Cancello ed Arnone News

Di Matilde Maisto

Archive for the ‘Territorio/Eccellenze’ Category

sabato
Lug 7,2012

La piacevolissima iniziativa che i tre fratelli Rosa, Francesca e Luigi Di Criscio,  produttori di eccellenti vini (anche per il rapporto qualità – prezzo) hanno ideato e stanno portando avanti già da alcuni mesi all’interno delle proprie cantine Quartum a Quarto (NA), ha riscosso successo tra il pubblico che sempre più interessato partecipa. L’ultimo evento programmato. prima di quello del 10 luglio che alle ore 20,30,  proporrà i famosi fritti della pizzeria Salvo, con i due fratelli pizzaioli Francesco e Salvatore, che da tre generazioni riscuotono successi, a San Giorgio a Cremano, per il giungere dell’estate si è svolto all’aperto a bordo piscina che la struttura Quartum store possiede.
Quest’ultima serata come le precedenti dedicata all’approfondimento di conoscenza delle eccellenze gastronomiche, vanto della zona puteolana, è stata dedicata ai prodotti ittici nostrani con un titolo  altamente significativo “Un mare diVino” che, unitamente alla partecipazione della Cooperativa dei Pescatori S. Pietro di Pozzuoli, ha portato tutti ad assaporare un mare di golosità. Dopo i saluti di Francesca Di Criscio, che ha dato, anche a nome dei fratelli il benvenuto agli ospiti, si è passati  a conoscere ed apprezzare l’essenza del prodotto re della serata: il pescato freschissimo del mare di Pozzuoli. A parlarne in merito è stato l’esperto Giustino Catalano e  Antonio Ghiocca, presidente della  Cooperativa dei Pescatori S. Pietro di Pozzuoli, presentati dalla giornalista Laura Gambacorta.
L’intendimento di queste serate è quello di fare riscoprire i prodotti di eccellenza che la Campania possiede come appunto i pesci appena pescati che sono stati l’elemento trainante del menù. Catalano, ha chiamato in causa Antonio Ghiocca. presidente della  Cooperativa dei Pescatori S. Pietro di Pozzuoli delucidando così gli ospiti, o facendo addirittura scoprire, alcune problematiche dei pescatori che con impegno e costanza svolgono il proprio lavoro e che se il loro prodotto non subisse tanti passaggi di mano e con tanti aggravi potrebbero portare tante persone in più a gustare il pesce azzurro, fresco del nostro golfo come  alici, pesce bandiera, sgombro ecc.. Sono però ancora tanti i pesci che fanno parte del pesce azzurro che ultimamente stiamo riscoprendo ed apprezzando sempre più, solo che molto di questo pesce viene dai pescatori ributtato a mare perchè al mercato non troverebbe acquirenti o in qualche fortunata ipotesi dovrebbe essere venduto senza guadagni perchè le spese di una pescata sono tante. Non tutti sanno, ha chiarito Ghiocca, che su una barca  escono per la pesca artigianale tre persone, che aumentano a sei per quella a strascico e a 12 persone per il tipo circuizione che prevede la pesca di tutto il pesce azzurro. Si esce in mare verso le 21, si rientra al mattino  e si percorrono 20/30 miglia per trovare i branchi, poi si accendono le luci e si portano i pesci a superficie d’acqua chiudendoli in reti lunghissime. Questi pesci, che altri che li acquistano per rivenderli a 7/8 € a Kilo, a noi vengono pagati allo stesso prezzo per cassetta di 10 Kg.. Sta di fatto che noi abbiamo un costo di 3.000 euro, per cinque giorni, di solo gasolio per l’uscita di una barca per la circuizione, aggiungiamo che siamo 12 persone sulla barca e che ci sono altre spese come le reti ed altro per vedere che riusciamo a guadagnare appena 40€ al giorno, quando va bene la pesca, con 8/9 ore di impegno lavorativo. Da calcolare che si raggiungono massimo i 10€ a cassa quando c’è il maltempo.
Poi c’è ad esempio il problema che le sarde non hanno prezzo perchè non vengono vendute, eppure la sardina che in Spagna costituisce una prelibatezza e le nostre che sono tanto saporite non riescono a conquistare i palati se non quelli dei veri buongustai, ma con l’incertezza della vendita non vengono proprio acquistate e proposte dalle pescherie. Nel corso dell’intervento Chiocca, sollecitato da Catalano, ha poi chiarito vari trucchi per  sventare le sofisticazioni sul pesce, come il pesce persico che sfilettato viene proposto come filetto di cernia agli sprovveduti acquirenti. La colorazione del pesce che lo rende apparentemente più fresco, facendogli recuperare i punti perduti sulla qualificazione che, come noto, si contraddistingue in: “freschissimo”, “fresco”,  “stantio” e “alterato” poi ci sono i trucchi sul congelato che perde il colore allo scongelamento in breve tempo e viene ravvivato da polverine. Insomma il messaggio è stato quello lanciato con il fritto di paranza che ha tanti pesci ma che oggi costa, in rapporto al pesce di allevamento, tanto da fare preferire quest’ultimo a quello squisito, naturale e freschissimo del mare Mediterraneo. Certamente però, se per poco in più al pesce di allevamento, converrebbe preferire una scelta della fresca e gustosa paranza con il Sauro (in dialetto Sapariello), l’Aringa, la Salpaorata, la Vopa, il Luvero, il Merluzzo e poi gamberetti bianchi, calamari, seppie ed altro fritti. Attenzione però  a chi vuole mangiare il pesce crudo, deve congelarlo per abbatterlo 49 ore e distruggere così il batterio “anisakis” presente nell’attuale stato del mare.
La cena iniziata così con i classici Cuoppi di paranza, gamberetti,alici, e poi con pasta e fagioli con le cozze e pasta con il tonno fresco, seguiti da una granita di limone con gamberetti ha fatto un intero excursus sul pesce per giungere ai dolci del  maestro pasticciere Sal De Riso.
A chiudere un così gustoso momento serale sono giunti i liquori di Andrea Petrone titolare dell’omonima distilleria a Mondragone, che oltre al Limoncello, Nocillo e altri dalle note digestive, presente all’evento ha illustrato le caratteristiche del suo liquore di Mirto presentato per l’occasione in anteprima assoluta.

Giuseppe De Girolamo

domenica
Giu 17,2012

 

(Mimmo Moro)

E’ passato solo qualche giorno che il Sindaco Abbate ha ufficialmente preso posizione contro il gassificatore e già è pronto per dare un’altra importante sferzata per la tutela dell’ambiente. Ieri mattina, insieme al delegato alla polizia municipale dr Domenico Valeriani, si è tenuto un incontro proprio con gli addetti alla polizia municipale. All’ordine del giorno una direttiva precisa e dettagliata nei contenuti, tesa a contrastare ogni fenomeno che può turbare l’equilibrio e la salubrità dei luoghi. Si tratta di un intervento di quelli che non se ne vedevano da tempo, sia per gli effetti riorganizzativi del servizio di polizia locale, sia per i risultati che gli amministratori si prefiggono nell’ambito di un oramai acclarato impegno ad impedire il perpetrarsi di reati ambientali divenuti, per incuria o diseducazione, di frequente attuazione da parte di persone sciagurate il cui comportamento danneggia non solo l’ambiente ma, come la definisce lo stesso Sindaco, la gloriosa immagine dei miei cittadini e del mio territorio. Non da meno Valeriani, che ha promesso un costante controllo sull’operato dei vigili affinché si ottengano i risultati dissuasivi o repressivi che di volta in volta si renderanno necessari. La direttiva del Sindaco, ovviamente indirizzata al responsabile di servizio, impone al medesimo di emanare ordini di servizio che tengano conto, oltre che delle ordinarie incombenze inerenti i compiti istituzionali, anche, e soprattutto, di attività di contrasto dei fenomeni di inquinamento dei suoli e di turbativa dell’ambiente. Prosegue con la prescrizione di istituire, nell’ufficio dei vigili, un giornale su cui annotare quotidianamente il servizio svolto da ognuno e di porre in visione, dettando modi e cadenza, sia gli ordini di servizio che il giornale stesso. Insomma, l’amministrazione fa sul serio e vuole vederci da vicino. Siamo solo agli inizi, ammette il Sindaco, la tutela del nostro territorio e, in particolare, la salute dei bellonesi, per noi è un interesse prioritario. Non ci fermeremo certamente a questo, continua il primo cittadino, non ci fermeremo al gassificatore e al deposito scellerato di immondizie. Col nostro impegno, conclude il dr Abbate, con la collaborazione degli uffici comunali e dei cittadini singoli o associati, ci possiamo permettere di coltivare forti ambizioni per raggiungere importanti traguardi. In verità possiamo dire che qualcosa davvero si muove in quel di Bellona. E’ passato solo un mese dall’insediamento di questa amministrazione, il tempo strettamente necessario per mettere in moto la macchina amministrativa e già sembra respirare un’aria migliore.

sabato
Giu 9,2012

 

ASSOCIAZIONE  RIVIERA DOMITIA

Castel Volturno – Cellole – Mondragone – Sessa Aurunca

VOLONTARIATO – Decreto Regionale della Campania 1/2010C.F. 95009880618

TUTELA e RILANCIO del TERRITORIO

 

Sindaco Dr. Giovanni SCHIAPPA di MONDRAGONE

 Commissario Prefettizio di CASTEL VOLTURNO

 Sindaco Dr. Aldo Izzo di CELLOLE

Sindaco Dr. Luigi TOMMASINO di SESSA AURUNCA

 

UNITI x la NASCITA della  RIVIERA  DOMITIA

 

                                               OMNES PRO UNO – UT UNUM SINT

 

Costituzione Commissione denominata “RIVIERA DOMITIA” di MUTUO SOCCORSO tra i Comuni di:

Castel Volturno – Cellole – Mondragone – Sessa Aurunca

per la difesa e rivalutazione del territorio DOMITIO nel rispetto dei principi di solidarietà reciproca.

 

PROTOCOLLO  D’INTESA tra i COMUNI di:

 

CASTEL VOLTURNO – CELLOLE – MONDRAGONE – SESSA AURUNCA

         

     A Seguito del protocollo d’intesa raggiunto con le istituzione il giorno 15 Aprile 2010 ore 20.00, presso il Comune di Mondragone, coordinate dall’Associazione RIVIERA DOMITIA (SUPERPARTES) regolarmente riconosciuta con Decreto Regionale della Campania del Volontariato N° 1/2010, per definire la costituzione di una Commissione denominata “RIVIERA DOMITIA” di Mutuo Soccorso tra i Comuni di:

 Castel Volturno – Cellole – Mondragone – Sessa Aurunca, a difesa e rivalutazione del territorio Domitio e dei principi di solidarietà reciproca, si è proceduto a formalizzare il seguente protocollo d’intesa:

 

Creazione di una COMMISSIONE istituzionale permanente, denominata “RIVIERA DOMITIAcostituita in MEMORIA di personalità illustre del territorio DOMITIO e che diventeranno  un punto di orgoglio, sia per le istituzioni che per i cittadini che hanno avuto il privilegio di conoscerli direttamente o attraverso le loro professioni o per aver dato esempi indelebili di umiltà umanitaria verso i bisognosi.

 

Per CASTEL VOLTURNO :Angelo SCALZONE (medaglia d’oro olimpiade-Monaco di Baviera);

  “   CELLOLE                    :Lorenzo MONTECUOLLO (illustre politico locale);

  “   MONDRAGONE        :Marcello GRECO (medico  condotto e Ufficiale Sanitario locale);                                          

  “   SESSA AURUNCA    :Franco IANNIELLO (fondatore D.C. giovani Provincia di Caserta).

 

    La COMMISSIONE denominata “RIVIERA DOMITIA”, rappresenterà i quattro Comuni che cureranno la rinascita del territorio, che comprenderà anche il ripristino e la miglioria ambientale attraverso il finanziamento Regionale con l’assegnazione dei fondi dell’Unione Europea inerenti alla “Bandiera Blu”, per la rivalutazione di tutta la RIVIERA DOMITIA.

     Il programma che sarà definito dai Sindaci, Vice Sindaci, Presidenti del Consiglio, Assessori al ramo e allo Sport, Cultura e Turismo ( e di diritto ne faranno parte i consiglieri Provinciali, Regionali, Parlamentari del territorio Domitio e le Associazioni al ramo regolarmente riconosciute).

     Il badget di cui la Commissione RIVIERA DOMITIA  potrà disporre, sarà concordato anno per anno e versato in un capitolo in parte uguali tra i Comuni, ottenendo:

 

 (Spese divise quattro e utili moltiplicato per quattro per ogni Comune).

 

            La Commissione sarà coordinata dall’Associazione RIVIERA DOMITIA

 (SUPERPARTES) e il suo ruolo sarà solo di coordinamento amministrativo e programmatico degli incontri con il benestare dei Sindaci ed Assessori al ramo, che si riuniranno presso il Comune di Mondragone o altra Sede da definire o con l’utilizzo della Sede dell’Associazione RIVIERA DOMITIA (territorio neutro).

   Si programmerà annualmente eventi di interesse turistico, sportivo e culturale, ivi compreso la programmazione di grossi eventi come:

 ( Maratona Internazionale; La Venere Bianca della RIVIERA DOMITIA, una Sagra e Fiera di tre giorni sull’eccellenze del territorio e che coinvolge 8 Comuni; ecc.) inoltre sarà inserito e deliberato a maggioranza dalla COMMISSIONE RIVIERA DOMITIA il seguente programma territoriale:

1)  Quadrangolare di calcio che sarà il punto fermo dell’ aggregazione e della rinascita dei quattro Comuni:

Castel Volturno – Cellole – Mondragone – Sessa Aurunca.

        (Torneo già effettuato con grossi successi sia nell’anno 2009 a Mondragone, che nell’anno 2011 a Cellole e, per l’anno 2012 si giocherà nel Comune di Sessa Aurunca nel mese di Luglio,  come da sorteggio avvenuto l’11 Maggio 2009 nella Sede dell’Associazione Riviera Domitia, garante degli accordi raggiunti tra le parti istituzionali, al fine di raggiungere una aggregazione forte tra i Comuni, con l’intento di unire i giovani e stimolarli a credere ed aiutarci a far risorgere con orgoglio il territorio nella sua vera vocazione turistica).

         Dal torneo si potranno selezionare i migliori  giocatori per formare una squadra da campionato che rappresenterà la RIVIERA DOMITIA e gestita dai quattro Comuni con la possibilità di inserimento in partecipazioni private.

2)   CREAZIONE di UNA BROCHURE che riporta tutte le bellezze più rappresentative del territorio dei quattro Comuni, riportando anche un percorso turistico sulle eccellenze, legato ad una accademia del gusto che coinvolge le agenzie turistiche, albergatori, ristoratori, balneari ecc., con l’utilizzo di una navetta riservata esclusivamente ai turisti e villeggianti, si farà conoscere la nostra storia, la nostra cultura, le nostre tradizioni, i vari siti archeologici e tutti i nostri prodotti locali, che rappresentano le nostre eccellenze, come: il vino Falerno e Aglianico, Olio Biologico, Mozzarella di bufala ed altre primizie della loro filiera agroalimentare.

    Vi ricordo inoltre che Mondragone potrebbe avere anche le TERME, una ricchezza in più per il nostro territorio.

     Si possono coinvolgere anche operatori turistici e commercianti nella partecipazione alle spese da sostenere.

3)   Corsi di formazione professionale

      Per stimolare gli operatori del  settore turistico a migliorarsi, come: (Albergatori, Ristoratori, balneari ecc.),  sarà data la possibilità di essere riportati nella brochure delle ECCELLENZE della RIVIERA DOMITIA, curata e seguita con attenzione dalla Commissione con l’obbligo di rilasciare a corso finito una certificazione di qualificazione.

4)   Istituire un notiziario televisivo della costa RIVIERA DOMITIA,  già portato avanti con grosso successo dal giornalista Alfonso ATTANASIO e denominato “TERRITORIO a CONFRONTO” e registrato all’interno della Sede dell’Associazione.

5)    Istituire una RIVISTAbimestrale del territorio, denominata RIVIERA DOMITIA, (FREE PRESS) con riflessi Regionali inizialmente, per poi renderla Nazionale ed Estera, visto che teniamo circa 5.000 nostri connazionali sparsi per il mondo e che di certo avrebbero piacere di leggere notizie del territorio dove hanno lasciato le proprie radici e i loro affetti.

     In questo modo possiamo portare fuori un immagine positiva del nostro territorio e non solo notizie deleterie che leggiamo tutti i giorni sui giornali.

6)   Programmare una competizione fotografica e culturale tra gli studenti delle scuole medie inferiori con premi da designare: alle più belle foto del passato e di quelle attuali, abbinandole a un compito da sviluppare sulle potenzialità del territorio Domitio. Questa iniziativa porterà i studenti a scoprire i tesori del territorio ed apprezzarli, coinvolgendoli nella partecipazione si sentiranno più utili per il bene sociale e orgogliosi della loro appartenenza territoriale.

7)   Istituire un numero speciale per il pronto intervento collegato direttamente con i vigili urbani e carabinieri  per coinvolgere i cittadini ad essere parte attiva nella salvaguardia del territorio Domitio, che potenzierebbe il servizio delle telecamere dove mancano, una sorveglianza mirata a chi abusa ed inquina il territorio ed il mare, che sono fonte primaria di ricchezza della costa.

8)   Le spese saranno ripartite in parti uguali tra i Comuni, con l’augurio di avere anche eventuali contributi dalla Provincia di Caserta e dalla Regione Campania .

                                                       Il Presidente

                                                 Cav. Dr. Vincenzo BUFFARDI

 

 

DIRETTIVO

Segretario  Generale e Tesoriere: Comm.sta Isidoro PALMA

Segretari:  Informatico  Giuseppe NUGNES  – Imp.re  Attilio PETRELLA

Rag. Raffaele VALENTE – Stud. ssa Volontaria Teresa MANCONE – D.ssa Carmen ROTONDO – Avv. Emilio PAGLIARO .

Vicepresidenti

Mondragone: Prof.ssa  Maria MALASPINA , Impr. ri  Gennaro De MARTINO e Giuseppe MIRAGLIA.

Castel Volturno: Dr. Antonio VERDE

Cellole: Imp.re Pasquale SANGIORGIO 

Sessa Aurunca:  Comm.sta Dr. Marco CALENZO

 

 “AIUTA il tuo TERRITORIO ad ESSERE ORGOGLIOSO di TE”

 

VENERE di SINUESSA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

II° sec. A.C. Rinvenuta sulla costa DOMITIA il 25/01/1911

Statua acefala che personifica:

BELLEZZA e AMORE

 

Sede Legale: Via Fiumara,13-MONDRAGONE-CE-C.F. 95009880618

Sede di Coordinamento: Via F. Barbarossa N° 20 – 81034- MONDRAGONE- CE-

BANCA PROSSIMA- IBAN di RIVIERA DOMITIA:  IT 29L0335901600100000005 577

E-mail: rivieradomitia@alice.it – Cell. 389/4271600

 

martedì
Apr 24,2012

Di Tommaso Crescenzo

Guida turistica Sant’Angelo D’Alife

Palazzo Windish Cre

Prodotti tipici

SANT’ANGELO D’ALIFE. Cultura e territorio sono stati il binomio vincente della settimana della cultura, promossa dal Ministero dei Beni Culturali, nel comune di S.Angelo D’Alife, luogo ideale per gli amanti della natura, dell’arte, dell’archeologia e della genuinità dei prodotti enogastronomici. Un folto gruppo di visitatori casertani giunti nel ridente paesino del Matese per l’occasione ha potuto visitare il Palazzo settecentesco dei Serra di Gerace, ora Windish-Graetz, la Chiesa di S.Maria della Valle che racchiude il capolavoro della Cappella di Sant’Antonio Abate che è stata inserita tr a le “1000 meraviglie italiane” in occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia e il Castello e Borgo fortificato di Rupe Canina posto al confine tra i comuni di S.Angelo d’Alife e Raviscanina. La Settimana della Cultura è stata anche l’occasione propizia per la promozione delle bellezze e dei prodotti del territorio ai tanti turisti arrivati infatti presso i saloni della Scuola Media,  si è tenuto un convegno per presentare la Guida Turistica di Sant’Angelo d’Alife, realizzata grazie ai fondi della Misura 313 del PSR Campania 2007/2013, contenente tutte le informazioni relative al patrimonio storico-artistico ed enogastronomico del paese. Sono Intervenuti alla manifestazione la Dott.ssa Amalia Gioia della Soprintendenza per i beni culturali delle province di Caserta e Benevento e il Dott. Luigi Di Cosmo, professore di Archeologia medievale presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, che da quarant’anni studia e tutela i siti archeologici del posto. Il Sindaco  Crescenzo Di Tommaso, nel suo intervento, si è dichiarato orgoglioso che l’iniziativa promossa dal Ministero dei Beni Culturali abbia coinvolto anche il paese di S.Angelo d’Alife ed ha ringraziato vivamente la Dott.ssa Amalia Gioia per la particolare attenzione rivolta al patrimonio artistico e naturale presente a Sant’Angelo d’Alife. Il Vicesindaco e Assessore all’Agricoltura Michele Caporaso ha evidenziato l’importanza dell’agricoltura e le opportunità offerte dalle misure PSR Campania per lo sviluppo economico del territorio.  La serata per tutti i partecipanti si è conclusa con un ricco buffet a base di prodotti tipici locali accompagnati dall’ottimo vino “pallagrello” e dalla degustazione del rinomato olio d’oliva, strettamente biologico, delle colline santangiolesi.

Pietro Rossi


 

 

 

 

 

 

 


sabato
Apr 21,2012


Crescenzo Di Tommaso

SANT’ANGELO D’ALIFE. La settimana della cultura, promossa dal Ministero dei Beni Culturali, quest’anno coinvolge anche il comune di S.Angelo D’Alife, luogo ideale per gli amanti della natura, dell’arte, dell’archeologia e della genuinità dei prodotti enogastronomici. L’iniziativa, nata per trasmettere l’amore per l’arte e la conoscenza del grande patrimonio italiano custodito anche nei piccoli comuni, giunge quest’anno alla XIV edizione, e il caratteristico borgo matesino ci si inserisce in modo ottimale per i suoi vicoli pittoreschi, i panorami mozzafiato nel cuore del Parco Regionale del Matese e le bellissime residenze del XVIII secolo, oltre al castello normanno, circondato da pinete, che domina il paese e alla suggestiva grotta di S.Michele Arcangelo. Il 21 Aprile sarà inoltre possibile visitare il Palazzo settecentesco dei Serra di Gerace, ora Windish-Graetz, e la Chiesa di S.Maria della Valle che racchiude il capolavoro della Cappella di Sant’Antonio Abate che è stata inserita tra le “1000 meraviglie italiane” in occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia. Alle ore 18.30, presso la Casa del Parco del Matese,  si terrà un convegno per presentare la guida turistica contenente tutte le informazioni relative al patrimonio storico-artistico ed enogastronomico del paese. Interverranno anche la Dott.ssa Amalia Gioia della Soprintendenza per i beni culturali delle province di Caserta e Benevento e il Dott. Luigi Di Cosmo, professore di Archeologia medievale presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, che da quarant’anni studia e tutela i siti archeologici del posto. Il Sindaco Avv.Crescenzo Di Tommaso, orgoglioso che l’iniziativa promossa dal Ministero dei Beni Culturali abbia coinvolto anche il paese di S.Angelo d’Alife, ha ringraziato vivamente la Dott.ssa Amalia Gioia per la particolare attenzione rivolta al patrimonio artistico e naturale presente a Sant’Angelo d’Alife.

mercoledì
Apr 18,2012

 

 

Associazione “RIVIERA DOMITIA

CASTEL VOLTURNO – CELLOLE – MONDRAGONE- SESSA AURUNCA

VOLONTARIATO – Decreto Regionale della Campania N° 1/2010

TUTELA e RILANCIO del TERRITORIO

 

Al PRESIDENTE del CONSIGLIO

On. Prof. Mario MONTI

ROMA

 

Oggetto: Mille Garibaldini hanno fatto l’Italia e altri …. ignobili garibaldini che tentano di distruggerla.

 

Signor Presidente,

      mi rivolgo a Lei quale Presidente del Consiglio di cui siamo ORGOGLIOSI per la sua serietà e onestà e, sono sicuro che anche Lei soffre nel vedere la nostra ITALIA che affonda in un susseguirsi di scandali e sperperi di denaro pubblico, una vergogna per chi crede ancora in alcuni valori che dovrebbero nobilitarci e farci sentire orgogliosi di appartenere a questa Italia.

      Sembrano scandali programmati ad orologeria, non si fa in tempo ad assimilarne uno che già ne sussegue un altro che annulla quello precedente, proiettandolo nel dimenticatoio.

       Come il finanziamento ai partiti, prima con il partito democratico, poi con la lega, poi lo scandalo della Sanità ed altri ne verranno, se ne parla per qualche giorno e poi tutto torna come prima.

       Non sarebbe il caso di eliminare l’ultima trance di luglio sui finanziamenti pubblici, visto che, non vi è un soldo in cassa neanche per questioni importanti (consentendo al massimo sole le spese effettivamente sostenute e ben documentate) e la riduzione degli stipendi e indennità varie, programmando incentivi alle piccole e medie imprese con finanziamenti a tasso zero, per stimolarli alle assunzioni dei giovani e meno giovani che sono in cerca di lavoro, consentendo lo stimolo al consumo ottenendo di riscontro un maggiore introito fiscale di IRPERF e IVA, oltre a dare la speranza di un futuro migliore per tutti?

     Questi politici arricchiti da un sistema apparentemente democratico che sfocia nell’anarchia più totale, dove tutti fanno finta di controllare e nessuno controlla, dove tutti suggeriscono idee e progetti e nessuno ha volontà di attuarli, confortati dai PORTI FRANCHI (le così dette FONDAZIONI di comodo) che spuntano come funghi e a cui nessuno può accedere se non gli addetti ai lavori, mi chiedo: a che serve essere onesto, rispettoso verso i propri simili, quando poi le Istituzioni che mi dovrebbero rappresentare e difendere dalle ingiustizie non esistono?

     Dovrebbero dare il buono esempio, frenando quella corsa agli accumuli di denaro percepiti anche se legalmente dalle cospicue prebende Istituzionali, dalle indennità aggiuntive che percepiscono e che sistematicamente le depositano in banca o le esportano all’estero e di conseguenza paralizzano l’economia e il consumo, cosa che non accadrebbe con le classi inferiori che, per necessità, sarebbero costretti a spenderli.

     Non pensate che riducendo queste immeritate e cospicue indennità, si potrebbe iniziare a mettere un freno al rincaro della vita, evitando aumenti di tasse e fronzoli vari che non fanno altro che aumentare il tenore di vita, bloccando il consumo?

    Sono stato spinto a scrivere questa lettera dal mio ruolo di Presidente di un’ associazione di volontariato e quindi a contatto diretto con la povera gente che cerca aiuto e, sentendomi impotente nel non poterlo fare, soffro per loro e mi arrabbio verso quelli che potrebbero dare  qualcosa e non lo fanno.    

      Non pensate che noi cittadini abbiamo il diritto di sentirci offesi per essere considerati esseri umani inutili e incapaci di reagire anche di fronte all’indifferenza totale dei suicidi giornalieri che si verificano, legati alla crisi economica in atto?

   Nella nostra storia, tanti giovani hanno dato la vita per la PATRIA e ora si stanno rivoltando nella tomba, nel vedere (dall’altro mondo) la distruzione di ciò che hanno costruito, iniziando dai Mille Garibaldini che hanno fatto l’Italia e ora altri …. ignobili  garibaldini tentano di distruggerla.

     La ringrazio per aver trovato il tempo per poter leggere questa lettera e sono sicuro che non resterà impassibile visto la sua sensibilità, umanità e onestà di uomo al di sopra delle parti.

      Le invio cordiali e rispettosi saluti.

 

Mondragone lì, 17 Aprile 2012

                                                                                                                 Il Presidente Vincenzo BUFFARDI

 

 

 

Volete valorizzare la RIVIERA DOMITIA della Provincia di Caserta, donate il  5 x mille all’ ASSOCIAZIONE, riportando nella dichiarazione dei redditi il  C.F. 95009880618.

Un GRAZIE affettuoso dal Presidente Vincenzo Buffardi


Sede Legale: Via Fiumara,13- MONDRAGONE-CE- C.F. 95009880618

Sede di Coordinamento: Via F. Barbarossa, 20 – MONDRAGONE – CE-

BANCA PROSSIMA- IBAN di RIVIERA DOMITIA:  IT 29L0335901600100000005 577

E-mail: rivieradomitia@alice.it – Cell. 389/4271600

venerdì
Apr 13,2012

 

 COMUNICATO STAMPA

Eleonora Daniele: ‘Caserta è una meraviglia’

Domenica 15 aprile alle ore 12.20 la puntata-evento

su Rai 1

 

Con Caserta termina il viaggio di Linea Verde, il programma di Rai1 condotto da Eleonora Daniele e Fabrizio Gatta, in alcune città d’Italia per approfondire il rapporto tra le metropoli e le aree verdi. L’ultima tappa andrà in onda domenica 15 aprile alle 12:20.  Nel corso della puntata i due conduttori visiteranno le aree agricole intorno alla città per raccontare di un comparto agricolo che cerca di resistere all’inarrestabile avanzata della cementificazione. La puntata-evento è stata presentata questa mattina nella sala consiliare della Camera di Commercio nel corso di una affollata conferenza stampa. ‘Caserta ha origini nobilissime – spiega Tommaso De Simone, Presidente dell’Ente camerale – e la nostra provincia “esplode” di sapori e colori. Linea Verde metterà in mostra le positività di questo territorio’. Sotto i riflettori della troupe di Rai 1 anche la mozzarella di bufala campana DOP e l’importanza che il settore rappresenta per l’economia locale: nel 2011 sono state prodotte circa 37.500 tonnellate di Mozzarella di Bufala Campana Dop, di cui il 25%  è stato esportato. Un fatturato di circa 500 milioni di euro dove la provincia di Caserta insieme a quella di Salerno rappresentano circa il 90% della produzione certificata nell’intera area DOP. Nel territorio casertano spicca anche il cavolo rapa, ortaggio poco conosciuto in Italia, che finisce per il 98% sulle tavole della Germania e del Nord Europa.  ‘Il 38% del turismo italiano – fa notare al riguardo Pasquale Russo, presidente di S.IN.T.E.S.I. (l’Azienda Speciale della Camera di Commercio) – è alimentato proprio dall’enogastronomia. Con questo programma riusciremo senz’altro a intercettarne una bella fetta. La nostra mission è infatti quella di fornire  sempre nuove opportunità di rilancio per tutta la provincia che finalmente apparirà agli occhi del mondo per quello che realmente è: una grande realtà produttiva. Un primo risultato con questa puntata di Linea Verde lo abbiamo già ottenuto: l’entusiasmo di una testimonial importante e autorevole come Eleonora Daniele (la conduttrice del format di Rai 1) che ha sperimentato con mano le eccellenze di questo territorio, le competenze professionali degli operatori del settore e la grande ospitalità che ci contraddistingue’. ‘Quello di Caserta – gli fa eco Eleonora Daniele – è un esempio di produttività per tutta l’Italia. Quella che andrà in onda domenica è forse una delle più affascinanti puntate di Linea Verde. Trovo che questa terra sia meravigliosa’. ‘Linea Verde – spiega Carlo Raspollini capo autore – è uno dei programmi più apprezzati del panorama televisivo italiano: i “nostri” 4 milioni di telespettatori equivalgono ad una prima serata di successo. Proviamo a dare visibilità e valore alle eccellenze italiane. Non facciamo inchieste, raccontiamo il bello rivolgendoci ad un pubblico di famiglie’. Nel corso della puntata sarà possibile, grazie al prezioso contributo dell’Aeronautica militare, ammirare dall’alto molti luoghi simbolo della provincia di Caserta.  Alla conferenza stampa di questa mattina anche il presidente della Provincia, Domenico Zinzi, il comandante del IX Stormo dell’Aeronautica Militare, colonnello Marino Francavilla, il direttore del Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop, Antonio Lucisano, i rappresentanti di Ascom e Confesercenti e tutti gli operatori del settore e delle aziende agricole e vitivinicole che hanno partecipato al format.

 

 

Per informazioni e contatti

Daniela Volpecina

339/3167253

danielavolpecina@libero.it

sabato
Mar 24,2012

Caiazzo lapide romana

Palazzo Mazziotti

Conciato romano di Caiazzo

Oliva Caiazzana

 

 

di Daniele Palazzo
Molto ben curata ed articolata la guida che i curatori del nuovo portale internet di viaggi, turismo e tempo libero “Viatoribus”(apparso in rete poco più di due mesi or sono, è un portale dedicato a chi vive il territorio per viaggio o per piacere, incentrato sulla selezione delle realtà più interessanti con cui entrare in contatto: luoghi e persone, artigianato e produzioni tipiche. L’obiettivo è la promozione del territorio attraverso l’informazione, la condivisione delle esperienze tra i viaggiatori e l’opportunità di acquistare online in modo divertente e conveniente viaggi, prodotti e servizi) hanno dedicato alla città di Caiazzo e al magico richiamo che esercitano sulle masse turistiche le rinomate ed ambite attrattive del suo territorio. Parliamo di una iniziativa che è motivo di grande soddisfazione e sano orgoglio per l’intera popolazione caiatina e questo anche a motivo del fatto che l’importante ed operoso centro dell’Alto Casertano è l’unico, per la provincia di Caserta ad aver richiamato le attenzioni dei massimi responsabili di “Viatoribus”. Una parte molto importante e gettonata della Guida in parola è rivestita dai richiami culinari e, nella fattispecie, dalla famosissima oliva caiazzana, dall’altrettanto noto ed ambito formaggio che va sotto il nome di Conciato Romano, dalla sapidità e dalla fragranza dell’apprezzatissimo vino zonale e, non ultimo, dalla vera regina delle tavole comprensoriali, vale a dire la mozzarella di bufala doc, che, prodotta in massima parte nel vicino territorio della Piana dei Mazzoni, può contare su una piccola ma fiorente catena industrie casearie di nome anche in ambito del Comune di Caiazzo.  Riflettori puntati anche sulle bellezze paesaggistiche di un’area geografica, quella caiatina, appunto,  che non è davvero seconda a nessun altra, e sul patrimonio di arte e storia racchiuso nel nucleo antico della città. A cominciare dal fascino e dalla suggestione che offrono al viandante l’impianto medioevale del  centro storico cittadino, in cui spicca, per bellezza conservativa e qualità architettoniche di notevole rilevanza, il  notissimo Palazzo Mazziotti e tante altre belle strutture monumentali(la sacralità della Cattedrale e del palazzo vescovile, il fascino misterioso del castello e delle imponenti mura megalitiche dell’antica Caiatia, le splendide fattezze barocche di Palazzo Santoro in primo luogo) del passato di un  centro che davvero trasuda storia e vita da ogni pietra. Premiata soprattutto l’offerta turistica locale che, fondando su una catena ben organizzata di posti in cui mangiare bene, dormire meglio e divertirsi secondo i canoni più moderni e pieni del termine, si avvia verso il raggiungimento di quegli standard d’eccellenza che ne fanno un modello da imitare e prendere a modello in ogni dove.

venerdì
Mar 23,2012

Monte Sant’Angelo

 

di Daniele Palazzo


Nell’ambito del Piano di Valorizzazione del territorio per il triennio 2010-2013, progettato ed eseguito, in splendida sinergia di collaborazione con la Pro Loco dello storicamente importante centro dell’Alto Casertano, dai Volontari dell’ Associazione ‘MtB & Trakking Volturno’, di Vairano Patenora, stanno per terminare i lavori di sistemazione e recupero funzionale del sentiero di Monte Sant’Angelo che permette di raggiungere la grande Croce in ferro situata in località Pizzo la Guardia e l’importante sito archeologico situato nei pressi della cima dello stesso complesso montano. Al completamento dell’opera, intrapresa nel 2010, mancano appena 500 metri, che si spera di poter evadere con la seduta di lavori preventivata per sabato prossimo, 24 marzo. Per tutto, il tempo, un nutrito gruppo di volontari delle due  Associazioni chiamate in causa si sono dati molto da fare per restituire alla sua piena funzionalità e, quindi, alla fruibilità della gente l’unica via che consente di raggiungere il cuore di uno dei siti montani più belli, ricordevoli e caratteristici della parte alta del comprensorio di Terra di Lavoro. Posto che il coordinamento degli interventi da compiersi è affidato a Nicola Fera(‘MtB & Trekking Volturno’) e Arturo Marseglia(Pro Loco Vairano Patenora), il raduno per l’ultima tranche di lavori del mese di marzo è fissato per le ore 14.00 presso l’abitazione di Fera. Per qualsiasi tipo di in formazione e per essere messi a corrente dell’attrezzatura utile all’esecuzione delle operazioni lavorative in programma, si può far capo al numero di telefonia mobile 3337401449, al quale risponde lo stesso Nicola Fera. Il gruppo di lavoro che si formerà sarà impegnato fin alle ore 17.30.

 

sabato
Mar 17,2012

 Associazione “RIVIERA DOMITIA”

Decreto Regionale del Volontariato N° 1/2010

TUTELA e RILANCIO del TERRITORIO

 

COMUNICA STAMPA

 

       Il Presidente Vincenzo BUFFARDI dell’Associazione RIVIERA DOMITIA, presso il

 Comune di Castel Volturno, alla presenza di Sua Eccellenza Dr. Valter CRUDO  “Commissario Prefettizio” e di autorità: Pres. Arch. Alessandro CIAMBRONE, Pres. Dr. Alessio USAI, Dr. Sergio PAGNOZZI, Dr. Antonio VERDE, Comm.sta Isidoro PALMA, Impr.re Gennaro De MARTINO ed altri, è stata conferita alla Prof.ssa Jolanda CAPRIGLIONE la nomina di merito a SOCIO ONORARIO dell’Associazione RIVIERA DOMITIA.

    Il Presidente BUFFARDI con ORGOGLIO ha esclamato: si aggiunge un altro petalo al corollario onorifico dell’ Associazione.  

                                                                                      Il Presidente

                                                                                      Cav. Dr. Vincenzo BUFFARDI

Categories