Cancello ed Arnone News

Di Matilde Maisto

Archive for the ‘Tecnologia’ Category

domenica
Set 21,2014

1

 

 

Tante, tantissime sono le startup made in Italy, parecchie sono quelle che scelgono come settore la rete e la tecnologia, una delle ultime nate è Addlance.

La storia di Addlance è differente: perché?

Scopriamola insieme.

Addlance è una startup italiana fondata alla fine del 2013, quando tre amici trentenni, appassionati di tecnologia e

di innovazione, decidono di creare un progetto differente al passo con i tempi. Nasce così da un piccolo sogno che diventa realtà, un progetto utile per chi opera in rete ed è un freelance. La start up Addlance ha un marketplace che si candida ad essere uno dei più innovativi luoghi di incontro e confronto fra aziende e freelance.

Come nasce Addlance?

I fondatori ci raccontano che l’idea è nata dalla combinazione di alcuni eventi: un viaggio nella Silicon Valley che ha confermato quanto i tre amici sapevano già, ovvero quanto sia importante l’imprenditorialità. E’ questo una sorta di mantra delle nuove generazioni che diventano imprenditori e che spesso lo sono di se stessi. La realtà economica attuale è fatta di tantissimi giovani e no che sono imprenditori di sé stessi: freelance.

Come creare una start up? Difficile saperlo se non si è del settore, agli amici sembra qualcosa di complicato “come dotarci del know-how necessario per avviare una startup?” una domanda che sembra un rebus ma ecco che si accende una lampadina: serve un consulente, qualcuno che possa collaborare a creare il progetto di startup. Un freelance! Certo un freelance un consulente freelancer.

E, come fare a reperire il freelancer con le competenze giuste?

“Ma dove trovarli? Come facciamo a fidarci? Quanto costano? “

Domande di non facile risposta infatti i giovani, paradossalmente, stavano invertendo il tradizionale ordine delle cose: prima serve un’idea e poi gli strumenti per eseguirla. Loro invece ci raccontano “ Noi stavamo partendo dell’esecuzione senza avere un’idea!”

E non finisce qui. La discussione e l’analisi continua sino a quanto capita che un amico del gruppo è costretto a rimanere a casa dal lavoro per diversi mesi per problemi di salute.

Si tratta di un programmatore. Questo evento fa sì che si aggiunga un altro importantissimo dato “lavorare da casa” .

Lavorare da casa in remoto è importante e nessuno meglio di un freelancer può saperlo.

Da casa si può lavorare in qualsiasi orario del giorno e della notte con colleghi e clienti distribuiti in Paesi diversi senza mai incontrarli fisicamente.

Gli amici mettono a fuoco l’idea: dare la possibilità a imprenditori e piccole medie imprese di lavorare online con liberi professionisti.

Così nasce Addlance, un mercato del lavoro, marketplace, un luogo idoneo ai freelance ma anche alla piccola media impresa che in questo modo può usare il prezioso strumento dell’outsourcing.

I benefici del lavoro in remoto sono tantissimi tra i quali, da non sottovalutare mai, i due fondamentali: ridurre notevolmente i costi e i tempi.

Le grandi società si possono permettere squadre di consulenti, le piccole medie imprese e società invece

possono trovare una risposta alle necessità di innovazione o di sviluppo delle vendite nei professionisti freelance trovati online.

La rete è utile e va sfruttata sia da chi cerca collaboratori ma anche da chi si offre per collaborazioni in freelance.

“E’ nata cosi AddLance: per sviluppare la nostra iniziativa, sottolineano i fondatori, non ci limitiamo solo al nostro lavoro ma una parte notevole degli sforzi viene data agli stessi freelance iscritti sul sito. Il tutto gestito in modalità “cloud” cioè online: AddLance si sviluppa e cresce grazie al contributo degli stessi utenti!”

Sito web: www.addlance.com

Trasmette:

Eleonora Casula

3397916117

www.webjournalist.eu



Ufficio stampa

Eleonora Casula

3397916117

eleonora@webjournalist.eu

www.webjournalist.eu

FB: Eleonora Casula

Linkedin: Eleonora Casula

martedì
Set 2,2014

1

 

 

La donazione degli organi è un gesto di generosità che può salvare o migliorare le vite altrui. Per facilitare la donazione di organi in Svizzera è stata appena inventata un’apposita applicazione per gli smartphone che Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ritiene non solo interessante, ma anche da replicare nel nostro Paese dove la farraginosità e lentezza delle procedure potrebbe essere attenuata da questo sistema.Quando l’utilizzatore arriva al pronto soccorso la sua tessera di donatore viene mostrata sullo schermo del telefono ed è accessibile al personale curante senza codice.A comunicarlo in data odierna la Fondazione nazionale svizzera per il dono e il trapianto di organi Swisstransplant che sostiene che si tratta della prima volta al mondo che si sperimenta un’iniziativa del genere.La nuova tessera di donatore è disponibile tramite l’applicazione Echo 112, che consente ai soccorritori di localizzare una persona in Svizzera e all’estero ed è già utilizzata da oltre 350’000 persone nella Confederazione.La sua forma digitale è stata sviluppata da Jocelyn Corniche, un anestesista dell’ospedale universitario vodese (CHUV) il principale ospedale di Losanna. Essa genera due carte: una per i medicinali assunti, le allergie e le persone da contattare; l’altra per le informazioni relative al dono di organi. Per facilitare il riconoscimento dei donatori, la notifica appare sullo schermo bloccato in presenza di un dispositivo di connessione senza fili Bluetooth. Altri dati personali non vengono segnalati. Alla stampa svizzera l’inventore ha ammesso che questo sistema raggiunge solo la popolazione più giovane ed “informatizzata” e poco la terza età, ma ha comunque un vantaggio rispetto alla tessera su carta: meno del 5% dei donatori la porta su di sé.Secondo Swisstransplant l’applicazione dovrebbe permettere di migliorare la situazione in Svizzera, dove oltre 1200 persone sono in attesa di un organo e il tasso di donazioni è fra i più bassi d’Europa.

Lecce, 2 settembre 2014                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

martedì
Set 2,2014

4

 

 Lo dice uno studio americano, per il quale la bevanda protegge grazie ai suoi antiossidanti

Dopo che studi avrebbero evidenziato che bere caffé riduce il rischio di diabete e sarebbe utile anche per la vista, la nera bevanda, ora si è scoperto che protegge pure dalle malattie gengivali e dentali. Secondo una nuova ricerca condotta della Boston University Henry M. Goldman School of Dental Medicine, si è“scoperto che il consumo di caffè non ha avuto effetti negativi sulla salute di denti e gengive, ma può invece avere effetti protettivi contro le malattie” grazie agli antiossidanti che contiene. Secondo quanto ha dichiarato domenica Nathan Ng, autore dello studio, il consumo della bevanda, nota fin dall’antichità, è stato infatti associato a una piccola ma significativa riduzione di perdita ossea parodontale. I ricercatori sono giunti a tali conclusioni dopo aver esaminato i dati di 1’152 pazienti, raccolti durante visite odontoiatriche effettuate a partire dal 1968.Bere caffé per protegge pure dalle malattie gengivali e dentali, forse. Ma Giovanni D’Agata , presidente dello “Sportello dei Diritti”, ricorda che è sempre meglio non esagerare con l’abuso di alcuna sostanza per gli effetti collaterali che comunque può comportare.

Lecce, 1 settembre 2014                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

giovedì
Ago 7,2014

3

Brescia/Milano, 6.08.2014. E’ stato presentato a Milano alla Fabbrica del Vapore il primo taxi accessibile polivalente eco-compatibile alimentato a Gpl ROLFI CitroënBerlingo Freespace a pianale ribassato dell’azienda ROLFI, società italiana specializzata in allestimenti di vetture per disabilicon più di 3.000 concept realizzati dal 1964.

4

Alla presenzadagli Assessori del Comune di Milano Pierfrancesco Majorino (Politiche Sociali e Cultura della Salute) e Pierfrancesco Maran (Mobilità, Ambiente, Metropolitane, Acqua pubblica, Energia), Dario Rolfi, Amministratore Delegato di S.Marco-Rolfi e di Franco Bomprezzi, Presidente LEDHA (Lega per i diritti delle persone con disabilità) è stata consegnata la prima vettura alla taxista milanese Rosa Di Benedetto che per l’acquisto ha usufruito del contributo del Comune di Milano pari a 10 mila euro, una cifra che copre buona parte dell’allestimento. La vettura è già in servizio Taxi (doppio turno) a Milano.

Il veicolo è stato progettato come “auto speciale” che si presenta tuttavia in modo normale e per tutti. Esternamente identico a quello di serie, permette a persone con disabilità motoria di salire a bordo in pochi secondi restando sulla carrozzina, manuale o elettronica, ma la vettura può poi ritornare velocemente in conformazione originale a 5 posti, senza nessuna perdita di spazio per i passeggeri e con il vano bagagli uguale nell’aspetto e dimensioni a quello originale. Il tutto su motorizzazione ibrida bi-fuel.

5

“Abbiamo progettato sia un innovativo serbatoio carburante che un nuovo pianale ribassato, entrambi studiati per essere complementari e funzionali con le specifiche caratteristiche tecniche del telaio originale del mezzo. Ciò rappresenta un’importante novità. Fino ad oggi, infatti – haDario Rolfi, Amministratore Delegato di S.MARCO-ROLFI che ha concepito e realizzato la vettura – le versioni ecologiche dei taxi, fruibili da persone in carrozzina, erano realizzate adottando soluzioni “datate”, spesso adattando mezzi con tetto rialzato e/o con l’utilizzo di sollevatori interni che, oltre a richiedere molto più tempo per le fasi di salita e discesa delle persone in carrozzina (con evidenti ripercussioni sul tassametro), inevitabilmente riducevano lo spazio interno (a volte anche l’altezza utile) e che purtroppo, essendo visibili e/o ingombranti, connotavano il taxi come veicolo specifico per trasporto disabili piuttosto che come autovettura per tutti. Con conseguente aumento dell’effetto discriminatorio e riduzione della privacy”.

Il veicolo, frutto della consolidata e storica collaborazione nel settore della mobilità tra il marchio italiano ROLFI e quello francese Citroëne della collaborazione con Cavagna Group, rappresenta un’anteprima assoluta mondiale ed è la naturale evoluzione del primo Berlingo a pianale ribassato, con compressione delle sospensioni, progettato nel 1998 e presentato per la prima volta da ROLFI e Citroen Italia al MOTORSHOW di Bologna 2000 (anteprima mondiale) e giunto alla terza generazione.

Fondata nel 1964 con sede a Brescia, ROLFI realizza allestimenti e attrezzature su automobili e furgoni per favorire la mobilità di persone disabili e anziane.

  • Per ulteriori informazioni e richieste di materiali si prega di contattare: Tel. 030 963181

 www.rolfi.com

martedì
Lug 29,2014

pmi web

 Gustavo De Negri: “Grande risultato per il nostro territorio

 

1

 

Alla presenza di Rappresentanti del mondo della Ricerca e dell’Università, dell’Impresa e delle Istituzioni e dello UK Trade & Investment è stato firmato ieri, lunedì 28 luglio, a Caserta, nella sede dell’Associazione Arma Aeronautica, nel corso di un seminario dedicato a tale strumento innovativo, il Contratto di Rete “AERNet –Aerospazio in Rete di Imprese”.

 

Le aziende componenti la Rete “AERNet – Aerospazio in Rete di Impresa” sono:

Natek (Campania) ; SGM Engineering (Campania) ; E-voluzione (Campania) ; GM Spazio (Lazio) ; Erital (Abruzzo) e Layotech LTD (UK)

 

“Ringrazio – ha dichiarato Gustavo De Negri, Presidente di Pmi Campania – l’Ammiraglio Pio Forlani per il lavoro svolto negli ultimi diciotto mesi alla guida del Dipartimento Innovazione e Sviluppo di Pmi Campania, grazie all’impegno da lui profuso si è giunti alla firma del Contratto di Rete  che sancisce la nascita di un nuovo soggetto imprenditoriale nel campo dell’aerospazio. Provo una particolare emozione per due motivi: primo perché quanto vediamo oggi incarna il significato più autentico dell’impresa che ha dentro di sé connaturati il rischio, il coraggio e l’impegno. Secondo perché, in un momento in cui il Paese, in particolar modo il nostro territorio, affrontano le sfide di una crisi senza precedenti, cercando prospettive in chiave innovativa di sviluppo,occorre riconoscere il giusto merito a questa iniziativa in cui la coscienza della responsabilità sociale si aggiunge al coraggio imprenditoriale”.

 

Entro tale cornice legale, le cinque PMI  di Campania, Lazio ed Abruzzo e la società britannica, che hanno dato vita al nuovo soggetto imprenditoriale in rete, condurranno le attività di definizione e sviluppo di un Sistema Integrato Multipiattaforma di Osservazione della Terra, di un velivolo per il commuting regionale fino a venti posti e di una Integration Facility di concezione ed architettura innovative per i quali fu avviata, diciotto mesi fa,  con una Lettera di Intenti incubata nel Dipartimento Innovazione e Sviluppo di PMI Campania, la cooperazione su una campagna di studi preliminari per l’approfondimento di ogni connesso aspetto tecnico, economico-gestionale, giuridico e di rischio.

 

Il raggiungimento degli obiettivi strategici di Programma, rientranti nella missione di AERNet, sarà assicurato, nei poteri dell’Assemblea, da un Consiglio Direttivo e da una Direzione di Programma-Organo Comune all’interno della quale saranno gestite le attività in rete dei singoli progetti e quelle di carattere trasversale.

 

AERNet, che avrà il suo domicilio legale a Caserta, per quanto stia già orientando verso l’area aeroportuale capuana il baricentro delle proprie attività, costituisce uno dei primi esempi di contratto di rete in campo aerospaziale e tra i primi in assoluto ad avere carattere transnazionale, in area europea, predisposto all’apertura ad altre cooperazioni.

 

 

 

Caserta, 29 luglio 2014

mercoledì
Dic 5,2012


Lo comunica l’assessore all’Agricoltura Giaquinto.
Interverranno anche il presidente Zinzi e numerosi tecnici

CAIAZZO – “Le sistemazioni idraulico forestali con tecniche di Ingegneria Naturalistica: dalla manutenzione del territorio alla prevenzione del rischio”, questo il titolo di un interessante convegno che si terrà il giorno 10 dicembre alle ore 15 presso la sala consiliare della Provincia di Caserta. Un confronto che vedrà la partecipazione di tecnici e di rappresentanti istituzionali: tra gli altri, il Presidente dell’Ente di Corso Trieste Domenico Zinzi accompagnato dall’assessore all’Agricoltura e Foreste Stefano Giaquinto, il presidente dell’A.I.P.I.N. Sezione Campania Vincenzo Del Genio e il Dirigente Settore Agricoltura, Caccia e Pesca, foreste della Provincia Ciro Costagliola. Ai partecipanti al corso di formazione per idraulico forestali saranno rilasciati gli attestati di frequenza, il convegno inoltre varrà crediti di formazione per gli esperti che ne prenderanno parte.  Un interessante dibattito con focus su rischio e prevenzione di frane e incendi boschivi, tecniche di consolidamento per il restauro del paesaggio antico, ma anche mitigazione del rischio idrogeologico, uso e metodi di nuove tecniche. Sarà illustrato anche un esempio di intervento d’Ingegneria Naturalistica in Catalogna nel restauro idraulico-forestale”.

mercoledì
Nov 14,2012

NEWS 1/12                                                                          
Teregroup sbarca in Italia per la realizzazione di impianti
per la produzione di Biodiesel con le alghe

Teregroup  – società di investitori russi specializzata in investimenti in nuove tecnologie e nell’acquisizione di brevetti –  sbarca in Italia rilevando le attività della società italiana T.M. di Modena.

Modena, 13.11.2012. Teregroup ha costituito una società di capitali con sede a Modena rilevando le attività nel settore delle energie rinnovabili della T.M. Specializzata in investimenti in nuove tecnologie e nell’acquisizione di brevetti, la società ha deciso di uscire dai confini della madre patria e di cominciare proprio dal nostro Paese acquisendo le attività di engineering e commerciali nel settore delle energie rinnovabili dell’azienda  T.M. per proporre agli investitori la realizzazione di impianti per la produzione di Biodiesel con alghe marine e da coltura: una scelta motivata dall’elevato grado di innovazione della tecnologia messa a punto dalla società italiana, di forte interesse  anche per il mercato russo.

Presentata nell’aprile scorso, la tecnologia di produzione di Biodiesel dalle alghe e di filtrazione del CO2 dall’atmosfera è stata sviluppata in collaborazione con la società di ingegneria  ES Consultants Ltd di Hong ed è il frutto di un progetto presentato lo scorso novembre 2011 alla fiera delle energie rinnovabili CIGIPTS (China International Green Innovative Products and Technologies Show) di Guangzhou dove l’azienda ha avuto la visita e l’incontro con il Direttore dell’APEC (Asia-Pacific Economic Cooperation) di Pechino e con il Ministro delle Energie Alternative, interessati alla tecnologia Italiana. E grande attenzione ha riscosso questa tecnologia anche nel nostro Paese, sia tra gli investitori che tra le Amministrazioni Pubbliche.

L’interesse verso le alghe è cresciuto di pari passo con il dibattito scientifico sull’opportunità di produrre biocarburanti sottraendo terreni alle colture destinate all’alimentazione. La stessa Unione Europea ha esortato l’industria dei biocarburanti a limitare la produzione di quelli di prima generazione (dal mais alla colza ed altri) per favorire quelli sostenibili frutto delle ricerche più recenti che possono essere estratti da alghe, rifiuti, paglia ed altri tipi di residui, le cui emissioni di gas ad effetto serra sono inferiori ai carburanti fossili e non interferiscono con la produzione alimentare mondiale.

•    Per ulteriori informazioni e richieste di materiali:
Michael Magri, consulente Teregroup Italia
Tel. 366- 5272847 magri@teregroup.net

venerdì
Nov 9,2012

COMUNICATO STAMPA

 

“Energia in fiore”- sabato 10 novembre 2012 ore 10:00

Mercato dei Fiori (via Sacerdote Benedetto Cozzolino) – Ercolano (Napoli)

 

Presentazione dell’impianto fotovoltaico realizzato da IURO srl per il polo florovivaistico

 

Per festeggiare i 50 anni di attività, lo storico Mercato dei Fiori di Ercolano ha deciso di rifarsi il look in chiave energetica installando sul tetto della struttura, gestita dalla cooperativa Masaniello, un impianto fotovoltaico da 480 kWp, realizzato dalla società Iuro srl di Napoli. L’intervento, sostenuto da un investimento di oltre 800mila euro ammortizzabile in 5 anni, consentirà alla struttura mercatale di ridurre le emissioni di carbonio in atmosfera, ma soprattutto di produrre in autonomia l’energia da riutilizzare nelle celle frigorifere ad elevato dispendio energetico. Il surplus energetico sarà immesso in rete.

 

“Un modo per scacciare i venti di crisi che si sono abbattuti sul settore florovivaistico negli ultimi anni provocati proprio dall’aumento del costo dell’energia” spiega Salvatore Colonna, amministratore della cooperativa Masaniello. “Un investimento importante nonostante il difficile contesto economico e sociale – prosegue – che ci consentirà di abbattere i costi della bolletta energetica. Un risultato conseguito grazie all’impegno e alla professionalità del gruppo Iuro srl guidato dall’ing. Domenico Iuliano, che ha seguito tutta la fase di realizzazione dell’impianto, chiavi in mano, fino al telemonitoraggio dello stesso. Una sinergia che contiamo di consolidare nei prossimi anni per l’efficientamento energetico dei sistemi florovivaistici”. Un binomio vincente, sottolineato anche da Francesco Romano, responsabile della sezione agroindustria del gruppo Iuro srl: “E’ stata la cooperativa Masaniello a richiedere un nuovo modello di sostenibilità energetica, un messaggio positivo per l’economia e un importante segnale di rispetto e di cura per l’ambiente”.

 

Sabato 10 novembre (ore 10, Mercato dei Fiori di Ercolano) sarà presentato al pubblico e alla stampa l’impianto fotovoltaico. Alla visita seguirà un dibattito, moderato da Salvatore Colonna, al quale parteciperanno Silvio Iuliano e Giuseppe Iuliano, direttori Iuro che presenteranno le caratteristiche tecnico-progettuali dell’impianto, l’ingegnere di meccanica energetica del gruppo Iuro Riccardo Stolica che illustrerà i vantaggi del pavimento termico in floricoltura, l’agronomo Francesco Romano e il dott. commercialista Rosario Bisbiglia che parleranno delle agevolazioni fiscali per il fotovoltaico, l’eolico e le biomasse in agricoltura. Un’occasione per immergersi a 360 gradi nel mondo delle energie alternative, valutarne la vigente situazione fiscale, comprenderne i vantaggi e le agevolazioni in materia agroindustriale, fino a scoprire le ultime tendenze e novità del settore agroenergetico. Argomento che sarà ulteriormente approfondito con convegni e seminari tematici nel corso della XVII edizione di Flora, il salone internazionale dedicato allo floricoltura e al florovivaismo ornamentale, in programma da venerdì 23 a domenica 25 novembre 2012 proprio al Mercato dei Fiori di Ercolano.

All’incontro “Energia in fiore” di sabato 10 novembre saranno presenti anche le varie istituzioni regionali, la Coldiretti, Confagricoltura, Cia, il Consorzio Tutela Bufala Campana Dop, Villa Almaplena, la Cantina Macchialupa, il Panificio Paola Romano, la Facoltà di Agraria di Portici, il Consorzio Nuovo Mercato dei Fiori di Napoli, gli operatori del settore energetico e florovivaistico.

 

Scheda tecnica sull’impianto di Ercolano

Da simulazioni di producibilità elaborate col programma PV-SYST, il generatore fotovoltaico ha una potenza installata di 480,70 kWp in grado di assicurare una produzione totale di circa 623.304,00 kWh/anno, una producibilità media per ogni kW di potenza installata di circa 1.292,00 kWh/kWp/anno. Inoltre permette di evitare emissioni gas serra pari a  330.467,02 kgCO2/anno (chili di anidride carbonica annui) e di risparmiare energia primaria pari a 137,12 Tep/anno (tonnellate equivalenti di petrolio). Da un investimento iniziale pari a circa 870.000,00 euro si ricava un TIR (tasso interno di rendimento) pari al 22% con un Payback Period (numero di anni di recupero di investimento iniziale) pari a circa 5 anni.

 

ufficio stampa

Mercato dei Fiori di Ercolano – Luisa Maradei 333.5903471, luisamaradei@gmail.com

Gruppo IURO – Nadia Maria Nacca 349.4637967 nadia.nacca@gmail.com

martedì
Set 25,2012

GALEO ENERGY S.r.l. Partita Iva: 03555060619
SEDE LEGALE:
Roma (Rm)
00192 – via Cosseria
Tel: +39 0823696147 SEDE OPERATIVA:
Marcianise (CE) – Casella Postale 131
81025 – Zona Ind. ASI Sud St.Pr. Tavernette
Fax: +39 0823510897
www.galeoenergy.it – info@galeoenergy.it

Comunicato Stampa

Maggiori tariffe incentivanti per i moduli innovativi Solarwatt distribuiti da Galeo Energy
Continua l’espansione di Galeo Energy che incorpora tra i prodotti distribuiti i moduli innovativi dell’azienda tedesca Solarwatt. L’accordo nasce dal desiderio di sfamare l’incredibile domanda sul mercato di prodotti innovativi al fine di beneficiare di più alte tariffe incentivanti introdotte con il V Conto Energia.
La scelta di accostare ai propri partner un produttore di moduli innovativi è caduta su Solarwatt per l’alta qualità dei moduli prodotti e per gli efficientissimi servizi offerti documentati dagli ottimi punteggi ottenuti in un sondaggio clienti rappresentativo realizzato dall’Istituto per le ricerche di mercato EuPD Research. La maggior parte dei clienti considera,infatti, Solarwatt un partner affidabile e degno di fiducia che si distingue per il know how, la competenza e la qualità.
Galeo Energy ha introdotto nella sua attività di distribuzione i pannelli innovativi policristallini del sistema Easy che sostituiscono le tradizionali tegole del tetto e agiscono come una copertura resistente agli agenti atmosferici. Contemporaneamente costituiscono un efficiente impianto fotovoltaico che arricchisce il nuovo tetto.
E’ snellita inoltre la fase di montaggio perché non richiede un sistema di fissaggio addizionale, sono necessari meno attrezzi e meno materiale con una conseguente riduzione dei tempi di installazione.
Oltre alla qualità dei suoi prodotti Solarwatt si distingue per il sistema di protezione completa degli impianti. L’assicurazione copre l’intera componentistica presente in un generico impianto che installa moduli Solarwatt
ed estende a 12 gli anni di garanzia dei moduli. In questo modo l’impianto viene protetto da tutti i danni derivanti in particolare da errori operativi o da negligenza, sovratensione, corto circuito, incendio, fulmini, esplosione, allagamento, tempeste, grandine, gelo, acqua alta, sovraccarico neve, eventi sismici, atti dolosi da parte di terzi, atti vandalici, guasti delle apparecchiature di misurazione, di controllo e di sicurezza. L’agenzia assicurativa corrisponderà un indennizzo anche in caso di minor resa del pannello
“Sono sicuro che Galeo Energy e Solarwatt insieme raggiungeranno ambiziosi obiettivi” commenta Vittorio Maione, ceo Galeo. “Solarwatt è un’azienda solida e come Galeo Energy è attenta ad offrire ai suoi clienti tutta l’assistenza e la consulenza possibile. L’innovazione e la qualità dei moduli Solarwatt, uniti al rassicurante piano assicurativo che garantisce protezione completa dell’intero impianto fotovoltaico, scatenerà l’interesse di molti nostri clienti”.

Caserta 19 Settembre 2012

lunedì
Set 17,2012

Comunicato Stampa

Durante la manifestazione fieristica ZeroEmission tenutasi a Roma dal 3 al 5 settembre scorso, Galeo Energy ha accolto presso il proprio stand gli operatori di settore alla ricerca di delucidazioni e di linee guida per affrontare il nuovo Conto Energia. Sono accorsi numerosi installatori e progettisti alla ricerca di strategie e suggerimenti volti ad affrontare al meglio il mercato in questo momento. Sono stati accolti dal dott. Giuseppe Lembo, technical manager della Galeo Energy che oltre a rappresentare un valido supporto tecnico ha fornito loro indicazioni sui moduli innovativi Solarwatt distribuiti da Galeo.
Lo sportello informativo è rimasto aperto per tutti i giorni della manifestazione ed è stato curato in maniera certosina per fornire consulenze gratuite ai visitatori dello stand.  L’intento di Galeo Energy, infatti, era quello di assistere e di fornire supporto in questa fase di ripartenza del mercato. L’azienda, infatti, vuole essere un punto di riferimento per i suoi clienti sostenendoli, grazie alla professionalità del team Galeo, anche nelle fasi pre e post vendita. Una mission che ha incoraggiato Galeo Energy ad organizzare per metà ottobre corsi di formazione per installatori allo scopo di fornire aggiornamenti e suggerimenti sull’installazione dei moduli innovativi totalmente integrati della Solarwatt, nuovo partner di Galeo Energy. Si è, inoltre, attivata per favorire lo sviluppo dei suoi clienti attraverso un ambizioso progetto denominato “Scrigno Solare” che mette direttamente in contatto gli installatori con gli utenti finali e accresce la loro rete vendita. E’ diventata, infine, service partner della Power One per assistere, attraverso l’ufficio tecnico interno, tutti i propri clienti nelle fasi di configurazione, montaggio e monitoraggio degli inverter Power One e degli impianti fotovoltaici in generale.  Galeo è dunque presente per i suoi clienti non soltanto per la commercializzazione dei prodotti ma anche nell’ideazione di servizi costruiti ad hoc per fornire un aiuto concreto ai propri clienti.

Caserta 17 Settembre 2012

Categories