Cancello ed Arnone News

Di Matilde Maisto

Archive for the ‘Cancello ed Arnone’ Category

venerdì
lug 4,2014

 Pasqualino Emerito: “Sul territorio dove ha competenza la nostra polizia municipale c’era”

Il sindaco: “Oltre i confini comunali non spetta a noi svolgere il controllo stradale”

 2
 Nella foto Emerito, il municipio e Tessitore

CANCELLO ED ARNONE – Il percorso dei “battenti” che, nel giorno della Madonna delle Grazie, da Cancello ed Arnone, alle 5 del mattino, si dirigono fino alla chiesa di S.Andrea del Pizzone, ormai rappresenta un’usanza consolidata.  Dopo la vicenda tirocinio anche questa tradizione ha offerto, in paese, spunto per intavolare e mostrare disappunti. Stavolta a lamentarsi alcuni genitori dei bimbi “battenti” che hanno sfilato, di mattina presto, per arrivare nella frazione di Francolise, nelle zone periferiche, trafficate da mezzi agricoli, che congiungono i due comuni, senza controllo di vigili.

Preso atto del disappunto lo abbiamo rigirato al primo cittadino, anche perché scriverne e basta, senza cercare di capire, senza confrontare le tesi è del tutto infecondo.

“La polizia municipale, – ha spiegato il sindaco,- ha iniziato a lavorare di mattina presto proprio in occasione dell’evento. Logicamente i vigili urbani hanno controllato il percorso dei battenti all’interno del territorio di Cancello ed Arnone, dove hanno competenza. Oltre i confini comunali, – ha concluso Emerito, – non spetta a noi svolgere questa funzione”.

Il problema, a nostro avviso, si sarebbe potuto evitare con un contatto preventivo  tra i comandi di Francolise e quello del comune amministrato da Pasqualino Emerito per organizzare una staffetta di supervisione dei tratti stradali interessati.

Giuseppe Tallino (Caserta CE)

 

venerdì
lug 4,2014

1

 

Vespaio di polemiche. Il sindaco: “Il bando è aperto. Nessuna preclusione”. I selezionati svolgeranno lo stage in comune a titolo gratuito. Le domande giunte al protocollo, però, sono state solamente 5. Forse con qualche manifesto il numero dei partecipanti sarebbe aumentato

 

CANCELLO ED ARNONE –  Il progetto formativo “Risanamento finanziario e spending review” (CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO) ha creato, in paese, diverse polemiche, varie reazioni che, inevitabilmente, hanno raggiunto anche la nostra attenzione.  Al centro di tale disappunto  la poca pubblicità, che avrebbe caratterizzato l’avviso per la presentazione delle domande dei tirocini da svolgere in municipio, e le parentele tra i giovani scelti ed amministratori e impiegati comunali. Per quanto riguarda la propaganda del bando il primo cittadino ha detto di aver divulgato, come è scritto  anche sulla determina n°37 , il progetto sull’albo pretorio online. A nostro avviso, però, estenderne la visibilità con manifesti avrebbe garantito una partecipazione più ampia, più eterogenea: infatti le domande pervenute sono state solamente 5. Riguardo le parentele notiamo che tra i primi tre scelti per lo stage compaiono il figlio del cugino di Pasqualino Emerito e la figlia di un’impiegata comunale. Tra i due in attesa di partecipare al progetto, invece, c’è un figlio di un altro dirigente comunale. Il sindaco ha affrontato la “questione congiunti” spiegando che il bando, in realtà, è aperto: “Già da oggi, - ha dichiarato Emerito, - è possibile presentare altre domande. Quindi non c’è nessuna volontà di creare preclusione. Per la selezione si rispetta l’ordine anagrafico e quello di protocollo. Il progetto era stato pubblicato sul sito del comune nella sezione ‘avvisi e bandi’. Chi controlla il portale sicuramente lo ha visto”. Emerito, poi, ha precisato pure che il corso non ha comportato gravi costi per le casse pubbliche: “C’è stato solo un impegno di spesa di circa 500 euro per assicurazione Inali, ma si tratta di una cifra omnicomprensiva per tutto lo stage. I ragazzi, – ha concluso il sindaco, – svolgono il tirocinio in forma gratuita: il corso avrà solo un valore per fini curriculari.” Il clima politico a Cancello ed Arnone non è sereno. Di certo non è acceso come lo è stato durante il periodo elettorale, ma gli strascichi di quella competizione si notano ancora, sono abbondantemente palpabili. Magari con maggiore attenzione, con qualche manifesto affisso sulle tabelle, questa volta la maggioranza avrebbe potuto evitare le polemiche garantendo, magari, anche l’arrivo di un quantitativo di domande di partecipazione più consistente e, come abbiamo detto prima, più variegato. E’ vero che internet ormai è diffuso. E’ vero che il web è frequentato da quasi tutte le fasce d’età. E’ anche vero che il tirocinio è gratuito per l’amministrazione (lo dice il regolamento comunale approvato con delibera n°9 del 22 maggio 2014), ma garantisce  pur sempre titoli validi per ispessire i curricula dei giovani in cerca di lavoro. La vicenda ruota intorno a quest’interrogativo. Quanti sono i giovani che visitano il sito comunale? Purtroppo non tanti. Dunque, a nostro avviso, per ora, pubblicare il bando solo sul portale on line non basta. Basterà fra un decennio, forse fra un ventennio,  quando la rete sarà elemento imprescindibile anche per la società  del Basso Volturno. Ripetiamo ancora una volta: si sarebbe dovuto fare di più per offrire l’opportunità del tirocinio a tutti. Come? Semplicisimo, e siam costretti nuovamente a ripeterci:  occorreva qualche manifesto. Ma, sia chiaro, sono solo nostre semplice considerazioni.

Giuseppe Tallino  (Caserta CE)

 

venerdì
mar 22,2013

modella-tclaire_20080330083240

 

Ancora una volta Cancello ed Arnone protagonista di nuove iniziative giovanili.

Domenica 24 Marzo sarà presentato l’evento ”PRIMAVERA IN PASSERELLA” alle ore 18:30 in via Roma presso “Ricc bar” Galleria.

Promotori dell’ iniziativa Vi&Pi abbigliamento, nuova realtà locale giovane e dinamica che, in collaborazione con Melito Group parrucchieri daranno vita a questo evento per presentare la nuova collezione primavera- estate 2013.

Si cimenteranno nelle vesti di modelli tanti giovani del paese in quanto anche la moda rappresenta un momento di aggregazione sociale e culturale.

La manifestazione sarà coordinata dalla presenza dello speaker di Radio Quintarete Marcello Tozzi e dalla ben nota giornalista Matilde Maisto.

Musica e intrattenimento faranno da cornice a questo evento dedicato al fashion style.

 

 

giovedì
gen 17,2013

premio-poesia-calliope-4

 

CANCELLO ED ARNONE – L’Associazione musicale-culturale “New Melody” col patrocinio del Comune di Cancello ed Arnone, della Provincia di Caserta e della Regione Campania ed in collaborazione con i Portali on line La Voce del Volturno e Cancello ed Arnone News, bandisce il Premio nazionale di Poesia inedita “CALLIOPE” 2013 – 1^ Edizione.

La Presidente del comitato organizzativo, Matilde Maisto, ed i suoi collaboratori tra cui Mattia Branco, Anya D’Ambrosio,  Arkin Jafuri e Antonio Foniciello, invitano poeti e neo poeti a partecipare numerosi al Premio di Poesia “CALLIOPE”, il cui regolamento è riportato in calce alla presente.

Si precisa che la composizione della Giuria, nominata dal Comitato organizzatore, verrà resa nota mediante un comunicato stampa nel mese di aprile 2013.

Molte le valenti persone segnalate nel Comitato d’Onore.

La cerimonia di Premiazione avrà luogo, alla presenza del Comitato d’onore, mercoledì 22 maggio 2013, nel corso della trasmissione televisiva Anya Show, in onda in diretta su Italiamia canale 17, satellitare 936 – dalle ore 21 alle 23.

I nomi di tutti i Partecipanti e le prime dieci poesie saranno pubblicati sui portali Cancello ed Arnone News e La Voce del Volturno.

 

*****************************************

      L’Associazione musicale-culturale “New Melody” 

           

col patrocinio del Comune di Cancello ed Arnone

                                                                                                                           

della provincia di Caserta

           

          della Regione Campania

                         

                                                                                                       

                             ed in collaborazione dei Portali on line

   BANDISCE                                                                                                                 

 il Premio nazionale di Poesia inedita “CALLIOPE” 2013 – 1a Edizione

REGOLAMENTO

Art. 1) Il Premio è articolato in due Sezioni:

-        Sezione “Adulti”: Poesia in lingua italiana, a tema libero, inedita e mai premiata, di non più di 30 versi;

-        Sezione “Giovani”: Poesia in lingua italiana, a tema libero, inedita e mai premiata, di non più di 30 versi. Questa Sezione è riservata ai giovani Autori italiani dai 10 ai 18 anni compiuti. Per i minorenni è necessaria la firma di uno dei due genitori, in calce alla domanda di partecipazione (Allegato 1).

Art. 2) Ogni Autore potrà concorrere soltanto per una delle due Sezioni.

Art. 3) Ciascun Partecipante dovrà inviare un plico con l’indicazione PREMIO CALLIOPE e la   Sezione cui si intende partecipare, contenente quanto segue:

-        3a) una busta piccola non trasparente con incluso il predetto Allegato 1, relativo alle generalità debitamente compilato, e non più di 3 poesie, in copia dattiloscritta e firmate;

-        3b) n. 4 copie delle stesse poesie, di cui al precedente punto 3a, dattiloscritte, in forma rigorosamente anonima.

-        3c) è previsto un contributo volontario per spese organizzative di euro 10,00 da versare in banconote e da inserire nel predetto plico.

Art. 4) Le poesie dovranno pervenire a mezzo posta, entro e non oltre il 15 marzo 2013 al seguente indirizzo:

ASSOCIAZIONE NEW MELODY

Via L. Settembrini, 21

81030 Cancello ed Arnone (CE)

Il Comitato organizzatore escluderà dal Premio i plichi pervenuti dopo il 15 marzo 2013 e non risponderà di eventuali ed accidentali ritardi postali.

Art. 5) La composizione della Giuria, nominata dal Comitato organizzatore, verrà resa nota mediante un comunicato stampa nel mese di aprile 2013. Il giudizio della Giuria è insindacabile: non saranno, pertanto, ammessi ricorsi o reclami di alcun genere.

Art. 6) I Premi saranno così assegnati per entrambe le Sezioni:

1° Classificato – Trofeo e Pergamena

2° Classificato – Targa e Pergamena

      3° Classificato – Medaglia e Pergamena

 

 

Inoltre, per entrambe le Sezioni, sono previsti:

1° classificato PREMIO SPECIALE

2° classificato PREMIO del COMITATO d’ONORE

3° classificato PREMIO della GIURIA

Art. 7) I Premi dovranno essere ritirati personalmente dai Vincitori; l’assenza degli stessi, qualunque ne sia la causa, sarà considerata tacita rinuncia.

Art. 8) La Cerimonia di Premiazione avrà luogo, alla presenza del Comitato d’Onore, mercoledì 22 maggio 2013, nel corso della trasmissione televisiva Anya Show, in onda in diretta su Italiamia canale 87, satellitare 936 – dalle ore 21 alle 23.

Art. 9) I nomi di tutti i Partecipanti e le prime dieci poesie saranno pubblicati sui portali Cancello ed Arnone News e La Voce del Volturno.

Art.10) L’invio delle poesie al Premio “CALLIOPE” costituisce, per ogni Partecipante, implicita accettazione del presente Regolamento. Le poesie inviate non saranno restituite.

Art. 11) Le spese di vitto e alloggio per i Vincitori ed altri Ospiti saranno a loro carico.                Per informazioni logistiche rivolgersi a                                                                                            Mattia Branco (Addetto Stampa – Public Relations – Press & Event Communications)                           E-mail: mattia.branco@tin.it; Info: 339 3887333.

Art. 12) Il Comitato organizzatore si riserva il diritto di apportare al presente Regolamento modificazioni e/o integrazioni, per eventuali imprevisti o altre cause di forza maggiore, dandone la dovuta informazione.

In base al D.L.vo n. 196/2003, il Soggetto organizzatore del Premio s’impegna ad utilizzare i dati personali degli Autori partecipanti soltanto per operazioni concernenti lo svolgimento dell’Evento culturale di cui al presente Regolamento.

 

 

 

SCHEDA ISCRIZIONE (Allegato 1)

1a EDIZIONE DEL PREMIO NAZIONALE DI POESIA “CALLIOPE” Da compilare in ogni sua parte, a cura del singolo Partecipante, e far pervenire IN BUSTA CHIUSA insieme con le 4 copie degli elaborati e alla ricevuta di pagamento del contributo di partecipazione entro il 15 marzo 2013.

BARRARE Sezione: /A/ o /B/ Cognome_______________________________ Nome________________________

Luogo e data di nascita__________________________________________________

Scuola e classe (per i minorenni)__________________________________________

Professione (per gli adulti)_______________________________________________

Indirizzo e numero civico________________________________________________

C.A.P. ________________ Città___________________________________________

Provincia _____________________________________________________________

Telefono (fisso) (__________)______________________

Cellulare _______________________________________

E-mail _______________________________________________________________

Titolo della/e poesia/e 1)________________________________________________

2)________________________________________________

3)________________________________________________

AUTORIZZAZIONE AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Il sottoscritto/La sottoscritta_________________________________________________________ autorizza l’Associazione Culturale NEW MELODY al trattamento dei miei dati personali al fine di gestire la mia partecipazione alla prima edizione del Premio di Poesia “CALLIOPE”. I miei dati saranno trattati secondo la normativa vigente (D. Lgs. 196/03) e unicamente ai fini inerenti al Concorso ed esplicati nel Bando. I miei dati non saranno comunicati o diffusi a terzi a qualsiasi titolo.

Luogo e data__________________________________

Firma del Partecipante___________________________________

 

AUTORIZZAZIONE DEL GENITORE

(riservata esclusivamente ai genitori dei minori)

 

Il sottoscritto/La sottoscritta_____________________________________________

Genitore del/la minore(cognome e nome del Partecipante)____________________________________

autorizza il/la medesimo/a partecipare alla 1aEdizione del Premio di Poesia CALLIOPE.

In fede

 

Data_________________ Firma del genitore______________________________

 

COMITATO D’ONORE

1a EDIZIONE

PREMIO “CALLIOPE” 2013

__________________________

Rodolfo ARMENIO – Cav.Uff. A.I.R.E. Associazione Internazionale “Regina Elena”

Enzo BATTARRA – Medico e Critico d’Arte

Angelo CARDILLO – Docente di Letteratura italiana, Università di Salerno

Giuseppe CENTORE – Poeta

Biagio CIARAMELLA – Dirigente Generale Pubblica Sicurezza – Ministero degli Interni

Beatrice CRISCI – Giornalista

Saverio DIONIZIO – Capo Scenografo RAI Napoli

Michele FALCONE – Scrittore e Presidente dell’Ass. cult. “Impegno Sociale”Caserta;

Lello FERA – Musicista

Luigi Antonio GAMBUTI – Giornalista e Scrittore

Agnese GINOCCHIO – Ambasciatrice per la Pace III Millennio;

Adele GRASSITO – Docente

Gaetano IANNOTTA – Saggista e Presidente “Unione Giuristi Cattolici” Caserta

Valerio IERMANO – Poeta e Pittore

Paolo MESOLELLA – Dirigente scolastico, Giornalista e Scrittore

Francesca NARDI – Direttore Tv Luna

Giuseppe SANGIOVANNI – Giornalista Free-Lance

Anna UCCIERO – Scultrice

 

lunedì
gen 7,2013

IMG_1528

Cancello ed Arnone - Le emozioni non mancano nella squadra di ANJA SHOW dove si stanno rifinendo gli ultimi preparativi per l’allestimento della V^ edizione dello spettacolo televisivo che partirà mercoledì 9 gennaio alle ore 21 sull’emittente ITALIAMIA can. 17 Sat. 936 in diretta per 21 settimane. Un’esperienza che è cresciuta di anno in anno e voluta dalla poliedrica artista ANJA D’Ambrosio che fin da bambina ha amato il mondo dello spettacolo e in particolare quello della musica che ha sempre portata nel suo DNA. Ha creduto sempre in queste iniziative che danno possibilità ai giovani anche occasioni di mettere in evidenza le proprie doti artistiche tanto che proprio da ANJA SHOW sono emersi talenti che hanno avuto successo nel mondo del piccolo schermo. Quest’anno ci ha riferito la produttrice ANJA non mancheranno tantissimi personaggi noti della spettacolo che arricchiranno la scaletta del programma in cui  ci saranno anche momenti di approfondimenti di attualità a cura del giornalista Mattia Branco. Durante il programma sarà lanciato anche il Primo Premio Nazionale di Poesia “CALLIOPE”. Di tutto e di più con cabaret e musica di ogni tempo, insomma per tutti i gusti dei tanti spettatori, ormai fedeli, che seguono il  programma da anni, dando ormai un successo di pubblico che né la stessa emittente e né lo staff di ANJA si aspettavano. Presenteranno la stessa ANJA insieme ormai al consolidato Alex che curerà anche le coreografie. Il programma è a cura di ANJA e Mattia Branco;responsabile dell’organizzazione, trucco e costumi Laura Matrone. La partecipazione straordinaria di Massimo Curzio e la collaborazione di Rosanna Aramino e Angelo Riccio. Le musiche del maestro Lello Petrarca. Postproduzione Antonio Zito. Regia di Alex, Anja e Antonio Zito. Non si può non ringraziare gli sponsor che con il loro contributo permettono la messa in onda del programma . Ristorante Paradiso Formia,  Albergo per Anziani Cancello ed Arnone, Perna Sport Cancello ed Arnone, Cibertel Cancello ed Arnone, Intime Passioni Cancello ed Arnone, Autolavaggio Frontera Carinola, Italia Partenon Cancello ed Arnone, Panificio Emerito Cancello ed Arnone,Facelook Cancello ed Arnone, Sideracciai Cancello ed Arnone, Santo Capannoni Industriali Fittasi Castelvolturno, Vi & Pi Abbigliamento Cancello ed Arnone, Premio Letterario Villaricca,Lazzari Estetista Cancello ed Arnone, Ristorante La Tortuga Castel Volturno, Pizzeria del Corso Cancello ed Arnone,Caseificio La Cancellese Cancello ed Arnone.

mercoledì
gen 2,2013

CANCELLO ED ARNONE – Come ogni anno il 31 dicembre 2012, nella Parrocchia Maria Regina di Tutti i Santi, il parroco Don Sabatino Sciorio ha celebrato l’Adorazione di Fine Anno “Te Deum” e l’affidamento del nuovo anno a Maria.

Dopo il canto di esposizione, è seguita una breve adorazione: “O Gesù nostro Dio e Salvatore, noi ti adoriamo presente nell’Eucarestia e ti esprimiamo tutta la nostra riconoscenza per i benefici che, nella tua bontà, ci hai concesso in questo anno che sta volgendo al termine. Pensando a tutti i doni ricevuti dal Signore, eleviamo a Lui la nostra comune preghiera. dicendo insieme: Noi, ti lodiamo e ti ringraziamo, Signore. La preghiera è continuata pregando per la perfezione che risplende in tutto il creato, per il mistero dell’ incarnazione, per il dono dello Spirito Santo. Per averci creati e conservati in vita, per il dono della fede, per averci soccorso con la santa Grazia. Per il battesimo che ci ha rigenerati, per il dono dell’Eucarestia con cui ci alimenta, per i Sacramenti che ci sostengono lungo il cammino. Per il dono della Parola, per averci riconciliato con il Signore, per averci chiamati a far parte del suo gregge. Per averci tenuto lontano da tanti mali, per averci confortato nella sofferenza e sostenuto nelle prove, per averci custodito dalla disperazione. Per la salute, il lavoro, il dono dell’intelletto, per il bene che ci hai concesso di fare, per l’amore che ci ha ispirato di donare. Per il dono di una famiglia, per l’affetto ricevuto dai nostri amici, per le piccole gioie nelle quali ci dimostra la sua benevolenza, donandoci un pegno della gioia eterna che ci attende al termine dei nostri giorni.

Dopo aver pregato per i bambini che hanno ricevuto il sacramento del Battesimo; per i ragazzi e le ragazze della nostra Comunità che hanno ricevuto la Cresima; per i bambini che hanno ricevuto la loro Prima Comunione;   perchè non ha mai mancato di offrirci il suo perdono nel sacramento della riconciliazione; sono state ricordate anche le coppie di sposi che hanno consacrato il loro amore celebrando il sacramento del matrimonio; sono stati ricordati coloro che hanno ricevuto il sacramento dell’ordine; ed infine quanti ci hanno lasciato e ci hanno fatto fare l’esperienza di te.

Molto toccante la preghiema per la “Pace”: Padre, tu sei misericordia e bontà infinita, fà che nel cuore degli uomini trovi ascolto la tua voce che ci invita a camminare nelle vie della riconciliazione e della pace e concedi ai responsabili delle nazioni forza e saggezza nel loro impegno di custodi e difensori della sicurezza dei popoli a loro affidati. Padre, che in Cristo tuo Figlio hai riconciliato a te il mondo intero: agisci con la forza dello Spirito Santo nell’intimo dei cuori perché i nemici si aprano al dialogo; gli avversari si stringano la mano e a tutti i popoli sia garantito un avvenire di pace e di concordia. Te lo chiediamo per Gesù Cristo nostro Signore. Amen.

Dopo la celebrazione della Santa Messa, conclusa la preghiera del dopo comunione, il sacerdote e l’assemblea si sono alzati in piedi e Don Sabatino ha infuso l’incenso nel braciere posto sulla mensa, mentre cantava e proclamava: “Salga a te Signore, l’incenso della nostra preghiera al termine di questo anno di grazia; come il profumo rimpie questo tempio, così la tua Chiesa spanda nel mondo la soave fragranza di Cristo nel nuovo anno che inizia.

TE DEUM

Il Te Deum laudamus o brevemente Te Deum (latino per “noi ti lodiamo, Dio”)è un inno cristiano in prosa di origine antica. Nella Chiesa cattolica il Te Deumè legato alle cerimonie di ringraziamento; viene tradizionalmente cantato la sera del 31 dicembre, per ringraziare dell’anno appena trascorso, oppure
nella Cappella Sistina ad avvenuta elezione del nuovo Pontefice.
Questa sera in unione di preghiera con tutta la Chiesa ringraziamo per l’anno appena trascorso e chiediamo al Signore della vita di assisterci, guidarci e consolarci per il nuovo anno. Dio buono e misericordioso assisti il Romano Pontefice, la gerachia ecclesiastica, l’Italia, l’Europa E il mondo intero.

Te Deum laudamus (cantato dai fedeli insieme al coro parrocchiale)

Noi ti lodiamo, Dio,
ti proclamiamo Signore.
O eterno Padre,
tutta la terra ti adora.

A te cantano gli angeli
e tutte le potenze dei cieli:
Santo, Santo, Santo
il Signore Dio dell’universo.

I cieli e la terra
sono pieni della tua gloria.
Ti acclama il coro degli apostoli
e la candida schiera dei martiri;

le voci dei profeti si uniscono nella lode;
la santa Chiesa proclama la tua gloria,
adora il tuo unico Figlio
e lo Spirito Santo Paraclito.

O Cristo, re della gloria,
eterno Figlio del Padre,
tu nascesti dalla Vergine Madre
per la salvezza dell’uomo.

Vincitore della morte,
hai aperto ai credenti il regno dei cieli.
Tu siedi alla destra di Dio, nella gloria del Padre.
Verrai a giudicare il mondo alla fine dei tempi.

Soccorri i tuoi figli, Signore,
che hai redento col tuo Sangue prezioso.
Accoglici nella tua gloria
nell’assemblea dei Santi.

Salva il tuo popolo, Signore,
guida e proteggi i tuoi figli.
Ogni giorno ti benediciamo,
lodiamo il tuo nome per sempre.

Degnati oggi, Signore,
di custodirci senza peccato.
Sia sempre con noi la tua misericordia:
in te abbiamo sperato.

Pietà di noi, Signore,
pietà di noi.
Tu sei la nostra speranza,
non saremo confusi in eterno

Dopo l’orazione del Te Deum, don Sabatino ha esposto sull’altare un meraviglioso quadro della Madonna ed il sacerdote con i ministri si è recato davanti all’immagine della Vergine Maria, mentre il popolo cantava un inno alla Madonna. Giunto davanti alla sua immagine ha proclamato: E’ giusto davvero – cantarti beata, o Vergine Madre: la sempre beata – la tutta illibata, la madre di Dio! Tu degna d’onore – più dei Serafini, tu degna di gloria – più dei Cherubini, intatta portatsi – nel gremo il Dio Verbo: te Madre di Dio – con canti esaltiamo! (dalla liturgia bizantina).

A cura di Matilde Maisto

 

giovedì
dic 27,2012

di Matilde Maisto

CANCELLO ED ARNONE –Ieri 26 dicembre 2012, nella cornice della Chiesa dedicata alla bellissima Maria Regina di tutti i Santi, in P.zza San Francesco, il Coro di “Santa Cecilia” storico coro polifonico città di Pignataro Maggiore, ensemble vocale dell’omonima associazione musicale, diretto egregiamente dalla direttrice prof.ssa Rosaria Argenziano, ha presentato, per il secondo anno consecutivo, lo splendido concerto dal titolo “Cantiano il Natale”. Arie e musiche di canti natalizi di ottima fattura, riuscendo a strappare applausi  a scena aperta al numerosissimo pubblico di Cancello ed Arnone.
Il merito del successo per la splendida esibizione va coralmente a tutti i componenti dell’ensemble, presieduto dal Presidente prof. Giovanni Caimano, e chiaramente alla prof.ssa Rosaria Argenziano che da un quarto di secolo offre alla musica la sua preziosa opera di concertista, di studiosa, di professionista, di docente e di talent scout, rivolta soprattutto alla cura di corali e gruppi vocali, oltre che di singole individualità.
Il concerto, che vedeva al pianoforte il m.stro Arcangelòo Di Bernardo, ha presentato all’attento pubblico l’opportunità dell’ascolto di pezzi di rara bellezza come: Tu scendi dalle stelle (Sant’Alfonso Dè Liguori), Fermarono i cieli (Sant’Alfonso dè Liguori), Il est ne’le divin enfant (Melodia tradizionale francese), Deck the hall (tradizionale inglese); O Tannembaum (Melodia tradizionale tedesca), Ninna nanna (Mozart), Bianco Natal (Berlin), Quanno nascette ninno (Sant’Alfonso dè Liguori),We wish you a Merry Christams,Ninna nanna (Brahms), Happy XMas (John Lennon – Yoco Ono)
Il Coro di Pignataro, nato da oltre un secolo, è formato da un insieme di voci eccezionali, che mettono in evidenza un livello vocale di grande affiatamento, in cui l’armonizzazione dell’esecuzione è accompagnata da timbri forti e toni caldi ed essenziali, mai fuori dal tracciato del rigo musicale diretto dal m° Argenziano, che è riuscita a trarre dalle voci del coro, prodotti di grande qualità espressiva e vocale. Tra i solisti, si sono distinti il tenore Salvatore Sopio ed il soprano Rosanna Loasses, entrambi in possesso di un timbro canoro di rara bellezza.
Ma tutto il programma è stato un susseguirsi di emozioni e di belle performance, diretto dal m° Rosaria Argenziano con scioltezza, grande godibilità ed immediata fruizione.

Molto soddisfatto il parroco Don Sabatino Sciorio che ha organizzato l’evento.

(Foto scattate da Mattia Branco)

giovedì
dic 27,2012

da dx Antonella Raucci,Carmen De Rosa e Felicia D’Onofrio

 

di Mattia Branco
Mancano pochi esami per la specializzazione della laurea in architettura alla D.ssa Carmen De Rosa di Cancello ed Arnone. Un impegno profuso al massimo con grandi sacrifici sia fisici che economici,, ma il suo entusiasmo per lo studio la stanno premiando. Infatti ha avuto un grande successo il suo tirocinio svoltosi a Piedimonte Matese presso l’istituto comprensivo “G.Falcone”  scuola primaria I Madonna del Pozzo Classe V . Questa iniziativa è stata realizzata insieme ad altre sue colleghe Felicia D’Onofrio e Antonella Raucci                                    in collaborazione con l’Università di Architettura di Aversa rappresentata dalle prof.sse Arch. Sabina Martusciello  e Prof.ssa Arch.M.Dolores Morelli responsabili scientifici del progetto  “Coltivare in Facoltà” l’Orto di San Lorenzo.La partecipazione attiva dei bambini della V^ hanno ancora di più valorizzato la collaborazione. Molti i lavori preparati ed esposti  nel salone della scuola, tutti fatti con semi e prodotti della terra. Ma quello che ha attirato l’attenzione di tutti i presenti è stato l’orto coltivato alle spalle della scuola. Non è mancato la mano esperta di  nonno Giuseppe Nelli che di terra se ne intendeva da sempre. Vari e significativi sono stati gli interventi , iniziando dalla Dirigente dell’Istituto Falcone prof.ssa Elisabetta Ricciardelli che ha ringraziato le giovani universitarie e le loro docenti, le maestre del suo istituto gli altri relatori e tutti i bambini che hanno dato vita all’importante progetto. Si sono susseguiti gli interventi del Dr. Pieri rappresentante della Regione Campania:”Tutelare il patrimonio del paesaggio e fare un patto  sociale con l’ambiente”.In sostituzione del Sindaco Cappello assente per un lutto in famiglia è intervenuto l’Ass. Leuci che ha esaltato il lavoro svolto. La Prof.ssa del Dipartimento di Architettura Martusciello :”Ogni orto è diverso, tutti siamo diversi, ma insieme siamo una bella famiglia se rispettiamo la natura”. Il Dr.Pepe presidente della comunità montana del Matese:”Agricoltura con architettura si coniuga molto bene”.La studentessa Felicia D’Onofrio:”Abbiamo scelto di lavorare in questo istituto perché abbiamo trovato terreno fertile, abbiamo imparato prima noi e poi abbiamo insegnato ai ragazzi l’amore per la natura”.Don Emilio Salvatore parroco “Ave Grazia Plena”:”Un seme di senape è diventato un albero forte. Gli  orti dei nostri antenati ci hanno sfamato, perciò voi  bambini dovete essere i custodi delle nostre terre”.L’ex preside Ginocchio:”I Bambini hanno realizzato gli orti civici.La formazione integrata avvicina tutti i cicli di formazione”. E’ seguita la benedizione dell’orto da parte di Don Emilio Salvatore e un delizioso buffet fatto di prodotti tipici del Matese a cura dell’azienda “Alta Mangiuria”.

giovedì
dic 27,2012

Leggiero

di Mattia Branco
Nei giorni scorsi anche Cancello ed Arnone ha dato il suo contributo alla ricerca sulle malattie genetiche istituendo un punto raccolta Telethon con la collaborazione della protezione civile e del Gruppo di preghiera S.Pio. Con una postazione in via Settembrini Pasquale Leggiero della protezione civile di Cancello ed Arnone  si è assunto la responsabilità della raccolta insieme ad alcuni rappresentanti del Gruppo di preghiera S.Pio tra cui Lorenzo Filomeno. Molti bambini si sono avvicinati al punto anche per ritirare i palloncini colorati messi a disposizione dall’organizzazione nazionale della ormai consolidata associazione. La raccolta è continuata ancora l’ultimo giorno di scuola davanti alle strutture scolastiche sempre in via Settembrini ed anche in questa occasione sono state generose le offerte dei genitori dei bambini che uscivano dalle scuole, è stato anche  distribuito  materiale informativo delle opere del Santo di Pietrelcina. Cancello Arnone è stato  presente nella raccolta di fondi per TELETHON a Caserta dove sono stati inviati molti chili di mozzarella raccolti su iniziativa del Sindaco Emerito che si è sempre mostrato sensibile a queste iniziative.

sabato
dic 22,2012

  (Un’antica immagine di Maria SS. delle Grazie, situata in una cappella a Lei dedicata)

CANCELLO ED ARNONE – Mercoledì 19 dicembre u.s. nella Parrocchia Maria Regina di tutti i Santi, Don Sabatino Sciorio ha tenuto il 2° incontro Biblico-Spirituale relativo alla nuova stagione 2012/2013.

In prossimità del Santo Natale, opportunamente, è stato affrontato il tema della “Nascita di Gesù”.

La dottrina mariana è tutta costruita in riferimento a Cristo e al suo mistero di salvezza, leggiamo dal foglio che Don Sabatino ci fornisce, per fare seguire al meglio la Parola di Dio. Poi prosegue: essa guida ad una fede più profonda in Cristo. Il concepimento di Gesù fu verginale senza concorso umano. Maria ha generato (biologicamente) il corpo umano in cui Dio infonde, nel medesimo istante, l’anima (umana) creata: dall’unione del corpo generato da Maria e dall’anima creata da Dio si costituisce una natura umana concreta, individuale. Ma essa nello stesso momento in cui questa natura umana comincia ad essere, è assunta dalla Persona del Verbo: è la stessa Persona del Verbo che l’assume come sua propria natura. Questo significano le parole: “Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi”. E così, Maria è la madre, vera e propria, di questo nuovo membro della razza umana, questo uomo nuovo nato nel mondo. Essa è la Madre del Verbo, poiché questo uomo nuovo non è altri che il Verbo. Nella natura umana Egli è stato generato da Maria. La relazione di maternità che intercorre fra Maria ed il Verbo fattosi carne è unica, singolare. In forza di questa relazione, Maria ha raggiunto una dignità unica: ha toccato con l’opera del suo concepimento i limiti della divinità. Ogni maternità è costituita da una relazione interpersonale ricca di conoscenza, amore affezione, donazione, confidenza reciproca: questo è “naturale”. E dobbiamo pensare che tutto questo fu presente nella relazione Maria – Cristo. Ma nel caso di Maria si tratta di un figlio che è Dio. Ed allora questa maternità è “piena di grazia” e di santità. La grazia è prima di tutto l’amore stesso eterno con cui il Padre ama la creatura umana: da questa fonte scaturiscono tutti i doni che divinizzano la persona umana in cristo. Avendo il Padre deciso di inviare il Verbo nella nostra umanità, nello stesso atto ha simultaneamente voluto che Maria Gli fosse madre: per questo Ella è stata arricchita della più alta santità. Strettamente connessa col mistero della divina maternità, è la fede nella verginità di Maria. Maternità e verginità sono talmente collegate che bisognerebbe dire sempre: la maternità verginale di Maria. E’ una verginità reale e perpetua. Reale, perché essa riguarda veramente l’intera persona di Maria, anche il suo corpo. Perpetua, cioè prima del parto di Gesù, durante il parto e dopo il parto. Maria, nella dottrina della fede e nella nostra esperienza cristiana, non è una figura marginale. All’origine di tutto sta l’imperscrutabile decisione del Padre di comunicare la sua vita divina all’uomo, nel Figlio mediante il dono dello Spirito Santo (=predestinazione in Cristo). La realizzazione di questa decisione è l’incarnazione del Verbo, il Verbo incarnato, nel quale ogni cosa sussiste ed ad immagine del Quale ciascuno di noi è stato creato. Nella stessa decisione di inviare il suo Figlio, è inclusa la persona di Maria come pre-destinata a generare nella natura umana il Verbo – Unigenito Dio. L’esperienza di fede della Chiesa ha progressivamente approfondito il mistero del Cristo, vero Dio e vero uomo. In dipendenza da questa progressiva scoperta, la Chiesa vive la progressiva scoperta del mistero di Maria dentro al Mistero del Verbo incarnato: una scoperta che ebbe la sua “pietra miliare” nella definizione dogmatica della divina e verginale maternità di Maria. In vista di questa singolare missione, il Padre la preservò dal peccato originale, la ricolmò dell’abbondanza dei doni di grazia (piena di grazia) e, nel suo sapiente disegno, “volle…che l’accettazione di colei che era predestinata a essere madre precedesse l’Incarnazione” (LG 56; EV 1/430). In forza di questo consenso, Ella “quasi plasmata dallo Spirito Santo” (cfr. LG 56; EV1/430), consacrò totalmente se stessa all’opera e alla persona del suo Figlio, presentandolo al Padre nel tempio e soffrendo con Lui morente sulla Croce. In tal modo, Maria, sotto di Lui e con Lui, servì al mistero della nostra redenzione, partecipando al mistero della Risurrezione del Cristo in modo unico, essendo stata assunta nella Gloria in corpo e anima, appena terminato il corso della sua vita.

Categories