Cancello ed Arnone News

Di Matilde Maisto

Archive for the ‘Spettacolo’ Category

lunedì
Set 1,2014

1

 

Presenta Shakespeare a modo suo:

“Non recito, porto in scena l’arte del palcoscenico”

 

Arriva il Seduttore. E “Settembre al Borgo” entra nel vivo. Domani sera alle 21,15 Giorgio Albertazzi presenta nel Teatro della Torre il suo “Recital Shakespeariano” (biglietto d’ingresso 15 euro più diritti di prevendita). E’ il momento clou della “Grande notte shakespeariana” voluta dal direttore artistico Nunzio Areni per festeggiare – e ricordare – i 450 anni dalla nascita di William Shakespeare.

2

Quale Shakespeare vedremo in scena? Quello dell’”Amleto” diretto da Zeffirelli che 50 anni fa restò per due mesi al’Old Vic di Londra? O l’”Enrico IV” che nei primi anni ’80 ha travolto il rapporto pagina-scrittura scenica nel sistema teatrale italiano? Lo sapremo solo assistendo al suo omaggio al Grande Bardo.

Shakespeare è nei cromosomi di Albertazzi. Il suo esordio è avvenuto nel 1949 in “Troilo e Cressida”, per la regia di Luchino Visconti durante il Maggio Musicale Fiorentino. Ed è proseguito sul palcoscenico con altre memorabili interpretazioni. Non è un caso che al fianco degli “Amleto” di Lawrence Olivier e di John Barrymore si ricordi il suo. E che appena pochi mesi fa abbia interpretato Shylock in una versione fortunata del “Mercante di Venezia”.

3

All’Espresso ha dichiarato: “Il pubblico sente che in me c’è qualcosa di diverso. Io esco dalla definizione della bravura. Ormai lo dicono tutti: Albertazzi non recita. Che fa allora? L’arte del palcoscenico, rispondo. Del resto il teatro degli altri, mi annoia mortalmente. Non tutto, certo. Quando a Londra andavo a vedere Peter O’ Toole non dormivo per l’emozione”. E ancora: “A vedermi probabilmente vengono in tanti perché pensano che potrebbe essere l’ultima volta che mi vedono».

A 91 anni – compiuti il 20 agosto – non si sa bene se considerarlo il Grande Vecchio della nostra scena o semplicemente un seduttore seriale. Di sicuro ama le sfide. Dal 4 ottobre sarà tra i protagonisti della nuova edizione di “Ballando sotto le stelle” il programma televisivo condotto da Milly Carlucci come concorrente.

4

E una scommessa è anche l’approdo a “Settembre al Borgo”. Prima domani, poi mercoledì in “Eduardiana”. Lo vedremo interpretare il monologo “Non siamo fatti dello stesso sangue”? O regalerà qualche assaggio del “Re Lear” che porterà la prossima stagione al teatro Ghione di Roma? Lo scopriremo domani sera. “Il vero, grande, teatro classico è sempre contemporaneo”, ama ripetere. Che l’arte sia una macchina creativa – come ama pensare – o meno, Albertazzi è al tempo stesso memoria storica e coscienza del nostro palcoscenico.

Prima di lui, come un interessante aperitivo, alle 20,45 andrà in scena “Il ratto di Lucrezia” messo in scena da NuovoSpazioTeatro.

 

Alfredo d’Agnese – R.A.R.E. Comunicazioni, Ufficio Comunicazione Nunzio Areni (339-1966011)

Raffaella Tramontano – R.A.R.E. Comunicazioni, Ufficio Comunicazione Nunzio Areni (392-8860966)

Livia Iervolino – Ufficio Comunicazione Nunzio Areni (366 – 3929601)

domenica
Ago 31,2014

12

 

13

 

Sul suo sito ufficiale, il video in cui il leader dei Pooh si scusa con il pubblico casertano

L’evento è stato spostato a sabato 20 settembre. Biglietti validi fino ad allora

 

CASERTA. A seguito di consultazioni con il Centro meteo Epson ed il Servizio meteorologico dell’Aeronautica militare, i quali che prevedono, nell’area interessata dallo spettacolo (il quartiere San Leucio di Caserta) «precipitazioni intense a prevalente carattere temporalesco con fenomeni grandinigeni accompagnati da forti raffiche di vento», gli organizzatori, in accordo con le autorità locali e lo staff manageriale di Roby Facchinetti, hanno deciso, onde evitare che le centinaia e centinaia di fan possano mettersi in viaggio e rischiare di non assistere alla serata, perché le pessime condizioni meteo non lo permettano, di spostare lo spettacolo, previsto per il 1 settembre, a sabato 20 settembre. I biglietti già acquistati saranno validi fino a quella data. Sul sito ufficiale del leader dei Pooh, Roby si scusa con il pubblico casertano: http://www.robyfacchinetti.it/rfofficial/author/teamrf/. Altri particolari saranno forniti in successive comunicazioni.

 

Caserta, 31 agosto 2014

 

Ufficio stampa

(cortesia) Claudio Lombardi

 

Per ulteriori informazioni e per gli accrediti stampa

Giacomo Serao 3933746612 / 0823328031

 

Prevendita abituale

Ticketteria

via Vincenzo Gemito, 81

81100 Caserta

domenica
Ago 31,2014

1 bis

Confermati tutti gli appuntamenti in caso di pioggia

 

Piazza del Duomo è il cuore di “Settembre al Borgo”: ogni sera alle 19,30 – come evocati dalla storia – appaiono gli attori del NuovoSpazioTeatro per mettere in scena “Lucrezia vendicata”. E’ il Borgo delle Meraviglie voluto dal direttore artistico Nunzio Areni. Uno spettacolo nello spettacolo – naturale – di Casertavecchia. Ma ogni sera la piazza non si spegne al termine della rappresentazione e dei filmati curati da Ciro Sapone e Annales che proiettano immagini in 3 D sulla faccia del Duomo.

Chi non raggiunge il Teatro della Torre per assistere agli spettacoli ha un’altra opportunità: assistere e ascoltare all’evento in programma comodamente seduto ai tavolini dei bar in piazza. Così è avvenuto per i recital di Irene Grandi e Peppino Di Capri, così sarà domani.

2

Chi non è riuscito ad acquistare i biglietti per il concerto “Essenze Jazz” di Eduardo De Crescenzo, in programma lunedì 1° settembre alle 20,45, tutto esaurito da giorni, potrà ascoltarlo in piazza e guardare le immagini proiettate in diretta sulla facciata del Duomo. Lo spettacolo segna il ritorno dal vivo dell’interprete e autore napoletano, che ha affrontato e superato un serio problema di salute. Prima di concentrarsi sulla prossima produzione, prevista per il prossimo anno, De Crescenzo regalerà al pubblico di Casertavecchia i suoi brani migliori, riletti in salsa jazz.

Intanto prosegue la vendita ai botteghini. Il sold out di Renzo Arbore e il quasi tutto esaurito per “Eduardiana” raccontano l’interesse dei casertani e dei campani per la rassegna. Biglietti ancora in vendita per tutti gli altri spettacoli.

Nemmeno l’allarme meteo ferma “Settembre al Borgo”. Nonostante il ventilato annuncio di perturbazioni, tutti gli spettacoli si terranno regolarmente.

3

Conto alla rovescia e attesa anche per “La grande notte shakespeariana” organizzata per i 450 anni dalla nascita del drammaturgo e commediografo inglese. Martedì 2 settembre alle 21,15 nel teatro della Torre Giorgio Albertazzi terrà il suo “Recital shakespeariano” (costo del biglietto: 15 euro più diritti di prevendita), preceduto alle 20,45 da “Il ratto di Lucrezia” messo in scena da NuovoSpazioTeatro.

Livia Iervolino – Ufficio Comunicazione Nunzio Areni (366 – 3929601)

 

Foto Ciro Santangelo
sabato
Ago 30,2014

5

 

Nel ricordo di Luciano Pavarotti, Josè Carreras, Placido Domingo 

 

Prosegue, con ottimo successo di pubblico, la XVI edizione dell’Irnofestival, manifestazione ideata ed artisticamente diretta dal M° Tiziano Citro.

 

Dopo l’esordio a Salerno con la ‘Tosca’ di Giacomo Puccini e lo spettacolo del Quintetto ‘900 a Baronissi (Sa), domenica 31 agosto ore 20, in Palazzo Mezzacapo di Maiori (Sa) si terrà il concerto su arie d’opera, liriche e canzoni d’amore sia italiane che cladsiche napoletane de “I Tre Tenori” accompagnati dalla Grande Orchestra Tchaikovsky, direttore  M° Leonardo Quadrini

 

Composizione de ‘I Tre Tenori’: Fabio Andreotti, Sebastian Ferrada, Ignacio Encinas.

 

Accompagnati da un’orchestra di 70 elementi, i Tre Tenori hanno l’ambizione di far rivivere le emozioni del meraviglioso concerto delle Terme di Caracalla di Roma nel 1990 quando sul palco salirono Placido Domingo, Luciano Pavarotti e Josè Carreras. Il successo sarà assicurato così come il piacere di ascoltare arie liriche e canzoni d’amore di ogni tempo.

 

Ingresso euro 10.00

Prevendita: www.postoriservato.it – 089/795421

 

Per info e aggiornamenti www.irnofestival.it e pagina facebook

Direttore Artistico M° Tiziano Citro – mob. 328 9739753

venerdì
Ago 29,2014

1

 

 

In scena NuovoSpazioTeatro, Les Trois Magnifiques e Irene Grandi

 

Comincia con tre eventi dal forte impatto emozionale la 44ma edizione del Settembre al Borgo. Il direttore artistico del Festival Nunzio Areni svela immediatamente il suo progetto: Shakespeare, Eduardo, le culture etniche e la contemporaneità sono i temi visibili fin dalla prima giornata. Si parte domani, venerdì 29 agosto, alle 19.30 in piazza Duomo (l’ingresso è libero) con Il Borgo delle Meraviglie, percorsi itineranti, performing arts e proiezioni in 3D che racconteranno ai visitatori – tutti i giorni della rassegna – la storia millenaria di Casertavecchia, di Eduardo e di Shakespeare, Clou dell’evento d’inaugurazione sarà la performance teatrale “Lucrezia vendicata” tratta dal poema shakespeariano “Lo stupro di Lucrezia” che, attraverso quadri visuali dal grande coinvolgimento, rappresenta una delle tematiche più forti del rapporto uomo-donna drammaticamente contemporaneo. La pièce viene rappresentata non attraverso la classica forma teatrale, ma in una serie di azioni in movimento che interagiscono con le strutture fisiche del Borgo di Casertavecchia.

La storia racconta di un innamoramento “virtuale” di Sesto Tarquinio nei confronti di Lucrezia attraverso la descrizione che ne fa il marito Lucio. Questa infatuazione diviene talmente dirompente da provocarne lo stupro e la vendetta violenta del marito. Un tema che dimostra quanto certe tematiche siano sempre attuali. La scelta di usare uno dei più grandi drammaturghi della storia William Shakespeare, proprio in occasione dell’anniversario della nascita, è da un lato un omaggio all’autore inglese e dall’altro un’attestazione, attraverso stilemi del teatro contemporaneo, di quanto certe difficili tematiche percorrano la storia degli umani. Lo spettacolo è realizzato da Nuovo Spazio Teatro, regia: Roberto Pappalardo, coordinamento direzione artistica: Piero Grant e Simone Ciampi con Piero Grant, Roberto Pappalardo, Simone Ciampi, Dacia Dacunto, Elio D’Alessandro, Angelo Sateriale, Marika De Chiara.

2

Alle 20,30 ci si sposta nel Duomo per l’attesa performance – anch’essa a ingresso libero – di Les Trois Magnifiques. Naseer Shamma (Liuto arabo), Ashraf Sharif Khan (Sitar) e Carlos Piñana (Chitarra flamenca) accompagnati da Miguel Angel Orango, (Percussioni) presentano uno spettacolo musicale che fonde sonorità arabe, irachene e spagnole in un solo suono. “Questo trio simboleggia la chiara fusione di culture musicali – dice Carlos Piñana – Siamo musicisti di diversa provenienza il cui tratto comune è l’amore per la musica. Sarà un concerto molto dinamico, suoneremo tutti e tre insieme e separatamente. I brani che eseguiremo insieme sono di Naseer Shamma”.

Festa finale al teatro della Torre con Irene Grandi che si esibirà alle 21,30 con il suo trio in “Acustica Tour” (il prezzo del biglietto è di 20 euro più i diritti di prevendita). La cantante toscana offrirà al pubblico le sue canzoni più note in una veste intimista, come si conviene a una signora della nostra migliore musica leggera.

Alfredo d’Agnese (R.A.R.E. Comunicazioni per Nunzio Areni)

339 19 66 011

Raffaella Tramontano (R.A.R.E. Comunicazioni per Nunzio Areni)

392 88 60 966

Livia Iervolino (Ufficio Comunicazione Nunzio Areni)

366 39 29 601

****************************

BIOGRAFIA IRENE GRANDI

Irene sin da giovanissima inizia a cantare con vari gruppi rock e blues nei locali a Firenze e in Toscana, partecipa ai contest musicali e comincia a scrivere le sue prime canzoni con Telonio, con cui collaborerà per molti anni.

Decisivo per l’inizio della sua carriera da solista è stato l’incontro con Dado Parisini, produttore del suo album d’esordio “Irene Grandi” che esce nel 1994.

Da allora i dischi si susseguono: “in vacanza da una vita” nel 95,  “per fortuna purtroppo” nel 97, “verde rosso e blu” nel 99.

Inizia la collaborazione con Vasco Rossi che scrive per l’artista “La tua ragazza sempre”, con la quale si classificherà seconda al Festival di Sanremo 2000.

La collaborazione con Vasco si consolida e porta alla pubblicazione di un’altra canzone “Prima di partire per un lungo viaggio”, title track dell’album successivo (2003).

Nel 2005 esce “indelebile” e nel 2007 la seconda raccolta di successi “Irenegrandi.hits”, che contiene la grande hit “Bruci la città”.

Nel 2008 pubblica la sua prima autobiografia ufficiale “Diario di una cattiva ragazza”, edito dalla Mondadori, dove Irene si racconta per la prima volta.

Nel 2010 esce il disco “Alle porte del sogno”.

Oltre che con Vasco Rossi, Irene ha collaborato con moltissimi artisti: Pino Daniele, Jovanotti, Edoardo Bennato, Luciano Pavarotti, Alex Britti, Gaetano Curreri, Morgan, Francesco Bianconi, Elio e le storie tese, Simona Bencini, Francesco Renga,Eros Ramazzotti e, in molte occasioni, con Stefano Bollani, In ambito internazionale, Youssou N’Dour, Patti Smith, Hector Zazou, James Reid.

Accanto alle numerose tournee che l’hanno portata ad esibirsi in tutta Italia, Irene ha partecipato a grandi eventi quali l’Heineken Jammin’ Festival, il Pavarotti and friends, il concerto del Primo Maggio, l’MTV day, Amiche per l’Abruzzo, Coca cola live, oltre a molti programmi televisivi.

Oltre alla sua carriera, Irene si è impegnata nell’ambito del sociale, della solidarietà e della difesa dell’ambiente, sostenendo varie associazioni: tra queste, AIDOS (Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo); “il cuore si scioglie” con la quale, nel 2007, ha partecipato ad un viaggio in Africa, tenendo un concerto con un artista del Burkina Faso, Alif Naaba. Come sostenitrice di Greenpeace ha scritto e interpretato per lo Zecchino d’oro “ciao Foresta”, una canzone dedicata alla salvaguardia delle foreste, il cui testo è stato ispirato da uno dei temi scritti dai bambini delle scuole elementari nell’ambito di una campagna di sensibilizzazione per la difesa e la cura dell’ambiente.

Nel 2011 ha scritto la canzone “Paura non ho” contenuta nell’ultimo album di Tiziano Ferro.

Nel 2012 esce l’ultimo disco di Irene dal titolo “Irene Grandi & Stefano Bollani”, nato dalla collaborazione e dalla amicizia ventennale col celebre pianista: un progetto di solo piano e voce in cui i due artisti, in una raffinata fusione fra il jazz di Stefano e la voce calda e rock di Irene, interpretano celebri brani facenti parte di mondi diversi, dal Brasile all’Europa, passando da standard ad autori contemporanei.

 

*************************************

Naseer ShammaLiuto arabo

Ashraf Sharif Khan Sitar

Carlos Piñana Chittara flamenca

Miguel Angel Orango, Percussioni

 

Questi TRE MAGNIFICI artista ci presentano un viaggio musicale passando per la Bagdad di Zyriab, il fiume Tigri e Lahore per arrivare a Córdoba e Granada.

 

Il maestro universale del liuto arabo, l’iracheno Naseer Shamma, ci invita a un dialogo fascinante e avanguardista con il sitar del pakistano Ashraf Sharif Khan e con la chitarra flamenca di Carlos Piñana. Un incontro unico di grandi figure della musica araba, sud asiatica e del flamenco, che ci offrono l’eleganza naturale del virtuosismo e l’improvvisazione. Musica audace e creativa di artisti irrepetibili, la cui interpretazione tocca l’anima e coinvolgono l’ascoltatore.

 

Naseer Shamma nacque nel 1963 nella città di Al-Kut, nella confluenza dei fiumi Tigri ed Eufrate, al sud die Bagdad (Iraq). Studiò cinque anni nel Conservatorio di Musica Arabe di Bagdad, con maestri come As-Sharif Muhyi Addin, Jamil e Munir Bashir o Salman Shukr. Nel 1985, ancor come alunno del conservatorio, partecipò nel Festival della Musica Araba, celebrato in Francia, e la critica francese lo battezzò come il «Il giovane Ziryab» (in riferimento al gran musicista del Al-Andalus). Naseer Shamma suona il liuto combinando metodi tradizionali con sue composizioni moderne e originali. La sua interpretazione musicale non solamente si centra nella «Scuola Meditativa» del liuto iracheno, che si basa nei famosi Maqams (modi della musica araba) che definiscono l’espressione dello stato d’animo, inspirazione e spiritualità, ma è anche un gran conoscitore delle altre due scuole: la turca e l’egiziana. Naseer Shamma è considerato un “guardiano culturale” contemporaneo dell’eredità musicale araba, e negli ultimi anni ha aperto varie scuole di musica, denominate Beit al-Oud al-Arabi (La Casa del Liuto Arabo), dove prepara i suoi alunni per diventare solisti del liuto, mostrando così un altro aspetto del suo lavoro artistico. Naseer Shamma è riconosciuto mondialmente come uno dei migliori interpreti del liuto di tutti i tempi.

 

 

 

Ashraf Sharif Khan, nato nel 1969 in Lahore (Pakistan), appartiene a una famiglia di grandi musicisti, è figlio e discepolo del celebre maestro del sitar Ustad Muhammad Sharif Khan Poonchwala, della scuola tradizionale chiamata Poonch Gharana. Ashraf è stato un bambino prodigio, che mostrava il suo brillante talento già con dieci anni d’età. La musica di Ashraf combina un’incredibile capacità tecnica e perfezionismo con una grande espressività musicale. Ashraf Sharif Khan esplora anche generi musicali come il jazz e le musiche del mondo, e collabora con artisti contemporanei di fama internazionale come Shabaz Hussain, Cesare Picco, Trilok Gurthu o Tina Turner. La sua carriera come concertista si sviluppa parallela alla sua attività pedagogica e dando conferenze. È professore di “Musica Classica del sud dell’Asia”, nell’Accademia Norvegia di Musica di Oslo.

 

 

Carlos Piñana (Cartagena, 1976), appartiene a una famiglia di profonda tradizione flamenca. Nipote del patriarca dei canti delle miniere, Antonio Piñana (padre), e figlio del chitarrista Antonio Piñana (figlio). Carlos ha vissuto e assimilato il flamenco sin dall’infanzia. Suo padre fu il suo primo maestro, contribuendo dal principio allo sviluppo della sua formazione come chitarrista. Con il Titolo Superiore in Musica del Conservatorio Superiore di Musica, della città di Murcia in Spagna, ha realizzato il Master in Investigazione Musicale per l’Università di Murcia. Nel 1995 comincia il lavoro professionale con la chitarra flamenca. Riceve il Primo Premio e il Bordone Minero nel “Festival de las Minas” del 1996, Premio Nazionale di Chitarra Ramón Montoya di Cordova, nel 1998, e il Primo Premio Sabicas nel Festival Nazionale di Giovani Flamenco, tra altri.

Ha pubblicato cinque dischi come solista: El cuidado de una esencia (1996), che rende omaggio a suo nonno, Cal-líbiri (1999), Palosanto (2001), Mundos Flamencos (2003) e Manos Libres (2011). Ha editato con RGB Arte Visual, un libro di partiture, Mi sonanta, e ha composto la banda sonora del film Desnudos, del direttore Juan Manuel Chumilla.

 

 

 

 

 

 

 

 

giovedì
Ago 28,2014

3

 

 

Il 1 settembre, alle 21.30, nel cortile San Ferdinando del Palazzo del Belvedere di San Leucio

Sul palco ben 154 musicisti. Dirige il maestro Leonardo Quadrini. Biglietti ancora disponibili

 1

 

CASERTA. Biglietti ancora disponibili per un evento straordinario e irripetibile. Lunedì, 1 settembre, nel cortile San Ferdinando del Palazzo del Belvedere di San Leucio, alle 21.30, si terrà il concerto «Parsifal… e un po’ del “nostro” tempo migliore», rilettura in chiave sinfonica di due storici album dei Pooh a cura della Grande orchestra russa “Udmurtia”, diretta da Leonardo Quadrini. Ospite d’eccezione, Roby Facchinetti, tastierista e cofondatore dei Pooh, gruppo rock-pop italiano che si appresta a festeggiare i cinquant’anni di palco. L’orchestra, composta da 120 strumentisti, sarà affiancata dal coro sinfonico rumeno “Carmina Nova”, dagli “Hirpini cantores”, dal trio “In-cantus” e dalla tribute band ufficiale dei Pooh, “I Palasport” (Claudio Giuffrida al basso, Pier Giuffrida alla chitarra, Cosimo Cimieri alla batteria e Lorenzo Ancona alle tastiere), per un ensemble totale di 154 elementi. Saranno eseguiti i brani del periodo pop-sinfonico dei Pooh, riarrangiati e trascritti dal maestro Quadrini dalle partiture originali degli anni Settanta del maestro Franco Monaldi, che collaborò con il gruppo, ideando arrangiamenti ricchi di archi e fiati alla ricerca di un accompagnamento elegante ed evocativo. Facchinetti, autore di molti dei brani in scaletta, sarà ospite della serata ed eseguirà alcuni dei suoi grandi successi (tra gli altri, “Noi due nel mondo e nell’anima”, “Tanta voglia di lei”, “Eleonora, mia madre”, “Pensiero”, “Preludio”).

 

2

 

L’artista, oltre che suonare e cantare, nella conferenza stampa di presentazione, lo scorso 5 agosto al Caffè Serao, ha promesso che racconterà alcuni dei momenti più belli della sua fortunata vita di musicista e qualche gustoso aneddoto inedito sul tempo trascorso con gli “amici per sempre”, i Pooh. Il concerto gode del patrocinio dell’Unicef, della Regione Campania, della Città di Caserta, di Confartigianato Caserta e dell’associazione “Sergej Rachmaninov” di Mercato San Severino (Salerno). È stato organizzato dall’associazione “La voce” di Raffaele Viale con il sostegno di Giacomo Serao e Maurizio Longo e grazie a due partner d’eccezione, Salvatore Bellopede, noto imprenditore del settore lattiero-caseario, e il Cinema Duel di Caserta, che metterà a disposizione biglietti omaggio riservati al pubblico del concerto e validi fino al 30 novembre 2014.

 

Caserta, 28 agosto 2014

 

Ufficio stampa

(cortesia) Claudio Lombardi

 

Accrediti stampa

Giacomo Serao 3933746612 / 0823328031

 

Info concerto

Raffaele Viale

3387526651

 

Prevendita abituale

Ticketteria

via Vincenzo Gemito, 81

81100 Caserta

mercoledì
Ago 27,2014

1

 

 

Archiviato il grande esordio dell’Arena del Mare con la messinscena della ‘Tosca’ di G. Puccini (circa 800 spettatori, molto soddisfatti al termine dello spettacolo), la XVI edizione dell’Irnofestival proseguirà con due appuntamenti di ottimo spessore artistico:

 

– Venerdì 29 agosto, Chiesa Santa Maria di Costantinopoli Baronissi (Sa), ore 20: concerto de “Il Quintetto ‘900” su musiche di Mozart, Vivaldi, Piazzola, Bizet, Citro. 

 

2

 

Composizione de Il Quintetto ‘900: Marilù Greco (flauto); Umberto D’Angelo (oboe); Giuseppe Scotto Galletta (clarinetto); Luca Martignano (corno); Paolo Balestrieri (fagotto).

 

Il Quintetto ‘900 è un ensemble strumentale composto da professori d’Orchestra di origine napoletana tutti diplomatisi presso i Conservatori San Pietro a Majella di Napoli e D.Cimarosa di Avellino e successivamente perfezionatisi in Italia e all’estero con autorevoli solisti di fama internazionale quali: J. Meredith, B. Tuckwell, G. Corti, Janos Balint, Janos Meszaros.

Prime parti della Nuova Orchestra Scarlatti di Napoli, collaborano con numerose Orchestre Sinfoniche, Enti Lirici e formazioni cameristiche di varie regioni italiane: Orchestra Internazionale d’Italia, Fondazione Arena di Verona, Accademia d’Archi Milano (ACAM), Orchestra dell’Accademia Musicale Pescarese, Orchestra Sinfonica di Napoli, Orchestra Regionale Campana, AAIAS, Teatro San Carlo,  Teatro dell’Opera di Roma, RAI di Roma, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Simphonischer Orchestrar di Zurigo. Si annoverano vari collaborazioni con artisti di fama. Notevoli sono le partecipazioni a concorsi Nazionali ed internazionali come Stresa, Pozzuoli e Pompei con risultati eccellenti e le partecipazioni a diverse stagioni concertistiche (Ravello Festival). Il quintetto ha al suo attivo diversi programmi nei quali, all’originale repertorio cameristico, alterna numerose trascrizioni.

Ingresso gratuito

 

– Domenica 31 agosto, Palazzo Mezzacapo di Maiori (Sa), ore 20: concerto su arie liriche e canzoni d’amore de “I Tre Tenori” accompagnati dalla Grande Orchestra Tchaikovsky, direttore  M° Leonardo Quadrini

 

Composizione de ‘I Tre Tenori’: Fabio Andreotti, Sebastian Ferrada, Ignacio Encinas.

Accompagnati da un’orchestra di 70 elementi, i Tre Tenori hanno l’ambizione di far rivivere le emozioni del meraviglioso concerto delle terme di Caracalla di Roma nel 1990 quando sul palco salirono Placido Domingo Luciano Pavarotti e Josè Carreras. Il successo sarà assicurato così come il piacere di ascoltare arie liriche e canzoni d’amore di ogni tempo.

 

Ingresso euro 10.00

Prevendita: www.postoriservato.it – 089/795421

 

Per info e aggiornamenti www.irnofestival.it e pagina facebook

M° Tiziano Citro – mob. 328 9739753

 

mercoledì
Ago 27,2014

2

 

 

Conto alla rovescia per la 44 esima edizione del Festival Settembre al Borgo che prende il via venerdì 29 agosto nelle strade di Casertavecchia. E’ proprio il borgo uno dei grandi temi della manifestazione, diretta artisticamente da Nunzio Areni. Il direttore ha scelto l’antico borgo, Eduardo De Filippo e William Shakespeare come contenuti chiave per puntare al suo rilancio turistico e culturale. In scena fino al 7 settembre, la rassegna riparte dal passato riallacciando i fili di un discorso interrotto.

L’appuntamento clou della giornata inaugurale è l’esibizione di Naseer Shamma (liuto arabo), Ashraf Sharif Khan (sitar) e Carlos Pinana (chitarra flamenca), alias Les Trois Magnifiques. Accompagnato dalle percussioni di Miguel Angel Orango (percussioni), il trio si esibirà nel Duomo di Casertavecchia venerdì 29 agosto alle ore 20,30 (l’ingresso è gratuito). I ‘magnifici tre’ sono l’equivalente arabo-mediterraneo del guitar trio composto da Al Di Meola, John Mc Laughlin e Paco De Lucia e di Shakti, un’altra formazione che ha promosso la world music tra gli amanti del jazz. Musica araba, sud-asiatica e flamenco si fondono in un solo suono, frutto di virtuosismo, audacia e improvvisazione musicale.

La rassegna prenderà il via ufficialmente alle 19,30 con la presentazione ufficiale del “Borgo delle Meraviglie”: la compagnia teatrale NuovoSpazioTeatro diretta da Pietro Grant condurrà i visitatori nella storia millenaria di Casertavecchia grazie a percorsi itineranti con proiezioni 3D. Alle 21,30, poi, al Teatro della Torre Irene Grandi presenterà il recital “Acustica Tour”. Tre appuntamenti che coniugano cultura di massa e di elite.

Dal pop della cantante toscana si passa a quello dei Tiromancino il 31 agosto, con “Indagine su un sentimento tour” che chiude il focus sulla musica leggera italiana.

Eduardo è il secondo piatto forte della rassegna. In occasione del 30 esimo anno dalla sua scomparsa (che cade il 31 ottobre) Nunzio Areni e Antonio Sinagra hanno ideato “Eduardiana”, uno spettacolo-tributo di versi, parole e poesie di Eduardo De Filippo, con le musiche di Antonio Sinagra, che prenderà vita il 3 settembre alle ore 20,45 nel Teatro della Torre. Giorgio Albertazzi, Michele Placido, Alessandro Preziosi, Lina Sastri, Serena Autieri e Mariangela D’Abbraccio diventano sei voci, sei corpi e sei presenze per raccontare Eduardo. Lo spettacolo sarà preceduto alle 18,30 nel Duomo da “Tà-Kài-Tà”, interpretetato da Enzo Moscato e Isa Danieli che ricostruiscono in scena l’anima e la personalità del grande autore napoletano.

Il terzo caposaldo della manifestazione è William Shakespeare. A 450 anni dalla nascita il 2 settembre si terrà nel teatro della Torre “La grande notte Shakespeariana”, seguita, alle 20,45 dal Recital shakespeariano di Giorgio Albertazzi. Una rilettura forte, personale, unica nel suo genere.

“Settembre al Borgo” ospita ancora molto altro. L’edizione 2014 cuce un itinerario tutto particolare nella musica napoletana con gli spettacoli di Peppino Di Capri, Edoardo De Crescenzo e Renzo Arbore nel teatro della Torre. Il primo presenterà il 30 agosto “Le donne amano”, il primo settembre De Crescenzo riproporrà le sue “Essenze Jazz” mentre Renzo Arbore con l’Orchestra Italiana il 4 settembre mostrerà la sua rilettura della melodia partenopea.

In un crescendo di emozioni differenti al Teatro della Torre, il 5 settembre lo spettacolo di danza flamenco dei Los Vivancos “Aeternum” che si avvale della collaborazione artistica di Daniele Finzi Pasca e il 6 settembre il progetto di Mauro Di Domenico “La leggenda Morricone”, messo in scena dallo stesso Di Domenico con Enrico Lo Verso.

Lo spettacolo di chiusura è un ritorno al passato. Domenica 7 settembre dalle ore 18 alle 2 di notte “Festa al Borgo Pantagruel” porterà i visitatori nella memoria antica di Caserta Vecchia. Il programma è fitto: dopo l’anteprima alle 11 in piazza Duomo con la Compagnia della Mansarda e alle 12 nel Duomo con “La Voce del Barocco”, cantate e sonate del ‘700 italiano eseguite dal Quintetto Amadeus, alle 17,30 toccherà ai Taranterrae in piazza Duomo evocare world music e riti religiosi e popolari. Alle 18 nel Duomo andrà in scena la cantata “Exeredati Mundi” di Enzo Avitabile; due ore dopo King Naat Veliov e l’originale Kocani Orkestar animeranno il Borgo e le vie, mentre alle 20,30 la Banda Borbonica si esibirà in piazza Duomo. La Grande bouffe spettacolare si completerà con “Il Varietà” della Compagnia Teatrale Gli Ipocriti (21,30 nel Teatro della Torre) e infine in piazza Duomo dalle 24 in poi, quando Hevia porterà gli spettatori nel cuore della tradizione asturiana. Un finale liberatorio e gioioso, come si conviene a una festa ritrovata.

 

 

R.A.R.E. Comunicazioni

Ufficio Comunicazione Nunzio Areni

Raffaella Tramontano (392-8860966)

Alfredo d’Agnese (339-1966011)

 

sabato
Ago 23,2014

3

Undici bellezze femminili campane prendono il volo per Jesolo alle prefinali di Miss Italia

 

In uno scenario da favola, ma che Salerno realmente possiede con Marina d’Arechi Port Village – Interporto Campano, è stata proclamata fra lo sfavillio delle luci delle imbarcazioni ormeggiate che facevano da sfondo al mega palco allestito per la sfilata di Miss Italia, la reginetta campana della bellezza e sono state presentate le altre 10 ragazze che con lei partono alla volta della cittadina balneare veneta per la conquista di un posto in finale a Miss Italia e chi sa che qualcuna non riesca a raggiungere la vetta più alta prevista dell’incoronazione per un anno.  Lo splendido scenario di Marina d’Arechi ha fatto da cornice a uno degli eventi più glamour e attesi di fine Agosto ovvero la finalissima regionale campana di Miss Italia, che l’agente esclusivista del concorso per la nostra regione Antonio Contaldo da anni promuove, ed ha visto trionfare Valentina Olero che ha conquistato il titolo di Miss Campania 2014. Avendo la Olero già conquistato precedentemente un titolo ovvero quello di Miss Wella Professionals Campania la fascia è passata di diritto alla miss che in quella selezione si era classificata terza, in quanto anche la seconda aveva già conquistato una fascia. “Sogno, amore, bellezza, magia tutti gli ingredienti speciali dell’Italian Way of Life che ancora ci rendono unici nel mondo e che Marina d’Arechi riesce a fare avvertire bene, nonostante i lavori in parte siano ancora in progress – ha dichiarato Agostino Gallozzi Presidente Marina d’Arechi Spa – e non sono forse gli stessi ingredienti che rendono unico, ancora oggi alla sua 75esima edizione, il concorso Miss Italia, un altro emblema dell’Italian Way of Life nel mondo, che mantiene intatti il suo fascino, il suo glamour, le sue emozioni?” ha concluso. “La bellezza della Costiera amalfitana sullo sfondo – ha commentato la Marine Manager Anna Cannavacciuolo – il sapore del mare e il fascino delle imbarcazioni ormeggiate vicino alla passerella, hanno reso questa finale memorabile. Ospitando la finalissima regionale di Miss Italia, Marina d’Arechi si conferma il luogo ideale per organizzare grandi eventi e trascorrere piacevolmente il proprio tempo”. Tanti sono stati i partner che hanno contribuito alla riuscita della serata tra questi, spicca l’Interporto Campano, situato a 30 km da Napoli è il più grande polo logistico/distributivo dell’Italia centro-meridionale, si estende su 5 milioni mq, nei quali operano 1.000 aziende con 9.000 addetti ed un indotto di 40.000 persone.

4

La finalissima regionale campana, ha visto in passerella 36 miss, provenienti da tutte e 5 le province, contendersi il titolo di reginetta andato poi alla Olero, ma che ha visto entrare nella rosa delle prefinaliste campane anche Miss Curve Federica Calemme 18enne di Casalnuovo. Le concorrenti hanno potuto anche sfilare grazie al main sponsor Linea Sprint proponendo la collezione giovani. La perfetta riuscita della serata ha visto partecipi oltre al responsabile della segreteria organizzativa del concorso per la Campania Giuseppe Ciancio, anche lo staff di Marina d’Arechi e l’agenzia fotografica Cafaro.

Tanti gli ospiti che si sono esibiti sul palco come Gaia di Fusco, Mario Luciano Greco, Miriana De Rosa, Stefania Gatti, la frizzante Marika Cecere e Lucia Cassini, che ha dato appuntamento ai telespettatori su Canale 5 con Ischia for ever ed ha scelto 7 miss che prenderanno parte alla fiction.

5

Ma sicuramente il più atteso di tutti era l’attore Maurizio Aiello in questa occasione anche in veste di editore, che ha ricordato di essere stato presente in giuria nazionale a Miss Italia, ma per la prima volta ad una finale regionasle campana, cosa ovviamente a lui molto gradita. Aiello edita, infatti, dal 2006 la rivista patinata I’m Magazine ed ha assegnato la fascia “Miss I’m Magazine” proprio a Valentina Olero che avrà uno speciale dedicato nel prossimo numero. Anche se le fasce che permettevano alle fortunate l’accesso alle prefinali nazionali erano solo due la serata ha offerto momenti di grandi emozioni, anche la location ospitante infatti ha eletto la sua reginetta: Miss Marina d’Arechi è stata proclamata Giorgia Guida.

La serata, presentata dal frizzante Erennio De Vita, è stata seguita in diretta tramite le frequenze di Capri Event che in  settimana prossima proporrà le repliche.

Numerosi, come già detto, sono stati gli sponsor che hanno permesso la realizzazione della manifestazione a parte l’Interporto Campania, già citato, vanno inoltre menzionati:

Progress di Capaldo S.p.A.; Generali Italia / Agenzia di Cava dei Tirreni di Veronica Del Regno; Boero Group S.p.A.; Humanitas e Gruppo H; Industria Grafica FG;Yara Tours by Travel Planners srl; Bonifico Group srl; C.M.N. Costruzioni Meccaniche e Nautiche di Malafronte Vincenzo; Salerno Bunker Oil srl;Industria Poligrafica Grafica Metelliana;ADR Elettroimpianti di Agostino Del Regno;Boat Lift srl;Salerno Recycling srl; Picaro Luigi.

Infine ci fa piacere ricordare la perfetta collaborazione di tutto lo staff di Contaldo: la coreografa Cristina Ciancio, il segretario organizzativo Giuseppe Ciancio, il presentatore Erennio De Vita, i referenti di zona l’imprenditrice Adalgisa Anglani, i giornalisti Lorenzo Crea e Nicola Santulli ed ancora Nicola Vallefuoco, Teresa Menditto, Franco Amodeo e numerosi artisti, molti dei quali hanno allietato le serate con il loro canto con costanti presenze come Gaia Di Fusco, direttamente dalla trasmissione di Canale 5 Io canto, la frizzante Marika Cecere, i ballerini Alessandro Provenza e Simona Marigliano, la cantante Martina di Gennaro, il tenore 17enne Mario Luciano Greco, l’attrice Lucia Cassini i tecnici del service delle luci e del suono Gianluca Misto con Salvatore e Francesco, Radio Quinta Rete con  Pino Piscopo e Mariano Pelliccio che ha contribuito, con la diretta dal palco, ad intervistare i tanti ospiti che si sono succeduti nelle tante tappe che Contaldo ha realizzate, i fotografi della Cafaro agency ed il maestro della fotografia artistica in particolare di moda Mario Zifarelli che segue anche Miss Italia in Campania da 19 anni, ed ha presentato con grande interesse del pubblico, il suo libro “Napoli Svelata” scritto con gli scatti fotografi al fine di realizzare il suo progetto di esaltare Napoli per le sue tante positività, la Tv Capri Events che diretta da Paquale Turco coadiuvato da Max Spinelli,  ha seguito con le sue telecamere, l’intera manifestazione, Luigi Massa di Poggiomarino per il palco e gli addobbi e Crescenzo De Carmine direttore artistico.

Ecco allora le 11 Miss Campane per il 2014 in partenza per le Prefinali nazionali sono: Miss Campania Valentina Olero (NA), Miss Eleganza Emilia Tamburrino (CE), Miss Miluna Giorgia Guida (SA), Miss Wella Professionals Carmela Rimauro (NA), Miss Rocchetta Bellezza Patricia Davalos Delgado (Sa); Miss Cinema Francesca Di Napoli (NA), Miss Sport Lotto Laura Luglio (NA), Miss Kia Anna Cataletti (NA), Miss Cotonella Rossella Alfano (AV), Miss Coraggio Rosaria Aprea (CE), Miss Curve Federica Calemme (NA)

 

Giuseppe De Girolamo

 

domenica
Ago 10,2014

1 bis

 

La finale regionale per l’assegnazione del titolo di Miss Miluna Campania 2014 è stata vinta da Giorgia Guida 18enne battipagliese, che oltre a pregiarsi della corona che Cielo Venezia 1270, storico sponsor di Miss Italia con Sergio Cielo, la moglie Mara ed il figlio Mattia, realizzano ogni anno per Miss Italia, ha indossato anche la fascia che il concorso prevede per poter raggiungere le prefinali nazionali di Jesolo e poter gareggiare alla conquista dell’autentico trofeo: il gioiello realizzato con  pietre preziose incastonate in oro bianco. La nuova miss è stata incoronata da Cosimo Amoddio, titolare del bar ristorante Pizzulià che ha ospitato la serata. Alla finale regionale, per l’assegnazione del prestigioso titolo, hanno partecipato 34  concorrenti provenienti da tutte le cinque provincie della nostra regione. La kermesse ha offerto anche l’opportunità alle miss di sfilare con i costumi della Linea Sprint che coniugano classe, eleganza e seduzione!

2 bis

Non solo miss ma anche artisti sul palco introdotti dal presentatore Erennio De Vita che ha intrattenuto il pubblico con la sua professionalità e simpatia ed ha chiarito che Miss Italia non è solo bellezza ma anche vetrina per i talenti nuovi, a parte quelli già conosciuti dal pubblico, che durante il tour l’agente esclusivista del concorso per la Campania Antonio Contaldo incontra nelle singole tappe e offre loro l’opportunità di esibirsi su un palco collaudato da precedenti successi di coloro che l’hanno calcato. Si sono esibiti Gaia Di Fusco, direttamente dalla trasmissione di Canale 5 Io canto, Martina di Gennaro, i ballerini Alessandro Provenza e Simona Marigliano che hanno proposto un mix di musica angolana e domenicana, il tenore 17enne Mario Luciano Greco e la frizzante Marika Cecere.

3 bis

Miss Miluna Campania 2014 è dunque Giorgia Guida, nata a Napoli il 9/06/1994 sotto il segno dei Gemelli, alta 171cm , pesa  55kg. ed indossa la taglia 40, con occhi e capelli castani.

Giorgia, che sogna di diventare un’attrice ed ama l’arte e lo sport più d’ogni altra cosa,  pratica ginnastica artistica e danza a livello agonistico, si ritiene solare determinata e sportiva, il suo modello di donna è Audrey Hepburn e non perderebbe per niente al mondo un’esibizione di Mina. Il suo colore preferito è il blu nelle sue diverse tonalità, in particolare il blu elettrico, tra le Miss Italia già elette preferisce Maria Perrusi. Al momento della proclamazione si è sentita pervadere da emozione e tremore ed assicura che è una sensazione unica. Alla domanda “Il ruolo della donna nel 2014 è cambiato?”, risponde “Da un certo punto di vista sì perché ha anche ruoli importanti e di responsabilità, anche se purtroppo subisce ancora violenze fisiche e psicologiche”. Alla domanda “Cosa vuoi che si sappia di te?”, risponde  “che è vero che sfiliamo e sorridiamo ma dietro tutto questo ci sono molti sacrifici da parte delle ragazze che partecipano alla competizione ed oltre alla bellezza bisogna essere anche brave ed intelligenti”. Il padre Fedele è agente di commercio, la madre Maria Grazia Roscigno è professoressa.

4 bis

Al secondo posto si è classificata Miss Rocchetta Bellezza rispondente a Anna Cataletti 23enne di Ercolano occhi verdi, capelli castani, alta 170 cm e pesa 50 kg. Miss Miluna 3° classificata è Maria Stella Russo 20enne di Agropoli  capelli e occhi castani è alta 177 cm. Al quarto posto si è posizionata, con il titolo di Miss Wella, Elisabetta Vilni 18enne di Pompei.

Giuseppe De Girolamo

Categories