Cancello ed Arnone News

Di Matilde Maisto

Archive for the ‘Salerno e provincia’ Category

mercoledì
Set 17,2014

3

 

Salerno, 17 settembre 2014
XVI Irnofestival, a Bracigliano concerto in chiesa. Sabato 20 “Arie di opere
ed operette dell’800” interpretate da Anna Corvino (soprano) e Margherita
Volpe
(pianoforte).

Ingresso libero

Prosegue il percorso itinerante nella Valle dell’Irno. Diretta artisticamente dal M° Tiziano Citro, la XVI edizione dell’Irnofestival proporrà, per il suo sesto concerto, “Arie di opere e operette del ’800” del duo Anna Corvino (soprano) e Margherita Volpe (pianoforte) con musiche – tra gli altri – di Chopin, Verdi e Puccini.
Lo spettacolo avrà inizio alle ore 20 di sabato 20 settembre nella splendida chiesa di San Nazario e Celso a Bracigliano. L’ingresso sarà libero e consentito fino all’esaurimento dei 100 posti a sedere.

ANNA CORVINO – Soprano
Inizia lo studio del canto con il soprano Carmen Sensaud, diplomandosi, poi, col massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “G. Martucci” di Salerno, sotto la guida di Carlo Tuand e Marilena Laurenza.
Si è successivamente perfezionata nei corsi di Raina Kabaivanska, Mirella Freni, Sherman Lowe, Jaume Aragall, Bernadette Manca di Nissa, presso Accademie di fama internazionale quali la “Chigiana” di Siena, “CUBEC” di Vignola, “Ateneo della lirica” di Sulmona, “Accademia della voce” di Torino. Attualmente frequenta la Scuola dell’Opera Italiana.E’ vincitrice di concorsi nazionali e internazionali, tra cui il 1° Premio al “Giacomo Lauri Volpi” di Latina per la sezione “Giovani Promesse della lirica”(2006), 1° Premio al “Ritorna vincitor” di Ercolano, 3° Premio e Premiospeciale al Concorso “Benvenuto Franci” di Pienza (2008), 1° Premio al “Francesco Albanese” di Torre del Greco (2009). E’ infine vincitrice del concorso “Tour de chant” trasmesso su RAI 1 condotto da Pippo Baudo (2009). In seguito a questa esperienza è stata invitata al “Concerto per la Riconciliazione” a Bet’ she an, Israele andato in onda su RAISat2000.
Ha interpretato i ruoli di Lauretta nel Gianni Schicchi di Puccini al Teatro Bonci di Cesena (2008), Norina nel Don Pasquale di Donizetti a Benevento (2009)
Titti Stefanetti in Procedura Penale di Chailly (2009), Musetta ne La bohème (2009), Magda ne La rondine, Gilda nel Rigoletto (2009) e Adina in Elisir d’amore al Teatro Comunale di Bologna (2010).
Intensa l’attività concertistica; si è esibita come solista nel Requiem di Faurè e nelloStabat Mater di Poulenc per l’apertura della stagione sinfonica del Teatro Comunale di Bologna, diretta da M. Mariotti, nella Messa in sol maggiore di Schubert diretta da G. B. Rigon e in varie rassegne tenutesi a Cremona, Roma, Napoli, Lamezia Terme, Reggio Calabria, diretta da A. Veronesi, R. Polastri, M. Caldi, M. Beltrami, O. Welber, G. Moles, D. Rustioni, con orchestre quali Orchestra del Comunale di Bologna, Orchestra del Festival Pucciniano di Torre del Lago, Collegium Philarmonicum di Napoli, Orchestra    di Kiev, Simphonet Raanana Orchestra di Israele, La Nuova Scarlatti di Napoli.
Si è recentemente esibita nel concerto “Festa delle voci nuove”, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino diretta da P. Mianiti. Ha, inoltre, partecipato ad una nuova produzione della Betui liberata di Mozart, diretta da R. Muti al Ravenna Festival e al Festival di Salisburgo 2010.
 
MARGHERITA VOLPE – Pianista
Margherita Volpe ha iniziato gli studi musicali giovanissima, rivelando immediatamente un eccezionale talento pianistico. Dopo aver conseguito il diploma in pianoforte con il massimo dei voti e la lode, si è perfezionata con i Maestri: A. Tramma, V. Krpan, P. Rosel, D. Grigore, M. D. Raducanu, W. Krafft e A. Hintchev. Ha inoltre seguito i corsi di alto perfezionamento del M° M. Marvulli presso l’Accademia Musicale Pescarese. Ha rappresentato l’ Italia agli Incontri Internazionali di musica classica in Croazia nel 1993 e in Romania nel 1994, ed è stata ospite negli spettacoli televisivi : “La vita in diretta”,
“Le note degli angeli”, “Le stelle del mediterraneo” (edizioni 1994, 1995, 1997, 1998, 1999), “… e la festa continua”, “Campania viva”, “Ballo, amore e fantasia”, “Il Festival di Napoli” e “Sorrento in love”, andati in onda su emittenti nazionali. Si è sempre classificata al vertice in vari concorsi nazionali, sia come solista che in formazioni da camera.
Ha tenuto concerti in varie città italiane, tra cui: Napoli (Teatrino di Corte di Palazzo Reale, Teatro Sannazzaro, Teatro Mercadante, Biblioteca Nazionale, Circolo Ufficiali, Associazione Musicarte, Associazione Lucana, Istituto Grenoble), Amalfi (Duomo), Bergamo (Teatro alle Grazie), Avezzano (Castello Orsini), Brindisi, Capri, Caserta (Cappella Palatina di Palazzo Reale, Duomo), Como (Villa Carlotta), Ischia, Merano, Messina (Sala Laudamo del Teatro Vittorio Emanuele), Pavia, Pistoia, Pompei (Teatro Grande degli scavi,
Teatro Di Costanzo-Mattiello), Positano, Procida, Ravello (Villa Rufolo, Chiostro di San Francesco), Roma, Salerno (Castello Arechi), Sorrento (Chiostro di San Francesco per l’estate Musicale Sorrentina), Taormina, ricevendo sempre unanimi consensi di pubblico e critica. Ha collaborato in qualità di M° accompagnatore alla Masterclass del celebre flautista Maxence Larrieu.
Intensa anche l’attività didattica: ha insegnato pianoforte, ha fatto parte della giuria di vari concorsi musicali, ha collaborato in qualità di Commissaria Esterna agli esami di pianoforte in Conservatorio ed attualmente è docente presso una scuola media statale in provincia di Napoli. È presidente dell’Associazione Culturale “Il Parnaso” attraverso la quale ha organizzato diverse rassegne musicali collaborando con la Regione Campania, con le Province di Napoli e Salerno e con svariati Comuni. Ha seguito un corso di perfezionamento alla “Catholic University of America” e si è esibita in vari concerti a Washington. Recentemente ha preso parte allo spettacolo “Mediterraneo – I° Incontro Internazionale di Musica e Letteratura” tenuto al Teatro Grande degli scavi di Pompei. Ha frequentato la specializzazione in “Musica e Spettacolo” presso l’Istituto Universitario “Suor Orsola Benincasa” di Napoli. Recentemente dopo una sorprendente ed emozionante esibizione ha ricevuto il prestigioso premio “REGIONE CAMPANIA” come riconoscimento al suo TALENTO.

Per info e aggiornamenti www.irnofestival.it e pagina facebook
M° Tiziano Citro  – mob. 328 9739753

martedì
Set 16,2014

1

I Posteggiatori Tristi in “E nulla cambierà”
Venerdì 19 Settembre H 21:00 
Arena Teatro Ghirelli – Parco dell’Irno Salerno
 

Quando la posteggia tra i tavoli sale su un palco e si trasforma in uno spettacoloso concerto!

“E nulla cambierà” è il nuovo concerto-spettacolo dei Posteggiatori Tristi e prende il nome dal loro primo disco (SodaSciarappa/MAD entertainment – Goodfellas) in cui si rivisitano brani della canzone napoletana e non solo, miscelando Carosone con Viviani, Nino Taranto con E.A. Mario.
Una ri-scoperta della canzone comica, attraverso un gioco teatrale e clownesco, con spregiudicati arrangiamenti musicali.

Due ore di musica, gag, improvvisazioni col pubblico e tanta tristezza.
Per vecchi giovani e bambini, lavoratori precari e ricchi industriali, preti e donne incinte; in breve, uno spettacolo per tutti! 

Ottimo per gli occhi e per le orecchie.

con
Karamazov – voce e flicorno (Pietro Botte)
M° Severo Lapezza – clarinetto (Davide d’Alò)
Helene Coriace – voce e fisarmonica (Anne-Laure Carette)
Qualcuno Esposito – batteria (Emanuele Esposito)

Ingresso € 6

Info :
3457643068

botteghino@fondazionesalernocontemporanea.it

COME RAGGIUNGERCI:
Arena Ghirelli – Parco dell’Irno
Via Lungo Irno, Salerno.

Dalla Autostrada A3 Salerno Reggio Calabria, in entrambe le direzioni, prendere l’uscita Salerno-Fratte e tenendo la sinistra, seguire le indicazioni per via Irno. A circa 200 mt. girare a destra e percorrere il ponte che affaccia sulla struttura.

 


Silvia Pepe
Napoli
Cell: 3484778292
martedì
Set 9,2014

6

 

Legambiente lancia la XXII edizione di Puliamo il Mondo

Diventa Protagonista e scopri le località coinvolte

Conferenza stampa di presentazione, mercoledì 10 settembre ore 11, Eco Bistrot via Lungomare Colombo 23-25 (Pastena) Salerno

Iniziative con Comuni Parco Nazionale Cilento e Vallo di Diano e delle Aziende della Campania Sostenibile

 

Conto alla rovescia per la XXII Edizione di Puliamo il Mondo campagna di volontariato ambientale più partecipata in Italia organizzata da Legambiente con la collaborazione Anci e con i patrocini di Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e di Upi che si svolgerà dal 26 al 28 settembre in centinaia di località della Campania.

I programmi, le iniziative, le modalità di partecipazione, le sorprese dell’ultima ora saranno illustrate mercoledì 10 settembre ore 11,00 in una conferenza stampa che si svolgerà presso Eco Bistrot Via Lungomare Colombo 23-25 (Pastena) Salerno.Saranno presenti Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania; Antonio Gallozzi, direttore Legambiente Campania, sindaci delle località coinvolte, rappresentanti del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e delle aziende della Green Economy Campania.

Diventa protagonista è la novità di questa XXII edizione: ci si può candidare per organizzare un’iniziativa nella propria città dal sito www.puliamoilmondo.it.

Inoltre Puliamo il Mondo rappresenta una buona opportunità per coinvolgere i dipendenti delle aziende della Campania sostenibile in una giornata di volontariato ambientale, a stretto contatto con le comunità locali, i comuni e le associazioni.

 

Ufficio Comunicazione Legambiente Campania Onlus

 

giovedì
Set 4,2014

1 

Anniversario uccisione Angelo Vassallo, sindaco pescatore

Pronti per scendere in campo  “Con la speranza nel cuore”

Intitolazione Impianto polifunzionale Costantinopoli Acciaroli (Sa) ad Angelo Vassallo

In Campo Nazionale Italiana Parlamentari contro una rappresentativa di Attori Made in Sud/Un posto al Sole/giornalisti Rai.

Iniziativa di Comune di Pollica, famiglia Angelo Vassallo e Legambiente

Incasso devoluto a favore di Emanuele Scifo, un giovane di Battipaglia che combatte da 9 anni contro la CIPO, una malattia rara che consiste in un’ostruzione cronica intestinale.

Pantaloncini, magliette e scarpini: pronti per scendere in campo per ricordare Angelo Vassallo e dare un calcio alla malattia. Venerdì  5 settembre, in occasione dell’ anniversario dell’uccisione per mani ignote di Angelo Vassallo, sindaco di pescatore di Pollica, verrà inaugurato dalla Amministrazione Comunale, alla presenza della moglie Angelina e dei figli Antonio e Giusy, il centro polifunzionale sportivo di Pollica intitolato ad Angelo Vassallo.

Per l’occasione Comune di Pollica  e Legambiente organizzano la partita “Con la Speranza nel cuore”. A scendere in campo la Nazionale Parlamentari guidata da Giancarlo De Sisti  che affronterà la Selezione composta dagli attori di Made in sud, Un posto al Sole e giornalisti Rai. Protagonisti  sull’erba sintetica del centro Polifunzionale alcuni  attori di Made In Sud : Gigi e Ross, di Abacuccio, dei Malincomici, Bolide 90. Tra gli attori di un Posto al Sole saranno presenti tra gli altri  Alberto Rossi, che interpreta Michele Saviani, Maurizio Aiello, alias Alberto Palladino, Riccardo Polizzy alias Roberto Ferri e Lucio Allocca che interpreta il vigile Otello. Mentre tra i parlamentari, compatibilmente con i lavori parlamentari e di Governo è prevista la presenza di Luca Lotti sottosegretario di stato alla presidenza del consiglio dei ministri. In campo per pochi minuti anche il sindaco di Pollica Stefano Pisani e Antonio Vassallo, figlio di Angelo. Dieci euro il costo del biglietto con l’intero incasso della partita  devoluto a favore di Emanuele Scifo, giovane di Battipaglia che da nove anni combatte contro la Cipo, una malattia rara che consiste in un’ostruzione cronica intestinale. Servono circa un milione di euro per un intervento negli Stati Uniti che potrebbe salvarlo. Il programma della giornata alle ore 16,30 di Vittorio Cogliati Dezza, presidente Legambiente nazionale e di Stefano Pisani, sindaco di Pollica, farà i saluti (5 minuti circa) . Poi sarà suonato Inno d’Italia a cura Banda di San Mauro Cilento. A seguire prima del calcio d’inizio Angelina  Giusy e Antonio Vassallo scoprono la targa dell’inaugurazione. Al termine della partita verrà consegnato ad Emanuele Scifo l’assegno con il ricavato della giornata di solidarietà . Alle 20,30 Cerimonia religiosa per ricordare Angelo Vassallo alla chiesa di Acciaroli.

sabato
Ago 30,2014

5

 

Nel ricordo di Luciano Pavarotti, Josè Carreras, Placido Domingo 

 

Prosegue, con ottimo successo di pubblico, la XVI edizione dell’Irnofestival, manifestazione ideata ed artisticamente diretta dal M° Tiziano Citro.

 

Dopo l’esordio a Salerno con la ‘Tosca’ di Giacomo Puccini e lo spettacolo del Quintetto ‘900 a Baronissi (Sa), domenica 31 agosto ore 20, in Palazzo Mezzacapo di Maiori (Sa) si terrà il concerto su arie d’opera, liriche e canzoni d’amore sia italiane che cladsiche napoletane de “I Tre Tenori” accompagnati dalla Grande Orchestra Tchaikovsky, direttore  M° Leonardo Quadrini

 

Composizione de ‘I Tre Tenori’: Fabio Andreotti, Sebastian Ferrada, Ignacio Encinas.

 

Accompagnati da un’orchestra di 70 elementi, i Tre Tenori hanno l’ambizione di far rivivere le emozioni del meraviglioso concerto delle Terme di Caracalla di Roma nel 1990 quando sul palco salirono Placido Domingo, Luciano Pavarotti e Josè Carreras. Il successo sarà assicurato così come il piacere di ascoltare arie liriche e canzoni d’amore di ogni tempo.

 

Ingresso euro 10.00

Prevendita: www.postoriservato.it – 089/795421

 

Per info e aggiornamenti www.irnofestival.it e pagina facebook

Direttore Artistico M° Tiziano Citro – mob. 328 9739753

sabato
Ago 23,2014

6   

 

Sarà ‘Tosca’ di Giacomo Puccini l’opera che inaugurerà, martedì 26 agosto all’Arena del Mare di Salerno, la XVI edizione dell’Irnofestival. Unica opera lirica dell’estate salernitana, Tosca sarà portata in scena dall’associazione Rachmaninov di Mercato San Severino “nonostante il perdurare d una crisi che impedisce di organizzare più spettacoli e manifestazioni culturali” dice il direttore artistico M° Tiziano Citro. “L’Irnofestival – continua – si basa su incassi da botteghino ed è supportato da sponsor privati e da sponsor istituzionali quali Regione Campania, Ept di Salerno e Camera di Commercio di Salerno”.

 

Tosca di Puccini, unica opera lirica in scena sul territorio, non viene rappresentata a Salerno da diversi anni. “Assistervi – spiega Citro – sarà l’occasione per rivivere momenti di passione sentimento gioia sofferenza. L’amore di Tosca per Mario Cavaradossi, ricambiato,  è intrigante. L’invidia e la passione di Scarpia per Mario e Tosca assumono caratteri morbosi. L’uso sregolato ed indiscriminato del potere condisce la storia di una forte volontà di giustizia. Alla fine la morte dei protagonisti rende quest’opera, forse, la più drammaticamente riuscita di Giacomo Puccini. I momenti di alto ed enfatico lirismo sono raggiunti sia nella preghiera di Tosca che nell’addio di Lecevan le stelle di Cavaradossi”.

 

‘Tosca’ in scena a Salerno – I numeri

120 elementi dell’orchestra e coro Tchaikovsky (Russia) voci bianche del Teatro Gesualdo di Avellino; 9 cantanti, saranno i protagonisti dell’opera più passionale e drammatica scritta da Giacomo Puccini che vedrà nel ruolo della protagonista il soprano Fernanda Costa (regia di Gianni Gualdoni, direzione di Leonardo Quadrini).

 

Martedi 26 agosto 2014 – Arena del Mare Salerno ore 21

Tosca di G. Puccini

 

INTERPRETI

Floria TOSCA, cantante (SOPRANO Fernanda Costa)

Mario CAVARADOSSI, pittore (TENORE Fabio Andreotti)

Il barone SCARPIA, capo della polizia .(BARITONO Stefano Meo)

Cesare ANGELOTTI, prigioniero politico evaso (BASSO Sorin Draniceanu)

Il SAGRESTANO (BASSO Cesidio Iacobone)

SPOLETTA, un agente di polizia (TENORE Francesco Ciotola)

SCIARRONE, un altro agente (BASSO Gianfranco Zuccarino)

Un CARCERIERE (BASSO Massimo Rizzi)

Un PASTORERELLO (Matilde Rosi)

Un Cardinale Il Giudice del fisco Roberti, esecutore di giustizia

Uno Scrivano Un Ufficiale Un Sergente, Soldati, Sbirri, Dame, Nobili, Borghesi, Popolo, ecc

 

 

 

 

 

 

 

 

Regia Gianni Gualdoni

 

SCENE Giuseppe Grasso – Lucera;

ALLESTIMENTO e arredamenti ass RICCARDI – Benevento;

COSTUMI SHANGRILLA’ – Foggia;

LUCI Zarzaca – Caserta;

 

CORO e ORCHESTRA Tchaikovsky (Russia)

MAESTRO DEL CORO

Florian Zamfir

CORO di voci bianche del Teatro Gesualdo (AV)

Direttore Cinzia Camillo

Maestro concertatore e Direttore

Leonardo Quadrini

Ingresso platea 20.00 €

Ingresso tribuna 15.00 €

Prevendita on line – www.postoriservato.it

 

XVI IRNOFESTIVAL – Il Progetto della  XVI edizione dell’Irnofestival consiste nella produzione dell’ opera lirica  Tosca di Giacomo Puccini, di un  concerto – evento   I Tre Tenori,  di un concerto di musica da camera del ‘900 con il quintetto 900, di un concerto voce e pianoforte, di uno spettacolo musicale sul mito della sirena Parthenope, di un concerto per fisarmonica solista ed infine  di uno spettacolo teatro- musica con Lello Giulivo.

Il pubblico assisterà a queste performance di artisti di chiara fama nazionale ed internazionale che tenderanno a promuovere il turismo estivo nella città di Salerno, in Costa d’Amalfi e nella valle dell’Irno coniugando l’arte con percorsi enogastronomici tipici locali e campani.

La kermesse è finalizzata a:

– incentivare il turismo nazionale ed internazionale nel periodo estivo;

– valorizzare i siti culturali della Città di Salerno, della Costa d’Amalfi e della valle dell’Irno (il cui baricentro culturale è l’Università degli Studi), con un progetto culturale che unisca le tradizioni storiche, il culto religioso le tradizioni enogastronomiche offrendo al turista momenti di alta spiritualità  pause di relax e momenti di crescita culturale;

-far conoscere l’artigianato, le bellezze storiche, artistiche e paesaggistiche della provincia di Salerno;

– aumentare la visibilità territoriale e le motivazioni dei turisti a visitare anche i Comuni della provincia in cui sarà realizzata la XVI edizione dell’Irnofestival:

26 agosto – Salerno (Tosca);

29 agosto – Baronissi (Quintetto ‘900);

31 agosto – Maiori (I Tre Tenori);

6 settembre – Mercato San Severino (Chitarra Sirena viaggio nel mito di Parthenope);

7 settembre – Pellezzano (Fisarmonica – Da Napoli a Buones Aires);

20 settembre – Bracigliano (Concerto voce e Pianoforte);

26 settembre – Fisciano Università (Concerto).

– dare la possibilità ai Tour Operator di realizzare pacchetti turistici con spunti ed idee innovative che si pongono come obiettivo la valorizzazione e lo sviluppo del territorio con un “Prodotto Campania” di presa mirata sul turista italiano e straniero.

 

Per informazioni e aggiornamenti www.irnofestival.it e pagina facebook

M° Tiziano Citro  – mob. 328 9739753

giovedì
Lug 31,2014

1

 

E’ arrivata verso le 21,30 di mercoledì 30 luglio sulla spiaggia grande di Acciaroli (Sa) la tartaruga Caretta Caretta e ha deposto, si stima, un centinaio di uova. A scoprire il piccolo evento dei ragazzi presenti sulla spiaggia che hanno immediatamente avvertito la Capitaneria di Porto e in poco tempo sono stati effettuati gli interventi di messa in sicurezza, segnalazione e recinzione dell’area è da parte delle Vigilesse della Polizia Municipale del Comune di Pollica e dagli ormeggiatori del Porto di Acciaroli coordinati dal Sindaco Stefano Pisani in stretta collaborazione con Gianfranco Pollaro del Centro studi ecosistemi marini e Valerio Calabrese di Legambiente Campania e direttore di Musea il Museo Vivo del Mare di Pioppi. Ora i tecnici l’istituto Antonio Dohrn monitoreranno scientificamente la nidificazione stimando anche il numero di uova depositate sulla spiaggia di Acciaroli.

2

Ancora una volta la tartaruga caretta caretta ha scelto il Cilento come habitat ideale per deporre le proprie uova, individuando per la prima volta la spiaggia di Acciaroli.

“ Un evento importante che ancora una volta premia la nostra comunità e l’intero Cilento- ha commentato Stefano Pisani, sindaco di Pollica – con Legambiente ci siamo attivati per promuovere iniziative di informazione e sensibilizzazione sulla caretta caretta. Il sito, inoltre, verrà costantemente sorvegliato per tutto il periodo di incubazione, circa 60 giorni, dal personale del Comune e da volontari di Legambiente ma facciamo appello a cittadini e turisti di contattarci (sindaco@comune.pollica.sa.it info@museovivodelmare.it)per offrire la loro disponibilità ad aiutarci a vigilare e monitorare l’area per evitare ogni possibile danneggiamento che impediscano la nascita delle tartarughe. Vogliamo che questa nidificazione diventa patrimonio, partecipazione e corresponsabilità e motivo di orgoglio per l’intero Cilento”.

3

Siamo stati di buono auspicio – ha commentato Valerio Calabrese di Legambiente Campania e direttore del Museo Vivo del Mare- infatti lo scorso 10 luglio a Pioppi abbiamo siglato tra Legambiente e Mareblu la partnership che permetterà di realizzare un nuovo allestimento al Museo Vivo del Mare e della Dieta Mediterranea ed essere collegato on line con il Centro di recupero tartarughe marine di Manfredonia (FG) attraverso un’installazione interattiva: tre webcam consentiranno infatti di osservare a Pioppi quello che in tempo reale avviene all’interno del Parco Nazionale del Gargano e di offrire notizie e peculiarità sulla vita delle tartarughe marine”.

4

 

sabato
Dic 15,2012

 

Nunzio De Pinto

 

SALERNO – Quante emozioni sotto il tendone del circo. Per la gioia di grandi e piccini lo spettacolo del circo quest’anno ha tirato fuori dal cilindro tutta la sua magia: incanta, diverte e per circa due ore fa sognare anche chi bambino non lo è più. Audaci trapezisti, esilaranti clown, splendide ballerine ed imprevedibili numeri con gli animali strappano applausi e sorrisi ad una platea entusiasta. E per la prima volta sarà a Salerno il Circo di Rolando Orfei, un nome che una garanzia di successo e divertimento e che ha fatto la storia mondiale del Circo. Il debutto del circo Rolando Orfei avverrà il prossimo 20 dicembre a Salerno in Via S. Allende (Stadio Arechi) e gli spettacoli si terranno alle ore 17.30 e 20.30. Il Circo Orfei offrirà spettacoli fino al giorno 15 gennaio del 2013, con due appuntamenti giornalieri: alle 17.30 ed alle 20.30; mentre nei giorni festivi gli spettacoli saranno tre alle 16.30, 18.30 e 20.30. Lo show del circo Rolando Orfei non è il solito programma di esibizioni circensi, ma un vero e proprio show, dove gli artisti e le attrazioni si amalgamo, in una nuova e gustosissima formula circense, con esibizioni uniche, come quella della donna dai “capelli di accio”, un numero molto raro nelle piste circensi. Non mancano le attrazioni con gli animali presentati dal grande addestratore internazionale Iller Hamar. In pista si vedranno tanti animali come l’elefante indiano, non mancano i grandi felini, i cavalli arabi e ancora tanti animali esotici e la regina della savana ovvero la bellissima giraffa. Il circo Rolando Orfei è un grande spettacolo di magia ed emozioni. L’originale spettacolo per l’occasione, si avvale anche della partecipazione del presentatore televisivo Krassym (al secolo Fabrizio De Luca di San Nicola La Strada in provincia di Caserta, showman, presentatore e disc jockey) reduce dalla trasmissione televisiva di Gold TV in Roma. Il Circo Rolando Orfei vi aspetta a Falerno in Via S.Allende (Stadio Arechi) dal 20 Dicembre al 15 Gennaio 2013 per informazioni chiamare la biglietteria al 349 6290409. Krassym  debuttò come presentatore di manifestazioni circensi nel Luglio del 2009, da allora il circo è per lui una parte del suo cuore. Per Krassym il circo è un magico mondo al quale è molto legato sin da piccolo ed ha dedicato al Circo gran parte dei suoi impegni artistici. Il format televisivo “Tutti al Circo” è nato nel 2010 e fu girata per la prima volta nel grande circo della “regina” del mondo circense italiano ed internazionale, la splendida Moira Orfei.

sabato
Dic 15,2012

COMUNICATO STAMPA

Salerno, 15 dicembre 2012
L’Office Bar, C.so V. Emanuele angolo v. Torretta, ore 17.00

SALERNO – Draghi e cavalli alati, domatori e clown strampalati, unicorni e pavoni sfavillanti. Quando Luca e Sofia vengono costretti ad abbandonare un invitante pomeriggio di videogiochi e tv, non possono nemmeno lontanamente immaginare che una semplice passeggiata a Salerno con i parenti si possa rivelare un favoloso viaggio in un mondo fantastico. I piccoli protagonisti del libro vivranno infatti un pomeriggio incredibile tra le istallazioni dei caratteristici quartieri salernitani che prenderanno vita sotto i loro occhi, trasportandoli in un universo emozionante fatto di luci scintillanti e personaggi bizzarri!

“Salerno, Città da Favola” è il racconto che Angelo Coscia – scrittore e poeta salernitano impegnato da tempo in progetti di formazione e animazione nel sociale – ha dedicato a piccoli e grandi lettori appassionati della propria città, ma anche ai turisti che vogliono scoprire la magia delle Luci d’Artista che ogni anno, da novembre a gennaio, ricoprono Salerno di un’atmosfera da favola.
Il libro fa parte della linea di prodotti Luci d’Artista Salerno di I’M IN, la linea di merchandising di inCoerenze pensata per l’evento invernale che attira a Salerno migliaia di turisti da tutta Italia. Edito da Inter Press, casa editrice specializzata in pubblicazioni legate al territorio, e distribuito da I’M IN, il libro è in vendita presso il CHRISTMAS STORE LUCI D’ARTISTA Salerno, su C.so Garibaldi angolo via Velia, temporary shop che propone oggetti ricercati e originali personalizzati con i principali soggetti di questa esposizione eccezionale.
“Salerno, Città da Favola” verrà presentato sabato 15 dicembre 2012 alle ore 17.00 presso L’Office Bar in C.so V. Emanuele angolo v. Torretta alla presenza dell’assessore al Turismo del Comune di Salerno Vincenzo Maraio, dell’autore Angelo Coscia, di Maria Rosaria Di Maio di Inter Press e di Elena Salzano per I’M IN. Al termine della presentazione, l’autore si intratterrà con i partecipanti per firmare alcune copie del libro e per coinvolgerli in una lettura animata appassionante.
Per info
Segreteria organizzativa tel. 089 234543
Infoline 347 8305327
eventi@incoerenze.it – www.inmerchandising.it

giovedì
Dic 6,2012

Peter Greenaway

Martedì 11 dicembre 2012,  ore 10.30
Aula Magna – Università degli Studi di Salerno
Laboratorio di Filosofia e Linguaggi dell’Immagine (DISPAC)

PETER GREENAWAY
Le arti e la settima arte nel XXI secolo
Lectio magistralis

***

12 – 30 dicembre 2012
Teatro Antonio Ghirelli
Altoforno ex Salid
Via Lungoirno, Salerno

Fondazione Salerno Contemporanea Teatro Stabile di Innovazione
e Change Performing Arts
presentano

PETER GREENAWAY
The seventh wave | La settima onda
tratto da La Tempesta di William Shakespeare

video editing Irma de Vries
soundtrack Stefano Scarani
programmazione e videomapping Andrea Bianchi, Matteo Massocco, Valeria Palermo
a cura di Franco Laera

prodotto da CRT Artificio

Il tema dell’acqua ritorna ciclicamente nell’immaginario di Peter Greenaway, artista dai mille volti, con una formazione da pittore e conosciuto, essenzialmente, come regista cinematografico.

Anche questo nuovo progetto, per l’inconsueto spazio dell’altoforno sulle rive dell’Irno, s’inserisce in quel filone visionario che prende l’avvio con il famoso film Drowning by numbers, premiato a Cannes nel 1988, e che approda, nel 2005, al concerto/performance Writing on water, in cui Greenaway coniuga il tema dell’acqua a tre fonti letterarie: il celebre romanzo Moby Dick dello scrittore americano Hermann Melville, il poema inglese The rime of the Ancient mariner di Samuel Taylor Coleridge e, soprattutto, La Tempesta di Shakespeare che era stata già alla base del suo film The Prospero’s Book del 1991.

Writing on water aveva la forma di un concerto, in cui le musiche composte da David Lang ed eseguite dal vivo dalla London Sinfonietta si fondevano con tre proiezioni sincronizzate su tre schermi di forma e misure differenti.
La ricerca di Greenaway è andata sempre più orientandosi, negli ultimi anni, su forme espressive che scompongono e ricompongono i diversi linguaggi – pittura, musica, letteratura, teatro, video – fino a sperimentare nuove forme di “cinema architettonico”.

Con The seventh wave/La settima onda, Greenaway torna a sperimentare le forme teatrali che integrano immagini elettroniche e dialogo con l’architettura e perfomance live.
Il pubblico – in gruppi a numero chiuso – sarà chiamato ad immergersi in un viaggio affascinante di immagini, suoni e parole, in cui l’acqua – paradossalmente e simbolicamente – invaderà e sommergerà completamente lo spazio unico e affascinante dell’altoforno, una volta dominato dal fuoco.

La presenza di Peter Greenaway a Salerno si completerà con un incontro/conferenza con gli studenti dell’Università per un’originale Lectio magistralis sulle prospettive del cinema nel contesto delle arti nel XXI secolo e con la proiezione di una selezione dei suoi film: da I misteri del giardino di Compton House a L’ultima Tempesta e Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante.

Orari Spettacoli
dal martedì al sabato: ore 20.00 e ore 21.00
domenica: ore 18.00 e ore 19.00
ingresso a numero limitato, prenotazione obbligatoria
info e prenotazioni al numero 800188958
email botteghino@fondazionesalernocontemporanea.it

Biografia

Peter Greenaway è nato a Newport, in Gran Bretagna il 5 aprile 1942, a pochi chilometri da Cardiff, nel cuore del Galles industriale, in una famiglia della piccola borghesia: la madre insegnante, il padre commerciante. Durante la Seconda Guerra Mondiale, la famiglia Greenaway decide di lasciare la città, per evitare il rischio dei bombardamenti e si stabilisce in campagna, nell’Esse. Fin da bambino mostra un grande interesse per l’arte, tanto che decide di fare il pittore.

Nel 1962 si trasferisce a Londra, iscrivendosi al Walthamstow College per studiare belle arti. Intanto scopre il cinema, rimanendo influenzato dai capolavori della Nouvelle Vague francese, specialmente da Godard e Resnais, oltre che da Bergman e Fellini. Quasi per gioco realizza dei cortometraggi e successivamente viene assunto al Central Office of Information, un ufficio statale che produce campagne informative di interesse pubblico. Qui si fa le ossa per parecchi anni lavorando prima come montatore e poi come regista. Nei ritagli di tempo, spesso con i materiali raccolti durante il lavoro, produce corti sperimentali come “Train”(1966), che raffigura l’arrivo dell’ultimo treno a vapore nella Waterloo Station commentato da musica elettronica.

Negli anni Settanta, ormai padrone del mezzo artistico, realizza film sperimentali sempre più lunghi e ambiziosi. Nel 1978 il British Film Institute gli produce “Un viaggio attraverso H”, l’avventura fantasiosa di un ornitologo attraverso la mappa di un paese fittizio. Il cortometraggio vince diversi premi anche negli USA. Nel 1980 esce “Le cadute – The Falls” un ambizioso mediometraggio che colleziona assurdi materiali associati al volo in relazione a 92 vittime di morte violenta.

Fin da questi film sperimentali è chiara la vocazione estetica di Greenaway, influenzata dalla pittura rinascimentale italiana e fiamminga, dalla teoria matematica e dalle strutture ripetitive e ossessive. I suoi corti, come poi i futuri film, affrontano ripetutamente il contrasto fra corpo nudo e forma astratta, natura e architettura, piacere sessuale e morte violenta. Fin dai primi tentativi sperimentali Greenaway dedica una particolare attenzione alle colonne sonore dei suoi film, collaborando spesso con il compositore Michael Nyman.

Nel 1982 esordisce col suo primo film narrativo, “I misteri del giardino di Compton House”. Ambientato in un Settecento a metà fra Fellini e Kubrick, la pellicola, ispirandosi anche a “Blow Up” di Antonioni, racconta di un disegnatore di paesaggi che finisce per scoprire un delitto tramite gli indizi nascosti nei suoi disegni. Il film diventa subito un cult movie e

Greenaway comincia ad avere seguaci in tutta Europa. I successivi “Lo zoo di Venere” (1985) e “Il ventre dell’Architetto” (1987) confermano il gradimento del pubblico per le storie estreme costruite dal regista britannico. Il primo narra di due zoologi ossessionati
dal sesso, dalla simmetria e dalla putrefazione, il secondo affronta le vicende di un architetto che, arrivato a Roma per organizzare una mostra, si ammala di tumore scivolando lentamente nella follia. “Giochi nell’acqua” (1988) mette in scena un’altra delle ossessioni di Greenaway, quella per l’annegamento, in una storia surreale che vede tre generazioni di donne affogare i rispettivi mariti con la complicità interessata di un eccentrico medico legale. Il lungometraggio è caleidoscopico, scandito da elenchi, numerazioni, elementi simbolici e regolamenti di giochi assurdi. “Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante” (1989) è forse il film più noto e controverso di Greenaway. Con lo stile di una tragedia elisabettiana modernizzata, si racconta la storia di un violento gangster e della sua donna che si innamora di un mite professore di storia, il tutto condito da simbolismi cromatici, complicati banchetti, estenuanti dialoghi e cannibalismo.

Gli anni ’90 si aprono per Greenaway con lo spettacolare “L’ultima tempesta” (1991), un barocco adattamento cinematografico della “Tempesta” di Shakespeare, magistralmente interpretato dall’erede di Laurence Olivier, sir John Gielgud. Il successivo “Il bambino di Macon” (1993), violenta satira delle menzogne del potere, non riscuote però molto successo. I tempi stanno cambiando e l’intero sistema del cinema d’autore europeo entra in sofferenza. “I racconti del cuscino” (1995), che utilizza tecniche digitali all’avanguardia mescolando immagini e calligrafia per raccontare una storia di erotismo e morte non riesce a recuperare l’attenzione dei fan, come pure un mezzo insuccesso si rivela il felliniano “8 donne e mezzo” (1999).

Dopo il 2000, Greenaway si avvicina sempre più a forme visuali alternative come le installazioni site specific, il “cinema architettonico”, le nuove tecnologie digitali. I suoi film diventano degli ibridi fra cinema, documentario e video arte, provocando polemiche a non finire, ma sempre visualmente provocanti. Notevole la trilogia di “Le valigie di Tulse Luper” un complesso e bulimico progetto multimediale poi uscito al cinema in due parti nel 2003, e la serie di film dedicati ai grandi pittori europei, fra cui spicca il magistrale “Nightwatching” (2007) un viaggio intellettuale e critico all’interno del capolavoro di Rembrandt “La ronda di notte”. Da questo incontro prende avvio il progetto “Nove dipinti classici rivisitati”, un dialogo tra cinema e arte classica che prende avvio con l’installazione multimediale “L’Ultima Cena di Leonardo” nel 2008 e continua nel 2009 a Venezia con “Le Nozze di Cana” di Veronese.
Greenaway insegna attualmente cinema presso la European Graduate School in Svizzera.

Categories