Cancello ed Arnone News

Di Matilde Maisto

Archive for the ‘Santa Maria La Fossa’ Category

venerdì
Gen 11,2013

imagesCAWEDQBZ

 

Santa Maria La Fossa – “La tre giorni di Bruxelles è stata molto proficua per conoscere le grosse risorse che l’Europa mette a disposizione dei vari Stati”. Ha dichiarato il sindaco Antonio Papa di ritorno da un tour di tre giorni al Parlamento europeo. “Tali risorse – ha continuato il Sindaco – sono a volte sconosciute anche per gli amministratori locali e pertanto è indispensabile creare una rete per potervi accedere. L’occasione quindi è stata propizia grazie ad incontri tecnici con funzionari del parlamento e con esperti nel settore dei finanziamenti europei. In tal modo sarà possibile avanzare richieste di finanziamenti per la prossima programmazione dei fondi europei che inizierà a metà di quest’anno. A questo si aggiunge – ha continuato Papa – il prosieguo delle azioni sulle problematiche ambientali che attanagliano il nostro territorio a prosecuzione di tutte le iniziative poste in essere a partire dallo scorso mese di ottobre. Grazie al mio operato questa problematica è stata spostata sul tavolo europeo”. Un tour proficuo ed interessante, organizzato dall’europarlamentare Vincenzo Iovine, passato da pochi mesi nelle fila del PD.

“Sono orgoglioso di sottolineare – ha concluso Papa – come io sia stato il primo sindaco nella storia di Santa Maria La Fossa ad essere invitato al Parlamento Europeo, a dimostrazione del prestigio personale nel fare politica”.

lunedì
Gen 7,2013

 740746_4251097439747_2009343609_o
580577_4251125600451_1951190560_n

 

Santa Maria La Fossa  – Un appuntamento ricco di eventi quello di venerdì 4 gennaio 2013 nella Biblioteca Comunale di Santa Maria La Fossa, ove il sindaco Antonio Papa, insieme alla sua giunta, ha ospitato i rappresentanti della stampa e diversi cittadini fossatari.

Innanzitutto è stata conferita la Cittadinanza Onoraria di Santa Maria La Fossa al professor Giancarlo Bova,”Per essersi particolarmente distinto grazie alla sua attività di storico” ed essendo “tra i maggiori studiosi del Sud Italia”. Non solo, ma anche per aver con i suoi scritti contribuito a far conoscere un tesoro inestimabile che è rappresentato dalla chiesa madre intitolata all’Assunta. E’ con queste motivazioni che, su proposta unanime della giunta e voto altrettanto unanime del consiglio comunale, è stata conferita la cittadinanza onoraria al professor Giancarlo Bova, storico e paleografo. Uno dei pochi studiosi, sicuramente l’unico in terra di Lavoro, a saper leggere e tradurre le antiche pergamene custodite sia presso il Museo Campano di Capua, sia presso la biblioteca dell’arcidiocesi di Capua.

Due i volumi che Giancarlo Bova ha dedicato a Santa Maria La Fossa: “La chiesa di Maria SS. Assunta in Cielo in Santa Maria La Fossa. I Greci, (2007) e “I più antichi documenti di Santa Maria La Fossa. Greci ed Ebrei” (2012), entrambi pubblicati per i tipi delle Edizioni Scientifiche Italiane, per la quale Casa editrice il professore Bova dirige due Collane relative alla storia di Terra di Lavoro.
A tal proposito è intervenuto il professor Rotoli, poeta e critico letterario, che ha tracciato un ritratto molto interessante dello storico e paleografo, sottolineando l’intelligenza, l’amore e la pazienza che sorreggono il lavoro di ricerca dello studioso, una personalità di rilievo internazionale che per le sue ricerche è venuto a stretto contatto con personaggi quali Norbert Kamp, Hans Martin Schaller e Virginia Brown.

Eccezionale la presenza della Prof.ssa Ph.D Cristina Alpopi, economista, Direttore del Dipartimento di Amministrazione e Management Pubblico presso l’Accademia di Studi Economici di Bucarest, titolare delle cattedre di Urbanistica e Politiche di Pianificazione Territoriale e dello Sviluppo Sostenibile, presso la stessa Accademia, che oltre a tracciare un brillantissimo profilo del professor Bova, ha preannunciato che lo studioso a breve riceverà un’altra onorificenza dall’Università di Bucarest, che lo ha dichiarato “Storico di alto impegno scientifico”.

A questo eccezionale ed esaltante evento ha fatto seguito la premiazione di un giovanissimo, Vincenzo Papa, a cui è stata attribuita una borsa di studio per meriti scolastici, ossia 10 e lode all’esame di terza media. Il giovane studente attualmente frequenta il liceo scientifico “Garofano” di Capua, il cui dirigente scolastico, professor Giovanni Di Cicco, era presente alla cerimonia.

Infine, dopo i dovuti saluti e ringraziamenti, il Sindaco Papa ed i suoi assessori, si sono intrattenuti con la stampa per la consueta relazione di fine anno.

Il Primo Cittadino e gli Assessori Salvatore Russo, Salvatore Luiso e Franco Cepparulo – assente per motivi di lavoro l’Assessore Nino Minolfi – hanno indetto una Conferenza Stampa per segnalare i risultati raggiunti nell’arco del 2012.  La Conferenza Stampa, come sempre, si è svolta in scioltezza e cordialità, e ha dato l’immagine di un gruppo ben amalgamato ed unito e di una squadra sicuramente vincente. Dopo un brevissimo intervento preliminare e di presentazione dell’addetto stampa comunale, avv. Antonio Gaudiano, la parola è passata al Sindaco Papa, che, pur non entrando nel merito delle competenze dei suoi Assessori, ha tenuto a precisare che l’operato amministrativo della sua squadra si snoda da sempre su alcuni obiettivi essenziali: trasparenza negli atti amministrativi, ambiente, soprattutto per quanto riguarda la “Bonifica del Parco Saurino” e lo “Svuotamento di Ferrandelle. Il Sindaco ha inoltre precisato che a fronte di un dimezzamento dei trasferimenti dallo Stato l’Amministrazione è riuscita a non aumentare la pressione fiscale sui cittadini. In una situazione delicata dal punto di vista economico si è, comunque, lavorato sul campo sportivo e sulla palestra il cui utilizzo è stato concesso anche a società di Grazzanise e sono stati patrocinati eventi sportivi. Ma fiore all’occhiello dell’Amministrazione è la sicurezza delle scuole, sia le elementari che le medie. Inoltre nell’anno appena trascorso sono stati inviati in colonia estiva 60 ragazzi. Tuttavia un tema è particolarmente a cuore a Papa, la questione del distretto sanitario che dal primo gennaio è passato a S. Maria C. V. Egli ha ricordato la lettera “molto dura” inviata al presidente della Regione S. Caldoro, all’Ass. regionale alle Politiche Sociali, E. Russo, al Coord. Dell’Area 18, A. Oddati, e al direttore dell’Asl Caserta, P. Menduni. Il riordino dei distretti, secondo il sindaco, è stato giustificato con ragioni economiche ma lo spostamento a S. Maria C.V. si traduce in un disagio per i cittadini fossatari e grazzanisani e in un aumento delle spese di gestione.

A seguire c’è stato l’intervento dell’Assessore ai Lavori Pubblici , S. Luiso, il quale ha precisato, che nonostante la crisi economica ed il dimezzamento dei trasferimenti dallo Stato all’Amministrazione, sono riusciti a mettere in cantiere circa una quindicina di progetti importanti, tra cui: lavori di realizzazione rete idrica in alcune zone fossatare; lavori di realizzazione di un impianto sportivo polifunzionale in via Porto delle Femmine; progetto preliminare dell’ampliamento del cimitero comunale; la realizzazione di un impianto di videosorveglianza nell’area mercato e nel parco giochi; la ristrutturazione e la messa a norma del primo piano della Casa Comunale; progetto per “lavori di realizzazione di un impianto autovelox a postazione fissa alimentato a pannelli fotovoltaici posizionato lungo il Corso Umberto I, in entrambe le direzioni; ed altro ancora.

E’ stata poi la volta dell’assessore all’Ambiente Cepparulo il quale ha precisato che la percentuale di differenziata si è attestata sul 58%. Per razionalizzare il servizio si è provveduto a localizzare nell’area Capys alcuni cassoni per il deposito di vari materiali.
Una novità riguarda i sacchetti distribuiti alla popolazione. Essi saranno trasparenti per permettere di verificarne il contenuto . Su questo versante sono state accertate 4 violazioni di abbandono di rifiuti ed elevate altrettante sanzioni. Sono stati inoltre qualificati tre ispettori ambientali che hanno seguito un apposito corso. Dal 2 ottobre il consorzio CITE è subentrato nella gestione del servizio di raccolta e la calendarizzazione per i rifiuti diversi dall’umido diventa quindicinale.
Infine sono stati introitati 5600 euro per la plastica, reinvestiti in attività ecologiche. Dubbi invece sulla questione di Parco Saurino: si teme che il sequestro dell’area possa bloccare la rimozione dei rifiuti.
Inoltre l’Assessore Cepparulo ha tenuto a segnalare una serie di attività portate a compimento nell’anno trascorso e ricadenti nell’ambito della Protezione civile: l’inserimento di 4 nuovi volontari nel ruolo comunale e un loro addestramento teorico presso la Scuola Media; Un corso pratico di addestramento al montaggio delle attrezzature di emergenza; l’apertura di una pagina sul social network Facebook; l’avvio del progetto Impresa per avvisi alla popolazione tramite SMS; esercitazioni di evacuazione rivolte a scolari e studenti; verifica mensile del sistema antincendio presso le elementari; controllo e monitoraggio del Volturno; campo estivo per 65 ragazzi provenienti da varie regioni su terreni confiscati alla camorra.

L’ultimo intervento è stato quello dell’Assessore al Bilancio, S. Russo, il quale basandosi esclusivamente sui numeri ha affrontato il problema IMU: prima casa 0,4 – seconda casa 0,76. Per i servizi a domanda: mensa scolastica € 2,00 per buono pasto (2011 € 1,75 per buono pasto); scuola bus € 25,00 mensile (2011 € 20.000 mensile); lampade votive € 16,80 anno (2011 €17,00 anno); lampade straordinari (giorni 1-2 novembre) € 1,30 cad. (2011 € 1,40 cad. – 2010 € 1,50 cad.). Circa l’Irpef comunale Russo ha fornito questi dati: per scaglioni fino a 15000 euro lo 0,60%, fino a 28000 lo 0,70%, fino a 53000 lo 0,78%, fino a 75000 lo 0,79%, oltre lo 0,80%.
Una nota dolente, invece, è rappresentata dall’evasione della Tarsu. A fronte di una spesa media di 260000 euro le mancate riscossioni ammontano per il 2009 a 67000 euro, per il 2010 a 98000 e per il 2011 a 120000. Con l’evasione ipotizzata del 2012 si tratta di circa 400.000 euro di mancati introiti, una cifra importante per le casse comunali.
Per finire, si prevede una forte riduzione delle spese per riequilibrio di bilancio 2012 e la convenzione con il Consorzio di Bonifica per cui dopo una necessaria perimetrazione le abitazioni del centro urbano non pagheranno più la bolletta.
La conferenza stampa si è conclusa con i dovuti ringraziamenti e con l’appuntamento all’anno prossimo
Matilde Maisto

sabato
Gen 5,2013

da sx Rotoli, Papa, Bove e Alpopi

 Il sindaco Papa legge la motivazione vergata sulla pergamena

 

 

Prof. Raffaele Raimondo
cronista free lance                                           

 

COMUNICATO-STAMPA del 5 gennaio 2013

                                                                                                                                              
            Cittadinanza onoraria al paleografo Giancarlo Bova che non risparmia bordate ai suoi colleghi “improvvisatori”ed ai primi cittadini di Capua antica e …nuova  
                Il sindaco Papa in effetti detta l’Agenda d’un salutare bagno culturale per i Comuni
                                                     
SANTA MARIA LA FOSSA (Raffaele Raimondo) – Peccato, peccato per gli assenti… che in democrazia han sempre torto. Infatti, quello che s’è svolto nel pomeriggio di venerdì 4 gennaio presso la scuola secondaria “Mirra” si è qualificato come un autentico convegno “glocale”: incardinato cioè nella realtà cittadina (e, dunque, locale), ma di respiro internazionale (e, pertanto, globale). Sì, sì! Forse non si è configurato tale, allorché il critico letterario Peppe Rotoli ha giustamente evidenziato i principali contatti di studio dell’eminente paleografo Giancarlo Bova – cui, dopo la conferenza, è stata letta e consegnata, da parte del sindaco Antonio Papa a nome dell’intera civica Amministrazione fossatara, la pergamena di conferimento della “cittadinanza onoraria” – con Istituti e ricercatori stranieri? E non si è riproposto nei medesimi termini quando l’economista rumena Cristina Alpopi ha rivelato che lo studioso nato a Santa Maria Capua Vetere sta per ricevere un’alta onorificenza dall’Università di Bucarest? Ed ancora, non si è parimenti avvertito il palpito della storia e del continente europeo nei momenti in cui si sono citati documenti d’epoca medievale tuttora sconosciuti ai più? Oppure negl’istanti che hanno consentito ai presenti di apprendere che Bova è stato “incoraggiato”, per le sue ricerche, da Norbert Kamp, da Hans Martin Schaller e dall’americana Virginia Brown? Insomma, un trionfo di sensibilità culturale che ha tradotto in pieno l’intendimento del primo cittadino Papa di scommettere e vincere, coi suoi, su un terreno alla cui voce, nel bilancio di qualche Comune limitrofo, è risultato, per anni, investimento zero. Mica è poco tutto questo per una municipalità che conta meno di 2.800 anime residenti? Non si configura piuttosto come un’Agenda, seria e credibile, da dettare a Comuni ben più grossi (Capua, santa Maria Capua Vetere…) che – stando a ciò che lo stesso paleografo ha amaramente, ma elegantemente, ammesso – si guardan bene dall’affidargli incarichi di ricerca o addirittura di non invitarlo a simposi in cui giganteggiano – ancora secondo Bova – altri suoi colleghi che proverebbero fastidio per la sua partecipazione? Così, proprio così, va il mondo: si premia, spesso, il peggio, e si ostacola il meglio. Sia sufficiente ricordare che il nuovo “cittadino onorario” attualmente è “membro della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro, fa parte dei Comitati scientifici internazionali delle riviste «Theoretical and Empirical Researches in Urban Management» e «Management Research and Practice» dell’Accademia di Studi Economici di Bucarest”.
Difficile assottigliare in poche righe quanto di nobile e di esaltante dal convegno è emerso: ce n’è stato abbastanza da poter poi scrivere almeno dieci resoconti. Ma ci torneremo su. Ne varrà la pena. Intanto, per dovere di cronaca, si deve pur dire che nella stessa importante circostanza – che non ci ha però permesso di vedere, oltre gli amministratori e qualche ammirevole eccezione, le annunciate autorità – né civili, né militari, né religiose – probabilmente in diverse faccende affaccendate, l’Amministrazione comunale, come nei precedenti anni, ha attribuito una borsa di studio che stavolta, ovviamente “per merito” (alias 10 e lode all’esame di terza media), è andata al giovanissimo Vincenzo Papa adesso frequentante il liceo scientifico “Garofano” di Capua e, quindi, sotto l’ala carezzevole del dirigente Giovanni Di Cicco intervenuto alla cerimonia.
Al termine del convegno, ha avuto inizio la “consolidata” conferenza-stampa d’inizio anno, onde informare i cronisti sul “già fatto” nel 2012 ed il “da farsi” da questo mese in avanti.

giovedì
Gen 3,2013

Prof. Giancarlo Bova

(CAPUA Il sindaco Papa alla prima presentazione del volume del prof. Bova presso il salone Capecelatro con il compianto arcivescovo Bruno Schettino)

Prof. Raffaele Raimondo
cronista free lance

COMUNICATO-STAMPA del 3 gennaio 2013

L’Ammistrazione-Papa conferisce la cittadinanza onoraria allo storico Giancarlo Bova                                        
Sulla ricerca di Bova interverrà pure l’economista rumena Ph.D Cristina Alpopi

SANTA MARIA LA FOSSA (Raffaele Raimondo) – Un piccolo Comune, una grande storia: è la coscienza felice dell’Amministrazione-Papa che sta progressivamente ed incisivamente investendo anche alla “borsa” della cultura, rivalutando opportunamente la stessa ordinaria comunicazione individuata fra le principali premure dell’ente, come non avviene, a negativo esempio di confronto, nella confinante Grazzanise. Su tale lucida determinazione s’incardina l’evento che si svolgerà nel pomeriggio del 4 gennaio presso l’edificio della scuola secondaria di 1° grado intitolato all’illustre concittadino mons. Ernesto Mirra. Infatti, alle 16, davanti alle autorità civili, religiose e militari del territorio, dopo un breve indirizzo di saluto del sindaco Antonio Papa, il critico letterario Giuseppe Rotoli presenterà l’ultima fatica dello storico e paleografo Giancarlo Bova: “I più antichi documenti di S. Maria La Fossa. Greci ed Ebrei”. E, a pregevole arricchimento dell’incontro culturale, darà un importante contributo illustrativo dell’incessante ricerca di Bova l’economista rumena Ph.D Cristina Alpopi, direttore del Dipartimento di Amministrazione e Management Pubblico presso l’Accademia di Studi economici di Bucarest, nonché titolare delle cattedre di Urbanistica e Politiche di pianificazione territoriale e dello sviluppo sostenibile presso la stessa Accademia. L’Ufficio-Stampa del Comune, diretto dall’avv. Antonio Gaudiano, ha fatto inoltre sapere che nel corso della composita manifestazione il sindaco Papa consegnerà  la pergamena della cittadinanza onoraria al prof. Bova. Nella medesima nota è precisato che l’onorificenza gli è stata attribuita “per essersi particolarmente distinto grazie alla sua attività di storico” ed essendo “tra i maggiori studiosi del Sud Italia”. Non solo. Ma anche per aver con i suoi scritti contribuito a far conoscere un tesoro inestimabile che è rappresentato dalla chiesa madre intitolata all’Assunta. E’ con queste motivazioni che, su proposta unanime della Giunta e voto altrettanto unanime del Consiglio comunale, si è conferito il prestigioso riconoscimento al valente studioso, forse l’unico oggi nella nostra provincia a saper leggere e tradurre le antiche e preziose pergamene custodite sia presso il Museo Campano di Capua che nella Biblioteca dell’Arcidiocesi capuana. Due i volumi che Giancarlo Bova ha dedicato a Santa Maria La Fossa: “La chiesa di Maria SS. Assunta in Cielo in Santa Maria La Fossa. I Greci” (2007) ed il predetto “I più antichi documenti…” (2012), entrambi pubblicati per i tipi delle Edizioni Scientifiche Italiane, per la quale Casa editrice l’autore dirige due Collane relative alla storia di Terra di Lavoro. Al margine della cerimonia sarà altresì assegnata una “borsa di studio” ad uno studente fossataro licenziatosi con il massimo dei voti. Indi si svolgerà la tradizionale conferenza-stampa d’inizio d’anno: il primo cittadino ed il suo solerte staff politico presenteranno i risultati della complessiva azione amministrativa sviluppatasi nel 2012 appena terminato. Di fronte ad un tale indovinato connubio d’informazione giornalistica e di cultura storica che continua tenacemente a sprigionarsi nella municipalità del Comune del Basso Volturno (ormai piccolo soltanto per demografia e dimensioni urbanistiche, ma grande ed esemplare grazie alle ricorrenti iniziative di massiccio spessore istituzionale), pare doveroso evidenziare la funzione di leadership che ineludibilmente va riconosciuta, nell’odierna temperie, a Santa Maria la Fossa, in quanto capace di esprimere, con ripetute conferme, un autentico modello di riferimento, per le “buone pratiche” amministrative e  – nel contesto di ciò che davvero conta in ogni realtà di più lungo respiro – per l’alta premura etica e la costante positiva tensione intellettuale e sociale a monte delle determinazioni di cui la cronaca quotidianamente si occupa. L’imminente viaggio del sindaco Papa a Bruxelles non stupirà gli avveduti, ma solo gli abituali e feudali detrattori che comunque non mancano affatto nel Basso Volturno.

mercoledì
Gen 2,2013

Prof. Giancarlo Bova

 

Santa Maria La Fossa – “Per essersi particolarmente distinto grazie alla sua attività di storico” ed essendo “tra i maggiori studiosi del Sud Italia”. Non solo. Ma anche per aver con i suoi scritti contribuito a far conoscere un tesoro inestimabile che è rappresentato dalla chiesa madre intitolata all’Assunta.  E’ con queste motivazioni che,  su proposta unanime della giunta e voto altrettanto unanime del consiglio comunale, è stata conferita la cittadinanza onoraria al professor Giancarlo Bova, storico e paleografo. Uno dei pochi studiosi, sicuramente l’unico in terra di Lavoro, a saper leggere e tradurre le antiche pergamene custodite sia presso il Museo Campano di Capua sia presso la biblioteca dell’arcidiocesi di Capua.

L’onorificenza verrà consegnata ufficialmente al prof. Bova dal sindaco Antonio Papa in una suggestiva cerimonia che si svolgerà venerdì 4 gennaio a partire dalle ore 16,00 nei locali della Biblioteca comunale, siti nel plesso della Scuola Media “mons. Ernesto Mirra”.

Due i volumi che  Giancarlo Bova ha dedicato a Santa Maria La Fossa: “La chiesa di Maria SS. Assunta in Cielo in Santa Maria La Fossa. I Greci”, (2007) e “I Più antichi documenti di S. Maria La Fossa. Greci ed Ebrei” (2012), entrambi pubblicati per i tipi delle Edizioni Scientifiche Italiane, per la quale Casa editrice il professore Bova dirige due Collane relative alla storia di Terra di Lavoro.

Presenti le autorità civili, religiose e militari del territorio, il critico letterario prof. Giuseppe Rotoli, presenterà l’ultima fatica dello storico e paleografo Giancarlo Bova:  “I Più antichi documenti di S. Maria La Fossa. Greci ed Ebrei”, dopo un breve indirizzo di saluto ai presenti da parte del sindaco Antonio Papa.

Eccezionale la presenza della Prof.ssa Ph.D Cristina Alpopi, economista, Direttore del Dipartimento di Amministrazione e Management Pubblico presso l’Accademia di Studi Economici di Bucarest, titolare delle cattedre di Urbanistica e Politiche di Pianificazione Territoriale e dello Sviluppo Sostenibile, presso la stessa Accademia, che terrà un breve intervento sul lavoro del prof. Bova.

A margine della cerimonia sarà anche consegnata una borsa di studi ad uno studente per essersi licenziato con il massimo dei voti.

Di seguito si svolgerà la tradizionale conferenza stampa di fine anno. Il sindaco Papa e il suo staff presenteranno i risultati dell’azione amministrativa, nell’anno che ormai è alle nostre spalle.

sabato
Dic 29,2012

Prof. Giancarlo Bova

Santa Maria La Fossa – Sarà consegnata ufficialmente venerdì 4 gennaio presso i locali della scuola Media ‘Mons. Ernesto Mirra’ la Cittadinanza onoraria di Santa Maria La Fossa al professor Giancarlo Bova, per essersi ‘particolarmente distinto grazie alla sua attività di storico’. Due i volumi che  Giancarlo Bova ha dedicato a Santa Maria La Fossa: “La chiesa di Maria SS. Assunta in Cielo in Santa Maria La Fossa. I Greci”, (2007) e “I Più antichi documenti di S. Maria La Fossa. Greci ed Ebrei” (2012), entrambi pubblicati per i tipi delle Edizioni Scientifiche Italiane, per la quale Casa editrice il professore Bova dirige due Collane relative alla storia di Terra di Lavoro. Uno dei pochi studiosi, sicuramente l’unico in terra di Lavoro, a saper leggere e tradurre le antiche pergamene custodite sia presso il Museo Campano di Capua sia presso la biblioteca dell’arcidiocesi di Capua.
Presenti le autorità civili, religiose e militari del territorio, il critico letterario prof. Giuseppe Rotoli, presenterà l’ultima fatica dello storico e paleografo Giancarlo Bova:  “I Più antichi documenti di S. Maria La Fossa. Greci ed Ebrei”, dopo un breve indirizzo di saluto ai presenti da parte del sindaco Antonio Papa.
Eccezionale la presenza della Prof.ssa Ph.D Cristina Alpopi, economista, Direttore del Dipartimento di Amministrazione e Management Pubblico presso l’Accademia di Studi Economici di Bucarest, titolare delle cattedre di Urbanistica e Politiche di Pianificazione Territoriale e dello Sviluppo Sostenibile, presso la stessa Accademia, che terrà un breve intervento sul lavoro del prof. Bova.

sabato
Dic 22,2012

Antonio Papa

Santa Maria La Fossa – Una durissima lettera è stata inviata dal sindaco di Santa Maria La Fossa Antonio Papa al presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, all’assessore regionale alle Politiche sociali Ermanno Russo, al coordinatore dell’Area 18 Antonio Oddati, al coordinatore dell’area 20 e al direttore generale dell’ASL di Caserta Paolo Menduni sulla nuova modifica degli ambiti territoriali e dei distretti sanitari. Con delibera di Giunta Regionale n. 320 del 03/07/2012, infatti, sia il Comune di Santa Maria La Fossa sia quello di Grazzanise, prima assegnati a Capua, dal primo gennaio 2013, passeranno con il Distretto di Santa Maria Capua Vetere.”… con la delibera 320 del 03/07/2012 – si legge nella missiva del sindaco Papa – la Giunta regionale rimodifica l’assetto dei Distretti Sanitari e per la seconda volta in pochi mesi la popolazione del Comune da me amministrato subisce decisioni imposte che non hanno un minimo di razionalità. La popolazione di Santa Maria la Fossa
– lamenta il sindaco -, in particolar modo coloro cha usufruiscono di assistenza domiciliare, e mi riferisco agli anziani, ai disabili, ai neonati, dovranno essere seguiti da personale Sanitario e Socio – Sanitario cha non ne conoscono né la storia clinica né il fabbisogno di salute. A tutto ciò si aggiunge l’allontanamento della sede del Distretto Sanitario da Capua a Santa Maria C.V. che è posto in una zona periferica e non servita da mezzi pubblici. l pochi mezzi infatti si fermano a Santa Maria C.V. in piazza San Francesco e non ci sono circolari interna per raggiungere la sede del D.S. sita in via Avezzana che dista circa 4 km (da “fare a piedi” con gli immaginabili disagi par gli anziani, i bambini, i disabili, ecc.)”. E la missiva si conclude: “… la popolazione da me amministrata non è un giocattolo a cui cambiare la direzione ogni anno”.

martedì
Dic 11,2012

Comunicato stampa e invito

Santa Maria La Fossa – Si terrà giovedì 13 dicembre nell’atrio della scuola media “mons. E. Mirra” la manifestazione di presentazione dell’iniziativa “Facciamo un pacco alla camorra”. Il “pacco alla camorra” è il risultato di un progetto promosso dall’associazione ‘Don Peppe Diana’, che vede coinvolte altre 16 imprese.
Interverranno: il sindaco di Santa Maria la Fossa dott. Antonio Papa; la dirigente scolastica prof.ssa Maria Grazia Farina; il comandante la stazione carabinieri di Grazzanise maresc. Luigi De Santis; Gianni Solino referente del comitato don Peppe Diana; Gianni Allucci A.D. di Agrorinasce; la d.ssa Maria Letizia, referente del consorzio N.C.O.; l’on. Antonio Amato, presidente commissione regionale beni confiscati e Salvatore Di Bona, figlio di Antonio Di Bona vittima innocente della camorra.
“Siamo orgogliosi che con il grano frutto della nostra terra – ha dichiarato il sindaco Antonio Papa – è stata prodotta la pasta di ‘facciamo un pacco alla camorra’ e ancor di più che ad Antonio di Bona vittima innocente della camorra sia stato intitolato il centro di agricoltura sociale sui terreni confiscati alla criminalità organizzata. E’ questo l’ennesimo passo che l’Amministrazione Comunale di Santa Maria La Fossa compie nell’obiettivo di consolidamento della legalità nel nostro paese. Con orgoglio posso affermare – ha concluso Papa – che tanti sono i riconoscimenti al lavoro svolto quotidianamente dall’Amministrazione che mi onoro di guidare”.

Invito
Oggetto: Presentazione manifestazione “Facciamo un pacco alla camorra”. Invito.

Con la presente si invitano le SS.LL. alla manifestazione che si terrà giovedì 13 dicembre alle ore 10,00 presso l’atrio della scuola media “mons. E. Mirra” di Santa Maria La Fossa, “Facciamo un pacco alla camorra”.
Fiduciosi in un vostro cortese intervento, si porgono cordiali saluti.

domenica
Dic 9,2012

Franco Cepparulo

Santa Maria La Fossa –  “La conferenza dei servizi tenutasi nei giorni scorsi presso il Ministero dell’Ambiente ha alimentato nuova fiducia circa la bonifica integrale delle discariche di Parco Saurino 1 e 2”. Ha dichiarato l’assessore all’ambiente del Comune Franco Cepparulo. “Erano presenti rappresentanti della Regione Campania, della Provincia di Caserta (assessorato alle acque), i rappresentati del Consorzio di Bonifica del Basso Volturno e dell’Arpac, e ISPRA oltre ai progettisti della SOGESID S.p.A.  gli ing. Brugiotti e Falco, che hanno illustrato il progetto della messa in sicurezza definitiva della discarica. Sono state prese in considerazione – ha continuato Cepparulo – alcune prescrizioni dettate dall’ARPA Campania sia vecchie sia nuove, così come prescrizioni ha avanzato ISPRA  che la SOGESID  si è impegnata a risolvere in tempi rapidissimi in modo da poter pubblicare sia il bando di gara già prima della fine dell’anno, per scongiurare la perdita del finanziamento che amm
onta a circa dieci milioni di euro. Una corsa contro il tempo che ci vedrà impegnati costantemente perché questa rappresenta una priorità assoluta per la sicurezza e per la salute dei nostri concittadini, per la salvaguardia delle aziende e del nostro territorio”.
“Senza sosta – gli ha fatto eco il sindaco Antonio Papa, presente alla conferenza dei servizi – si prosegue nella lotta per ottenere le bonifiche ambientali, perché è veramente una lotta combattere la burocrazia, i burocrati e tutte le lungaggini. Solo imponendomi con fermezza – ha affermato Papa – ho evitato altre lungaggini inutili per procedere agli interventi. In tal modo entro la fine del mese si approverà il progetto definitivo di bonifica di Parco Saurino 1 e 2 e si potrà indire la gara relativa”.

domenica
Dic 2,2012

Salvatore Russo

Santa Maria La Fossa (Antonio Gaudiano) – E’ stato di 34mila euro l’importo dell’assestamento di bilancio votato nell’ultima riunione del consiglio comunale, al quale si è dovuto ricorrere causa della rimodulazione del gettito IMU e del taglio ai trasferimenti ai comuni in seguito della revisione della spesa attuata dal Governo.
“Al fine di evitare aumenti delle tasse e tributi comunali – ha dichiarato il vice sindaco e assessore al Bilancio Salvatore Russo – abbiamo dovuto tagliare all’osso sul fronte delle spese, senza tuttavia ridurre i servizi essenziali. L’impegno – ha continuato l’assessore – rimane costante, per quanto possibile, con un occhio ai limiti del bilancio. La strada da percorrere è quella dell’associazione dei servizi con altri Comuni. Attualmente – dichiara Russo – abbiamo attivato l’associazione del segretario comunale con i comuni di Vitulazio e Letino (che comporterà un risparmio di circa 30mila euro); così come l’associazione per l’urbanistica con il comune di Letino. Gli altri servizi che probabilmente andremo ad associare saranno quelli della protezione civile e della polizia municipale. Mi dispiace constatare – ha continuato Russo – che anche quest’anno nessuno abbia fatto richiesta del prestito d’onore istituito dall’amministrazione comunale al fine di incentivare nuove attività im
prenditoriali e commerciali sul nostro territorio. Ci auguriamo – ha concluso l’assessore Salvatore Russo – di poterlo riproporre anche l’anno prossimo, con la speranza che qualcuno possa usufruirne”.

Categories