Cancello ed Arnone News

Di Matilde Maisto

Archive for the ‘Costume e Società’ Category

CELIBE, NUBILE

giovedì
Set 18,2014

7

 

Dei termini celibe e nubile tutti sappiamo il significato, non fosse altro per avercelo trovato scritto sulla carta d’identità in un momento della nostra vita, alla voce: stato civile. È la condizione personale del cittadino o della cittadina, adulti, pubblicamente accettata e dichiarata di fronte alla collettività, precedente il matrimonio dei soggetti interessati; e perciò ufficialmente riconosciuta (e registrata) dall’amministrazione dello Stato. (Tant’è che tra i documenti necessari per contrarre matrimonio viene richiesta anche una certificazione di “stato libero”.)

La serie completa, che si usa trascrivere nei pubblici registri dell’anagrafe, e riportata sui documenti dello stato civile compresa la carta d’identità, è: celibe o nubile; coniugato o coniugata; divorziato o divorziata; vedovo o vedova, a secondo della situazione particolare.  Non sarà di poco rilievo notare che, contrariamente alle altre parole della serie, utilizzate per le diverse condizioni di stato civile, la coppia delle parole celibe/nubile si specializza come opposizione semantica: celibe = uomo; nubile = donna. Proprio come tante altre coppie complementari di termini della famiglia, che indicano rapporti di parentela. Celibe è l’uomo; nubile è la donna, così come: padre/madre; marito/moglie; fratello/sorella; genero/nuora, per restare nella lingua italiana. Evidentemente, prima di arrivare alla forma astratta dell’opposizione grammaticale maschile/femminile, queste parole mantengono una loro caratterizzazione in base al sesso della persona denotata, alla sua funzione specifica, alla cultura del gruppo sociale, e, per finire, alla tradizione linguistica (la pratica dell’uso della lingua o semantica storica) della comunità. Non tutte le lingue hanno la medesima caratterizzazione, le quali pur conservando le stesse parole, ne usano solo una, indistintamente per l’uomo e per la donna: basti dare uno sguardo al francese (célibataire), o ad una delle altre lingue indeuropee.  La stessa cosa succede – sempre nella lingua francese – con marié(e) (sposato) che si adatta al maschile e al femminile per indicare la persona sposata, mentre in italiano resiste ancora la distinzione tra maritata e ammogliato.

Il caelebs  dei latini era l’uomo non ammogliato (anche vedovo). Ed è la forma che si conserva nell’italiano celibe.

Mentre nubilis è la ragazza in età da marito. Da nubo (nubo, nupsi, nuptum, nùbere = velarsi, prendere il velo da sposa, sposarsi) legato a nubes (nuvola). Come dire “entrare nella nuvola”. Metafora di un certo effetto che ben si adatta ai comportamenti delle ragazze che, trovato lo sposo, sognano il giorno delle nozze. (Ma forse questa è una mia suggestione dovuta alle espressioni moderne come “essere tra le nuvole”.)

A proposito di “nozze”, notiamo come anche questa parola derivi da nubo. Secondo lo schema: nubo ® nuptus e nupta (lo sposo, la sposa) ® nuptiae (le nozze).

Tenendo ancora un piede nella lingua (e nella cultura) latina vediamo anche come i Romani denominavano lo sposarsi dell’uomo. Mentre la donna “si sposa a un uomo (nubit = prende il velo in favore di N…)”, l’uomo “si porta a casa la donna” (uxorem ducit = conduce – porta a casa – come moglie M….).

Dallo stesso verbo duco (duco, duxi, ductum, dùcere = condurre) si sono formate anche le parole sedurre e seduzione.

Quanto a uxorem (uxor = moglie), poi, oltre che nella parola uxoricidio (omicidio del coniuge), la troviamo nella parola della parlata napoletana ‘nzura’ (‘nzurare [uxorare] = ammogliarsi ; ‘nzurato  [uxorato] = ammogliato) usata per lo sposarsi dell’uomo. Per la donna si usa mmarità (maritarsi) come in altre regioni d’Italia.

Luigi Casale

giovedì
Set 11,2014

1

 

La grafica olandese Zilla ha fatto credere di aver trascorso una vacanza da sogno in Asia, mentre in realtà è rimasta per cinque settimane in casa, postando foto ritoccate sui suoi profili social. Ancora un esperimento che smitizza la veridicità di Facebook, Instagram & co.

E poi, nell’era dei social network e dei selfie, non mancheranno i reportage fotografici condivisi e spiattellati su profili di ogni genere, con pose esagerate e scatti da simil VIP. A tal proposito la 25enne Zilla Van Der Born, olandese e graphic designer, ha voluto prendere la palla al balzo avviando lo scorso anno un esperimento social e sociologico: la ragazza ha fatto credere a tutti di aver trascorso un fantastico e avventuroso soggiorno in Asia, destando ammirazione e invidia di amici e parenti…ma praticamente rimanendo chiusa in casa per tutta la durata del fantomatico viaggio!   Zilla ha creato dei fotomontaggi che la ritraggono immersa in acque limpide e tropicali, ai piedi di antichi templi e tra popolazioni locali: tutte queste immagini sono state sapientemente postate sulla sua bacheca Facebook e dal suo profilo Instagram, in giorni e orari ben studiati, che hanno convinto tutti della veridicità delle sue cinque settimane tra Thailandia, Cambogia e Laos, mentre lei era invece davanti al pc della sua camera o a concedersi qualche lampada per assicurarsi un’adeguata abbronzatura. A cadere nella trappola anche i suoi genitori che l’hanno persino accompagnata e salutata all’aeroporto, convinti di lasciarla volare verso terre lontane. Zilla invece ha fatto dietro front, ha preso il treno ed è tornata nella sua abitazione ad Amsterdam.    zilla   Dalla sua pagina Behance la ragazza spiega così la sua nemmeno troppo originale trovata:

As part of my graduation project I went to Southeast Asia. At least, that’s what I made my classmates, friends, family and even my parents believe. Meanwhile, I stayed home and travelled to Thailand, Cambodia and Laos from behind my desk. I did this to show people that we filter and manipulate what we show on social media. Thereby we create an online ideal world which reality can no longer meet.

Lo scherzo ben riuscito, come potete constatare dai volti dei suoi conoscenti alla notizia della rivelazione, le è valso, oltre a ore di lavoro nel ritoccare le sue foto, una permanenza di più di un mese da semi-reclusa in casa e le antipatie dei più invidiosi, anche una grande e planetaria pubblicità che di certo gioverà alla sua carriera professionale di grafica. E magari, le prossime foto che pubblicherà da posti paradisiaci, saranno reali…

Ribelliamoci al gioco d’azzardo

giovedì
Set 4,2014

piazze del sapere web

In base ai dati di uno studio della Camera di Commercio di Milano sul gioco d’azzardo – riportati in una in chuiesta di Umberto Riccio su Il Mattino del 20-10-2014 – Terra di Lavoro si fregia di un altro primato negativo. Infatti, con una percentuale del 35,5% rispetto all’anno precedente risulta essere in Italia il territorio con il più alto tasso di incremento delle aziende del settore  con la diffusione delle  slot mashines ed altri mezzi più o meno leciti.

E’ un dato che deve far riflettere sulla crescente incidenza di un fenomeno che va assumendo dimensioni ed effetti sempre più devastanti – sia economici che psicologici – nei confronti delle fasce più deboli della società (in particolare donne, anziani, immigrati e giovani). In molti casi produce una vera e propria dipendenza (gambning patologico) da cui risulta difficile anche liberarsi, se non attraverso costose cure per “ludopatia” – come risulta dai dati in aumento di pazienti nei centri attrezzati delle ASL. Ancora più allarmanti sono i risultati di una recente inchiesta del CNR di Pisa in merito al fenomeno del “baby azzardo”, secondo cui sono ormai oltre un milione i giovanissimi che hanno provato giochi vietati, per molti dei quali sono diventati un’ossessione da cui è difficile liberarsi.

Come hanno sottolineato alcuni esperti ed alcuni saggi di alcuni studiosi (alcuni scritti da autori casertani come Marilena Lucente, Daniele Manzo ed Antonio Moccia), sempre più il gioco d’azzardo sottrae ore di lavoro e di studio, alla vita affettiva ed al tempo libero, spesso produce dipendenza e sofferenza psicologica di relazione, educativa, materiale, di aspettativa per il futuro. Vengono anche alterati i presupposti morali e sociali dei cittadini che sono portati a sostituire con la fortuna e con l’azzardo i valori fondati sull’etica del lavoro e dell’impresa, sulla fatica e sui talenti. Tutto ciò sempre più mette a rischio la serenità, i legami e la sicurezza di tante famiglie.

Alla luce di questi dati è necessario rilanciare una campagna già promossa a livello nazionale per ribellarsi al gioco d’azzardo e alle slot mashines, per  favorire il gioco sano che può aiutare la formazione dei giovani (e non solo) ad una sana competizione per la vita, a processi di socializzazione e ricreativi.

Un primo ambito di intervento riguarda il mondo della scuola dove è possibile aiutare e far capire ai ragazzi questo rischio della dipendenza psicologia ed economica va combattuto con una intelligente presa di coscienza, grazie anche a testimonianze e buone pratiche. In questo modo sarà possibile contrastare anche nuovi fenomeni di violenza e di bullismo (come è emerso negli incontri in alcuni istituti casertani) con la formazione di una visione più critica da parte dei giovani e della loro comunità su tematiche finora poco analizzate ed osservate, anche per far crescere una vigilanza critica ed una partecipazione consapevole di cittadini più attivi.

In un contesto poco attento e vigile, come quello casertano, fatto anche di connivenze, è urgente rilanciare una campagna di nobilitazione anche in riferimento alle ricadute negative sull’economia e sulla legalità, che vede alimentare canali di riciclaggio e di finanziamento illecito proprio attraverso questi canali – per lo più sotto l’influenza della criminalità organizzata. Bisogna stare attenti a non lanciare solo messaggi negativi, di denuncia e di contrasto, che vanno accompagnati da percorsi e progetti di carattere pedagogico ed educativo (a partire dalle scuole, ma non solo). In primo luogo occorre una forte campagna informativa a tutti i livelli.

L’altro campo di intervento riguarda il mondo dell’economia e delle imprese, in particolare di quelle del settore commerciale, che non possono continuare a subire inerti questi processi degenerativi. A tal fine sono utili alcune campagne emblematiche lanciate a livello nazionale, come quelle su “No slot” (lanciata da Vita) o  “L’azzardo non è un gioco”(promossa dall’Auser e dalle Acli). In tal senso ci possono aiutare alcune narrazioni e buone pratiche, come quelle messe in atto da alcuni giovani gestori di bar che hanno dismesso le slot mashines nei loro locali rinnovati, per fare spazio a centri di attività culturale e musicale. Purtroppo sono solo pochi casi nella città di Caserta ed a Pinetamare. Ma possono lanciare dei segnali incoraggianti per tutto il settore, soprattutto per liberarsi dai condizionamenti di tipo camorristico.

Un discorso a parte meritano le forze politiche – del tutto distratte su questi fenomeni – gli enti e le istituzioni locali. Basti pensare che su 104 comuni in Terra di Lavo solo uno finora ha aderito con delibera consiliare al Manifesto promosso dall’Anci per la legalità e contro il gioco d’azzardo. E’ giunto il  momento che anche i sindaci e la nuova leva di amministratori scendano in campo con azioni concrete per contrastare questi fenomeni, con iniziative che possono essere prese in collaborazione con il mondo della scuola e della conoscenza, con le forze sociali e con le associazioni del terzo settore (in particolare quelle giovanili ed impegnate a diffondere la cultura come fattore di coesione sociale).

Pasquale Iorio                                                                                                Caserta, 2 settembre 2014

Portavoce FTS Casertano

giovedì
Ago 7,2014

3

 

Giuristi per la Vita e l’associazione Pro Vita Onlus (editrice della rivista Notizie Pro Vita) hanno impugnato dinanzi al T.A.R. Lazio il decreto del Presidente della Regione Lazio, emesso in qualità di Commissario ad acta,n. U00152/2014 del 12 maggio 2014,pubblicato sul B.U.R. il 22 maggio 2014, nella parte relativa alle “Linee di indirizzo regionali per le attività dei Consultori familiari” (allegato 1) in cui si dispone quanto segue: «In merito all’esercizio dell’obiezione di coscienza fra i medici ginecologi (…) si ribadisce come questa riguardi l’attività degli operatori impegnati esclusivamente nel trattamento dell’interruzione volontaria di gravidanza, di seguito denominata IVG. Al riguardo, si sottolinea che il personale operante nel Consultorio Familiare non è coinvolto direttamente nella effettuazione di tale pratica, bensì solo in attività di attestazione dello stato di gravidanza e certificazione attestante la richiesta inoltrata dalla donna di effettuare IVG. Per analogo motivo, il personale operante nel Consultorio è tenuto alla prescrizione di contraccettivi ormonali, sia routinaria che in fase post coitale, nonché all’applicazione di sistemi contraccettivi meccanici, vedi I.U.D. (lntra Uterine Devices)».Tra le varie violazioni di legge contestate nel ricorso vi sono quelle dell’art. 18 della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo; dell’art. 9 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo; dell’art. 10 e 52 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea; degli artt. 2, 3,19,21, 32, 33, 41 della Costituzione italiana; degli artt. 1, 2, 3 e 52 della Carta dei diritti fondamentali dell’ Unione Europea; degli artt. 1, 13 e 14 della legge 24 febbraio 2004,n. 40; dell’art. 2 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle libertà fondamentali; degli artt. 1, 4, 5, 8, 12 e 14 della legge 22 maggio 1978, n. 194; degli artt. 2, 4, 13, 22 e 68 del codice deontologico del medico. Allo stesso Tribunale Amministrativo Regionale è stata presentata istanza cautelare di sospensione del provvedimento impugnato.

 

IL PRESIDENTE DEI GIURISTI PER LA VITA (Avv. Gianfranco Amato

sabato
Ago 2,2014

giangrande antonio web

Carceri, carcerati e parenti dei carcerati. Dove sbagliano i Radicali? Inchiesta di Antonio Giangrande.

I radicali da anni si distinguono con il Satyagraha per la loro lotta non violenta a favore dei diritti dei detenuti. I risultati sono scarni e su questo Antonio Giangrande, il noto saggista e sociologo storico che ha pubblicato la collana editoriale “L’Italia del Trucco, l’Italia che siamo” ha svolto una sua inchiesta indipendente. Giangrande sui vari aspetti della giustizia ha pubblicato dei volumi: “Ingiustiziopoli, ingiustizia contro i singoli”; “Malagiustiziopoli, malagiustizia contro la collettività”; “Impunitopoli, legulei ed impunità”. Egli afferma: «Una lotta impari destinata alla sconfitta. Forse perché sono sempre le stesse facce a rappresentare lo sparuto gruppo radicale o forse perché l’Italia è in mano a quattro pennivendoli che scrivono le stesse cose, od in mano a quattro legulei che fanno le stesse cose, od in mano a quattro politicanti che dicono le stesse cose. Dov’è il nuovo che avanza, che si è palesato come la brutta copia dei forcaioli? Fatto sta che è inutile lottare a favore degli italiani. Un popolo sodomizzato, che da masochista tace sulle sofferenze subite e non si ribella alla sua situazione. Difatti, come mai si lasciano a sparute rappresentanze di cittadini questo enorme aggravio di denuncia sulla giustizia, mentre i parenti dei detenuti sono centinaia di migliaia? Sarebbero milioni se si considera che a loro si aggiungono i parenti di quei 5 milioni di italiani che negli ultimi 50 anni sono rimasti vittima di errore giudiziario o ingiusta detenzione. Sarebbero il primo partito in Italia, pronto a metter mano a quelle riforme tanto auspicate e reclamizzate, ma mai approvate dalle lobbies e caste al potere. La masso-mafia che tacita le coscienze ed uccide la speranza.»

Nella città invisibile, dove il sovraffollamento delle carceri e i diritti dei detenuti sono temi su cui raramente ci si sofferma, c’è chi opera anche tacitamente affinché questo muro del silenzio crolli definitivamente. Ciò nonostante un’informazione non democratica e poco veritiera determina i sentimenti rancorosi. I tg si basano su fatti di sangue. Si tocca la pancia degli italiani e non li si fa ragionare con fatti di verità su una semplice questione: di carcere si muore.

28 luglio 2014, l’AGI diffonde. “Ore di grande tensione si sono vissute nella mattinata di ieri all’interno del carcere di Taranto ove un paio di detenuti dopo aver distrutto la loro stanza avrebbero incitato tutti gli altri detenuti a rivoltarsi contro il personale di Polizia Penitenziaria”. Lo denuncia in una nota il Sappe, il sindacato degli agenti della Polizia Penitenziaria. “Fortunatamente – è scritto nella nota del Sappe – è giunto prontamente sul posto il comandante di reparto che dopo aver parlato con i rivoltosi ha risolto il tutto non senza conseguenze per i poliziotti penitenziari poiché un paio sarebbero dovuti ricorrere alle cure dell’ospedale. Ormai il problema della sicurezza del carcere di Taranto, considerata l’irresponsabilità dell’Amministrazione penitenziaria, a cominciare dal Dap a Roma e per finire al provveditore regionale a Bari, non consente più perdite di tempo”. Per il Sappe, “è necessario che il prefetto di Taranto prenda in mano la situazione e convochi con urgenza un comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica sulla situazione del carcere di Taranto alla presenza dell’Amministrazione penitenziaria e dei sindacati che tutelano i lavoratori su cui ricade la tragicità della situazione. Ormai – conclude la nota – è tempo di fatti poiché è in gioco oltreché la sicurezza del carcere e dei lavoratori quella della città di Taranto e dei propri cittadini”.

Nonostante tutti sappiano, sono pochi, però, i familiari dei carcerati disposti a metterci la faccia. Delegano ai pochi di buona volontà l’arduo compito di denuncia.

31 luglio 2014: Cronaca del presidio dello Slai Cobas sindacato di classe di Taranto in solidarietà coi detenuti del carcere. Dai pochi familiari dei detenuti intervenuti la testimonianza della pesante condizioni nel carcere di Taranto.

«Sul sovraffollamento, sono costretti a stare in 5/6 nelle celle previste per due, massimo tre persone; d’estate si muore dal caldo, d’inverno piove acqua dentro le celle. C’è degrado. I detenuti che vengano mandati giù in isolamento, sono poi abbandonati. Il letto è sporco, pieno di polvere. Il cibo qui viene portato dopo. Vengono puniti perchè si ribellano? Perchè hanno protestato per le condizioni in cui vivono? Al di là dell’impegno del personale sanitario, possono passare anche mesi prima che vengano visitati; anche se i detenuti hanno problemi urgenti, per es. ai denti, gli viene detto che provvederanno ma poi niente. Certo gli agenti sono pochi, ce ne vorrebbero di più e neanche loro stanno bene, ma sono i detenuti quelli che stanno male e, invece, non hanno voce. Per loro non c’è alcun intervento di recupero, quando escono non c’è lavoro. Soprattutto i giovani stanno perdendo gli anni più belli. Vi sono ragazzi che non hanno fatto cose gravi eppure restano per mesi e mesi, anche anni. Certo i nostri familiari che stanno in carcere hanno sbagliato, nè pensiamo che possano stare in carcere come se stessero in villeggiatura, ma devono essere trattati come persone non come animali.»

Analoghe iniziative, manifestazioni, picchetti, “presidi” e richieste di impegno sono in corso in altre realtà, dall’Abruzzo a Napoli, in Veneto, Emilia Romagna…ad opera dei Radicali italiani, con il difficile Satyagraha con i mezzi (scarsi), le risorse (fantasia tantissima, denaro assai poco), e cercando di insinuarsi negli spazi sempre più stretti di istituzioni e mezzi di comunicazione, “armati”, come si diceva un tempo, di nonviolenza.

Eppure tutti sanno. Carcere: storie di ordinaria follia, scrive Valter Vecellio su “L’Indro”. Rita Bernardini, Segretaria di Radicali italiani, racconta alcune delle vicende ai limiti della realtà. Che si fa, si ride o si piange? Questa storia l’ha scoperta la Segretaria di Radicali italiani Rita Bernardini, Segretaria di Radicali italiani; è una storia paradossale, ma lasciamola raccontare alla stessa Bernardini. “Mentre si scaricano sui Magistrati di Sorveglianza e sui loro uffici ulteriori compiti ai quali adempiere, e mentre da anni i Tribunali di Sorveglianza non riescono a seguire nemmeno l’ordinaria amministrazione, all’Ufficio di Sorveglianza di Modena può accadere che una signora da tempo stia cercando di interloquire con il Magistrato, stressata da telefoni che non rispondono, da uffici che non chiariscono e che rimandano sine die gli adempimenti che competono loro per legge”. Bisogna dire che da tempo a Modena non c’è il Magistrato di Sorveglianza che ha la competenza anche degli internati di Castelfranco Emilia; questo significa che nessuno si occupa delle istanze dei detenuti dei due istituti; significa, solo per fare qualche esempio, niente permessi, niente licenze, niente ingressi nelle comunità terapeutiche. Dopo giorni e giorni di peripezie alla signora l’Ufficio di Sorveglianza fa sapere che “neanche loro sanno quando arriverà da Roma il sostituto magistrato, e che è tutto fermo fino al suo arrivo“. Decisa a non mollare, la signora telefona al Ministero della Giustizia; le viene consigliato di telefonare al Consiglio Superiore della Magistratura. Una signora ostinata, alla fine ce la fa a parlare con la sezione Settima del CSM; e le riferiscono che a loro risulta che il magistrato ha già preso l’incarico, si tratta del dottor Sebastiano Bongiorno. Forte di questa notizia ritelefona all’ufficio di Modena dove finalmente le dicono che effettivamente il magistrato ha preso l’incarico… ma è andato in ferie e, comunque, anche dopo le ferie non rientrerà perché… andrà in pensione! “Quando la signora in questione mi ha raccontato questo fatto”, dice   Bernardini “non ci volevo credere. Constato, attraverso una ricerca fatta al volo su internet, che in effetti il dottor Bongiorno, magistrato e politico eletto nel 1994 nella lista dei Progressisti, ha assunto servizio l’8 luglio scorso e che la decisione del Csm risale al 19 febbraio. Faceva parte della vasta schiera di Magistrati fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia (Dap): la pacchia pertanto avrebbe dovuto finire, ma il  dottor Bongiorno, come abbiamo visto, ha trovato un’alternativa. Dal  canto suo, il magistrato Dal canto suo, il magistrato di Reggio Emilia  – che in teoria sostituisce quello di Modena – non firma le licenze, quindi il risultato è che tutti i semiliberi che regolarmente usufruiscono di licenze, proprio nei mesi più caldi di luglio, agosto e settembre, non avranno la possibilità di esercitare un loro diritto. Inoltre, in molti avevano già prenotato le ferie per andare nei loro paesi di origine a trovare i genitori, che a loro volta aspettavano da tutto l’anno questo momento. Di fronte a questa situazione, il Ministero della Giustizia tace, così come tacciono al Csm e la Procura Generale della Corte di Cassazione: è estate, i magistrati vanno in ferie e quanto prescritto dalla legge può attendere, in un Paese pluricondannato per violazione dei diritti umani fondamentali”. E ora la storia di una persona che viene sottoposta ad anni di carcere, li sconta, viene assolto e per l’ingiusta detenzione non viene risarcito. Si chiama Giulio Petrilli, questa vittima della giustizia ingiusta italiana. Ha scritto una lettera al Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi. Attende risposta. “Gentile Presidente Renzi“, scrive il signor Petrilli, “visto che la legge attuale sulla responsabilità civile dei magistrati prevede di inoltrare il ricorso e anche il risarcimento al presidente del consiglio dei ministri, le inoltro la richiesta di risarcimento danni, quantificabile in dieci milioni di euro, per l’errore giudiziario commesso dal procuratore del tribunale di Milano e la Corte dello stesso tribunale che mi condannò in primo grado. Da anni mi batto per avere giustizia sulla mia vicenda giudiziaria. Una vicenda che mi vide arrestato nel 1980 con l’accusa di partecipazione a banda armata (Prima Linea) e rilasciato nel 1986, dopo l’assoluzione in giudizio d’appello presso il tribunale di Milano. Uscii innocente dopo cinque anni e otto mesi di carcere, da un’accusa di banda armata, che prevedeva anche la detenzione nelle carceri speciali e sotto regime articolo 90, più duro dell’attuale 41 bis. Anni d’isolamento totale, blindati dentro celle casseforti insonorizzate, senza più poter scrivere, leggere libri, anche quelli per gli studi universitari, qualche ora di tv ma solo primo e secondo canale. Sempre, sempre soli, con un’ora d’aria al giorno, in passeggi piccoli e con le grate. Un’ora di colloquio al mese, con i parenti, ma con i vetri divisori. Dodici carceri ho attraversato in questi sei lunghi anni. Ebbi la sentenza di assoluzione dalla Cassazione nel 1989“. Chissà se Renzi ha risposto, anche un solo twitter.

«Ecco perché proseguo il Satyagraha, dice Rita Bernardini. Vi spiego perché proseguo il Satyagraha insieme a Marco Pannella  con il sostegno attivo di oltre 200 cittadini. Marco Pannella sta praticando il Satyagraha nella forma dello sciopero della sete, nonostante i medici glielo sconsiglino nel modo più assoluto:

– è inconcepibile per uno Stato che si definisca democratico che il boss di “cosa nostra” Bernardo Provenzano sia ancora detenuto in regime di 41-bis (carcere duro). Occorre immediatamente interrompere questa vergogna che mette lo Stato italiano a un livello di criminalità superiore a quello dei peggiori mafiosi o terroristi.

– occorre intervenire immediatamente per garantire le cure oggi negate a migliaia di detenuti che non possono essere “curati” nelle strutture carcerarie. Responsabili di questa situazione sono il Ministero della Giustizia, quello della Sanità e i magistrati di sorveglianza.

– il decreto sulle carceri in fase di conversione alla Camera, nel prevedere le misure risarcitorie per i detenuti che hanno subito trattamenti inumani e degradanti – che noi radicali abbiamo definito “il prezzo della tortura” – non ha corrisposto minimamente a quanto previsto dalla Corte EDU e a principi elementari di costituzionalità. Questo non lo affermiamo solo noi radicali, ma anche la Commissione Affari Costituzionali della Camera che ha espresso seri dubbi circa queste misure chiedendo alla Commissione Giustizia se “siano pienamente rispondenti ai principi stabiliti dalla Corte europea dei diritti dell’uomo nella richiamata sentenza dell’8 gennaio 2013 (causa Torreggiani e altri contro Italia, ricorsi 43517/09 più altri riuniti) ed al principio di proporzionalità di matrice costituzionale”.

– Oltretutto, gli 8 euro per ogni giorno di trattamenti inumani e degradanti subiti in violazione dell’art. 3 della CEDU, o il giorno di sconto di pena ogni 10 giorni passati in carcere nella condizione suddetta, costituiscono misure inapplicabili per una Magistratura di Sorveglianza già sotto organico e non in grado -da tempo- di affrontare i doveri quotidiani ai quali è chiamata; lo stesso vale per i Giudici civili che dovrebbero ricostruire giorno per giorno e per ciascun detenuto le condizioni di carcerazione nei diversi spostamenti che i reclusi subiscono durante la permanenza nei penitenziari italiani: cambio di cella, di sezione, di istituto.

– occorre che Televisioni pubbliche e private rimedino all’ignobile censura che hanno riservato agli esiti della visita effettuata in Italia (dal 7 al 9 luglio) da parte delle Nazioni Unite tramite il “Gruppo di lavoro sulla detenzione arbitraria”. Nel documento redatto e nelle richieste rivolte al nostro Paese dall’ONU ci sono tutti gli obiettivi della nostra lotta e tutti i contenuti del Messaggio al Parlamento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, amnistia e indulto compresi. Gli esperti ONU hanno anche avuto da recriminare su un argomento tabu in Italia come quello del 41-bis, al quale solo noi radicali ci opponiamo. Secondo l’ONU non ci siamo ancora “adeguati ai requisiti internazionali per i diritti umani.

Troppo pochi 8 euro al giorno ai detenuti che hanno sofferto una carcerazione inumana. Il rischio è che l’Europa ci sanzioni anche per questa maniera di mettere pezze ai danni già fatti. Non lo dicono solo i radicali italiani di Rita Bernardini e Marco Pannella, che di questa battaglia hanno fatto da tempo una ragione di vita e di verità, ma lo hanno messo nero su bianco i membri del Csm, con un voto che quasi all’unanimità, 19 voti favorevoli e due astenuti, ha bocciato il decreto del ministro Andrea Orlando.

“L’obiettiva esiguità del quantum risarcitorio da liquidarsi – si legge nel parere messo a punto dalla Sesta Commissione (relatrice la togata di Unicost Giovanna Di Rosa) – senza che alcuna discrezionalità sul punto residui al giudicante, potrebbe infatti essere sospettata di svuotare di contenuto la tutela offerta dalla disposizione sovranazionale, la cui violazione non darebbe luogo ad un effettivo ristoro per equivalente da parte dell’amministrazione”.

“Al di là della evidente esiguità della somma – ha osservato il Csm – chiaramente riconducibile al timore che il riconoscimento di importi assai cospicui a favore dei danneggiati possa gravare eccessivamente sulle finanze dello Stato, la previsione di un siffatto limite appare discutibile anche sotto il profilo della rigidità del tasso di risarcimento previsto per legge, senza che sia prevista alcuna possibilità di graduarlo in ragione della gravità del pregiudizio eventualmente accertato”.

Rita Bernardini sul Satyagraha in corso: ”Serve la mobilitazione anche dei detenuti”. Nelle carceri, intanto, ci si continua ad ammalare e a morire. Sono 82 i morti dall’inizio dell’anno, dei quali 24 per suicidio, riporta “Espresso on line”. La puntata di Radio Carcere andata in onda martedì 29 luglio 2014 ha visto la presenza in studio della segretaria di Radicali Italiani, Rita Bernardini, e quella di Marco Pannella. Come ricordato dal conduttore del programma, Riccardo Arena, Rita Bernardini è giunta a quota 29 giorni di sciopero della fame contro la “morte per pena” e affinché lo stato la smetta di comportarsi come “il peggiore dei criminali” in riferimento anche alla vicenda umana di Bernardo Provenzano e la sua permanenza al 41 bis in condizioni pressoché larvali. La puntata ha inoltre ananlizzato i contenuti dell’interrogazione presentata giovedì scorso dal vicepresidente della Camera, On. Roberto Giachetti (Pd) su sovraffollamento carcerario e capienza degli istituti. Arena ha quindi ricordato che venerdì scorso c’è stato un nuovo suicidio al carcere Due Palazzi di Padova. Un morto è morto per impiccagione nella propria cella, il suo nome era Giovanni Pucci, 44 anni di Lecce, che stava scontando una pena di 30 anni di reclusione. A questo detenuto era stato da poco negato il permesso di lavoro esterno al carcere, a causa di una rissa dietro le sbarre in cui sarebbe stato coinvolto e su cui è in corso un’indagine. Si tratta dell’82 esimo detenuto morto nelle carceri italiane nel 2014. Tra questi 24 sono i suicidi. Il deputato ha ribadito la necessità di amnistia e indulto, citando gli interventi di Giovanni Paolo II in Parlamento (2002 e in qualche modo prodromico all’indulto del 2006) e il più recente messaggio di Giorgio Napolitano alle Camere, datato otto ottobre dello scorso anno. Il Parlamento però, secondo Melilla, non ha il coraggio di prendere certe decisioni per paura dell’opinione pubblica che confonde “l’esigenza di sicurezza con una lotta disumana nei confronti di chi ha sbagliato”.

“L’informazione determina i sentimenti rancorosi evocati da Melilla – ha proseguito la Bernardini – un’informazione non democratica e poco veritiera. Il centro d’ascolto ha documentato che i tg si basano su fatti di sangue quando è risaputo che gli omicidi sono in netto calo rispetto ad alcuni anni fa. Si tocca la pancia degli italiani e non li si fa ragionare con fatti di verità su una semplice questione: ovvero che in realtà se si fa un carcere diverso, se si usano misure alternative c’è più sicurezza per tutti. Quando non si mandano direttamente le persone nelle carceri illegali italiane, la recidiva si abbassa drasticamente”.

Anche il tema della sanità in carcere è tornato al centro della discussione: “Non è solo una questione di metri quadrati – ha dichiarato la Bernardini – ma anche di sanità e in generale di mancanza di cure. Una percentuale intorno al 30% dei detenuti ha problemi psichiatrici e in carcere c’è un’alta probabilità di veder manifestare problemi psichiatrici proprio per le condizioni in cui si è costretti a vivere. Poi ci sono il 32% che sono tossicodipendenti e hanno già problemi di loro. Anche se sei sano ti ammali, il carcere è un luogo dove ci si ammala spesso gravemente e troppe volte si muore per mancanza di cure e perché indagini urgenti tipo le Tac non vengono eseguite se non dopo quattro mesi o un anno, quando ormai è troppo tardi. Inoltre ci sono detenuti che vengono accusati di fare scena, non vengono creduti e muoiono in carcere. Non tutte le carceri hanno la guardia medica h24, pochissime hanno il defibrillatore e anche dove c’è non sanno usarlo. Andrebbero fatti dei corsi per gli agenti e per chi è presente in carcere ma non vengono svolti”.

“C’è da occuparsi e preoccuparsi di questo – ha poi dichiarato Pannella entrando nel merito delle questioni – Renzi non si rende conto che, con queste condanne formali e quando il massimo magistrato costituzionale (Presidente della Repubblica) manda un messaggio alle Camere in cui scrive che quanto viene detto da Cedu, Corte Costituzionale (e perfino dall’Onu, benché in un momento successivo) è qualcosa che crea l’obbligo, questo parlamento non ha neppure discusso e in questo dà la misura di se stesso”. Ha sentenziato l’anziano leader che si è soffermato anche sulla vicenda riguardante l’irragionevole durata dei processi ricordando che: “Già nel 1976 mi schieravo contro i comunisti che erano contrari all’amnistia preferendo le prescrizioni”. Quindi Pannella ha letteralmente tuonato contro l’indegnità del nostro paese a far parte di quella stessa Unione Europea che pure ha contribuito a fondare: “L’Italia andrebbe espulsa dalla comunità europea per la somma e per il prodotto delle violazioni commesse – Pannella ha evocato in proposito una ricerca sul costo economico delle procedure d’infrazione contro l’Italia, a cura di Massimiliano Iervolino – e con la nonviolenza dobbiamo giocare al massimo la partita per il diritto e per i diritti”. Tra questi il diritto costituzionale alla salute in carcere.

A proposito viene i aiuto la toccante testimonianza di Davide Grassi su “Il Fatto Quotidiano”. Sovraffollamento delle carceri: Michele se n’è andato. È una calda giornata di luglio. Le imponenti mura di recinzione che circondano l’edificio principale sono la prima cosa che mi lascio alle spalle quando oltrepasso il massiccio portone blindato, che sembra ruggire mentre si apre e si richiude a battente. Prima di arrivare alle “sezioni” che ospitano i detenuti devo percorrere alcuni metri a cielo aperto, interrotti da almeno altri due fabbricati di cemento armato e acciaio, all’interno dei quali vengo sottoposto a rapidi controlli dalle guardie carcerarie che mi riconoscono subito e si limitano ad una superficiale occhiata al “pass” che il loro collega mi ha rilasciato all’ingresso. Mi capita spesso di addentrarmi dentro “l’inferno”. Lo chiamano così, quelli che ci finiscono dentro, per colpa loro o, in certi casi, anche per  un errore giudiziario. Dentro “l’inferno” ci trovi quelli che sono gravati da una misura cautelare e che, secondo il magistrato, finché il procedimento non si conclude, potrebbero inquinare le prove, tentare la fuga o commettere un altro reato. Tra di loro anche chi sta scontando una condanna definitiva. Ho superato l’ultimo controllo e percorro gli ultimi metri all’aperto. Inevitabilmente alzo lo sguardo. Dalle inferiate saldate al perimetro di una finestra fuoriescono le braccia a penzoloni di un detenuto. Scorgo i suoi occhi rassegnati che fissano il vuoto. Dietro di lui credo di aver intravisto le ombre dei compagni che si agitano dentro la cella. Proseguo ancora. Davanti a me sento il fischio del motorino elettrico che fa scattare la serratura dell’ultima porta d’acciaio che mi separa dall’”inferno”. Sono dentro. Noto che alcuni agenti della penitenziaria parlano tra di loro in modo concitato. Capita a volte quando ci sono problemi con i detenuti. Il piantone mi fa segno di andare. Mi accomodo in una delle stanze messe a disposizione per i colloqui e attendo. “Oggi è una giornata molto pesante.” Esordisce Marco che è appena sceso dalla seconda sezione. Marco ha 22 anni ed è nato in Marocco ma è in Italia da quando aveva dieci anni. Parla un italiano impeccabile. È cresciuto con gli zii e non ha mai conosciuto i suoi genitori. È dentro da 11 mesi per una rapina aggravata. Ha preso una condanna in primo grado di 3 anni. Abbiamo appellato la sentenza. Marco è la prima volta che finisce in carcere e mi ha nominato da poco. È stato Michele ad avergli consigliato di nominarmi ed io sto facendo un favore a Michele, un mio cliente, che ha da scontare delle vecchie condanne per spaccio. Roba vecchia, ma con le quali prima o poi Michele sapeva di doverci fare i conti. Michele ha sessant’anni e dal carcere ci era già passato. Visto che era uno dei più anziani aveva deciso di prendere sotto la sua ala protettiva quelli come Marco che fanno il carcere per la prima volta. Michele si è affezionato a Marco. Sarà per la differenza d’età. Marco potrebbe essere suo figlio. Michele mi ha chiesto di difendere Marco gratuitamente ed era molto contento quando gli ho detto che avrei accettato. “Ne hanno portati altri due e adesso nel “buco” siamo in otto.” Mi dice Marco. Lo guardo per niente sorpreso. Quel carcere aveva già avuto qualche problema: condizioni igienico sanitarie pessime e sovraffollamento. Soprattutto quando arriva l’estate e si riempie di ladruncoli e piccoli spacciatori. “Hanno dovuto aggiungere un letto a castello. Siamo stipati come delle sardine. Con questo caldo non gira l’aria e mi sembra di soffocare. Facciamo a turno per stare in piedi, anche solo per dare un’occhiata fuori dalla finestra. Abbiamo una sola tazza del cesso per otto persone. E’ giusto secondo te?” Marco è un ragazzino intelligente, più maturo della sua età. Lo guardo e ascolto senza fiatare. Annuisco soltanto e non posso fare altro che prenderne atto. Dopo lo sfogo iniziale parliamo d’altro. Di cosa farà un giorno quando sarà fuori e che dovrà cercarsi un lavoro. Ha deciso che si rimetterà in contatto con gli zii che non vede da un paio d’anni. Da quando ha deciso di vagabondare da una città all’altra. Nessuno da quando è dentro è mai passato a trovarlo. Forse nessuno dei suoi familiari sa che lui è dentro. Noto che Marco non ha molta voglia di parlare, allora provo a cambiare discorso e a quel punto lui mi interrompe. “Michele se n’è andato…” “Michele se n’è andato?”, ripeto come un automa.  Provo a spiegargli che è impossibile che Michele se ne sia andato, perché mi sarebbe arrivata una comunicazione in studio e comunque la sua posizione doveva essere ancora vagliata dal magistrato di sorveglianza. Mi sembra ridicolo dovergli spiegare che uno non può andarsene dal carcere quando gli pare. Ma subito mi rendo conto che sono io quello ridicolo. Marco ha gli occhi lucidi. In un istante realizzo e mi sento un groppo in gola. “Quando è successo?” “Questa mattina. Durante l’ora d’aria. Nella cella in cui era stato trasferito le finestre del bagno erano abbastanza alte..” Era bravo con i nodi Michele. Li aveva imparati sul lavoro. Per molti anni era andato per mare. Imbarcato su un peschereccio. Michele era un pescatore. Michele quella mattina aveva atteso che la cella si liberasse. Aveva preso un lenzuolo e aveva fatto un cappio ad una estremità. Poi lo aveva girato attorno al collo. L’altra estremità l’aveva già legata alle inferiate della finestra. Quindi si era arrampicato sul piccolo lavabo d’acciaio. Prima di andarsene aveva dato un’occhiata attraverso le sbarre. Fuori il cielo era di un limpido azzurro. Si era lasciato sfuggire un sorriso. Era una splendida giornata d’estate.

Morte naturale, qualcuno dirà. No. E’ omicidio di Stato. Quel reato abbietto di cui nessuno parla.

Così si muore nelle “celle zero” italiane.  Dai pestaggi ai suicidi sospetti. Le foto incredibili, scrive Antonio Crispino  su “Il Corriere della Sera”. Per quando questa inchiesta sarà tolta dal sito del Corriere (più o meno 48 ore), in carcere sarà morta un’altra persona. Sono 2230 decessi in poco più di un decennio. Quasi un morto ogni due giorni. Morte naturale, arresto cardio-circolatorio, suicidio. Queste le cause più comuni. Quelle scritte sulle carte. Poi ci sarebbero i casi di pestaggio, di malasanità in carcere, di detenuti malati e non curati, abbandonati, le istigazioni al suicidio, le violenze sessuali, le impiccagioni a pochi giorni dalla scarcerazione o dopo un diverbio con il personale carcerario. Sono le ombre del sistema. La versione ufficiale è che il carcere è “trasparente”, sono tutte fantasie, storie metropolitane. «I detenuti, ormai, l’hanno presa come una moda quella di denunciare violenze». Parola di Donato Capece, leader del Sappe (Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria). Per essere credibili bisogna portare le prove, le testimonianze. In che modo? «Il carcere è un mondo a parte, un sistema chiuso dove si viene a sapere quello che io voglio che si sappia e dove le carte si possono sistemare a piacimento. Il sistema tende a proteggere se stesso» sintetizza Andrea Fruncillo, ex agente penitenziario di Asti. Lo avevamo incontrato già qualche anno fa. Grazie anche alla sua denuncia (caso più unico che raro) venne alla luce il sistema di pestaggio organizzato all’interno del carcere dove prestava servizio. In primo grado non si trovò nessun responsabile. In secondo grado sono arrivate le condanne. E’ una lotta impari, una fatica di Sisifo. «Anche lì dove riusciamo faticosamente a reperire delle prove finisce quasi sempre con una prescrizione» spiega l’avvocato Simona Filippi. È uno gli avvocati di Antigone, l’associazione che si occupa dei diritti dei detenuti. Carte alla mano, ci mostra come i reati per cui si procede sono attinenti alle sole lesioni. I tempi di prescrizione sono facilmente raggiungibili rispetto a un reato di tortura. Se fosse introdotto nel nostro ordinamento. Ad oggi, infatti, questo reato non esiste. Come praticamente non esistono condanne passate in giudicato. Esistono, invece, foto e documenti agghiaccianti che pochi dubbi lascerebbero sulla natura della morte del detenuto. Ma tutto è interpretabile e la scriminante è sempre dietro l’angolo. Lo avevamo testato anche noi, nel 2012, dopo l’aggressione ricevuta da parte del comandante degli agenti penitenziari di Poggioreale che minacciò: «Se non spegni questa telecamera te la spacco in testa… I detenuti li trattiamo anche peggio, lo puoi anche scrivere». Anche in quel caso chiedevamo di presunti casi di violenza. Tante scuse per l’accaduto, la richiesta – cortese – di non denunciare da parte della direttrice e promesse di azioni disciplinari da parte del Dap. Nulla di concreto. Anzi. Sul sito della polizia penitenziaria il comandante viene descritto come un ‘martire della battaglia’, in puro stile corporativo, provocato da giornalisti in cerca di scoop. «Nessuna prova». Qualche foto gira su internet per la pervicacia di genitori che chiedono giustizia: sono i casi di Stefano Cucchi, Marcello Lonzi (la mamma ha venduto tutto quello che aveva per pagare avvocati e periti. Ultimamente ha messo in vendita il proprio rene per poter pagare il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo a Strasburgo. La battaglia legale va avanti da 10 anni) o Federico Perna. Gli altri non li conosce nessuno. Come Manuel Eliantonio, Carlo Saturno, Bohli Kaies, Raffaele Montella, Aldo Tavola, Stefano Guidotti, Antonino Vadalà, Mauro Fedele, Gregorio Durante, Giuseppe Rotundo e troppi altri. Raccogliamo tutto quello che si può documentare. Lo mostriamo, in una miscellanea di orrore e terrore, al garante dei detenuti della Lombardia Donato Giordano, la regione con il più alto numero di carcerati. «E’ una follia, se è vero come è vero quello che ho visto siamo messi peggio del nazismo». Eppure casi di pestaggio sulla sua scrivania non sono mai arrivati. Nemmeno uno. Invece da mesi ci arrivano via posta segnalazioni dal carcere di Opera. «Fate luce sulla cella 24», ci scrivono. Cos’è la cella 24? «Solo una cella come tante altre dove mettono drogati e alcolizzati. Il direttore del carcere mi ha detto che è vuota per evitare che si facciano male. Indagherò» ci fa sapere il garante Giordano. In tutta Italia la cella 24 ha tanti nomi. Ogni detenuto, a seconda della provenienza geografica, la apostrofa in modo diverso, ma il senso è quello: cella 0, cella interrata, cella frigorifera, cella nera, cella estiva/invernale… Ogni termine ha una spiegazione. Incontriamo un poliziotto di Poggioreale per chiedergli del sovraffollamento ma il discorso vira inevitabilmente sull’esistenza della “cella zero”, la cella dove verrebbero portati i detenuti da punire. Non sa di essere ripreso. Spaventa la normalità con la quale afferma cose di una certa gravità: «Poggioreale è stato scenario di tante cose violente, dentro Poggioreale si è sparato, ci sono stati i morti, sono girate pistole… fino a quando non c’è stata la svolta autoritaria delle forze dell’ordine. Nella gestione di una popolazione del genere, permetti che c’è anche il momento di tensione, che si superano dei limiti, da ambo le parti e si interviene in questo modo? Penso che è naturale… E’ un po’ come lo schiaffo del padre in famiglia, no?». La denuncia che il garante si aspetta sulla scrivania dovrebbe partire da un detenuto pestato che si trova all’interno del carcere e convive con altri detenuti che non vogliono problemi. La stessa denuncia prima di essere spedita passerebbe tra le mani del sistema carcerario. Dopodiché il detenuto dovrebbe continuare a convivere con i suoi presunti carnefici, ogni giorno. Il tutto partendo dal presupposto che un detenuto, per definizione, ha una credibilità pari allo zero e una possibilità di documentare quello che dice praticamene nulla. «Anche se viene trasferito dopo la denuncia, il detenuto sa che le prende lo stesso. Tra di noi arrivava la voce di chi aveva fatto l’infame e si trovava ugualmente il modo di punirlo. Chi sa sta zitto, anche i medici. Ad Asti dicevamo noi al medico cosa scrivere sulla cartella clinica dopo un pestaggio. Ovviamente nei casi in cui lo portavamo da un medico. Ci sono tanti bravi agenti che fanno solo il loro dovere ma seppure assistessero ai pestaggi non potrebbero parlare. Sarebbero mandati in missione in chissà quale carcere sperduto d’Italia, gli negherebbero le licenze, i permessi, farebbero problemi con le ferie, verrebbero discriminati… Insomma il carcere è un mondo con le sue regole» ricostruisce così la sua esperienza, Fruncillo. «Ci aveva provato Carlo Saturno a denunciare le violenze subite nel carcere minorile di Bari» ricorda Laura Baccaro autrice con Francesco Morelli del dossier “Morire di carcere” pubblicato su Ristretti Orizzonti. E’ stato sfortunato. Era l’unico testimone ed è morto impiccato una settimana prima dell’udienza in cui doveva deporre. Il processo si è chiuso per mancanza di prove. Katiuscia Favero. Anche lei aveva denunciato: un medico e due infermieri dell’Opg di Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova. La avrebbero violentata ripetutamente. «Dopo la denuncia viene trovata impiccata a un albero in un recinto accessibile solo al personale medico-infermieristico. Sfortunata anche lei. Perché spariscono anche le perizie ginecologiche effettuate dopo la denuncia». Caso chiuso. Nel 2008 verranno assolti sia il medico che gli infermieri denunciati da Katiuscia, per mancanza di prove. Cristian De Cupis diceva che alcuni agenti della Polfer di Roma lo avevano picchiato durante l’arresto. Denuncia tutto al Pronto soccorso. Muore prima ancora che gli convalidino l’arresto. Aveva 36 anni. Manuel Eliantonio viene fermato all’uscita di una discoteca. Aveva fumato, usato droghe. Gliene trovano alcune in tasca e lui scappa. L’agente lo rincorre e lo porta nella caserma della Polizia stradale di Carcare, provincia di Savona poi in carcere. Ufficialmente muore per «arresto cardiaco» ma il giorno prima aveva scritto alla mamma: «Mi ammazzano di botte, mi riempiono di psicofarmaci, quelli che riesco li sputo, se non li prendo mi ricattano». Anche qui, nessuna prova. Nessuna prova e nessuna testimonianza neppure per Bohli Kaies. E’ uno spacciatore tunisino morto per «arresto cardiocircolatorio». La perizia disposta dal procuratore di Sanremo precisa: «Avvenuta per asfissia violenta da inibizione dell’espansione della gabbia toracica». In pratica: soffocato. Così il procuratore Roberto Cavallone decide di indagare i tre carabinieri che procedettero all’arresto. Dirà: «E’ una morte della quale lo Stato italiano deve farsi carico. Chi ha visto si faccia avanti e i tre militari raccontino come è andata». Non si saprà mai come è andata nemmeno per Rachid Chalbi. Trovato morto in cella per “suicidio”. Qualche giorno prima era stato punito con il trasferimento nel penitenziario di Macomer. Quando i parenti si recano all’obitorio notano ecchimosi sul volto e sul petto. I parenti si chiedono: «Nonostante la richiesta del consolato e dei legali l’autopsia non è stata eseguita. Perché?».

Poggioreale, l’incubo “cella zero”. Le denunce sui pestaggi dei detenuti. Dopo l’inchiesta dell’Espresso di qualche mese fa, con il racconto di un ex detenuto su botte e minacce ricevute da un gruppo di guardie carcerarie, ora sono diventate oltre cinquanta le confessioni raccolte dai magistrati napoletani sui maltrattamenti nella famigerata “cella zero”, scrive Arianna Giunti su “L’Espresso”. C’è “melella”, che si è guadagnato questo soprannome perché “quando beve le guance gli diventano rosse come due mele mature”. C’è “ciondolino”, che quando arriva nelle celle, a notte fonda, lo riconosci da lontano per via di quel tintinnio “proveniente da un voluminoso mazzo di chiavi che gli ciondola attaccato ai pantaloni”. Poi c’è “piccolo boss”. Non è molto alto di statura, è silenzioso, però “picchia forte e zittisce tutti”. Insieme sono “la squadretta della Uno bianca”. Almeno, è così che li chiamano i carcerati di Poggioreale, il carcere di Napoli. In memoria di un terribile caso di cronaca nera degli anni Novanta. Solo che in questa vicenda i protagonisti non sono feroci killer che vestono la divisa della polizia di Stato ma un piccolo gruppo di agenti della penitenziaria che – secondo le testimonianze di alcuni detenuti – si sarebbe reso responsabile di ripetuti pestaggi notturni, minacce, vessazioni e umiliazioni nei confronti dei carcerati “disobbedienti”. Rinchiusi nudi e al buio per ore intere, in una cella completamente spoglia ribattezzata la “cella zero”. Sono salite a 56 le denunce dei detenuti del penitenziario napoletano che hanno messo nero su bianco, davanti ai magistrati della Procura di Napoli, le presunte violenze subite dietro le mura di una delle carceri più sovraffollate d’Europa. La punta di un iceberg fatto di sistematiche violazioni dei diritti umani che l’Espresso aveva documentato già lo scorso gennaio , riportando tra l’altro la testimonianza esclusiva di una delle vittime, un ex detenuto di 42 anni che ha riferito di aver subito durante la sua permanenza di cella “pestaggi e trattamenti disumani in una cella con le pareti sporche di sangue”. Il corposo dossier presentato due mesi fa dal garante dei detenuti della regione Campania, Adriana Tocco, nel frattempo si è dunque arricchito di decine di altre testimonianze, sempre più drammatiche e sempre più ricche di dettagli. Per l’esattezza, si tratta di 50 nuove denunce e altri 6 esposti, contenute in due diversi fascicoli che ora sono al vaglio dei procuratori aggiunti Gianni Melillo e Alfonso D’Avino. Un’inchiesta, questa, che potrebbe far vacillare i vertici dell’istituto penitenziario partenopeo e gettare nell’imbarazzo l’intero dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, proprio alla luce dell’ennesima stroncatura ricevuta pochi giorni fa dal Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa, con la quale Strasburgo ha mandato a dire al nostro Paese – senza tanti giri di parole – che i provvedimenti presi finora dall’Italia per sanare la piaga carceri (il recente decreto approvato da Camera e Senato) sono insufficienti a riabilitare il nostro sistema carcerario. E così a maggio il nostro Paese – condannato un anno fa con la storica sentenza Torreggiani – potrebbe vedersi costretto a pagare una maxi multa. Le deposizioni dei detenuti ed ex detenuti napoletani, intanto, sono già iniziate e continueranno anche nelle prossime settimane. Testimonianze ancora tutte da verificare, questo è certo, ma che per ora sembrano dipingere un abisso di soprusi e vessazioni. Nei loro racconti davanti alle toghe i carcerati ricostruiscono la punizione della “cella zero” – una cella completamente vuota che si trova al piano terra del carcere – con tanto di linguaggi in codice da parte del gruppo di agenti che avrebbe preso parte alle violenze. Un gruppo ristretto di “mele marce”, visto che a onore del vero la maggior parte dei poliziotti in forza al carcere partenopeo viene descritta dagli stessi detenuti come “sana” e composta da agenti coscienziosi e votati al sacrificio che non si risparmiano con ore e ore di straordinari in condizioni usuranti. Questa piccola squadretta, invece, avrebbe compiuto negli ultimi anni abusi di potere continui. “La punizione della cella zero”, raccontano i detenuti nelle loro denunce, “consiste nell’essere confinati in una cella isolata, completamente vuota, nudi e al buio, per intere ore, sottoposti a pestaggi e minacce”. Poi c’è qualche terribile eccezione. Uno dei detenuti che ha da poco presentato un esposto davanti ai magistrati napoletani, infatti, un ragazzo italiano di 35 anni finito in carcere per reati di droga, racconta di essere stato rinchiuso nella cella zero “tre giorni consecutivi”. La dinamica appare la stessa per tutti i detenuti. “Ci portano lì dentro di notte, quando molti di noi già dormono”, raccontano, “e ci picchiano uno per volta”. “Tempo fa”, mette nero su bianco un ex detenuto, “ci hanno portati lì in otto, ma poi il ‘trattamento’ è stato fatto uno per volta”. Già, ma in cosa consiste – esattamente – questo “trattamento”? I detenuti lo raccontano con tragica naturalezza. Innanzitutto, parte l’ordine: Scinne a ‘stu detenuto, “fai scendere questo detenuto”. In pochi minuti, il prescelto viene portato nella cella zero, e viene spogliato di tutto. La cella è umida, vuota, ha le pareti e il pavimento sporche “di sangue ed escrementi”. A questo punto secondo i racconti partirebbero le percosse. “Ci picchiano a mani nude o con uno straccio bagnato, per non lasciare segni sul corpo”, verbalizza nella sua denuncia uno dei detenuti, “alcuni di loro hanno in mano un manganello, ma lo usano solo per spaventarci”. Mentre incassano le botte, i detenuti iniziano a sanguinare. La paura di entrare in contatto con liquidi infetti è enorme. Ecco perché “tutti gli agenti mentre picchiano indossano guanti di lattice”. Ai pestaggi seguirebbero quindi le minacce. Racconta un detenuto: “Uno di loro mi ha detto: ‘ se provi a riferire quello che hai visto te la faccio pagare’”. Quindi, a botte concluse, da parte degli agenti della penitenziaria arriverebbe anche un’offerta: “Vuoi andare a farti medicare in infermeria?”. “Inutile aggiungere che nessuno di noi ha il coraggio di farsi portare dagli infermieri ma sopporta il dolore in silenzio”, racconta uno dei detenuti negli esposti, “o al limite si fa medicare alla meno peggio dai compagni di cella”. La squadretta secondo i detenuti sarebbe composta da tre o quattro agenti, ai quali i carcerati hanno assegnato appunto diversi soprannomi. Come “ciondolino”, “melella”, “piccolo boss”. Tutti riconoscibilissimi, visto che avrebbero agito a volto scoperto. Questo è il motivo per cui i magistrati napoletani vogliono proteggere con grande discrezione l’identità dei testimoni in attesa di verificare che le loro accuse siano attendibili, precise e concordanti. Anche confrontando la cronologia dei presunti pestaggi subiti dai detenuti con i fogli di turno e i registri di presenza degli agenti. Di sicuro, secondo i racconti dei detenuti, a far divampare la rabbia delle “guardie” basterebbe un pretesto. Una risposta sbagliata, un atto di disobbedienza, un banale battibecco. Ed eccoli scaraventati nell’inferno “cella zero”. Uno scenario nero che nelle prossime settimane potrebbe arricchirsi di nuove testimonianze e accuse e che quasi certamente culminerà con un’ispezione carceraria a Poggioreale.

Dopo tutto questo si sente l’opprimente bisogno di scomunicare “solo” i mafiosi. “Ora Bergoglio venga qui a spiegarci se possiamo prendere l’ostia”, scrive Giuseppe Caporale su “La Repubblica”.  «A questo punto, vogliamo incontrare il Papa. Solo lui può dirci se possiamo ricevere o no i sacramenti. E questo noi dobbiamo saperlo ». Quando, alle cinque di ieri pomeriggio, nella “sala della socialità” del reparto Alta sicurezza 3 del carcere di Larino, prende la parola uno dei quindici ‘ndranghetisti, il vociare che fino a quel punto aveva accompagnato la visita ispettiva al penitenziario dell’assessore regionale alle Politiche sociali del Molise, Michele Petraroia, si spegne. «Noi, tutti insieme — dice il boss, indicando con il dito il gruppo di detenuti calabresi intorno a lui e guardando l’assessore — due settimane fa, dopo la scomunica del Papa alla ‘ndrangheta durante la visita in Calabria, abbiamo posto una domanda al nostro prete (il cappellano del carcere don Marco Colonna, ndr). E, visto che siamo tutti condannati per reati di mafia, gli abbiamo chiesto se potevamo continuare a prendere i sacramenti. Don Marco ha preso tempo, giustamente — prosegue il detenuto — Ha detto che si doveva informare, che non aveva sentito bene le parole del pontefice e che le aveva ascoltate solo distrattamente alla televisione. Ci ha detto che ne avrebbe parlato con il vescovo (don Gianfranco De Luca della diocesi di Larino-Termoli, ndr). Noi, nel dubbio, a messa non ci siamo andati fino a quando non è venuto il vescovo a parlarci, e a darci con le sue mani la comunione. Ma quando, dopo la messa di domenica, abbiamo posto la stessa domanda anche a lui, ci ha detto che c’è ancora bisogno di riflettere e approfondire. Poi ci ha lasciato da leggere il discorso integrale del Papa a Sibari». Quindi il boss rivolge un invito all’assessore: «Visto che è qui per conoscere questa vicenda da vicino, faccia sapere fuori che vogliamo incontrare Papa Francesco. Che da lui vogliamo la risposta alla nostra domanda». Petraroia annuisce e prende appunti con un’assistente: «Capisco il vostro turbamento e non sono la persona adatta per parlarvi di pentimento o conversione. Conosco questo carcere e le persone che ci lavorano e sono certo che potranno aiutarvi». Nella sala c’è anche Carmelo Bellocco, capo cosca di una potente ‘ndrina di Rosarno: «Assessore, faccia anche arrivare un messaggio alle nostre famiglie. Dica loro che noi non abbiamo offeso la chiesa, mai», dice. «Abbiamo solo fatto una domanda, tutti insieme. Non c’è nessuna rivolta come dicono invece i telegiornali. Noi non siamo come quelli dell’inchino… (con un chiaro riferimento alla vicenda della sosta della statua della Madonna davanti all’abitazione di un boss a Oppido Mamertina, ndr )». A quel punto i detenuti rompono il silenzio e cominciano a prendere la parola uno alla volta. «Perché esce questa immagine di noi? Perché ci vogliono far passare per rivoltosi? », si sfoga uno di loro, seduto accanto al boss della Sacra corona unita Federico Trisciuoglio: «Ci vogliono punire », dice. «Tutti questi articoli di giornale e servizi della tv ci fanno solo del male». Nella “sala della socialità” dovrebbe esserci anche Giuseppe Iovine, fratello del boss del clan dei Casalesi pentitosi da un mese, ma non c’è: è rimasto in cella e non ha voluto partecipare all’incontro. Ma nemmeno quando Petraroia passa attraverso il reparto Z (dove si trovano i parenti dei collaboratori di giustizia che devono scontare una pena in carcere) Iovine si avvicina. La direttrice del penitenziario, Rosa La Ginestra, che segue la visita, illustra all’assessore le attività dell’istituto: «Facciamo tante iniziative per fare socializzare i detenuti e per recuperarli. Hanno ragione quando dicono che tutto questo clamore non ci aiuta. Una parte dei nostri ospiti, quelli che frequentano il corso di studi interno, ogni anno si reca in visita a Roma per ascoltare il Papa in piazza San Pietro». Quando, dopo un’ora di ispezione dei reparti, Petraroia esce dal penitenziario, è stato appena stato diffuso l’ultimo messaggio di monsignor Giancarlo Bregantini, vescovo di Campobasso. Che sulla vicenda dice: «Occorre chiudersi a riflettere su come conciliare la forza della misericordia con il dramma della scomunica». Nessuna rivolta, spiega poi il presule: i detenuti, sostiene, hanno voluto porre una «questione».

Dr Antonio Giangrande Presidente dell’Associazione Contro Tutte le Mafie e di Tele Web Italia www.controtuttelemafie.it e www.telewebitalia.eu

RAZZISMO ANTINAPOLETANO?

sabato
Gen 5,2013

 MOVIMENTO NEOBORBONICO
“PARLAMENTO DELLE DUE SICILIE – PARLAMENTO DEL SUD”

Caso-Milan: e il razzismo antinapoletano?

La protesta dei calciatori del Milan che, giustamente, hanno interrotto l’amichevole contro una squadra lombarda dopo i soliti cori razzisti dei tifosi locali e la conseguente incriminazione di quei tifosi per odio razziale hanno raccolto consensi nel mondo dello sport e delle istituzioni. Da anni il Movimento Neoborbonico si batte per contrastare il diffuso e impunito razzismo antinapoletano e antimeridionale sugli stadi italiani. Se è giusto punire i razzisti anti-Boateng, è altrettanto giusto e doveroso punire chi offende un intero popolo con cori, striscioni e manifestazioni intollerabili e che oltrepassano puntualmente il confine dell’ironia da stadio. L’appello è stato inviato ai responsabili della federazione calcistica, al Ministero dell’Interno e alla Società Calcio Napoli sollecitandola, nella prossima occasione, a seguire l’esempio dei rossoneri…

Ufficio Stampa

sabato
Dic 29,2012

Riceviamo da: footam21@libero.it

”Lo scopo della crisi finanziara, artificialmente prodotta dall’elite’, e’ quello di imporre agli stati europei qualsiasi condizione venga decisa
dagli oligarchi del grande capitale.Una di queste e’ l’istituzione del Mes (Meccanismo Europeo di Stabilita’) in ben diciassette paesi europei.E’ un’istituzione finanziaria internazionale con sede in Lussemburgo, che ufficialmente avrebbe lo scopo di prestare aiuto economico agli stati membri in difficolta’, ma che di fatto costituisce la fine della sovranita’ nazionale e dell’autodeterminazione dei popoli.Si tratta infatti di un patto che, secondo quanto stabilito dal Consiglio Europeo, obbliga gli stati a sottomettersi all’autorita’ dispotica di un nuovo super organismo europeo a cui viene conferita un’indipendenza e un’impunita’ tale, che lo pongono al di sopra
della legge.Gli stati non hanno piu’ neppure la possibilita’ di trattare e di discutere democraticamente con la popolazione le misure economiche da attuare e si devono limitare a esegure le riforme strutturali (tagli drastici nel settore sociale, svendita dei beni pubblici e liberalizzazioni selvagge) imposte dal fondo.
Il Trattato del Mes conferisce inoltre ai dirigenti dell’ente sovrannazionale il potere di richiedere in qualsiasi momento un aumento del capitale, senza che i governi o i parlamenti nazionali possano opporsi.
Dall’art. 32 del Trattato i beni, le sedi e i membri del MES godono di privilegi e immunita’ da ogni forma di giurisdizione. I beni, le disponibilita’ e le proprieta’ del MES non possono essere oggetto di perquisizione, sequestro, confisca, esproprio o qualsiasi altra forma di sequestro o pignoramento derivanti da azioni esecutive, giudiziarie, amministrative o normative. I locali del Mes vengono letteralmente definiti ”inviolabili”.Tutti i beni, le disponiblita’ e le proprieta’ del Mes sono esenti da restrizioni, regolamentazioni, controlli e moratorie di ogni genere. Le decisioni del MES inoltre vegono assunte al di fuori di qualsiasi controllo democratico : ”I membri o gli ex membri del Consiglio dei Governatori e del Consiglio di Amministrazione e il personale che lavora, o ha lavorato per, o in rapporto con il Mes, sono tenuti a non rivelare informazioni protette dal segreto professionale. Essi sono tenuti, anche dopo la cessazione delle loro funzioni, a non divulgare informazioni che per loro natura sono protette dal segreto professionale”.
L’art 35 conferisce l’immunita’ di giurisdizione del personale per gli atti da loro compiuti nell’esercizio ufficiale delle loro funzioni e dell’inviolabilita’ per tutti gli atti scritti e i documenti ufficiali redatti.
Qualsiasi questione inerente all’interpretazione o alle disposizioni di applicazione delle norme del trattato e’ sottoposta alla decisione degli
stessi organi dell’ente. Il Mes e’ diretto da un consiglio di governatori, da un conisglio di amministrazione e da un direttore generale.Gli stati membri si impegnano incondizionatamente e irrevocabilmente a versare al MES qualsiasi somma venga loro richiesta e ad adottare le misure economiche da esso stabilite.
Tale obbligo e’ irrevocabile poiche’, anche nel caso in cui ci fossero le elezioni nello stato interessato dal provvedimento, e si formasse un nuovo parlamento contrario agli accordi del MES, il trattato dovra’ comunque rimanere in vigore. Il capitale iniziale del MES, il trattato dovra’ comunque rimanere in vigore. Il capitale inziale del Mes, e’ come se qualcuno ci avesse detto:”Voi mi affidate i vostri soldi e poi li gestisco alle seguenti condizioni:
1- non avete diritto di chiedermi delucidazioni su come li spendo e non potete effettuare nessun tipo di controllo sulla mia gestione.Decido io quali informazioni darvi e con quali modalita’;
2-oltre all’importo iniziale, siete obbligati a versarmi anche tutte le successive somme aggiuntive che vi richiedero’
3-se avrete bisogno di un prestito, decidero’ io se concedervelo e a quali condizioni;
4-nel caso emergano degli illeciti finanziari, delle irregolarita’ o anche dei crimini gravissimi non potrete denunciarmi a meno che non sia io stesso ad autorizzarvi
Accettate?Nessuna persona lucida di mente potrebbe mai tollerare condizioni simili, eppure lo stato d’ipnosi collettiva creato dall’elite’, attraverso il monopolio dell’informazione, consente che ad accettarle siano interi stati sovrani.E l’aspetto piu’ inquietante della vicenda e’ che il controllo mentale sulle masse e’ talmente evidente, che le clausole del Trattato invece di essere tenute segrete posssono essere pubblicate online nella massima indifferenza generale.
La popolazine confida cosi’ ciecamente nella trasparenza degli organi d’informazione istituzionali, da arrivare a ritenere che, se ci fosse qualche pericolo reale, i mass media se ne occuperebbero.”
Fonte : Rivoluzione non autorizzata-M.Pizzuti-

CONSIDERAZIONI DI NATALE 2012

domenica
Dic 23,2012

di Raffaele Pirozzi e Giuseppe Biasco

1 – La C.A.I. – Alitalia, perde ogni giorno 630.000 euro al giorno, in questo modo ha accumulato un passivo di ben 373 milioni di euro, dopo aver licenziato 5000 dipendenti, aver ottenuto nel 2008, oltre 500 milioni di aiuti dallo Stato, al termine di questo anno, o ci sarà il ripiano del deficit, oppure vi saranno solo due possibili opzioni: la definitiva acquisizione da parte dell’ AirFrance, che già detiene il 25% della società, oppure, lo Stato dovrà riprenderla in carico con una grave perdita. Solo in questo modo si eviterebbe un fallimento evidente. Arriva a conclusione anche la vicenda industriale emblematica del potere berlusconiano, cominciata esattamente durante la campagna elettorale demagogica del Cavaliere del 2008, che aveva impedito la vendita alla Air France della nostra compagnia di bandiera, dalla quale avremmo ricavato 10 miliardi di euro, tra incassi e risparmi. Invece,tutta l’operazione C.A.I. è stata un fallimento per il nostro bilancio e per il nostro paese. Perdita finanziaria per lo Stato, perdita di posti di lavoro, crisi e rischio di fallimento per l’aeroporto di Malpensa, diminuzione del traffico aereo e del trasporto passeggeri. Peggio di così non poteva andare. Poiché il Governo non ha nessuna intenzione di riprendersi l’Alitalia, la soluzione che si prospetta è la stessa di 5 anni fa: la compagnia francese assorbirà la C.A.I., ma adesso lo farà a prezzo di svendita. Purtroppo, anche AirFrance ha problemi finanziari dovuti alla crisi in atto, per cui questa fusione rientrerà all’interno della più articolata e complessa ristrutturazione che dovrà subire la Compagnia francese. Era evidente che la strada imboccata da Tremonti e Berlusconi nel 2008, avrebbe significato, come nel suo stile, il guadagno di pochi a scapito dei lavoratori, dei cittadini e della utenza. Questa vicenda l’abbiamo raccontata in questo sito, dove per settimane abbiamo seguito l’evolversi della delicata vertenza, capendo da subito che fine avrebbe fatto la nostra storica compagnia aerea. A margine di queste righe ci piace ricordare la figura e l’opera di Tommaso padoa Schioppa, tecnico vero, al servizio dello Stato e dei cittadini, che aveva concluso una trattativa che nella difficile congiuntura in cui si trovava l’Alitalia, non faceva perdere soldi al nostro paese, venivano mantenuti posti di lavoro e razionalizzati i nostri aeroporti. Ma gli italiani preferirono la scorciatoia rappresentata dalla demagogia senza strategia del centro destra, che oggi si rappresenta con un fallimento generale. Speriamo che tutti abbiano imparato la lezione!

2 – Monti si è dimesso dopo 13 mesi di Governo. Questo è il suo bilancio:

1) Il Debito Pubblico è passato da 1914 a 2000 mld, un aumento di 86 mld pari al 4,3% del totale.

2) L’inflazione è salita al 3,5% , soprattutto per l’incomprensibile aumento dei carburanti e delle assicurazioni auto.

3) Il PIL è diminuito del 2,5%, siamo passati dalla stagnazione alla recessione conclamata.

4) La disoccupazione è arrivata allo 11,5%, con punte che raggiungono il 35% per i giovani

5) Lo spread, la differenza tra i nostri Buoni del Tesoro ed i Bund tedeschi, è passata da 573 a 287, facendo registrare il netto calo degli interessi da pagare sul debito.

6) Le entrate fiscali sono in aumento, solo l’Imu ha rappresentato un introito di 9,7 mld di euro.

I provvedimenti più importanti del Governo sono stati: a) Riforma delle pensioni: in tre mesi si è passati da 62 a 67 anni per andare in pensione. E’ sorta dal nulla il problema degli “esodati”; 280mila lavoratori espulsi dal ciclo produttivo, che non andranno in pensione al termine della mobilità; b) eliminazione dell’articolo 18 a garanzia del licenziamento. Misura giustificata per consentire l’aumento della occupazione, purtroppo,non si sono registrati significative assunzioni;

c) blocco dei contratti e delle assunzioni nel Pubblico Impiego; d) blocco delle pensioni superiori a 1400 euro lorde; e) blocco dei trasferimenti agli Enti Locali; f) spending review, tagli indiscriminati alla spesa sociale; g) reintroduzione con aumento dell’Imu, aumento dell’IVA e delle aliquote Irpef, attraverso la diminuzione di detrazioni.

Il clima sociale del paese è fatto di licenziamenti, crisi, cassa integrazione, precari espulsi dal lavoro, ospedali chiusi, scuole ed Università in difficoltà, blocco dei finanziamenti alla ricerca scientifica, blocco dei finanziamenti europei al Sud; chiusura di esercizi commerciali, cinema e ristoranti. Dopo 13 mesi della cura Monti, l’Italia spendacciona, consumista e superficiale del berlusconismo rampante, non c’è più e non ritornerà per un lungo periodo.

3 – Il mondo intero apprezza Monti, perché?

Mio padre mi spiegava, da artigiano provetto quale era: “L’importanza nella vita è di essere riconosciuto come un buon pagatore, rispettando le scadenze e le somme da restituire; in questo modo nessuno vorrà sapere quanti soldi di debito hai, ma se te ne servono ancora.”

Per il mondo intero, terrorizzato dal fallimento di un paese come il nostro, membro del G8, Berlusconi era inaffidabile. Sappiamo quale considerazione ha il Cavaliere tra i diplomatici e i Governanti del mondo intero. Il giudizio che se ne dà è molto poco lusinghiero, alla stregua di un cialtrone, nel migliore dei casi: che non fa mai quello che dice. Molti lo vedono come un corrotto faccendiere, quando contrattava con Panama, PUtin e Gheddafi, il mondo intero aveva il sospetto che trattasse anche affari personali.

Monti, ha rassicurato la finanza internazionale, ha messo in atto manovre tanto restrittive, per recuperare liquidità da restituire alla speculazione internazionale, per permettere al nostro Paese di restare su i mercati finanziari internazionali, altrimenti le nostre banche sarebbero state spazzate via dalla ristrutturazione bancaria mondiale. Monti è stato accolto come un trionfatore dal Partito Popolare Europeo, l’esclusivo club politico conservatore e liberista che in Europa ha imposto il rigore dei conti al posto del cambiamento del modello di sviluppo economico. In Europa, la battaglia è tra una retroguardia conservatrice e moderata, che crede ancora nel libero mercato come elemento di equilibrio e crescita, ed una sinistra democratica, progressista e aperta alle nuove esperienze di sviluppo. Monti appartiene al vecchio mondo economico e finanziario che ha prodotto questa crisi immane. Un altro mondo è possibile, abbandonando la cultura del consumismo, abbracciando lo sviluppo sostenibile in cui le persone sono al centro della politica e non il contrario: la politica che usa la gente.

Raffaele Pirozzi direttore giornaleonline”www.notiziesindacali.com
venerdì
Dic 7,2012

di Raffaele Pirozzi e Giuseppe Biasco

Ieri a Scampìa, dentro un asilo, oggi a Calvizzano davanti ad un caseificio, l’altro giorno il corpo di un giovane crivellato di colpi, abbandonato sull’asfalto dell’asse mediano. Ogni giorno siamo costretti a prendere atto della drammatica guerra di camorra in cui siamo condannati a vivere.

L’orrore di questo genocidio quotidiano, a cui assistiamo sgomenti, è senza fine. Non si è ancora spento l’eco dell’incredibile morte di Lino Romano, ucciso per errore, che dobbiamo registrare quotidiane storie di infamia, vigliaccheria e miseria umana. Non c’è più nulla che ferma gli assassini, che svolgono il loro ruolo con una sconcertante continuità, che nasconde la miseria umana di questi assassini, che hanno coltivato, nell’ignoranza più assoluta di qualsiasi principio morale o sociale, un odio profondo verso tutti coloro che si frappongono ai loro obbiettivi di prepotenza, ricchezza malata e potere. “E’ un’altra guerra di camorra!”; si sente affermare dagli inquirenti, dalle forze dell’ordine e dai giornalisti, che seguono questi eventi. Lo sappiamo tutti che stiamo assistendo all’ennesima guerra tra piccole e miserabili bande di delinquenti, che si contendono il mercato della droga nei quartieri e nei paesi a nord dell’area metropolitana di Napoli. Purtroppo, l’’impressione che si ricava nell’assistere a questo dramma sociale, è quella che ci troviamo di fronte ad un fenomeno che lo Stato non sa prevedere, comprendere ed arrestare. L’impotenza delle forze dell’ordine e della magistratura nei confronti di questi avvenimenti è sinceramente sconcertante ed incomprensibile. Eppure, negli ultimi mesi, erano stati messi a segno importanti arresti, assicurando alla giustizia latitanti storici, sopratutto del clan dei “casalesi”. Il ministro leghista Maroni si era a lungo vantato dei suoi successi nella lotta alla camorra, tanto da pretendere spazi televisivi per darne conto al paese. Invece la camorra appare come un mostro dalle mille teste, dalla particolare caratteristica, che più ne tagli e più ne crescono. Il morto di Calvizzano era legato al vecchio clan dei Nuvoletta, soppiantato dai “casalesi”, a cui facevano riferimento i Di Lauro di Secondigliano, ai quali si sono contrapposti gli “scissionisti”, combattuti, ora, dai “girati”.

Un intrigato e confuso mondo di delinquenti che si armano, tutti contro tutti per il possesso del mercato della droga. Da quando Cutolo produsse un profondo sconvolgimento all’interno della vecchia camorra del contrabbando delle sigarette e, favorendo la diffusione della droga; le stragi, le uccisioni, gli agguati si susseguono con sistematica continuità. Cambiano i nomi delle “famiglie” in lotta, cambiano i capi ed i sicari, ma le modalità sono sempre le stesse e le motivazioni sono restate uguali. Da quella svolta tremenda, sono passati quasi 40 anni e tutti gli sforzi fatti, non sembrano arginare il fenomeno, ne tanto meno far sperare che ci possano essere dei risultati positivi nel futuro. Siamo convinti, che glia attuali nuovi capi, faranno la fine dei precedenti: o rinchiusi all’ergastolo, oppure uccisi in qualche agguato. Ma sappiamo al tempo stesso che questo non significherà una diminuzione del fenomeno ed un rischio minore per i cittadini.

In questi anni, contro la delinquenza organizzata si è vinto e si perso a seconda della decisione con la quale è stata giocata la partita. Più intensa e trasparente era l’azione degli inquirenti e della politica, è più forti erano le sconfitte e le perdite della camorra. Meno decisa era l’azione del Governo e più forte era la presenza della mafia, della ‘ndrangheta e della camorra.

Negli ultimi anni, abbiamo vissuto in Campania un periodo tremendo, in cui il coordinatore regionale del Partito di Berlusconi: Nicola Cosentino, addirittura sottosegretario di Governo, era colluso ed in stretto contatto con il potentissimo clan del suo paese: Casal di principe. Se non si fosse sviluppata una lunga battaglia democratica contro la sua candidatura, ce lo saremo ritrovato Presidente della Regione, mentre oggi è rinviato a giudizio per i reati contro i quali la maggioranza berlusconiana votò contro il suo arresto. E che dire del magistrato e deputato del PdL Papa,arrestato per concussione e corruzione, di Lavitola, ancora in carcere a Napoli per corruzione internazionale e per estorsione nei confronti del Cavaliere? Politici, imprenditori, professionisti di tutti livelli, sono coinvolti in affari con le cosche, ogni giorno si scoprono nuovi ed impensabili reati, commessi dai gruppi dirigenti dei nostri territori. Una illegalità diffusa si è affermata in questi anni, in cui i comportamenti di una parte della popolazione ha creato quel clima e quell’ambiente nel quale la mentalità camorrista prolifera e trova la sua affermazione.

Nella area metropolitana di Napoli, i comportamenti illegali sono, purtroppo, una norma, che molti osservano, tutti conoscono e sopportano, sperando di non esserne coinvolti.

Se non ci fosse il mercato, non ci sarebbero le piazze dello spaccio! Più del 10% della popolazione fa uso abituale di droga, in questo modo, vive al di sopra delle proprie possibilità, bruciando e sperperando, una ricchezza umana e patrimoniale, che potrebbe servire a ben altro. E’ inutile ricordare in questo articolo, la pratica diffusa della evasione fiscale, della fabbricazione di prodotti falsi, dell’usura, della prostituzione, che trova paladini perfino nella giunta di De magistris, delle estorsioni che taglieggiano i negozi e le imprese e che non vengono denunciate. Percombattere la camorra, deve essere ridotta l’illegalità diffusa e radicata nella nostra società metropolitana. Purtroppo gli omicidi, sono solo la punta di un iceberg, grande e sommerso, con il quale siamo costretti a vivere, rischiando tutti il naufragio quotidiano. Una volta è la crescita dei guadagni a provocare violentissime guerre tra i clan,una altra volta è la crisi economica, che restringe il mercato, che fa scoppiare la mattanza. Ogni occasione è buona per sparare. Ma questo è il destino dei poveri miserabili che delinquono, costretti senza averne coscienza ad essere ridotti come delle belve; troppo spesso coinvolti in affari e vicende più grandi di loro. Per affrontare sul serio questo fenomeno e ridurlo entro confini controllabili dalle istituzioni, occorre un cambiamento generale della società. Non basta la buona volontà di associazioni, magistrati e persone perbene. Occorre che l’illegalità diffusa venga sconfitta, per ridurre gli spazi alla delinquenza organizzata e permettere di liberare risorse per contrastare con forza la camorra da una parte ed il degrado sociale dall’altro. Dobbiamo riprendere tutti un nuovo ruolo, che consenta a tutti di sentirsi dei cittadini protagonisti del proprio futuro. Solo allora, potremo farci prendere dalla pietà per tutti questi giovani ammazzati, nati già morti, senza nessuna speranza, destinati a fare del male, con bestiale ferocia, strumenti di una ideologia che immagina la vita come una corsa continua verso un nulla pieno di cose inutili.

Raffaele Pirozzi direttore giornaleonline”www.notiziesindacali.com

SOFTWARE = POTERE

martedì
Dic 4,2012

Firenze,  novembre 2012

La lettera aperta   “3° punto: Il risveglio del Sud”  dell’ottobre 2012   rende
necessario un chiarimento volto a dare il giusto rilievo a un evento su cui poggiano
le considerazioni lì riportate  e  che coinvolge sensibilmente la Politica.

Stiamo vivendo un evento epocale  (II Rivoluzione del Pensiero)  che segna
una svolta per ogni attività umana,   evento descritto in maniera sufficientemente
completa nello scritto  “Il cammino del Pensiero umano”,    che può essere
liberamente prelevato dal  Sito  dante2000.it ,   Versione italiana,  al capitolo
“Agli Italiani”.

Della  II Rivoluzione del Pensiero umano  il mondo della ricerca sta molto
lentamente acquisendo coscienza   (in primo piano è la  Microsoft ,  la cui sede,
Seattle, è da oltre due anni in testa nella frequentazione del Sito dante2000.it).
La Rivoluzione in questione prevede   “un inatteso e drastico incremento delle
capacità di interpretazione e di previsione dei fenomeni di massa”,    una vera
manna per chi vuole impostare Politiche lungimiranti e di successo.

Il nostro Paese è stato portato sull’orlo del baratro da Berlusconi  e uguale
rischio già si può prevedere a causa di Beppe Grillo.   In entrambi i casi si tratta
di  persone astute,   di quell’ astuzia per vocazione  che è in antitesi con la vera
intelligenza.     La Politica salverà l’Italia solamente se acquisirà rapidamente il
nuovo punto di osservazione offerto oggi dalla II Rivoluzione del Pensiero.

Cordialmente,   Alberto Acquaro

Categories