Cancello ed Arnone News

Di Matilde Maisto

Archive for the ‘Caiazzo’ Category

lunedì
Set 15,2014

1

 

Prima una messa celebrata da don Giovanni Fusco, poi un incontro pubblico nell’accogliente piazza di Cesarano intitolata a Wojtila. Caiazzo ha ricordato la mistica Teresa Musco e ascoltato con attenzione e coinvolgimento le parole di Paolo Brosio, giornalista e conduttore, in città soprattutto nei panni di “peccatore convertito”.

2

Ha raccontato il viaggio a Medjugorje che gli ha cambiato e stravolto la vita, l’importanza di recitare il Rosario nelle famiglie, dei valori, delle sofferenze come viaggio verso la salvezza, il suo amore per la Chiesa, per sua mamma ultra 90enne e per la caiatina Musco, alla quale ha dedicato circa 70 pagine del suo ultimo libro ‘Raggi di Luce’.

3

Un evento organizzato dall’Associazione della frazione Giovanni Paolo II guidata dal presidente, assessore provinciale e vicesindaco Stefano Giaquinto il quale ha raccontato di aver incontrato l’autore a Caserta (in un convegno lo scorso mese di marzo scorso nell’Istituto Sant’Antida di Caserta, tra le religiose dell’Istituto suor Dorina, al secolo Fortunata Musco, sorella di Teresa, ndr.) e di avergli proposto proprio un’iniziativa a Caiazzo.  “Sosteniamo Paolo nella sua ricerca della verità – commenta Giaquinto – Vogliamo guardare con fede il caso Musco ma soprattutto imitare l’amore e la carità di una nostra concittadina. L’inizio di un percorso, un motivo di slancio per un futuro riconoscimento della Santità di Teresa”.

4

“Qui a Caiazzo avete un giacimento di petrolio spirituale di inestimabile valore – ha sottolineato Brosio con passione, emozione e commozione – la  Chiesa è fatta di preti e vescovi ma anche di laici, voi. Basta con il silenzio, apriamo il cuore alla speranza, le notizie di Teresa, le buone notizie di Teresa vanno raccontate”. Ha definito Teresa Musco “Padre Pio in gonnella” e “figlia della vostra terra”, Caiazzo come Pietrelcina: “E’ ora che il mondo sappia chi era Teresa Musco, una donna che ha vissuto la sua vita con umiltà e difendendosi dalla calunnia e dalla diffamazione. Vox populi, vox dei – ha aggiunto Brosio incitando i cittadini di Caiazzo a raccogliere testimonianze e racconti su Teresa perché come reporter si è detto alla ricerca di indizi di santità pure e trasparente – Teresa è un dono del Signore, una prediletta di Gesù Cristo, arriverà la Provvidenza, sono sicuro che il segnale della riscossa è Caiazzo”.

5

Brosio ha inoltre invitato il folto pubblico presente alla preghiera e a contribuire alle sue missioni aderendo a pellegrinaggi e altre iniziative, gli hanno fatto eco gli altri presenti, don Giovanni Fusco, la sorella di Teresa suor Dorina, e il dott. Franco Guarino, biologo che ha studiato numerosi casi di lacrimazione della mistica, un analista che ha conosciuto e riscoperto nel tempo Teresa e che racconta in ogni occasione, con Padre Franco Amico, presidente della Fondazione Teresa Musco, la vita e la figura di una delle più grandi sante della storia della Chiesa. Soddisfazione è stata espressa dagli organizzatori, dal presidente Giaquinto e a tutti gli altri componenti dell’Associazione:  Pasquale Simeone (vicepresidente), Domenico Senese (segretario), Antonio Accurso (tesoriere) e i consiglieri Angelo Friello, Gennarino e Gennaro Matarazzo. Hanno partecipato all’interessante incontro l’amministrazione comunale con esponenti di maggioranza e opposizione, e numerosi cittadini. Spettatrice in prima fila Teresa, da Lassù.

6

7

8

9

sabato
Set 13,2014
1

Domenica 14 settembre nella frazione Cesarano di Caiazzo Paolo Brosio presenterà il suo libro “Raggi di luce”, un testo che contiene oltre 60 pagine dedicate alla caiatina Teresa Musco. L’appuntamento alle ore 19 in piazza Giovanni Paolo II, la piazza che porta lo stesso nome dell’associazione organizzatrice dell’evento. Questo il post pubblicato sul blog personale dell’autore per annunciare la presentazione: “Cari amici, domenica 14 settembre sarò a Caiazzo per ricordare Teresa Musco, la mistica nata proprio in questo piccolo comune in provincia di Caserta, molto amata in Campania e della quale ho raccontato l’incredibile e drammatica storia nel mio ultimo libro “Raggi di Luce” Edizioni Piemme Mondadori. L’incontro è organizzato dall’Associazione Giovanni Paolo II il cui presidente, il dott. Stefano Giaquinto, Vicesindaco del comune di Caiazzo, ha voluto coinvolgere anche la parrocchia San Nicola de Figulis con la celebrazione, alle ore 18.00, della Santa Messa presieduta dal parroco don Giovanni Fusco. A seguire, alle ore 19.00  terrò la mia testimonianza nella Piazza intitolata a Giovanni Paolo II, nella frazione di Cesarano, dove ripercorreremo insieme la vita di Teresa Musco che, da sempre, considero una delle più grandi mistiche del ‘900. Vi aspetto!”.

giovedì
Set 11,2014
 2

“Strada provinciale 336 chiusa al traffico dei mezzi pesanti”. L’ordinanza è stata emessa dal dirigente del Settore Viabilità della Provincia di Caserta, ente che dopo sopralluoghi e confronti tra tecnici ha relazionato sullo stato dello smottamento dell’arteria stradale ex Anas causato dalle recenti piogge e ha agito con una soluzione temporanea tempestivamente, così come aveva promesso. Una disposizione frutto del lavoro sinergico del presidente Domenico Zinzi con i due assessori, all’Agricoltura Stefano Gianquinto tra l’altro vicesindaco del comune di Caiazzo, comune interessato dallo smottamento, e alla Viabilità, Francesco Zaccariello. “Il divieto di transito nei due sensi di marcia – fa sapere Giaquinto – è diretto agli autocarri con portata superiore ai 35 quintali nel tratto compreso tra il km 40+150, incrocio con la Strada Provinciale 198 Santa Lucia, al km 49+800 a decorrere da oggi (11 settembre) fino al completamento dei lavori di ripristino dello stato dei luoghi, assicurando comunque l’emergenza. Il traffico superiore a 35 quintali in direzione Caiazzo – Piedimonte Matese sarà deviato sulla Strada Provinciale n. 49 Castel Campagnano – Piana di Monte Verna e sulla Strada Provinciale 198 Santa Lucia – Montegarofalo. Un divieto inevitabile e necessario – conclude l’assessore all’Agricoltura – per evitare che il traffico dei mezzi pesanti possa pregiudicare la stabilità della strada e inibire anche il traffico veicolare. I tempi non saranno certamente brevi, intanto gli uffici stanno provvedendo a verificare una soluzione progettuale idonea a risolvere il problema”.

giovedì
Set 11,2014

Microsoft Word - MANIFESTO 2014 a4.docx

CAIAZZO – Cerimonia di apertura questo pomeriggio del concorso “I piatti tipici del medio Volturno”, giunto quest’anno alla sua quinta edizione e promosso come sempre dalla Pro Loco Caiazzo, unitamente al coordinamento territoriale delle Pro Loco dislocate negli 11 comuni del comprensorio del Monte Maggiore ed in sinergia con altri enti ed istituzioni, come Regione e Provincia, e associazioni a carattere locale e provinciale, tra cui Coldiretti, Città Slow, Città dell’Olio, Slow Food Volturno.

L’iniziativa sarà presentata alla stampa e agli operatori del settore della ristorazione e dell’enogastronomia locale coinvolti nel percorso che toccherà decine di strutture ristorative ed aziende agricole produttrici delle eccellenze tipiche locali dell’intero comprensorio del medio Volturno, a partire dalle ore 18 di oggi all’interno della sala consiliare del comune, alla presenza del presidente dell’associazione Pro Loco Caiazzo Giovanni Marcuccio, del sindaco Tommaso Sgueglia, degli assessori provinciali all’Agricoltura Stefano Giaquinto e al Turismo Gabriella D’Ambrosio, del commissario dell’Ente Provinciale per il Turismo di Caserta Lucia Ranucci, del presidente dell’Unpli Campania Mario Perrotti e del commissario delle Pro Loco Unpli di Terra di Lavoro Nicola Marano, della coordinatrice del concorso Maria Grazia Fiore e della portavoce delle Pro Loco del Medio Volturno Caterina Coletta. Padrino di questa quinta edizione del concorso sui piatti tipici sarà Antonio Lucisano, direttore del Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana Dop, un prodotto che sarà presente in molte delle pietanze che saranno servire nei vari appuntamenti, al termine dei quali saranno giudicati i migliori ristoranti ed i prodotti più aderenti al territorio.

“Il progetto ha visto la prima edizione nel 2007 – dichiara l’ideatrice Maria Fiore – ed ha quali obiettivi la promozione e la valorizzazione del territorio attraverso la conoscenza dei prodotti tipici presenti nell’area geografica di interesse e somministrati dal mondo della ristorazione locale; la creazione di un circuito di qualità denominato ‘Il Circuito dei piatti tipici del Medio Volturno’ ed, infine, la realizzazione di un ricettario dedicato alla cultura gastronomica locale, punto di avvio per la creazione di eventi legati ai prodotti tipici locali e a quelli che saranno individuati quali ‘piatti tipici’ territoriali”.

sabato
Set 6,2014

3

 

Incontro organizzato a Cesarano il 14 settembre dall’Associazione Giovanni Paolo II

 

CAIAZZO – Nacque a Caiazzo ma, dopo il rifiuto del padre di accettarla in casa, partì per Caserta e vi restò fino alla morte. Oggi il ricordo di Teresa Musco è vivo nei due centri campani e anche in un capitolo del libro di Paolo Brosio, “Raggi di Luce”, un testo scritto in 14 mesi e in distruzione dallo scorso mese di marzo che sarà presentato dall’autore domenica 14 settembre a Caiazzo. L’incontro pubblico organizzato dall’Associazione Culturale Giovanni Paolo II, in collaborazione con la parrocchia San Nicola de Figulis – San Pietro del Franco, si terrà alle ore 19 nella piazza della frazione Cesarano ma sarà preceduto (ore 18) da una santa messa officiata da don Giovanni Fusco. La vita di Teresa Musco, a mio personale e soggettivo giudizio – scrive l’autore sul suo blog sulla caiatina – è una delle più grandi mistiche di tutta la storia della chiesa del ‘900 e, come sempre in questi casi, in quanto tale molto carismatica, combattuta ed osteggiata, lei e i sacerdoti che l’hanno amata fino alla fine dei suoi giorni e non solo, anche dopo la morte”. “Lo scopo del mio lavoro – continua Brosio – è riportare a galla la verità, dimostrare a tutti che i sacerdoti che hanno accompagnato Teresa per tanti anni e le persone perbene ed oneste che l’hanno aiutata, devono essere riabilitate e che Teresa Musco non solo è una delle più grandi sante della storia moderna della Chiesa, ma ha avuto da Dio carismi straordinari, paragonabili solo ai grandi della Chiesa come Padre Pio, Madre Speranza e tutte le mistiche più rilevanti, paragonabili alla Beata Emmerick e a Santa Faustina Kowalska”. Gli organizzatori, giovani e volontari super attivi della frazione Cesarano di Caiazzo, invitano i cittadini a partecipare e a non mancare ad un appuntamento con la storia, la storia di una grande concittadina. In caso di pioggia la manifestazione si terrà nella stessa chiesa di San Pietro del Franco.

 

lunedì
Gen 7,2013

images logo di caiazzo

CAIAZZO – (7 gennaio 2013) Patrocinio morale e concessione gratuita del Piccolo Teatro Jovinelli: l’amministrazione comunale di Caiazzo ha accolto la proposta  della Compagnia amatoriale dei “Tragicamente Comici” – Volontari del Sorriso. Dopo i debutti presso il convento delle Suore della Carità di Napoli “Regina Coeli”, l’Auditorium della Scuola “G. Aurigemma” di Monteforte Irpino e il convento di S. Francesco nel Comune di Serino, il teatro della solidarietà farà tappa nel comune casertano retto dal sindaco e assessore provinciale Stefano Giaquinto sabato 12 gennaio ore 17,30. Sotto la direzione artistica dell’attore Maurizio Merolla, andrà in scena “Storie ridicole”, tre atti unici scelti dal repertorio classico del teatro comico napoletano. “Circa 25 attori, volontari del sorriso, abbandoneranno per poche ore le proprie attività professionali e familiari di sempre, per esprimere con passione e talento puri, il proprio desiderio di donarsi agli altri – spiega l’organizzazione – tra la eterogenea formazione composta da impiegati, casalinghe, vigili del fuoco, ex colonnelli in pensione, professoresse, giovani studenti, liberi professionisti, spicca la sorprendente partecipazione di un diversamente abile”. Oltre a regalare ore di buonumore e spensieratezza a platee bisognose di sorriso terapia, il progetto “Città del Sorriso” è impegnato a sensibilizzare e sostenere attività culturali e di solidarietà per la crescita, lo sviluppo e la promozione del territorio. Un’iniziativa che il sindaco, su proposta dell’assessore alla Cultura e vicesindaco Tommaso Sgueglia, ha apprezzato e condiviso.

venerdì
Gen 4,2013

Stefano Giaquinto

CAIAZZO – E’ comune capofila per il progetto di assistenza domiciliare “Domus” avviato da maggio del 2012 in partenariato con Alvignano e Castel Campagnano, e i comuni beneventani di Limatola e Sant’Agata de’ Goti (45 i destinatari, soggetti adulti dipendenti pubblici e pensionati INPS, gestione ex INPDAP, nonché per i loro coniugi conviventi e i loro familiari di primo grado in condizione di non autosufficienza). Conserverà il ruolo di ente in testa anche in un altro importante progetto, un’idea a sostegno di anziani e pensionati molto simile alla precedente ma che vedrà Caiazzo al primo posto, non su 5 ma su 16 comuni del ‘vecchio’ Ambito C6. “Un aiuto concreto – spiega il sindaco e assessore provinciale Stefano Giaquinto – nella cura delle persone anziane.  Progetti come questi dimostrano l’importanza di organizzare politiche che siano in grado di favorire l’assistenza nella rete territoriale dei servizi alla persona”. Il progetto è gestito dall’Inps nell’ambito di iniziative sociali in favore dei propri assistiti non autosufficienti. L’Ente seleziona e finanzia progetti sperimentali ed innovativi di assistenza domiciliare che possano divenire “best practice” nell’ambito dell’Home Care nazionale ed internazionale. “Il progetto Domus è stato prorogato, l’altro è stato già approvato – conclude soddisfatto il primo cittadino – partirà dal prossimo 1° giugno e interesserà 90 utenti e Caiazzo, ancora una volta, sarà coordinatore tra tutti i comuni aderenti”. Un’ulteriore dimostrazione di quanto il paese guidato da Giaquinto abbia nel tempo acquisito una posizione centrale e strategica per tutto il territorio dell’Alto Casertano, e di quanto l’Alto Casertano sia foriero di iniziative, territorio che da novembre, dopo tanta attesa, ha un rappresentante in seno al consiglio provinciale di Caserta, Stefano Giaquinto appunto, nominato di recente assessore all’Agricoltura.

 

domenica
Dic 30,2012

maggioranza Giaquinto

Giaquinto

CAIAZZO – Ha scelto il ‘caldo’ e familiare periodo natalizio per incontrare i cittadini, augurargli buon 2013 e per tirare le somme dell’attività amministrativa del 2012 e della sua esperienza in Provincia fino alla più recente nomina ad Assessore all’Agricoltura. L’assessore provinciale e sindaco Stefano Giaquinto, sostenuto dalla sua maggioranza targata Uniti per Caiazzo, ha tenuto un incontro pubblico venerdì 28 dicembre presso la Taverna degli Amici. Il locale è stato occupato da una copiosa rappresentanza di cittadini, elettori dell’Alto Casertano, amministratori di comuni vicini, amici provenienti anche da Caserta e dintorni. Tutti in silenzio con espressioni di orgoglio e compiacimento hanno ascoltato l’introduzione del presidente del consiglio comunale, avvocato Antonino Puorto, e poi l’intervento di Giaquinto. Parole semplici e precise che non hanno risparmiato ringraziamenti e gratitudine nei confronti di tutti i componenti dei gruppi che nelle sue consiliature (Giaquinto è sullo scadere del secondo mandato) lo hanno appoggiato e incoraggiato per il conseguimento di importanti traguardi e obiettivi, partendo dal 60 per cento conseguito nella raccolta differenziata. “Una lista lunga di opere e di progetti che abbiamo collezionato in dieci anni di amministrazione” ha ammesso l’assessore-sindaco che ha annunciato la sua candidatura alle prossime elezioni di primavera “nel segno della continuità e della coerenza con quanto fatto finora”. “Sono certo che insieme – ha aggiunto – continueremo questo lavoro, consideriamo per quanto riguarda il 2012 il non aumento dell’Imu, dal 2005 non è più aumentata la Tarsu, nessun rincaro per la tassa delle risorse idriche”. Snocciolate anche tante novità in termini di viabilità raggiunte in sinergia con l’amministrazione provinciale: “E’ stata da qualche giorno appaltata la strada che collega Caiazzo a Ruviano, partiranno a breve i lavori che interesseranno la rotatoria nei pressi del Ponte Margherita, pressing anche sulla variante ad Alvignanello”. Passaggio inevitabile anche sul Piano Urbanistico (“la città di Caiazzo non è fornita di un piano regolare generale, dal 26 luglio con l’approvazione del Ptcp i comuni, quindi anche noi, siamo obbligati a comunicare nei prossimi 18 mesi la redazione dei Puc”) sull’edilizia scolastica (con chiaro riferimento al dimensionamento), sull’ambiente (vedi il reclutamento di ragazzi da smistare in comuni di Terra di Lavoro) e sulla promozione dei prodotti tipici del territorio (progetto del marchio d’area ‘ripreso’). Giaquinto ha rimarcato l’importanza dell’ente provincia nella gestione di funzioni e servizi e la posizione di comune capofila raggiunta dalla città di Caiazzo grazie alla caparbietà e alla presenza degli amministratori in numerosi progetti e iniziative. Un discorso di proiezione e di buoni propositi per il 2013, “un anno che ci vedrà impegnati per il bene della comunità e del territorio”.

venerdì
Dic 28,2012

 

CAIAZZO – Scade il prossimo 31 dicembre il contratto che l’Amministrazione comunale aveva stipulato con i Lavoratori Socialmente Utili (LSU). La Segreteria Regionale della Cisas, in occasione delle nuove disposizioni di legge, rivolge un nuovo appello a tutte le Amministrazioni locali, particolarmente quelle comunali, affinché deliberino al più presto la proroga delle attività socialmente utili e, quindi, la proroga di tutti i lavoratori Lsu attualmente in servizio. Tali delibere sono necessarie per evitare che i lavoratori si trovino, dopo anni, improvvisamente senza alcun lavoro, visto anche la tendenza di stabilizzare gradualmente i predetti lavoratori, anche in considerazione dei posti attualmente vuoti e da ricoprire in ogni Amministrazione Pubblica. La Segreteria della Cisas si appella alla sensibilità dei vari Amministratori affinché, deliberando per la proroga, possano portare un po’ di serenità ai lavoratori precari in questo periodo di festività.

giovedì
Dic 27,2012

Stefano Giaquinto

 

CAIAZZO – “L’elezione a consigliere provinciale del 2010 e la recente nomina ad Assessore provinciale con delega all’Agricoltura è un importante risultato politico che la città di Caiazzo e il territorio attendevano“. Desidera condividere il traguardo con i “suoi” cittadini e non solo. L’assessore provinciale con delega all’Agricoltura Stefano Giaquinto sta mettendo a punto in queste ore un incontro, un confronto pubblico che sarà ospitato dalla Taverna degli Amici venerdì 28 dicembre 2012 a partire dalle 19.30. “Chiuderemo insieme il 2012 e apriremo le porte al 2013, un anno che si presenterà con nuove opportunità per il territorio di Terra di Lavoro nell’ottica di una ripresa economica”, ha scritto il sindaco Giaquinto nella lettera-manifesto affissa in città e dintorni. Dieci anni di lavoro (Giaquinto è alla scadenza del secondo mandato da primo cittadino), progetti approvati, problemi affrontati e risolti, programmi per il 2013. Il sindaco-assessore farà il punto delle cose fatte e di quelle da fare annunciando obiettivi futuri.

Categories