero» del 30 maggio 2003 che aveva come ordine del giorno la presentazione del bilancio 2002. All’incontro erano presenti Marco Pantani e Ferdinando Pantani in qualità di amministratore unico. La precaria situazione psicofisica del figlio aveva spinto il genitore a subentrargli nelle vicende finanziarie. Marco avrebbe reagito male. In un momento delicato della sua vita, segnata dalla fine della carriera sportiva, dallo scandalo mal digerito e dall’accentuarsi dei problemi psicologici, forse l’ingerenza del padre è suonata come una prova ulteriore del suo fallimento. È anche vero che negli ultimi tempi la deresponsabilizzazione di Marco era diventata un fardello pesante. Vita notturna sfrenata, serate in discoteca che si prolungavano fino all’alba, amicizie discutibili. Quelle vecchie che appartenevano a un mondo passato, cancellate. «Non mi cercate più» aveva detto a tutti quelli che avevano cercato di ributtarlo nel mondo delle due ruote. Poi quel lungo viaggio a Cuba in novembre. Una fuga, la precisa volontà di allontanarsi dalla famiglia, da casa. La rottura coi genitori, nella quale ha un peso determinante anche la molla economica, sembrerebbe pure il motivo per cui Pantani a un certo punto era andato a vivere nella casa di un amico a Predappio. Michel, l’amico che lo ha ospitato e che non ha nulla a che fare con il mondo del ciclismo, in questo momento è chiuso nel suo dolore e non vuole parlare. Sembra però che durante un colloquio informale si sia lasciato andare affermando che nella scelta di Marco di allontanarsi dalla famiglia c’era pure il suo zampino.

La morte di Pantani è iniziata a Campiglio, scrive Xavier Jacobelli su “La Provincia di Varese”. Marco era un ragazzo generoso, trasparente. Gli hanno teso un tranello perché dava fastidio. La gente era tutta per lui e per il ciclismo; il calcio e la Formula Uno perdevano seguito e milioni di euro: per questo lo hanno fatto fuori». Col du Galibier, 2.301 metri di altitudine, Alta Savoia, Francia, 19 giugno 2011. Paolo Pantani ha gli occhi lucidi. Come Tonina, sua moglie. Lui e lei hanno appena assistito all’inaugurazione del monumento dedicato a Marco, voluto con tutte le proprie forze da Sergio Piumetto, piemontese di Cherasco trapiantato a Les Deux Alpes dove il 27 luglio 1998 il Pirata firmò una delle imprese più memorabili della sua straordinaria carriera. Quella che lo lanciò al trionfo nel Tour, due mesi dopo avere vinto il Giro. Quel giorno di giugno sono sul Galibier, accanto a Paolo e a Tonina. Dirigo quotidiano.net, l’edizione on line dei giornali della Poligrafici Editoriale (Il Resto del Carlino, La Nazione, il Giorno, Quotidiano Nazionale). Piumetto era venuto a trovarmi un anno prima, a Bologna, per raccontarmi il suo sogno. Erigere un monumento al Pirata lassù, sulle montagne francesi. E siccome chi sogna non si arrende mai, sino a quando la vita che s’immagina diventa realtà, noi di quotidiano.net avevano deciso di accompagnare passo dopo passo la costruzione di quel sogno. Le parole di Paolo Pantani mi sono tornate alla memoria in queste ore in cui ha fatto il giro del mondo la notizia della riapertura delle indagini sulla fine di Marco, trovato morto nel bilocale D5 del residence Le Rose di Rimini. L’ipotesi di reato è: «omicidio e alterazione di cadavere e dei luoghi». La magistratura si è mossa dopo avere ricevuto l’esposto dall’avvocato Antonio De Rensis, legale dei Pantani. Né Paolo né Tonina hanno mai accettato la tesi che Marco fosse morto per overdose lui spontaneamente assunta. Mai. Ecco perché, adesso, Tonina ripete le parole che aveva pronunciato quel giorno sul Galibier, che i due genitori hanno pronunciato sempre da quando Marco se n’è andato: «Da una parte sono contenta, finalmente non sto più urlando al vento. Ma dentro di me c’è anche rabbia, rabbia e ancora rabbia: perché tutto questo tempo? Perché nel 2004 diverse cose non erano al loro posto e nessuno ha fatto nulla per darmi delle risposte?». Tonina e Paolo hanno sempre difeso strenuamente la memoria di Marco. E lo avevano sempre difeso anche prima della notte di San Valentino in cui se ne andò. Lo avevano difeso dalle accuse di doping, lui che non era mai stato positivo a un controllo; avevano chiesto invano di sapere che cosa fosse esattamente successo a Campiglio, quando il 5 giugno del ’99, mentre stava vincendo il Giro, venne squalificato per un valore dell’ematocrito alterato di un punto. Ai cialtroni e ai mentecatti che da quel giorno hanno sputato solo veleno addosso a Marco, spingendolo nel tunnel senza ritorno della depressione, bisogna ricordare le parole del campione: «Ero già stato controllato due volte, avevo già la maglia rosa e il mio ematocrito era del 46 per cento. Ora invece mi sveglio con questa sorpresa: c’è qualcosa di strano». Pantani lascia Madonna di Campiglio alle 13.05. A Imola, nel pomeriggio, si sottopone a un esame del sangue in un laboratorio accreditato dall’Uci: nei due test il suo ematocrito risulta pari a 47,8 e 48,1. Regolare. Ma dal Giro l’hanno fatto fuori per sempre. La mattina di Campiglio un giornale aveva titolato: Marco pedala nella leggenda. Il giorno dopo l’ha scaricato come un pacco postale. Paolo e Tonina non hanno mai dimenticato. Ora hanno il diritto di sapere la verità anche su Campiglio. Mentre le jene sono andate a nascondersi.

Pantani, un uomo sempre solo quando vinceva e quando sbandava. Non era un angelo né un diavolo: arrivava da un ciclismo antico, parlava una lingua diversa, sulla canna della sua bici c’era l’Italia. Dieci anni fa la morte misteriosa, scrive Gianni Mura su “La Repubblica”. Dieci anni, di già. Ma siete ancora qui a esaltare un drogato? Oppure: ma non avete ancora capito che era l’agnello sacrificale? Dieci anni dopo la morte, Marco Pantani continua a dividere, come dieci giorni dopo. Solo quando correva e vinceva tutti lo sentivano loro. Io non mi riconosco in nessuna delle due fazioni, quella del diavolo e quella dell’angelo. Troppo estreme, in un certo senso troppo comode. Sarebbe meglio conciliare: anche i diavoli hanno slanci positivi, anche gli angeli non resistono alle tentazioni. E, comunque, Pantani era un uomo. Un uomo solo al comando quando staccava tutti in salita. Un uomo solo allo sbando dopo Madonna di Campiglio. La lunga, sofferta discesa in fondo alla quale non sapeva più distinguere gli amici veri dai finti, quelli che si preoccupano della tua infelicità e quelli che la rivestono di polveri bianche e donne a pagamento. Mi riconosco pure in un libro appena uscito: «Pantani era un dio». L’ha scritto Marco Pastonesi, collega della Gazzetta che ha per primo amore il rugby ma che nel ciclismo tiene bene la ruota dei grandi suiveurs sui fogli rosa. È uno che sa osservare e sa ascoltare, Pastonesi. E anche onesto. Prime righe della prefazione: «Pantani non era uno dei miei. Nessun campione, nessun capitano, nessun vincitore né vincente né vittorioso è uno dei miei. I miei sono i corridori che, da professionisti, non ne hanno vinta neanche una». Dunque non Pantani. In questi dieci anni sono usciti molti libri sulla vita e la morte di Pantani, scritti da giornalisti italiani e stranieri, dalla manager, dalla madre Tonina. Più un film per la tv e un lungo, doloroso e umanissimo spettacolo del Teatro delle Albe di Ravenna (romagnoli come lui) e una decina di canzoni, dai Nomadi ai Litfiba, da Lolli agli Stadio. Più le processioni: sui blog, al cimitero di Cesenatico, sulle salite di Pantani. Quelle domestiche, l’amato Carpegna, il Centoforche, il Fumaiolo. Quelle più famose. Mortirolo, Alpe d’Huez, Galibier, Ventoux. Per come correva, posso dire che tutte le salite erano di Pantani. Erano il suo pascolo naturale, il suo mare verticale, erano croce e delizia. La croce era quella che chiamava agonia, la fatica più dura. La delizia era quel suo attaccarle stando in coda al gruppo e poi un po’ alla volta sorpassare tutti gli altri guardandoli in faccia. Lo faceva apposta, non era un caso. Non era un caso l’alleggerirsi in vista dell’attacco, era un segnale per gli avversari, un avvertimento, come il drin di un campanello: tra un po’ comincio a darci dentro, mi venga dietro chi può. Non a caso, ancora, Pastonesi dilata il quadro, dà voce a tutti i gregari di Pantani, a chi s’è allenato con lui e ha corso con lui, anzi per lui, perché la Mercatone Uno prevedeva un solo capitano, Pantani, e tutti gli altri al servizio della causa, Se vinceva lui, vincevano tutti. E se perdeva, tutti perdevano. Nella dilatazione del quadro ci sono i grandi ciclisti romagnoli del passato, e i grandi scalatori come Gaul, Bahamontes, Massignan. Come il primo dei grandi scalatori, René Pottier, vincitore del Tour 1906, che s’impiccò a una trave delle officine Peugeot il 25 gennaio del 1907. Delusione d’amore, dissero ai tempi. Nessun biglietto lasciato, un’altra morte misteriosa. Come quella di Pantani. Che ha due grandi punti interrogativi su due stanze d’albergo. Una è quella di Madonna di Campiglio, 5 giugno 1999, l’inizio della fine. Come mai, trattandosi di una visita annunciata, non a sorpresa, il sangue di Pantani presentava un ematocrito a 52? E cosa accadde veramente nella stanza D5 del residence Le Rose, a Rimini, la fine della fine? Un libro di Philippe Brunel dell’Equipe ha documentato quante smagliature e lacune ci fossero nell’inchiesta. I dubbi restano e quel residence non c’è più, è stato demolito in tempi brevi, sorprendenti per la burocrazia nostrana. I dubbi non restano in chi parla di Pantani solo come di un drogato, in bici e giù dalla bici, o solo come di un angelo innocente tirato giù dal cielo. Rivivere quegli anni, tra la fine degli ’80 e poco oltre il 2000, è come seguire le piste dell’Epo. Pantani ne ha fatto uso? Sì, come tutti. In che misura? Pastonesi cita livelli alquanto alti. Avrebbe vinto ugualmente? Sì, a parità di carburante. Ma, a Pantani morto, è saltato fuori che su qualcuno (Armstrong) l’Uci teneva aperto un larghissimo ombrello. Per onestà, come Pastonesi ha scritto che Pantani non era uno dei suoi, devo scrivere che Pantani è stato uno dei miei. Perché, come i vecchi ciclisti, in corsa faceva di testa sua, non usava il cardiofrequenzimetro e quando s’allenava dalle sue parti beveva alle fontane e mangiava pane e pecorino. Perché, più ancora delle vittorie, ricordo l’attesa delle vittorie, o comunque dell’attacco in salita. E l’entusiasmo della gente, come un ascensore sonoro fra tornante e tornante. E l’Italia sulla canna di quella bicicletta, e i francesi che s’incazzavano, ma neanche tanto. Perché gli piaceva ascoltare Charlie Parker. Perché dipingeva. Perché era piccolino. Perché parlava una lingua diversa. Pontani (Aligi, quasi un omonimo) mi chiamò dalla redazione quel 14 febbraio 2004. Ero in ferie, stavo cenando a Firenze. È morto Pantani. Non si sa di preciso, in un residence. Serve un coccodrillo, di corsa. Taxi, albergo, speciale Tg, dettare. Trovo ancora lettori che mi dicono che quel pezzo a caldo, in morte di Pantani, è tra i più belli che ho scritto. Non avrei mai voluto scriverlo e non l’ho scritto, è venuto fuori così. Come aprire un rubinetto, o una vena.

Pantani, dopo quella morte speculazione infinita, scrive Eugenio Capodacqua su “La Repubblica”. Avevo fatto un patto con me stesso, in nome dell’amicizia che mi ha legato per  breve tempo a Marco Pantani, e cioè che non avrei più scritto un rigo su di lui e sulle sue tragiche vicende. Pur conoscendo la sua storia nei minimi particolari non ritenevo di dover puntualizzare fatti e situazioni; proprio per rispetto di un uomo che ha comunque pagato il prezzo più alto. Ma evidentemente non c ‘è pace sotto gli ulivi. E, con la riapertura d’ufficio dell’inchiesta sulla morte, riecco Pantani pronto ad essere di nuovo  immolato sull’altare della cronaca. Quella più bieca e nera che allunga un triste velo di grigio sull’ immagine dell’uomo e dell’atleta, comunque rimasto profondamente nel cuore di molti appassionati e tifosi. Un atto dovuto da parte dei magistrati dopo l’esposto dei genitori e l’accurata perizia dell’avvocato di parte che ipotizza l’omicidio. Diciamo subito che se ci sono dubbi (e ce ne sono) sulle circostanze di questa tragedia è doveroso andare fino in fondo. Anche se il cammino delle indagini, a dieci anni di distanza dai fatti, risulta piuttosto difficile. Ma, più in generale, sembra arrivato il momento di fare un minimo di chiarezza. Per lunghissimi dieci anni l’informazione (specie la tv di stato) ha contribuito a mistificare un dramma che è e resta umano prima ancora che sportivo. Pantani trasformato in un eroe. Pantani campione, esempio da seguire e imitare. Pantani vittima di chissà quale complotto. Pantani “capro espiatorio” di una realtà che invece tutti conosciamo, purtroppo. E cioè la realtà di un ciclismo all’epoca stradopato che ha tradito la passione degli spettatori propinando uno “spettacolo” al di fuori e al di sopra di ogni umana credibilità. Pantani faceva sognare e del sogno in questa dannata società c’è fame come dell’aria, dell’acqua, del pane. Lui incarnava l’attacco, il successo, la botta vincente. Quello che tanti “travet” covano nell’intimo. Il “come” poco importava. Quanti erano in grado di capire, o volevano capire il “come”? E forse poco importa, adesso. Da questo punto di vista Pantani è stato un grande. Ha toccato nel più profondo l’animo degli appassionati.  Ancorché alle prese con un problema esistenziale che tormenta spesso, troppo spesso, la vita di tanti protagonisti. Un problema che Madonna di Campiglio ha acuito e fatto esplodere. Mettendo in risalto tutta la fragilità dell’uomo, ma anche l’insensibilità, l’egoismo e l’ignoranza di qualcuno che gli è stato accanto. Vediamo di ragionare con un minimo di freddezza. Pantani è stato un eccellente ciclista. Un eccellente scalatore che, doping o meno, probabilmente avrebbe inebriato ugualmente le folle con le sue gesta in salita, con il suo carattere e la sua personalità. Perché comunque il ciclismo si fa e si esalta in salita. Ma che facesse come tutti gli altri lo ammette anche la stessa madre che – è comprensibile: è la mamma – continua una sua battaglia infinita. La capisco: la mia, di mamma, è andata fuori di testa alla morte del figlio 25enne in un incidente aereo di cui non si è mai data ragione. E comunque si vuole restituire dignità. Ma quale dignità? Quella del “così fan (hanno fatto) tutti”? Ben magra consolazione…  Perché che facesse come tutti i ciclisti della sua epoca è ormai chiarissimo. E adesso, dopo l’indagine del Senato francese sul Tour 1998, è addirittura comprovato al di là di ogni sospetto. Niente da aggiungere. Niente da chiedere al mondo ipocrita del ciclismo. La dignità  a Pantani la si restituisce non arzigogolando attorno a presunti complotti, ma spiegando come la vita possa mettere trappole mortali anche sulla strada degli uomini di più grande successo. Insegnando a diffidare della notorietà, della gloria effimera (un giorno sugli altari, il giorno dopo nella polvere); ad essere guardinghi e mai esagerati. La breve vita del Pirata è un paradigma dove c’è tutto: dall’esaltazione nel momento della gloria, alla più profonda depressione quando un mondo costruito con cura crolla davanti al test di Campiglio. Pantani come gli altri. Tanti altri. L’osservatore un minimo distaccato tocca con mano la profondità del baratro quando si finisce nei meandri della droga. Vede come sia facile scivolare, cadere definitivamente. Eppure cosa era è successo, in fondo, a Madonna di Campiglio? Nient’altro che quello che è successo a decine di altri corridori. Uno stop (di soli 15 giorni, neppure una squalifica…) per essere fuori dalle regole stabilite in quel momento. Scontata quella pena che all’epoca non aveva neppure il marchio del doping (“sospensione a tutela della salute”) tutto era finito. Ma paradossalmente  è stata proprio la sensibilità particolarissima dell’uomo, la coscienza e il sentimento di vergogna per essere stato scoperto e messo a nudo, a perderlo. Non ha retto, dicono, e si è rifugiato nella droga, trascinato in un mondo che gli turbinava attorno da tempo. In un mondo di cinici si è comportato come l’ultimo dei romantici. Ciò che lo rende umano, umanissimo. Tutt’altro che un dio: umanissimo uomo. Per questo ancora più apprezzabile. Per questo, a me non danno fastidio le celebrazioni e i ricordi. Men che meno che si scavi per chiarire i dubbi sulla morte. Mi da fastidio il sentimento peloso che trasuda interesse economico attorno a tutta la vicenda. Mi da fastidio chi su quella morte ci ha guadagnato e continua a guadagnarci, speculando sull’emozione. Pantani è stato un business milionario da vivo e ancora di più da morto. I libri basati sulla sua tragica epopea sono andati a ruba. Al ritmo di 25-27 mila copie vendute. Fra il 2003 e il 2005, raggranellando cifre di gadget, dvd, bandane, donazioni, libri, poster, foto e tutto il merchandising connesso sono arrivato a calcolare quasi un milione di euro. Una cifra che si può tranquillamente moltiplicare per 3, per 5 arrivando ai nostri giorni. Chiaro che a questo mercato serva l’eroe. Anche se eroe non è. Pace all’anima sua. Il sistema che in qualche modo lo ha messo in un angolo, continua a succhiarne la linfa. Come? Raccontando la favola dell’eroe tragico. Della vittima predestinata. Del campione che suscita invidia e viene eliminato. Emozione, sentimento, partecipazione. Sul piano umano è tutto più che comprensibile, dopo la grande tragedia. Ma se vogliamo dare un esempio ai giovani non possiamo continuare a proporre tesi senza fondamento. Complotto? E chi mai avrebbe avuto interesse a complottare contro il Pirata? La Fiat perché lui aveva scelto la Citroen come sponsor? Ma, andiamo! Chi lo voleva in squadra ottenendo il rifiuto? E come si sarebbe realizzato il complotto? Corrompendo i medici prelevatori? Quello che si è letto negli anni e di recente appare chiaramente strumentale. E a mio avviso infondato. Oggi c’è di mezzo la giustizia ordinaria e un’indagine ufficiale, ma se ne sono viste e lette in passato… Soprattutto per assecondare la tesi della trappola. Qualcuno ha tirato fuori perfino la provetta di quel tragico prelievo ematico a Campiglio che sarebbe stata scaldata per alzare l’ematocrito. Ma – è addirittura banale – scaldando il sangue si scalda e aumenta di volume anche la parte liquida non solo quella corpuscolare e il rapporto in percentuale dell’ematocrito resta inalterato. Insostenibile scientificamente, eppure c’è chi ne ha fatto un elemento saliente della tesi complottistica. E poi: chi l’avrebbe scaldata? Il medico prelevatore? I medici dell’ospedale di Parma che nella serata di quel 5 giugno 1999 hanno ripetuto i test su ordine del pm di Trento Giardina trovando gli stessi valori dei medici Uci? Si può sostenere un’accusa così grave, che sfiora la calunnia, in modo così generico? Chi fa riferimento al complotto deve anche spiegare chi, come e dove può aver complottato. Per questo dico che sono solo speculazioni per suscitare emotività e vendere copie (o altro) al tifoso. Pantani era la gallina dalle uova d’oro per il ciclismo di quel tempo. E non solo. L’atleta che era riuscito a riportare milioni di tifosi sulle strade del Giro e con loro gli sponsor, cioè il potere economico. Cioè il dio denaro. Tanto e disponibile per tanti. Su Campiglio ha indagato la Procura di Trento. Il verdetto è stato univoco: nessuna truffa, nessuna sostituzione di provette (il sangue era di Pantani, come hanno provato i test del DNA), nessun complotto, nessuna manomissione. Resta solo l’ombra delle scommesse. Ma le indagini fin qui fatte non hanno portato a nulla. E ad anni di distanza il nome di quell’ “amico” di Vallanzasca che gli avrebbe consigliato di non scommettere su Pantani perché non sarebbe arrivato a Milano nonostante la maglia rosa sulle spalle e la classifica ormai blindata dai risultati, ancora non viene fuori. Su Pantani si specula. Come definire altrimenti il sottolineare l’irregolarità della procedura punto centrale in una delle ultime pubblicazioni? La provetta sarebbe stata scelta da uno dei medici prelevatori e non dall’atleta come vuole il regolamento. Un vizio di forma ininfluente ai fini del test. A meno di non chiamare in causa la stessa ditta produttrice delle provette, che sono sigillate e sottovuoto. Tutte. E anche qui senza prove si sfiora la calunnia. Ma a cosa può servire tirare fuori un vizio di forma di fronte al quale oggi non si può fare nulla se non instillare senza motivo il dubbio generico che qualcosa di irregolare sia accaduto? Facile rispondere: è una mossa furba per accalappiare ancora di più il tifoso. Ma dire, 14 anni dopo, che si sarebbe potuto fare ricorso contro le modalità di quel test, non toglie nulla alla realtà storica: l’ematocrito fuori norma per le regole del tempo. Controllato otto volte sul sangue del Pirata. Valori fiori norma. Non per la prima volta, come del resto provano i dati emersi nel processo Conconi alle cui cure Pantani si era affidato già dal ‘94. E baggianate come “il prelevatore ha messo la provetta in tasca alzando la temperatura, ecc. ecc.” dicono sopratutto dell’ignoranza se non della malafede di chi sostiene tale ridicola tesi. Basta pensare alla temperatura corporea: 38 gradi circa. Ci sono 38 gradi in una tasca? Difficile. Dunque caso mai la provetta si sarà raffreddata non riscaldata. Ma tant’è. Lo dico chiaro: queste “spiegazioni postume” non mi convincono. Come quella che la macchina da analisi (Coulter Act) avrebbe “visto” un ematocrito alto per via del raggrumarsi delle piastrine. Ma gli esperti sono chiarissimi: “E’ impossibile – sostiene Benedetto Ronci ematologo di fama dell’Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma, consulente dei pm nella inchieste doping più clamorose – anche se le piastrine hanno tendenza ad aggregarsi non incidono  sul volume corpuscolare; non possono modificare in alcun modo l’ematocrito”. Piuttosto al medico che avrebbe fatto l’ematocrito a tutta la squadra in quei giorni andrebbe posta una semplice domanda. Perché? Si sa che con lo sforzo prolungato per settimane l’ematocrito cala. Che bisogno c’era di controllare? Altro discorso è la morte nel residence. Ma qui la scelta è ancora più netta. O si sposa la tesi dell’esagerata ingestione di cocaina (sette volte la dose mortale), overdose accidentale, come dice il referto di morte e dunque si spiega così il delirio la gran baraonda trovata in quella tristissima camera n.5 del Residence Le Rose, che è poi la tesi ufficiale di chi ha indagato. Oppure si allineano una serie di elementi di dubbio. Particolari incerti che dall’ora della morte, al cibo cinese (odiato dal Pirata), trovato in camera, alle ferite sul corpo, ai boxer che farebbero sospettare un trascinamento, al particolare del cuore portato via dal medico che eseguì l’autopsia timoroso che venisse rubato (da chi?); alimentano dubbi concreti. Cui dovrà rispondere l’indagine. Si continua a confondere il piano umano che merita il massimo della comprensione per una morte assurda con quello sportivo sfruttando la mozione degli affetti. Cosa dobbiamo fare? Giustificare tutto in nome della tragedia? E cosa raccontiamo ai nostri figli? Segui quell’esempio e sarai felice?

Protagonisti e comparse. Ecco il dizionario del mistero Pantani. Chi poteva volere morto il campione? L’inchiesta della Procura di Rimini parte da nomi e ruoli dei personaggi dell’affaire, scrive Pier Augusto Stagi su “Il Giornale”. «Pantani è stato ucciso». Questo è il titolo del «romanzo noir» di questa estate italiana poco assolata e calda. A gridarlo da anni mamma Tonina. A raccogliere il suo grido di dolore e le prove per presentare un fascicolo presso la Procura di Rimini che ha competenza sull’accaduto è l’avvocato De Rensis. La richiesta: riaprire il caso sulla base dei molti fatti nuovi contenuti nelle pagine (120) dell’istanza. Un romanzo che ha una storia buia, molti protagonisti e qualche comparsa. Ecco un dizionario per orientarsi, mentre la Procura rinvia a settembre la decisione su chi assegnare la delega a indagare, carabinieri o polizia.

A come avvocato. Antonio De Rensis è l’avvocato della famiglia Pantani, che in nove mesi di lavoro ha raccolto una serie impressionante di contraddizioni e anomalie. È a lui che si deve l’esposto per la riapertura del caso.

D come dubbi. Il lavoro del professor Avato si discosta di molto dalle conclusioni prospettate all’epoca dal collega Giuseppe Fortuni, che aveva eseguito l’autopsia su incarico della Procura. Quali sono i rilievi di Avato? Molti. A partire dall’ora della morte: posizionata tra le 10.45 e le 11.45. La quantità di droga trovata su Pantani equivarrebbe a diverse decine di grammi, tale da essere paragonabile ai pacchetti ingeriti dai corrieri per eludere i controlli. Impossibile per qualunque persona mangiare o inalare una dose simile. L’unico modo per farlo è diluirla nell’acqua e farla bere a forza (la bottiglia trovata nella stanza, non viene nemmeno analizzata). Le numerose ferite sul corpo di Pantani sono compatibili con opera di terzi, con evidenti segni di trascinamento del cadavere. Il corpo di Pantani è poggiato sul fianco sinistro ma per Avato è il polmone destro a pesare 200 grammi di più: quindi, il corpo di Marco è stato spostato dalla posizione originaria della morte. E poi c’è la stanza, con il suo «disordine ordinato». L’ipotesi è fin troppo chiara: far passare Pantani in preda al delirio per celare altro. Nessuna impronta fu presa e non sarà più possibile farlo neppure 10 anni dopo.

E come esperto. Francesco Maria Avato è il perito di parte, il medico-legale (lo stesso che ha contribuito a far riaprire dopo 23 anni il caso Bergamini, il calciatore «suicidato») che ha fornito un contributo fondamentale per completare e avvalorare l’esposto preparato da De Rensis.

I come imputati. Dieci anni fa l’indagine sulla morte di Pantani viene svolta dal sostituto procuratore romagnolo Paolo Gengarelli, con la Squadra mobile di Rimini e la Polizia di Napoli. Tre mesi dopo la morte del Pirata, il 14 maggio 2004 vengono arrestati Fabio Miradossa (il fornitore napoletano di cocaina del romagnolo già dal dicembre 2003), Elena Korovina (la cubista russa che ebbe una relazione con il corridore), Fabio Carlino (leccese, titolare di un’agenzia di immagine) e Ciro Veneruso (il corriere napoletano che portò la dose letale a Pantani). Viene rinviato a giudizio anche il barista peruviano Alfonso Ramirez Cueva. Il processo di primo grado inizia il 12 aprile 2005 davanti al Gup di Rimini. Vengono in seguito accettati i patteggiamenti di Miradossa (4 anni e 10 mesi) e di Veneruso (3 anni e 10 mesi) e Cueva (1 anno e 11 mesi). Gli altri accettano di affrontare il dibattimento. La russa viene assolta. Fabio Carlino viene condannato in primo grado e in appello, ma poi prosciolto in Cassazione.

M come manager. Manuela Ronchi è la manager del campione romagnolo. La sua è una figura non marginale in tutta questa vicenda, anche perché è una delle ultime a vedere Marco vivo. Doveva andare a sciare con suo marito, per questo Marco passa il 26 gennaio da Cesenatico per prendere tre giacconi che porta su a Milano. Il 31 gennaio Marco ha una lite con la manager davanti agli occhi di mamma Tonina e papà Paolo, chiamati per l’occasione dalla Ronchi. Il 9 febbrario Marco decide di andare a Rimini. La Ronchi gli fa recapitare una «sportina» di effetti personali (non ha valige) ad un hotel in piazza della Repubblica. Marco qualche giorno dopo parte per Rimini. Uno dei grandi misteri di questa vicenda è: come ci sono arrivati i tre giubbotti al residence Le Rose?

P come procuratore. Paolo Giovagnoli è il procuratore capo di Rimini al quale è stato consegnato il fascicolo, il quale a sua volta l’ha assegnato ad Elisa Milocco, giovane sostituto procuratore, arrivato a Rimini da pochi mesi. Toccherà a lei far sul luce su quella sera del 14 febbraio 2004.

Pantani, il legale accusa: “Inchiesta piena di buchi”. Nove mesi di indagini private e una perizia medica hanno messo in forse la tesi del suicidio. L’avvocato di famiglia contro il pm che archiviò: “Troppi silenzi”, scrive Pier Augusto Stagi su “Il Giornale”. Quando facciamo suonare il suo cellulare l’avvocato Antonio De Rensis è alla buca 18. Cerca, dopo mesi duri e difficili, di rilassarsi un po’, di liberare la mente dalle tossine accumulate durante la preparazione di un’indagine difensiva molto delicata. «In verità forse mi conveniva restare a casa, perché sono riuscito a giocare pochissimo». Per dirla con un linguaggio molto caro al nostro presidente del Consiglio, l’avvocato De Rensis per certi versi assomiglia a un «rottamatore»: non vuole mandare a casa nessuno ma smontare teorie e ricostruzioni fatte dieci anni fa, quello sì. E grazie ai suoi nove mesi di lavoro, di indagini e alla perizia di parte effettuata dal medico-legale, il professor Francesco Maria Avato, la ricostruzione originaria sulla fine tragica di Marco Pantani è stata smontata pezzo per pezzo. Ci vorranno mesi, per arrivare ad una nuova fase di questa storia che in dieci anni non ha finora trovato la vera parola fine. E una verità. Al momento il bandolo della matassa è nelle mani del procuratore Capo di Rimini Paolo Giovagnoli e in quelle della pm Elisa Milocco. «È esattamente così – spiega l’avvocato De Rensis -, ci vorranno mesi di lavoro, anche perché ovviamente sono tantissime le cose che la dottoressa Milocco dovrà esaminare. Bisognerà solo avere pazienza». Si parte dalle accuse di mamma Tonina, che non ha mai creduto al suicidio del figlio, ai nove mesi di indagini condotte dall’avvocato Rensis, trascorsi a recuperare carte e materiale di ogni tipo e studiandole successivamente con assoluta minuzia e passione. «Il tutto è concentrato in centodieci pagine, dense di dati e osservazioni», puntualizza il legale. Lui, però, non se la sente di stilare una graduatoria tra le tante incongruenze che nella sua inchiesta ha portato alla luce. «Mi creda, non voglio apparire per quello che vuole eludere ad una legittima curiosità o a una domanda, ma si fa fatica a dire quali di queste incongruenze possa essere più decisiva rispetto ad altre. Vedrà, sono e saranno tutte decisive perché concatenate l’una all’altra». Paolo Gengarelli, il pubblico ministero della prima inchiesta, non si è soffermato molto su questo nuovo capitolo della storia tragica di Marco Pantani, limitandosi a dire stizzito che «non sono abituato a commentare le notizie, come del resto dovrebbero fare in tanti». L’avvocato De Rensis, non esita a rispondergli: «Anche noi cerchiamo di parlare con i fatti. Anche noi cerchiamo di rispettare le indagini. Ma soprattutto noi vogliamo raccontare che all’epoca dei fatti non sono state prese le impronte digitali; che il video dei carabinieri dura 51 minuti mentre il girato è di due ore e cinquantasei minuti e via elencando. Non mi sembra di parlare di atti dell’indagine. Mi sembra solo di evidenziare cosa è stato fatto o meglio, non è stato fatto all’epoca. Anche noi staremo zitti nel momento in cui si tratterà di affrontare le cose da fare, ma queste sono fatti accaduti in passato ed è giusto portarli alla luce. Se il silenzio è luminoso ha un senso, i silenzi con le ombre a me non piacciono neanche un po’». L’avvocato De Rensis è capace di attaccare, ma si dimostra abile anche in fase difensiva. Quando gli chi chiede se ha un’idea di chi abbia ucciso Marco, si chiude a riccio. «Se sia stata una persona o più persone che fanno sempre parte del giro dei pusher? Se si tratta di persone fuori da questi giri? La prego, non mi chieda nulla. Sui nomi non mi esprimo. Non posso e non voglio». Più morbido all’ultima domanda: ma se la pm Milocco, alla fine dovesse decidere di chiudere il tutto con un nulla di fatto, quale sarebbe la sua reazione. Si griderebbe al complotto? «È una eventualità che non voglio nemmeno prendere in considerazione. Ho grande fiducia nel procuratore Capo Paolo Giovagnoli e nella dottoressa Elisa Milocco. Il procuratore capo è un galantuomo e la dottoressa Milocco – che ho conosciuto da poco – mi ha dato l’idea di essere una persona molto rigorosa. Quindi…».

Pantani, l’avvocato di famiglia: «Leggendo le carte la strada s’illuminerà da sola», scrive “Giornalettismo”. Antonio De Renzis, legale della famiglia del Pirata, parla della perizia che potrebbe far emergere una nuova verità sulla morte del ciclista romagnolo. Intanto, il ristoratore che consegnò l’ultima cena ricorda: «Non aveva la faccia di uno che volesse suicidarsi». Ufficialmente per la giustizia italiana Marco Pantani, trovato morto in una stanza d’albergo il 14 febbraio del 2004, è deceduto «come conseguenza accidentale di overdose». Per la famiglia del campione romagnolo, invece, la verità è un altra. Il Pirata sarebbe stato ucciso da una o più persone che lo avrebbero raggiunto quella sera al Residence Le Rose di Rimini, forse dopo essere stato costretto a bere cocaina disciolta nell’acqua. A parlare dopo la riapertura del caso è innnanzitutto la mamma di Pantani, Tonina Belletti, che ha provveduto a presentare un esposto-denuncia per omicidio volontario in Procura. Ma ad esporsi è anche l’avvocato della famiglia del ciclista, Antonio De Renzis, che alle telecamere di Sky racconta oggi di «mancanze», «lacune», «incongruenze», «anomalie», «accertamenti non fatti», che avrebbero condizionato la prima inchiesta sulla morte del Pirata che risale a 10 anni fa e che fu chiusa a tempo di record, in soli 55 giorni. Il legale, descrivendo la segnalazione alla Procura, parla di «rilettura» di quegli «atti d’indagine e processuali» che avrebbero determinato una verità giudiziaria a suo parere lontana dalla realtà, di una rilettura che contiene «elementi che convergono e vanno in una direzione precisa» e opposta rispetto a quanto emerso finora. Secondo De Renzis, in sostanza, la tesi seguita poche ore dopo la scoperta del corpo di Pantani, e «mai più abbandonata», andrebbe dunque «assolutamente rivisitata», ed è possibile che fancendo luce sulle «mancanze» della prima inchiesta emergerà un’altra verità. «Le carte e il video parlano molto», ha detto l’avvocato parlando della «corposa e approfondita consulenza» (perizia medico-legale) realizzata da professor Francesco Maria Avato. E ha aggiunto: «Credo che leggendo bene le carte sia possibile colmare queste lacune», «la strada si illuminerà da sola». Molto chiara è stata la signora Tonina, la prima ad annunciare, su Facebook, la riapertura del caso Pantani. «Me l’hanno ammazzato. La mia sensazione, sin da subito, è che avesse scoperto qualcosa e gli abbiano tappato la bocca», ha dichiarato nei giorni scorsi la madre del Pirata. «Non vedo altre ragioni – ha spiegato a TgCom24 -. Non mi sono mai sbagliata su Marco. Così come non credo siano stati gli spacciatori». «Sono dieci anni – ha aggiunto – che lotto e non mollerò, fino alla fine. Voglio la verità, voglio sapere cosa è successo a mio figlio. Da subito ho detto che me l’hanno ammazzato e, infatti, me l’hanno ammazzato». La signora Tonina ha poi parlato anche di una richiesta di aiuto del Pirata nelle ultime ore di vita: «Ha chiamato i carabinieri, parlando di ‘persone che gli davano fastidio’». E infine: «Marco aveva pestato i piedi a qualcuno, perché lui quello che pensava diceva: parlava di doping, diceva che il doping esiste».

Morte di Marco Pantani, legale: “Realtà è molto diversa da quella ufficiale”. Per l’avvocato Antonio De Rensis le indagini che vennero condotte dieci anni fa “presentano lacune e contraddizioni”. Il legale ha ottenuto la riapertura delle indagini da parte della procura di Rimini che indaga per “omicidio volontario a carico di ignoti”. La tesi della famiglia e della difesa è che il campione non morì di overdose ma venne ucciso, scrive  “Il Fatto Quotidiano”. La realtà che emerse dieci anni fa sulla morte di Marco Pantani è “molto diversa” da quello che è accaduto realmente la mattina del 14 febbraio 2004, nel bilocale del residence Le Rose di Rimini. Ne è convinto l’avvocato dei familiari del Pirata, Antonio De Rensis, che spinto dalla tenacia della madre del campione, Tonina, ha riletto e analizzato migliaia di pagine che compongono le indagini e il processo. Per il legale le conclusioni a cui gli inquirenti giunsero dieci anni fa sono piene di “lacune e contraddizioni”. Pantani non morì per un’overdose, ma venne ucciso da una o più persone che il campione romagnolo conosceva e a cui lui stesso aprì la porta. Nella stanza scoppiò una lite. Il Pirata ebbe la peggio. L’aggressore (o gli aggressori) fecero bere al ciclista una dose letale di cocaina diluita in acqua. In sostanza, gli investigatori condussero le indagini su una messa in scena. Quelle certezze sono state messe nero su bianco dall’avvocato De Rensis che ha presentato un esposto alla procura di Rimini. “Accolto”. Il fascicolo accantonato per dieci anni è stato riaperto per “omicidio volontario a carico di ignoti”. “Mi limito a dire – ha dichiarato all’Ansa il legale – che è già importante comprendere tutti che la realtà fattuale è molto diversa. E già questo è tanto, perché porta poi in direzioni molto precise. Intanto facciamo emergere le enormi lacune e contraddizioni, facciamo emergere ciò che si poteva comprendere facilmente all’epoca e poi partiamo tutti insieme da qui per arrivare a ristabilire una verità. È un’indagine nuova che si apre con una ipotesi di reato grave. Sarà un’indagine che durerà molto, perché comunque è complessa. Gli elementi che dovrà valutare la procura sono tantissimi, però il nostro intendimento è di evidenziare in modo chiaro che la verità ufficiale è piuttosto lontano da quella fattuale”. De Rensis, avvocato del foro di Bologna, è un legale abituato alle battaglie che legano lo sport alla giustizia: ha assistito Antonio Conte nella vicenda del calcio scommesse. Il lavoro dell’avvocato su carte e riscontri investigativi è suffragato dalla perizia medico scientifica del prof. Francesco Maria Avato, che con un suo lavoro aveva portato alla riapertura del caso di Denis Bergamini, il calciatore del Cosenza morto il 18 novembre 1989 a Roseto Capo Spulico (Cosenza). Un caso che per anni è stato considerato un suicidio poi è stato riaperto per omicidio. “Un lavoro faticoso e impegnativo – dice De Rensis – anche di rilettura. Gli atti non è stato nemmeno semplice acquisirli. Questi faldoni sono negli archivi, sono migliaia e migliaia di pagine che sono state analizzate, sezionate, studiate, confrontate. Poi il lavoro scientifico del prof. Avato, che si è andato a confrontare e intrecciare continuativamente con le analisi degli atti di indagine e processuali, a confronto reciproco e intreccio reciproco. Quindi le indagini difensive che sicuramente, seppure assolutamente riservate, hanno evidenziato elementi importantissimi”. “Io nutro un grande rispetto per la magistratura – precisa De Rensis – Noi abbiamo lavorato pensando che dovevamo aprire una pagina nuova sulla base di enormi lacune e enormi contraddizioni“. “Queste lacune e incongruenze per noi possono essere colmate – conclude – possono essere riviste e credo che questo sia un dovere morale, oltre che giudiziario, da parte di tutti. Dobbiamo lavorare insieme per riscrivere la pagina di quella dolorosissima vicenda il più possibile vicino alla realtà”. Un ricordo di Pantani lo offre in queste ore anche Oliver Laghi, il ristoratore di Rimini che in albergo consegnò al campione romagnolo la sua ultima cena, un’omelette di prosciutto e formaggio. Il Piarata appariva stanco , ma sereno. «Ricordo – ha detto Laghi al Corriere della Sera – come ieri il volto di Marco: stanco, le occhiaie profonde, la barba un po’ lunga, ma ho pensato che fosse colpa del viaggio e che una bella dormita avrebbe rimesso tutto a posto, tanto che prima di andarmene gli chiesi se potevo tornare il giorno dopo con mio figlio piccolo per un autografo e lui mi rispose con un sorriso timido e una pacca sulla spalla: ‘Va bene, a domani’». E ancora: «Il Marco con cui ho parlato quella sera non aveva la faccia di uno che volesse suicidarsi». Ora gli occhi sono tutti puntati sulla procura di Rimini che dovrà esprimersi sulla perizia del dottor Aveta (secondo la quale le ferite presenti sul corpo di Pantani «non sono autoprocurate, ma opera di terzi») e che dovrà esprimersi relativamente alla nuova ipotesi«omicidio con alterazione del cadavere e dei luoghi». Il lavoro spetta innanzitutto al pm Elisa Milocco, cui è stato affidato il fascicolo dell’indagine bis, e comincia senza che alcuna persona risulti indagata. Va ricordato che tre anni fa la corte di Cassazione aveva assolto il presunto pusher di Pantani, accusato di aver provocato la morte del campione vendendogli cocaina purissima, «perché il fatto non costituisce reato».

Il timer fissa la durata del girato in due ore e 56 minuti, ma ne restano solo 51. Caso Pantani, un buco di 125 minuti nel video della polizia scientifica. Per i pm cinque nuovi testimoni che potrebbero raccontare una verità diversa sulla morte del Pirata. Tutti i punti oscuri del caso, scrive Fiorenza Sarzanini su “Il Corriere della Sera”. Un «buco» di 125 minuti nel video della Polizia scientifica e almeno cinque nuovi testimoni che potrebbero raccontare una diversa verità sulla morte di Marco Pantani. Riparte da qui la nuova indagine avviata dalla procura di Rimini e si concentra su almeno sei anomalie denunciate dalla famiglia del «Pirata» con l’esposto presentato dall’avvocato Antonio De Rensis. Ricomincia da un’imputazione di omicidio volontario che non sarà facile dimostrare a oltre dieci anni di distanza da quel San Valentino che il ciclista trascorse nell’appartamento D5 del Residence «Le Rose». Anche perché la struttura alberghiera è stata completamente modificata, ma soprattutto perché l’ipotesi più probabile è che se davvero qualcuno è entrato in quel bilocale e ha picchiato Pantani, è possibile che lo abbia fatto per fargli pagare uno «sgarro», non per ucciderlo. E che la situazione gli sia poi sfuggita di mano. Il campione era un uomo disperato, preda dei suoi demoni e della sua totale dipendenza dalla droga. Ma – questo dicono alcune nuove testimonianze – non sembrava affatto «fuori di testa» come qualcuno ha voluto far credere. «L’ho trovato stanco ma lucido – ha raccontato Oliver Laghi, il ristoratore che la sera del 13 febbraio 2004 gli portò un’omelette al prosciutto e formaggio -, mi disse di tornare il giorno dopo con mio figlio che voleva l’autografo». Secondo l’inchiesta svolta dieci anni fa e chiusa avvalorando la tesi del suicidio, Laghi è stato l’ultimo a vedere Pantani vivo. Il procuratore Paolo Giovagnoli e il sostituto Elisa Milocco dovranno stabilire se è davvero così. Ma la convinzione è che qualcuno sia comunque entrato in quella stanza prima delle 20,30 del 14 febbraio, quando i soccorritori accertarono che per Pantani non c’era ormai più nulla da fare. Agli atti del processo contro i due spacciatori Fabio Miradossa e Ciro Veneruso – hanno patteggiato condanne rispettivamente a 4 anni e 10 mesi e 3 anni e 10 mesi – c’è un video girato dai poliziotti della Scientifica che comincia alle 22,45 del 14 febbraio e termina all’1.01 del 15 febbraio. Il timer fissa dunque la durata in due ore e 56 minuti ma il «girato» è di soli 51 minuti e termina prima dalla fine dell’ispezione. Chi ha effettuato i «tagli»? Perché ci sono dei «salti» tra una scena e l’altra? Eppure è proprio il filmato a fornire le tracce più evidenti di una ricostruzione diversa da quella ufficiale mostrando indizi evidenti per accreditare l’ipotesi che, almeno in un certo lasso di tempo di quel giorno, Pantani non sia stato da solo. Ma anche per dimostrare quelle che appaiono alcune «lacune» nelle indagini. L’avvocato della famiglia ha infatti denunciato come nel fascicolo processuale non risulta la rilevazione di alcuna impronta digitale durante il lungo sopralluogo. E questo nonostante ci fossero molti mobili spostati, alcuni rotti, un filo dell’antenna tv legato come un cappio e pendente dal soppalco, una confusione pressoché totale. Lo stesso filmato mostra svariate dosi di cocaina. Secondo quanto accertato al processo, Pantani aveva acquistato 20 grammi di droga. La nuova relazione medico-legale, firmata dal professor Francesco Maria Avato e basata sulla rilettura delle analisi effettuate dieci anni fa, assicura invece che Pantani aveva assunto cocaina in quantità sei volte maggiore di quanto una persona possa sopportare e altra sia rimasta inutilizzata. Proprio questo accredita l’ipotesi che qualcuno l’abbia portata durante la giornata. Nella denuncia si parla di «costrizione a bere cocaina sciolta nell’acqua», una circostanza difficile da dimostrare e che probabilmente costituirà uno dei punti più controversi della nuova inchiesta. Strano anche quanto accertato riguardo ai pasti consumati da Pantani. Secondo la versione ufficiale l’ultimo cibo ingerito è l’omelette portata da Laghi. Per l’autopsia Pantani ha invece fatto colazione, i resti vengono rinvenuti nello stomaco. I dipendenti del residence hanno sempre dichiarato che il Pirata non ha mai lasciato l’appartamento e che nessuno è entrato. E allora come ha fatto a procurarsela? In realtà rileggendo quanto verbalizzato all’epoca, il legale ha scoperto il racconto di un custode che ha spiegato come fino alle 21 fosse «possibile entrare passando dal garage». E dunque potrebbe essere proprio questa la strada percorsa da chi voleva incontrare il campione senza essere visto. E che potrebbe aver lasciato almeno due indizi: nel bilocale non c’era il frigobar, ma è stata trovata la carta di un cornetto Algida; Pantani era arrivato con un piccolissimo bagaglio, «una sporta», ma lì c’erano tre giubbotti pesanti. Un quadro indiziario nuovo, lo definiscono gli stessi inquirenti che prima di riaprire il fascicolo, sia pur come «atto dovuto», hanno avuto un lungo incontro con il legale della famiglia. E adesso dovranno concentrarsi sulla visione del filmato incrociata con la relazione medico-legale che evidenzia due punti: il corpo trascinato sulle tracce di sangue e dunque spostato dopo il decesso; lesioni ed ecchimosi incompatibili con l’autolesionismo, sia pure in una persona completamente stravolta dalla cocaina.

Caso Pantani, depistaggi e buchi nell’indagine. “Quando lo trovammo non c’era sangue”. I racconti dei primi soccorritori contraddicono la perizia fatta all’epoca dal medico legale. E le testimonianze di chi lo vide nelle sue ultime ore si smentiscono a vicenda, scrivono Marco Mensurati e Matteo Pinci su La Repubblica”. Testimonianze stridenti, perizie divergenti e protagonisti dimenticati s’intrecciano intorno alle ultime ore di vita di Marco Pantani. E con il passare dei giorni i dettagli inquietanti sembrano quasi sommarsi, alimentarsi uno con l’altro, accentuando i depistaggi, le lacune nella versione ufficiale, ma anche nei racconti di chi per primo intervenne sul corpo dell’atleta, fino a quelli dei testimoni della primissima ora. “Non c’erano tracce di sangue”. Così lo raccontano i medici del 118, i primi a intervenire dopo la segnalazione del portiere del residence Le Rose. Eppure, i filmati della polizia dimostrano come Pantani sia stato trovato riverso a terra in una pozza di sangue, il viso una maschera rossa. La lettura dell’esame autoptico rivela poi anche una serie di ferite sul corpo, sulla fronte, sul naso, intorno al capo. Eppure, chi arriva per primo nella stanza D5 di viale Regina Elena, a Rimini, proprio non riesce a ricordarle: “Marco non aveva alcuna ferita sul viso”. Incongruenze curiose, come le divergenze sulle macchie di sangue presenti nella stanza. Quegli schizzi secondo la perizia del professor Avato allegata alle indagini condotte dal legale della famiglia, Antonio De Rensis, non possono essere frutto della caduta. Non la pensava così però il dottor Fortuni, il medico legale che condusse l’autopsia, seppur 48 ore dopo il ritrovamento del corpo: volevano lui, anche a costo di doverlo aspettare due giorni. E pensare che Fortuni e Avato hanno sostenuto tesi opposte anche sul caso Aldrovandi, controverso almeno quanto la morte del Pirata: il primo consulente della difesa dei poliziotti sotto accusa, l’altro per la famiglia del giovane. Ma incollato come un’ombra al nome di Fortuni è rimasto soprattutto il dettaglio macabro del cuore del Pirata portato via dal laboratorio e custodito in casa per una notte, per evitare furti. Un pezzo del cuore del campione di Cesenatico che rappresentava “un corpo di reato, sotto la mia custodia in qualità di perito, che ovviamente non poteva andare né perso né distrutto”. Procedura non inconsueta, eppure oggetto di attenzioni quasi morbose. Il cuore di un uomo farneticante: così almeno lo raccontavano le indagini dell’epoca. Un ritratto che nasce dalle dichiarazioni notturne di tre ragazzi, giovani, 27 anni appena: si presentano spontaneamente alle 23.30 della notte di San Valentino per consegnare la loro verità sul campione scomparso a un ispettore mentre nella stanza D5 del residence Le Rose si muovono ancora inquirenti al lavoro e civili, filmati impietosamente dall’occhio delle telecamere della polizia. Avevano incontrato Pantani, dicono, la sera prima, sul pianerottolo, intorno alle 22.15. Avevano impiegato un po’ a riconoscerlo, poco curato, una barba sciatta. Lo avevano sentito dire cose surreali, lo avevano salutato con un generico “a domani”, salvo sorprendersi nel sentirlo rispondere in dialetto “non so se ci sarà un domani per me”. Visibilmente turbato, poco lucido e tragicamente inquieto, quasi consapevole del proprio destino irreversibile. Testimonianza ritenuta credibile al punto da essere inserita nella consulenza medico legale. Quella testimonianza diventa l’elemento per dare coerenza alla tesi di un Pantani in preda al delirio, quello che avrebbe potuto demolire la stanza del residence o barricarsi in camera e drogarsi fino a morire. Apparentemente affermazioni utili a raccontare lo sviluppo delle ultime ore del campione caduto. Eppure, nessuno sentirà la necessità di ascoltarli ancora: né durante le indagini, né durante il procedimento giudiziario. Curioso, almeno. Viene da chiedersi perché, al contrario, durante la pur fugace indagine non sia venuto in mente a nessuno di ascoltare se avesse qualcosa dire l’ultima persona che, con certezza, ebbe occasione di incontrare Pantani vivo. Eppure era proprio lì, a pochi metri dalle stanze ormai demolite e rivoluzionate del Le Rose. Oliver Laghi è il ristoratore a cui viene ordinata l’ultima cena del Pirata, un’omelette prosciutto e formaggio, qualche succo di frutta che prende dal concierge dove scopre che il cliente da servire, stavolta, è il suo idolo. Tra le 21 e le 21.30, Pantani gli apre la porta: se qualcuno lo avesse sentito all’epoca, Laghi avrebbe detto quello che dice soltanto ora. “Non aveva la faccia di chi voleva suicidarsi”, dice. Racconta che emozionato per quell’incontro inatteso gli chiese di poter tornare con il figlio, che sarebbe impazzito per un suo autografo. Marco gli diede una pacca sulla spalla e rispose “va bene, ci vediamo domani”. L’esatto opposto di quello che solo un’ora dopo, un Pantani sconvolto e delirante avrebbe detto ai tre ragazzi. Almeno stridente, se non inquietante. In un’ora scarsa, Pantani avrebbe dovuto mangiare la cena ricevuta per poi imbottirsi di cocaina e uscire dalla stanza per apparire instabile, in preda a manie persecutorie, perso in discorsi surreali ai giovani che lo incontrano sul pianerottolo. Rimini parla, racconta, aspetta. La pm Elisa Milocco dalle vacanze genovesi inizia a cercare risposte.

Pantani, il giallo dei pusher. Contatti frenetici al telefono mentre Marco era già morto. L’indagine per omicidio: cellulari impazziti tra le 13 e le 20. Il gelo del magistrato che archiviò: per me parlano gli atti. Si riparte da zero: il fascicolo affidato a una giovane pm, l’ultima arrivata nella procura. Dall’esame dei tabulati l’ultimo mistero sulla fine del Pirata nel motel Le Rose di Rimini.Il legale della famiglia: “Possibile colmare le lacune”, scrivono Marco Mensurati e Matteo Pinci su “La Repubblica”.La nuova indagine sulla morte del Pirata ripartirà da una serie di tabulati telefonici. Numeri che si incrociano in maniera convulsa nelle ore immediatamente successive all’omicidio di Marco Pantani, in quel tragico pomeriggio del 14 febbraio 2004, e che disegnano una strana, fittissima triangolazione tra Fabio Miradossa, Ciro Veneruso – vale a dire il fornitore e lo spacciatore del ciclista (successivamente per questo condannati) – e altri numeri per il momento non meglio identificati. Cosa c’era all’origine di quel febbrile giro di chiamate rimbalzato nell’etere tra le 13 e le 20 di quel giorno? Chi sapeva cosa? Per quale motivo, di punto in bianco, due “pesci piccoli” dello spaccio in Riviera cominciano ad agitarsi in maniera scomposta? Ci vorranno mesi per saperlo. Le indagini penali, si sa, hanno tempi lunghi, specialmente quando diventano tecniche. Ma ormai la macchina si è messa in moto, e comunque vada, alla fine, una risposta definitiva sulla morte di uno dei campioni più amati di sempre dovrà pur venire fuori. Almeno questo è l’intento del procuratore di Rimini Paolo Giovagnoli. “Abbiamo appena ricevuto le carte presentate dai familiari e aperto un’indagine. È un atto dovuto quando arriva un esposto-denuncia per omicidio volontario. Leggeremo le carte, se ci sarà l’esigenza di indagini chiederemo al giudice”. Le carte, in realtà, Giovagnoli le aveva già lette la scorsa settimana facendo in tempo ad aprire il fascicolo “contro ignoti” e ad affidare l’inchiesta a una giovane fidata collega, il pm Elisa Milocco. In procura – dove tutti si nascondono dietro il più assoluto segreto istruttorio – nessuno sottovaluta la difficoltà di un cold case del genere, con una vittima tanto famosa e amata, uno scenario alternativo così suggestivo, e con dieci anni di distanza a rendere tutto, se possibile, ancor più complicato. Basti pensare che il luogo del delitto, semplicemente, non c’è più: il residence Le Rose, nella cui stanza D5 venne ritrovato, il 14 febbraio 2004, il cadavere di Marco Pantani, è stato demolito. E non è un dettaglio da poco. Molto, nella ricostruzione originaria, quella fatta a pezzi dalle indagini difensive condotte dall’avvocato Antonio De Rensis, ruotava attorno al fatto che nessuno fosse entrato o uscito in quei giorni dalla stanza di Pantani, visto che nessuno era passato per la portineria chiedendo di lui. In realtà, si è scoperto, quella stanza, così come tutte le altre in quel residence, poteva essere raggiunta comodamente e con la massima discrezione dal garage (non c’era nemmeno una telecamera di controllo). Insomma, in quei giorni chiunque potrebbe essere entrato e uscito dalla stanza di Pantani, spacciatori, vecchi amici del posto, gente venuta da Milano. Chiunque, insomma, oltre allo stesso Pantani e ai suoi eventuali assassini. Purtroppo però non sarà possibile effettuare alcun sopralluogo. Ciononostante la voglia di fare luce su un caso che da anni avvelena le acque di questa piccola procura è tanta. Ancora ieri Paolo Gengarelli, il pm della prima inchiesta, quella oggi sotto tiro ha rilasciato una dichiarazione non proprio amichevole: “Io non commento la notizia, sono un magistrato con l’abitudine di non parlare come dovrebbero fare in tanti, lascio che siano gli atti a farlo”. La scelta di affidare l’incartamento a un magistrato “nuovo” dell’ambiente, lontano per definizione da ogni possibile pressione locale non appare casuale. La strada dell’indagine a questo punto è abbastanza scontata. La dottoressa Milocco al ritorno dalle vacanze (ha chiuso ieri l’ufficio portando con sé il fascicolo) avvierà i primi accertamenti, delegando la polizia giudiziaria. Poi disporrà una nuova perizia. Il cuore delle accurate indagini effettuate da De Rensis e il suo staff è infatti la perizia medico legale del professor Francesco Maria Avato che ha parlato di “ferite non autoprodotte, ma inferte da terzi” sul corpo di Pantani, di “evidenti segni di trascinamento del cadavere”, e della “probabile ingestione della cocaina da una bottiglia di acqua” ritrovata sulla scena e “mai repertata”. Elementi che, se confermati, non lascerebbero più dubbi sull’omicidio di Pantani. Resterebbe a quel punto da rispondere alle altre domande: chi e perché ha ucciso Pantani, e chi e perché ha coperto l’assassino? Nell’istanza presentata da Rensis ci sono numerosi altri elementi che potrebbero aiutare a rispondere anche a queste domande. E i tabulati telefonici sono uno di questi. “Quando i genitori di Marco mi hanno contattato, mi sono riservato prima di capire perchè non volevo creare false illusioni ma non c’è voluto molto per comprendere che c’era molto lavoro da fare – racconta l’avvocato De Rensis ai microfoni di Sky -. La stessa consulenza scientifica è stata inizialmente un percorso esplorativo ma abbiamo capito subito che dovevamo buttarci a capofitto con una rilettura della vicenda. Sono stati mesi molto faticosi, dolorosi, pieni di tensione e speranza. Adesso sappiamo che abbiamo molto lavoro da fare insieme e mi concentro sul fatto che inizia un nuovo percorso faticoso, lungo, ma che affronteremo con determinazione massima. La prima indagine? Penso al passato soltanto in proiezione futura, sono molto concentrato su quello che dobbiamo fare”. L’esposto presentato, spiega De Rensis, “è una rilettura, un esame degli atti di indagine e processuali, c’è una corposa e approfondita consulenza scientifica, tutti elementi che convergono verso una direzione molto precisa. Ci sono state molte mancanze, molte lacune, accertamenti non fatti e una tesi seguita poche ore dopo la scoperta del corpo di Marco mai più abbandonata e che credo vada invece assolutamente rivisitata”. Ancora nessuna pronuncia su possibili sospetti: “Iniziando a fare luce sulle mancanze, sulle lacune, sulle incongruenze, sulle anomalie, credo che la strada si illuminerà da sola, il percorso sarà molto chiaro e preciso. Il perchè certe cose sono venute meno non lo devo dire io, chi fa le indagini avrà molti punti da chiarificare e credo che questo sia assolutamente possibile. Colmare le lacune credo sia possibile, le carte parlano molto, il video parla molto, leggendo le carte nel modo giusto, leggendo il video e altri dati credo che sia possibile colmare queste lacune”. “Credo che adesso inizierà un’indagine molto faticosa – conclude De Rensis – ma il procuratore capo di Rimini è un galantuomo, la dottoressa Milocco mi ha dato l’impressione di una persona molto rigorosa. C’è grandissima fiducia nell’opera della magistratura e daremo il nostro piccolo supporto perchè i fatti vengano chiarificati e la verità fattuale prevalga su quella ufficiale che penso sia molto lontana dalla verità dei fatti”.

Dr Antonio Giangrande

Presidente dell’Associazione Contro Tutte le Mafie e di Tele Web Italia

www.controtuttelemafie.it e www.telewebitalia.eu

domenica
Ago 3,2014

1

Il nuovo Dirigente Scolastico dell’Isiss “Foscolo” di Teano e del “Galilei” di Sparanise è Paolo Mesolella, Caleno, 51 anni, con lauree in Lettere, Pedagogia e Servizio Sociale; Mesolella è al suo settimo incarico di Presidenza, dopo essere stato Dirigente Scolastico a Parma, a Salerno e a Pignataro Maggiore. Al Foscolo, sostituisce il preside Cortellessa, da quest’anno in pensione. Mesolella, oltre alla scuola, ha vari interessi nell’ambito della storia locale, della letteratura, del giornalismo e del volontariato. E’ infatti Direttore responsabile del quotidiano on line www.caserta24ore.it, è Presidente dell’Archeoclub Cales, è direttore editoriale della casa editrice IlMezzogiorno, è presidente provinciale No194 ed è nel direttivo del Movimento per la pace di Agnese Ginocchio. Ha curato 15 edizioni (con relative antologie) del concorso nazionale di Poesia e Disegno “Padre Giovanni Semeria” e dirige la collana “Quaderni di storia casertana” per la quale ha pubblicato undici libri. Il suo prossimo lavoro è un saggio sull’antica Cales di Mattia Zona e Tito Livio. Ha collaborato con il Mattino e il Roma di Napoli, la Gazzetta ed il Corriere di Caserta e alle riviste: Civiltà Aurunca, Il Sidicino, Terra di Lavoro, il Carabiniere, Tuttolaghi, Archeorivista. Si è perfezionato in giornalismo presso l’IRMC, in Biblioteconomia presso l’istituto Politeia di Napoli, è stato Formatore per la Didattica della storia, Formatore per l’Irsaae e per l’Associazione Siti Reali di Napoli ed è oggi Osservatore Invalsi per i processi di insegnamento e Facilitatore CAF del Formez per le PA. Ha curato 20 antologie di poesia e libri di teatro e storia locale. Ha pubblicato tra l’alto: “Gioielleria notturna” (2000), “Testimonianze sul campo di concentramento tedesco di Sparanise” (2004), “La fabbrica delle armi bianche” (2007), Il Demanio di Calvi, il Casino, la Cappella Reale” (2008), “La guerra addosso, gli eccidi nazisti nell’Agrocaleno” (2008), “Corrado Graziadei” (2009), “L’abate Pietro Zani e l’Enciclopedia Metodica” (2010), “Il racconto del Burundi” (2011). “Antonio Iannotta e la Resistenza” (2012). “150 storie di emigrazione”. Altri interessanti saggi riguardano “La sicurezza sul lavoro”, “La pedagogia del dolore di Padre Minozzi”, “Analisi semiotiche nei Promessi Sposi”, il “Gorgia” di Platone e i saggi su Teano, Francolise e Cales su “Iter on line” della Treccani.

mercoledì
Lug 30,2014

3

Addio all’Unità. “Fine della corsa. Dopo tre mesi di lotta, ci sono riusciti”. Il titolo in prima pagina riporta parte del Comunicato di redazione e denuncia le mancate intese che avrebbero potuto salvare il quotidiano fondato da Antonio Gramsci nel 1924.Nell’editoriale intitolato “E’ la terza volta che ci spengono, ma non ci fermiamo”, il direttore, Luca Landò, spiega la scelta per il penultimo numero (l’ultimo uscirà il 1 agosto): in prima una citazione del fondatore sull’identità che avrebbe dovuto avere il giornale e una vignetta di Staino, gli unici testi a pagina due e tre, con la cronaca della giornata nella quale i soci hanno deciso di sospendere le pubblicazioni, infine 16 pagine bianche.La direzione critica anche il Partito Democratico per non aver appoggiato il progetto (affitto e successivo acquisto del ramo d’azienda) di Matteo Fago, socio di maggioranza.Per Giovanni D’Agata, presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, ancora una volta un pezzo di storia del giornalismo italiano se ne va per sempre, nella totale indifferenza di chi avrebbe potuto fare qualcosa e non è intervenuto. Un fatto di gravità inaudita, che mette a rischio un’ottantina di posti di lavoro in un momento di grave crisi dell’editoria. Lo “Sportello dei Diritti”, che ha sempre posto al centro della propria azione politica i diritti dei più deboli e tra essi quelli dei consumatori, invita il Partito Democratico e gli azionisti, a rivedere questa decisione e si dichiara al fianco dei giornalisti dell’Unità, ai quali rivolge un messaggio di vicinanza e solidarietà.

Lecce,  30 luglio 2014

                                                                                                                                                                                      Giovanni D’AGATA

I COLORI DELL’AUTUNNO

giovedì
Set 19,2013

LA NATURA PARLA

autunno-1.jpg

autunno-2.jpg

autunno1.jpg

autunno-3.jpg

autunno-4.jpg

autunno-725996.jpg

(opera di Luigi Rossetto: autunno dorato – 50×60) http://www.rossettoluigi.it

BELLA POESIA DI FILIPPO CRUDELE

Autunno

autunno-bis.jpg

Autunno

Un pastello carota,
colora con arte
ogni caduca foglia

Prima timido,
pallido, giallo;
poi arancio, rosato,
infuocato e spavaldo.

Brucia e infiamma
quel verde mantello,
che presto imbrunisce
e danzando col vento,
si disperde e svanisce

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

L’autunno è una delle quattro stagioni dell’anno. Si distinguono quello astronomico e quello meteorologico.

Autunno astronomico

L’autunno astronomico nell’emisfero boreale ha inizio il giorno dell’equinozio d’autunno, il 22 o il 23 settembre, e termina il giorno del solstizio d’inverno, il 21 o 22 dicembre. Avvicinandoci a questo periodo la parte illuminata e le ore di luce diminuiscono. Il 23 settembre i raggi del sole sono perpendicolari all’equatore e il circolo d’illuminazione passa per i poli.

Autunno meteorologico

L’autunno meteorologico inizia invece il 1º settembre e termina il 30 novembre. Viene quindi considerata come la stagione comprendente i tre mesi di settembre, ottobre e novembre nell’emisfero Nord, o quella comprendente i mesi di marzo, aprile e maggio nell’emisfero Sud.

CONSIDERAZIONI DI FINE ANNO – 2

lunedì
Dic 31,2012

GIUSEPPE BIASCO

– Il sindaco di Lampedusa è Giusi Nicolini, una ambientalista molto impegnata a difendere la sua isola bellissima dalla speculazione. La sua battaglia per difendere la Spiaggia dei Conigli

dall’abusivismo che avrebbe reso impossibile alle grandi tartarughe marine di depositare le proprie uova nella stagione della riproduzione è stata molto importante per il mantenimento di un equilibrio naturale in quella parte di Mediterraneo.

Giusi è stata eletta sindaco a maggio scorso ed ha battuto 4 concorrenti, che avevano maggiore esperienza politica, tra cui il sindaco uscente. Un successo molto importante per la combattiva Giusi, ma anche per i suoi concittadini, che in lei hanno visto la possibilità di costruire un futuro diverso per l’isola,al centro della disperazione che attraversa quel tratto di mare tra l’Africa e la Sicilia.

Il sindaco di Lampedusa ha scritto un appello e le domande, che Giusi pone alla Unione Europea, ma anche al nostro Governo ed alla politica sono particolarmente imbarazzanti e ci coinvolgono tutti. Nel suo appello alla Unione Europea scrive: slcontent

“Sono il nuovo Sindaco delle isole di Lampedusa e di Linosa, eletta a maggio, al 3 di novembre mi sono stati consegnati già 21 cadaveri di persone annegate mentre tentavano di raggiungere Lampedusa e questa per me è una cosa insopportabile. Per Lampedusa è un enorme fardello di dolore. Abbiamo dovuto chiedere aiuto attraverso la Prefettura ai Sindaci della provincia per poter dare una dignitosa sepoltura alle ultime 11 salme, perché il Comune non aveva più loculi disponibili. Ne faremo altri!

Ma rivolgo a tutti una domanda: quanto deve essere grande il cimitero della mia isola?

Non riesco a comprendere come una simile tragedia possa essere considerata normale, come si possa rimuovere dalla vita quotidiana l’idea, per esempio, che 11 persone, tra cui 8 giovanissime donne e due ragazzini di 11 e 13 anni, possano morire tutti insieme, come sabato scorso, durante un viaggio che avrebbe dovuto essere per loro l’inizio di una nuova vita. Ne sono stati salvati 76 ma erano in 115, il numero dei morti è sempre di gran lunga superiore al numero dei corpi che il mare restituisce. Sono indignata dall’assuefazione che sembra avere contagiato tutti, sono scandalizzata dal silenzio dell’Europa che ha appena ricevuto il Nobel della Pace e che tace di fronte ad una strage che ha i numeri di una vera e propria guerra.

Sono sempre più convinta che la politica europea sull’immigrazione consideri questo tributo di vite umane un modo per calmierare i flussi, se non un deterrente.”

A Natale, il sindaco di Lampedusa, insieme al parroco ed a molti volontari, ha portato la propria solidarietà ai 500 immigrati rinchiusi da mesi nel campo di “accoglienza”, che è ormai, un vero e proprio campo di concentramento, dove sono rinchiuse persone che non hanno commesso reati, sono migranti ed hanno la sola colpa di volersi allontanare dalla miseria e dalla disperazione.

In Europa goberna da molti anni una destra liberista ed anti sociale in economia, razzista e discriminatoria sul piano dei diritti umani. Il rigore su i conti pubblici corrisponde al blocco della spesa sociale per i più deboli, della accoglienza dei migranti, l’aiuto ai popoli in difficoltà economica, l’abbandono di qualsiasi politica di solidarietà per anziani e disabili.

In questo campo la continuità politica tra il Governo Berlusconi e Monti è stata mantenuta a dispetto di quello che sembrava rappresentare Andrea Riccardi, Ministro di Monti per la Solidarietà Sociale, tra i fondatori della Comunità di Sant’Egidio, dal quale, sbagliando, ci saremmo aspettati molto di più. Purtroppo anche lui, come i vecchi potenti di Comunione e Liberazione, si è fatto prendere dalla politica e dall’osservanza alla Curia Romana, così, come sempre i bisogni degli ultimi vengono messi in secondo piano. Periamo che le prossime elezioni discutano più del problema posto da Giusi, che delle alchimie politiche per rappresentare nel Governo i poteri forti della economia, delle imprese, del Vaticano e della grande finanza internazionale.

Tra i morti di Lampedusa, i giovani sardi senza lavoro accampati sotto la Regione a Cagliari, i problemi di Taranto, la insopportabile violenza contro le donne, il mancato pagamento degli stipendi negli ospedali romani, il fallimento delle aziende di trasporto a Napoli, la crisi del lavoro e le tasse da pagare, questo anno lo lasciamo con piacere al passato. Sperando che si porti via anche una politica di destra, demagogica e fallimentare, in Italia ed in Europa.

 

Raffaele Pirozzi direttore giornaleonline”www.notiziesindacali.com
domenica
Dic 30,2012

 

 

Caserta – ‘Il futuro ai giovani’ era lo slogan della fondazione promossa da Rita Levi Montalcini, la scienziata Premio Nobel alla quale 9 anni fa Caserta assegnò la cittadinanza onoraria. Un proposito e un impegno significativi, che attribuiscono a mio parere ancora più valore alla sua figura.

Queste le dichiarazioni del sindaco Pio Del Gaudio in merito alla scomparsa della scienziata Rita Levi Montalcini.

LA CRISI DEL CONSORZIO AGRORINASCE

venerdì
Dic 14,2012

Mentre si discute tanto di legalità – finanche con un simbolico “pacco alla camorra” portato nella sede del parlamento europeo – si apre la crisi del Consorzio Agrorinasce, uno dei  presidi per affermare azioni e politiche di riscatto in modo concreto nel territorio tristemente famoso come “regno di Gomorra”.
Negli ultimi anni l’attività del Consorzio – gestito da 6 comuni e dal Ministero degli Interni, con la supervisione della Prefettura – si è caratterizzata con successo nel creare nuova economia e nuovi servizi attraverso l’uso sociale e produttivi dei beni confiscati alla camorra, per lo più affidati ad imprese e cooperative sociali gestite da giovani e da associazioni non profit.
Ora si rischia la paralisi di tutte le attività per carenza di fondi, che per lo più provenivano dalle quote sociali dei comuni consorziati (Casal di Principe, Casapesenna, S. Cipriano, San Marcellino, S. Maria la Fossa e Villa Literno) e da fondi nazionali o regionali. Questi flussi si sono arenati vuoi per la crisi finanziaria che attanaglia gli enti locali, vuoi anche per un affievolito interesse da parte delle istituzioni (in primo luogo Governo e Regione Campania).
Allo stato il Consiglio di Amministrazione è bloccato (in pratica dimissionario); da molti mesi non vengono percepiti gli stipendi da parte degli operatori, i quali da tempo hanno avanzato una serie di proposte per uscire dalla situazione di stallo, per rilanciare una prospettiva di futuro di uno dei presidi reali e fondamentali per il riscatto sociale, civile e democratico di queste terre.
E’ incredibile come questa situazione di crisi si stia consumando con il silenzio e l’indifferenza di tutti quelli che dovrebbero vigilare e battersi a difesa di una delle poche buone pratiche, di una delle esperienze più innovative a livello nazionale – che molti indicano come modello da esportare anche in altre realtà.
In primo luogo dovrebbero svegliarsi gli organi di governo locali, provinciali e regionali per impedire che questa realtà venga lasciata in uno assurdo isolamento. In secondo luogo si richiede uno scatto di mobilitazione anche da parte delle associazioni più impegnate sul fronte della legalità democratica, a partire da Libera e dall’associazione Mò Basta, composta dalle più importanti organizzazioni datoriali e del movimento sindacale.
Occorre agire con urgenza, prima che la situazione precipiti fino a compromettere e bloccare tutti gli interventi in cui Agrorinasce è stazione appaltante – in primo luogo per mettere in attività tanti beni confiscati in attesa di essere ristrutturati e riutilizzati. In secondo luogo incombe il rischio che vengano revocati tanti finanziamenti, con danni enormi per il pubblico erario. Senza parlare delle tante attività di pubblica utilità come quelle dell’Università o del teatro della Legalità. Altro che pacco alla camorra! Sarebbe un duro colpo per tutto il lavoro svolto finora da tante associazioni ed imprese giovanili.
Un’altra notizia altrettanto drammatica è stata comunicata ieri dal giornale on line Notix: “Rischia di chiudere a fine anno l’Agenzia nazionale per i beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata: Infatti, il ministero dell’Economia ha espresso parere negativo alla richiesta di proroga fino al 31 dicembre 2013 della disposizione contenuta nel decreto 159/2011 che consente all’Agenzia di avvalersi del personale proveniente dalle altre amministrazioni dello Stato e di stipulare contratti a tempo determinato. Personale che, di fatto, rappresenta la quasi totalità del personale della struttura”.
E’ un lusso che non possiamo permetterci: un regalo troppo grande alle forze criminali, che negli ultimi anni hanno subito notevoli colpi dalle forze dello stato e della magistratura. Ecco un campo su cui si può misurare la volontà concreta di cambiare e di innovare, in primo luogo da parte delle  forze politiche e delle istituzioni. E’ un primo segnale serio di mobilitazione che potrebbe venire dopo la grande partecipazione registrata nelle recenti primarie.

 

Pasquale Iorio                               Caserta, 14 dicembre 2012
VP Aislo

GIORNATA INTERNAZIONALE DEL MIGRANTE

martedì
Dic 11,2012
9 dicembre 2012

Una settimana di film itineranti per Milano

أسبوع من أفلام الهجرة في ميلانو

Le associazioni Accesso Coop Sociale, Arci Milano, Associazione interculturale Todo Cambia; Soleterre – Strategie di Pace ONLUS e MEDInaTERRANEA raccolgono l’appello della Giornata di azione globale per i diritti dei migranti e invitano a FilmaMI – storie migranti verso il Global Migrants Action Day

إن جمعيات Accesso Coop Sociale ،Arci Milano (الجمعية الترفيهية والثقافية الإيطالية في ميلانو)، Todo Cambia (جمعية متعددة الثقافات)، وSoleterre (استراتيجيات السلام غيرالهادفة للربح)، وMEDInaTERRANEA (مدينة المتوسط)، تدعوكم بمناسبة يوم الحركة العالمية لحقوق المهاجرين إلى
FilmaMI – قصص المهاجرين بمناسبة يوم الحركة العالمية للمهاجرين

Film, cortometraggi ma anche appuntamenti culturali con presentazioni di libri e dibattiti verso la giornata del 18 dicembre, giornata di azione globale dedicata ai diritti dei migranti, dei rifugiati e degli sfollati. Obiettivo, in una Milano sempre più globalizzata, è quello di porre l’attenzione sul tema della migrazione e dell’accesso ai diritti sociali per i nuovi cittadini.
In occasione della seconda edizione della Global Migrants Action Day del 18 dicembre, cinque associazioni milanesi hanno unito le forze organizzando una serie di incontri culturali per avvicinare la cittadinanza alla tematica della migrazione e dei diritti spesso violati delle donne e degli uomini che ogni giorno rischiano la vita alla ricerca di una vita più dignitosa.

I temi sono quelli delle frontiere: sia quelle da attraversare come confini terrestri o marittimi sia quelle che separano un incontro fra culture ed esperienze di vita.
Ogni storia proposta e raccontata in FilmaMi vuole invece abbatterle, sia con storie di vita quotidiana, di incontro e confronto, sia con esempi di lotta e di coraggio, di primavere che sono sbocciate e che hanno lasciato i propri figli e frutti in diversi luoghi e in pagine ancora da raccontare e spiegare.
Le proiezioni avranno luogo dal 12 al 18 dicembre in diversi circoli ARCI della città (come da programma qui di seguito). L’ingresso alle proiezioni è gratuito con tessera Arci obbligatoria. Più informazioni su globalmigrantsaction.org.

PROGRAMMA: 12-18 DICEMBRE 2012

Mercoledì 12 dicembre ore 20,30
Arci Scighera – Via Giuseppe Candiani, 131 – Milano

Presentazione della seconda Global Migrants Action Day e proiezione dei cortometraggi:
– You not holiday
di Rita Maralla & Alberto Valli
Video inchiesta sulle condizioni dei profughi giunti in Italia dalla Libia dopo le primavere arabe.
– Migrati – Storie Milanesi di quotidiana integrazione
di Barbara Francoli, Lorenzo Scaccini e Giorgio Bellotto – Produzione Medinaterranea

Venerdì 14 dicembre ore 20,30
Arci Corvetto, Via Oglio 21 – Milano

Presentazione del libro di Vincenzo Mattei “Le voci di Piazza Tahrir”
Diario di una rivoluzione in Egitto raccontata attraverso i suoi protagonisti, giovani, scrittori, artisti, testimoni. A seguire dibattito con l’autore del libro e attivisti egiziani delle associazioni Giovani che amano l’Egitto di Reggio Emilia e Arci Todo Cambia di Milano.

Domenica 16 dicembre, ore 20,30
Arci Biko – Via Ettore Ponti, 40 – Milano

Proiezione del documentario “Gli Harraga di Annaba”
di Lemnaouar Ahmine
“Harraga”, in arabo, è colui che brucia le frontiere ed è il termine con il quale si denomina i migranti.
A seguire dibattito con Ahmine Lemnaouar (regista), Moez Chemkhi (attivista tunisino dell’associazione Africa Insieme di Pisa) e il collettivo femminista Le venticinqueundici.
Collegamento skype con esponenti dell’associazionismo algerino.

Lunedì 17 dicembre, ore 20,30
Arci Metissage – Via Borsieri 2 – Milano (entrata da Via De Castilla di fronte al n° 8)

Proiezione del documentario inedito in Italia “María en Tierra de Nadie” (90’) La regista salvadoregna Marcela Zamora Chamorro, tre fotografi dell’organizzazione catalana Ruido Photo ed un cronista del quotidiano digitale salvadoregno El Faro hanno percorso “la Ruta del migrante”, documentando il viaggio costellato di insidie e violenze dal profondo sud del Messico fino a nord verso gli Stati Uniti di uomini e donne “indocumentados” originari del Centro America. A seguire dibattito con Eduard Ponces (direttore della fotografia), Cynthia Rodriguez (Libera Internazionale – Responsabile Comunicazione Campagna “Pace per il Messico_Mexico por la Paz”), Valentina Valfrè (Soleterre -Responsabile Programma Diritti), un attivista salvadoregno della Comunità Salvadoregna Monsignor Romero di Milano.
Al termine Dj Set con “Latinos en Europa”.

Martedì 18 dicembre, ore 20,30
Arci Ohibo – via Benaco 1 – Milano

Giornata d’azione globale per i diritti dei migranti, rifugiati ed sfollati
Proiezione del Documentario “La Trappola”
di Lemnaouar Ahmine
Dal maggio al novembre 2009 trenta rifugiati politici si sono accampati in una piazza del centro di Milano sfidando la pioggia, il freddo e svariate cariche della polizia.
A seguire dibattito con rappresentanti del Comune di Milano, Tavolo Asilo Lombardia, esponenti dell’associazionismo e i profughi del programma Emergenza Nordafrica (ENA).
A seguire Dj set con Dj Aly Shaful

أفلام، وأفلام قصيرة، وأيضاً لقاءات ثقافية يتخللها تقديم لبعض الكتب والمناظرات، كلها أشياء سيشهدها يوم ١٨ ديسمبر، يوم الحركة العالمية لحقوق المهاجرين واللاجئين والمشردين. الهدف هو تسليط الضوء على موضوع الهجرة والحقوق الاجتماعية للمواطنين الجدد، وذلك في ظل بعداً عالمياًّ جديداً لمدينة ميلانو. وبمناسبة النسخة الثانية ليوم الحركة العالمية للمهاجرين في ١٨ ديسمبر المقبل، وحدت خمس جمعيات في مدينة ميلانو جهودها، وبدأت في تنظيم لقاءات ثقافية للتقريب بين فكرة المواطنة ومسألة الهجرة والحقوق المسلوبة للنساء والرجال الذين يخاطرون كل يومٍ بحياتهم بحثاً عن حياةٍ تضمن لهم المزيد من الكرامة. الموضوعات التي سيتم تناولها خلال هذا اليوم تتعلق بالحدود: سواء تلك التي يجب عبورها براًّ أو بحراً، أو تلك التي تعوق الالتقاء بين الثقافات والخبرات الحياتية. تهدف كل قصة سيتم عرضها في “FilmaMI (صورني)” إلى هدم هذه الحدود، سواء من خلال قصص تتحدث عن الحياة اليومية، والعديد من اللقاءات والمناقشات، وكذا من خلال أمثلة للمقاومة والشجاعة، لربيعٍ قد حل وأزهرَ ثماره وأطلق أبناءه في أماكنٍ مختلفةٍ، وصفحاتٍ كثيرةٍ لاتزال في حاجة لمن يرويها ويشرحها. سيتم عرض هذه المواد الفيلمية في الفترة ما بين ١٢ و١٨ ديسمبر في مقار مختلفة للجمعية الترفيهية والثقافية الإيطالية (ARCI) في ميلانو (وذلك وفقاً للبرنامج التالي). الدخول لمشاهدة الأفلام مجاني، ولكن لابد من تقديم كارنيه الجمعية الترفيهية والثقافية الإيطالية ARCI. لمزيد من المعلومات، يمكنكم زيارة الموقع الإلكتروني globalmigrantsaction.org.

البرنامج: ١٢-١٨ ديسمبر ٢٠١٢

الأربعاء ١٢ديسمبر، الساعة ٨:٣٠ مساءً العنوان: Arci Scighera – Via Giuseppe Candiani, 131 – Milano

تقديم اليوم الثاني للحركة العالمية للمهاجرين وعرض الأفلام القصيرة: – You not holiday (لستَ في إجازة) لـ ريتا مارالا وألبيرتو فالي تحقيق مصور حول ظروف اللاجئين الذين وصلوا إيطاليا قادمين من ليبيا في أعقاب الربيع العربي. – Migrati (هاجِر) – قصص يومية عن الاندماج في ميلانو بطولة باربارا فرانكولي، لورينتسو سكاتشيني، وجورجو بيلوتو – إنتاج MEDInaTERRANEA

الجمعة ١٤ ديسمبر، الساعة ٨:٣٠ مساءً العنوان: Arci Corvetto, Via Oglio 21 – Milano

تقديم كتاب فيتشينتسو ماتِّي “أصوات ميدان التحرير” مذكرات الثورة المصرية يحكيها أبطالها، شبابها، كتابها، فنانوها، إضافةً إلى آخرين ممن شهدوا هذه الثورة المجيدة. يتلوه مناظرة مع مؤلف الكتاب ونشطاء مصريين تابعين لجمعية شباب يحب مصر في Reggio Emilia وArci Todo Cambia في ميلانو.

الأحد ١٦ ديسمبر، الساعة ٨:٣٠ مساءً العنوان: Arci Biko – Via Ettore Ponti, 40 – Milano

عرض الفيلم الوثائقي “Gli Harraga di Annaba” (حراقة عنابة) لـ ليمنور أحمين “Harraga” تعني باللغة العربية مَن يحرق الحدود، وهو لفظ يطلق على المهاجرين. بعد الانتهاء من عرض الفيلم، ستقام مناظرة مع أحمين ليمنور (المخرج)، مُعِزّ شمخي (ناشط تونسي تابع لجمعية Africa Insieme (أفريقيا معاً) في بيزا) والجمعية النسائية Le venticinqueundici. ستكون هناك إمكانية التواصل عبر Skype بممثلي الجمعيات الجزائرية.

الإثنين ١٧ ديسمبر، الساعة ٨:٣٠ مساءً العنوان:Arci Metissage – Via Borsieri 2 – Milano الدخول من جهةVia De Castilla di fronte al n° 8 عرض الفيلم الوثائقي الذي لم يعرض بعد في إيطاليا “María en Tierra de Nadie” (٩٠’) المخرجة السالفادورية مارتشيلا زامورا شامورُّو، وثلاث مصورين من المنظمة الكاتالونية Ruido Photo، وصحفي بالجردية الرقمية السالفادورية El Faro، كل هؤلاء جابوا “la Ruta del migrante”، وقاموا بتوثيق الرحلات التي يقوم بها رجال ونساء “indocumentados” من وسط أمريكا، تلك الرحلات المحفوفةً دائماً بالمخاطر والعنف بدءاً من أعماق جنوب المكسيك إلى الشمال تجاه الولايات المتحدة. يلي عرض الفيلم مناظرة مع إدوارد بوسيس (مدير التصوير)، سينثيا رودريجيز (المسئولة الإعلامية لحملة “Pace per il Messico_Mexico por la Paz” “السلام للمكسيك”)، فالانتينا فالفريه (Soleterre – مسئولة البرنامج الحقوقي)، بالإضافة إلى ناشط سالفادوري تابع للجالية السالفادورية في ميلانو التي يترأسها كبير الأساقفة روميرو. وفي النهاية، دي جي مع “Latinos en Europa” (اللاتينيون في أوروبا).

الثلاثاء ١٨ ديسمبر، الساعة ٨:٣٠ مساءً العنوان: Arci Ohibo – via Benaco 1 – Milano يوم الحركة العالمية للدفاع عن حقوق المهاجرين واللاجئين والمشردين عرض الفيلم الوثائقي “La Trappola” (الفخ) لـ ليمنور أحمين خلال الفترة من مايو إلى نوفمبر ٢٠٠٩، تمكن ثلاثون لاجئاً سياسياًّ من البقاء على قيد الحياء في إحدى ميادين وسط ميلانو، متحدين الأمطار، والبرد، ومداهمات قوات الشرطة المتلاحقة. يلي عرض الفيلم مناظرة مع ممثلي بلدية ميلانو، وTavolo Asilo Lombardia (مائدة اللجوء بلومبارديا)، فضلاً عن ممثلين لائتلاف جمعيات اللاجئين وبرنامج شمال إفريقيا للطواريء (ENA). يلي ذلك دي جي ع

Categories